<<Luca, è quasi ora di pranzo, finiscila con quella roba>>.
<<Termino il tour e arrivo>>.
<<Dove sei andato a finire questa volta? Spero che non ti sia ficcato dentro a uno di quegli stupidi giochi>>.
<<Sono al Louvre>>.
<<Al Louvre? Da quando ti interessa l'arte?>>.

Non era proprio l'arte ciò che stava catturando l'attenzione del sedicenne, quanto piuttosto una giovane ragazza che si aggirava per le stanze del museo. Ciò che lo aveva colpito maggiormente di lei era stato il colore fuxia dei capelli e la frangia sbarazzina che metteva in risalto un paio di occhi azzurrissimi. Nel guardarla, Luca aveva provato qualcosa di strano, una sensazione nuova dentro allo stomaco. Si avvicinò lentamente a quella figura. <<Ciao>>, tentò un timido approccio. <<Anche tu in tour?>>.
Lei si volse nella sua direzione e sorrise senza dir nulla.
<<Mi chiamo Luca>>. Le tese la mano.

<<Cloe>>.    
<<E stai attento con quelle mani, accidenti a te!>>, sbraitò la madre. <<Mi hai fatto rovesciare l'acqua>>.           
<<Che ci fai qui a Parigi?>>.       
<<Ricerca scolastica. Il mio prof di Arte ci ha detto di farci un giro per musei. Dobbiamo stendere una relazione sull'amore attraverso le rappresentazioni del passato e scegliere la nostra preferita>>.
<<Luca, ora togliti quell'affare dalla testa e siediti a tavola, che è pronto>>.          
<<Solo un attimo, mamma>>. Non voleva lasciare già Cloe. Quella ragazza stava suscitando in lui delle sensazioni strane ma piacevoli: si sentiva calamitato da lei, avvertiva il cuore battere più veloce, il respiro farsi più corto e un leggero formicolio ai due moncherini che pendevano inanimi dalla sedia a rotelle.


Da quando la VR era entrata a far parte della realtà quotidiana, il genere umano aveva subito una graduale trasformazione. La vita era cambiata velocemente, non c'era più bisogno di uscire di casa, tutte le attività venivano svolte comodamente seduti in poltrona, grazie a strumenti in grado di far vivere nella Realtà Virtuale qualunque situazione. Non c'era bisogno di recarsi al supermercato né di andare in banca, si faceva tutto online, le lezioni si seguivano nel web, non si viaggiava più, ogni cosa avveniva restando fermi sul posto. Bastava indossare Oculus per essere proiettati in qualunque parte del mondo, persino nello spazio. Le gambe erano diventate arti inutili e col tempo si erano atrofizzate, le dita delle mani, invece, si erano irrobustite e allungate, a forza di battere sui tasti del pc, il cervello era cresciuto a dismisura, per contenere una quantità di dati indefinita. Gli unici spostamenti avvenivano in casa: dalla cucina alla camera al bagno, poiché negli uomini non erano cessati i bisogni fondamentali. Erano venuti meno i rapporti sociali, non ci si incontrava più e l'assenza dei sentimenti era la normalità. Le persone si accoppiavano per evitare l'estinzione. Ma l'amore nessuno sapeva più che cosa fosse. Tutti agivano come robot programmati da un cervello elettronico.
<<Ora basta!>>. La mamma di Luca sfilò Oculus dalla testa del figlio con gesto repentino, interrompendo il contatto con Cloe.
<<Mamma, che cosa hai fatto?>>.
<<Si raffredda il pranzo. Puoi continuare il tuo tour dopo. E poi lo sai che papà esige che si mangi tutti insieme>>.

Le vivande scorrevano sul nastro, facendo il giro del tavolo.          
<<Allora, ragazzo, ho sentito che eri al Louvre poco fa. Hai visto qualcosa che ti è piaciuto?>>, domandò il padre.
Oh, certo che lo aveva visto. Aveva visto la cosa più bella del mondo.
<<Tu ci sei mai stato?>>. Luca addentò distrattamente una coscia di pollo.
<<Sì, certo, diverse volte>>.
<<E' vero che esistono opere sull'amore?>>.
Il padre scoccò un'occhiata curiosa al figlio. <<Sull'amore?>>, domandò. <<E che cos'è? Dove hai sentito questa parola?>>.
<<C'era una ragazza al museo. Mi ha detto che era lì per fare una ricerca sull'amore attraverso le rappresentazioni del passato. Gliel'ha data come compito il suo professore di Arte. Ma che cosa sarebbe esattamente?>>.
<<E io che ne so? Chiedilo al suo professore>>.
<<Mamma, tu lo sai?>>.
<<Oh, Luca, che strane domande fai oggi?>>.                       

La prima cosa che il ragazzo fece, terminato di mangiare, fu quella di svolgere una ricerca in Internet sul significato della parola amore. Lesse: L'amore è un forte sentimento che si esprime in forma di attrazione interpersonale.
Si fermò a riflettere un istante sul termine attrazione. Era ciò che aveva provato per Cloe. Un'attrazione interpersonale. Era quello l'amore? Quella specie di mal di stomaco, di palpitazione, di tremore ai moncherini? Doveva scoprirlo subito. Indossò Oculus e tornò al Louvre, nella speranza di incontrare la ragazza dai capelli fuxia. La vide in contemplazione di una scultura.
<<Sei tornato! Ti aspettavo>>. Gli occhi di lei avevano una luce che Luca non aveva mai visto prima.  <<Ho trovato la mia opera preferita>>.
<<Che cos'è?>>.
<<Questa>>, la indicò. <<Amore e Psiche, di Antonio Canova>>.
Il gruppo scultoreo rappresentava Amore e Psiche guardarsi, pronti a scambiarsi un bacio.  
Luca provò forte l'impulso di avvicinarsi a Cloe, prenderla tra le braccia, come le due figure nella scultura, e baciarla sulle labbra. Era un impulso dirompente, tanto che il cuore gli sembrò esplodergli nel petto. Se quello era l'amore, era la cosa più bella che avesse mai provato. Ma ora non gli bastava più immaginare: desiderava fortemente toccarla. Allungò una mano verso di lei.

 

<<Comandante, venga a vedere>>. Erixia stava osservando la scena attraverso il monitor all'interno della navicella spaziale.   
Xetron si avvicinò. <<Non impareranno mai>>. Il comandante scosse la testa, facendo ondeggiare le verdi antenne e premette il pulsante rosso: l'ologramma di Cloe si spense.
Centinaia di anni prima, una devastante guerra aveva distrutto i quattro quinti del genere umano. I sopravvissuti erano stati sottoposti a un trattamento che aveva annullato ogni forma di sentimento. Odio e amore, l'eterna lotta. Ma ora… Gli uomini sarebbero presto tornati  a costituire una minaccia per tutto l'universo.    
Erixia osservò il comandante con aria rassegnata. <<E' stato tutto inutile>>.

1
1
4

VOYAGE  EXTRAORDINAIRE

20 October 2018

-Il razzo biposto ci lancerà nello spazio- disse Baker a Mac Jeanne. -Si, ma per fare cosa?- ribatté l'amico. -Ma come, è tanto che aspettiamo l'occasione per fare qualcosa di divertente e tu protesti?- -No, mi va anche bene, ma diamoci un obiettivo, ti pare?- -Guarda, è tutto predisposto. Il razzo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
6

ISABEL

20 October 2018

Ennesima sigaretta e con questa sono quaranta esatte oggi. Un goccio di rhum buttato giù di fretta, quasi fosse un atto dovuto. La stanza è quasi vuota. Pochi elementi d’arredo. Un divano, due poltrone, una tavolino quasi interamente ricoperto di cenere e cianfrusaglia. Il comò con i ricordi dei [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

0
0
3

Piccolo grande uomo

Sguardo interiore

20 October 2018

Beato è colui che gode della vita anche in solitudine. Chi trova la pace interiore non teme alcun ronzio che talvolta sorge dall'egocentrico io. Lui non fugge più dal Mondo interiore: Si! Perché oggi è dotato di pura visione, tale da ammirare ogni colore donatoci dalla natura in ogni suo magico [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
11

Senza ali

19 October 2018

Libra lontano, danza se puoi tutto d'un fiato. Lontana è la sera e la notte non fa più paura. Senti il fresco tra le dita e l'azzurro tra i tuoi occhi. Pigro vaga un'ultima volta il tuo pensiero e poi, finalmente vola... vola. Ogni momento al suo posto, ogni respiro è finalmente respiro.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Volare... senza ali!
    Piccola ma intensa poesia che incita a spiccare il [...]

  • Anto61: Certamente leggerò il tuo testo e grazie.
    Questa breve e piccola [...]

9
9
25

L'Impavido

19 October 2018

Joseph, dopo aver attraversato un impervio sentiero, giunse dinnanzi ad una fitta boscaglia. «Amico mio, mi dispiace ma devo proseguire da solo!» disse a Enrique, il suo cavallo bianco compagno di mille avventure, e lo legò ad un ceppo. «Tornerò a prenderti!» Il principe guerriero accarezzò l'animale [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

7
8
31

Un'amica

19 October 2018

Chi è un'amica? A volte me lo chiedo. Non riesco a definirlo bene. Le definizioni sono come delle scatole, non mi piace racchiuderci dentro persone o sentimenti. I contorni dei rapporti sono sfumati e non sempre classificabili. Però, troppe volte in passato ho sofferto per atteggiamenti "strani". [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
10
28

La rivoluzione di Ottobre

Chi ha paura di Halloween?

18 October 2018

Era un pò di tempo che alla struttura c'era un aria di ribellione, le sedie a rotelle facevano sù e giù in continuazione, il personale coatto scoattava come al loro solito e pensavano ai casi loro senza accorgersi di nulla e loro, loro quelli delle sedie a rotelle, la sapevano lunga, degenti ma [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Principe dei desideri: Complimenti Walter, dopo tanti brani puramente horror fa molto piacere vedere [...]

  • Walter Fest: Ti ringrazio, Principe con la P maiuscola, ti confesso, vi confesso che inizialmente [...]

5
2
15

Emozioni

18 October 2018

Miele aveva una voce così bella, che ogni volta che cantava vibravano le anime degli ascoltatori. La sua capacità interpretativa di una canzone le permetteva di trasformarla in un canto interiore, che scaturiva dalle sue emozioni. Sì, perché per emozionare, bisogna emozionarsi prima di tutti. È [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Bibbi: Condivido il tuo pensiero è vero L arte ci fa emozionare 👍🏻

  • Giuseppe Scilipoti: Con "arte" hai pubblicato un componimento dove si esaltano emozioni [...]

1
1
10

TEATRO UMBERTO

18 October 2018

Amori e canzoni sulle tavole di un palcoscenico. Napoli, fine anni Cinquanta. Don Franco, proprietario del Teatro Umberto, sala per riviste musicali e comiche dagli anni Venti, racconta in flash-back la storia dei successi artistici e degli amori avvicendatisi sul palcoscenico del teatro. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
10
49

La notte di Halloween

Halloween chi ha paura?

17 October 2018

Viveva in quella casa da tempo, era isolata ma le era congeniale, a contatto con la natura... ne aveva bisogno, la ricaricava. Dopo una vita dissoluta tra feste, alcool, droghe e uomini che andavano e venivano aveva bisogno di fermarsi e pensare a lei. Il suo obbiettivo era stare bene . Così quella [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Bibbi: Grazie a tutti dei commenti in effetti è un pezzo molto lungo
    In [...]

  • Surya: Bravissima Bibbi! Mi è piaciuto veramente un sacco, storia, ambiente [...]

3
2
15

"L'ultima molecola temeraria"

17 October 2018

L'ultima molecola temeraria È quella che trattiene disperatamente la goccia alla foglia È il ricordo tenace È l'ultima stretta di mano dal finestrino di un treno È colei che rallenta la corsa della piccola lacrima In viaggio dal tuo sguardo verde-nocciola al vuoto Del prossimo istante

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Acerbus, ti ringrazio di averci illuminato con i tuoi versi permettendoci [...]

  • Ilaria: Complimenti!!! Accostamenti perfetti che rendono la tua poesia un quadro emozionante.... [...]

5
3
19

Non basta un po’ d’acqua

Per lavare via il sangue

16 October 2018

Dopo aver scritto su un social un post dedicato alla tragica fine di Stefano Cucchi (“Non so chi potrà mai lavare dall’Italia l’ONta dell’assassinio di STefano Cucchi”), avvenuta ad opera di chi avrebbe dovuto proteggerlo, da melomane acclarato quale io sono, ho voluto scrivere, dedicandolo a [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su