Quante volte ho collezionato soddisfazioni indimenticabili dove rievocandole assieme ai ricordi mi appagano e nel contempo, danno equilibrio a questa mia vita sicuramente piena di amarezze?

In tutta sincerità non così tante, però ci sono state, per cui attraverso queste righe desidero narrare una delle soddisfazioni più grandi mai ricevute.

Cominciamo dall'inizio.

Era l'inverno del 2005, da quattro mesi prestavo servizio militare in qualità di fante dell'esercito in una caserma di Messina, il mestiere che sognavo fin da bambino, sebbene non ancora permanente ma bensì in ferma annuale (VFA) per poi passare nell'estate dello stesso anno in ferma prefissata (VFP1).

In quel periodo assieme ad altri moltissimi commilitoni fummo coinvolti in ambito "Operazione Domino" una operazione di sostegno alla pubblica sicurezza che consisteva nell'utilizzo del personale delle forze armate italiane nel contrasto alla criminalità.

Inoltre dopo gli attentati di Nassiriya nel 2003 si poneva anche il rischio terrorismo, di conseguenza i livelli di allerta erano a dir poco alti, ragion per cui la dislocazione avvenne in quattro diverse località.

Chi andò a presidiare la Raffineria di Milazzo, chi l'aeroporto di Reggio di Calabria, chi invece l'aeroporto Fontanarossa di Catania ed infine chi la base aerea militare italiana/americana di Sigonella situata sempre nel catanese, considerata con molta probabilità il punto più sensibile.

Il sottoscritto venne designato in quest'ultimo sito.

Inizialmente stavo quasi per lamentarmi con i miei superiori in quanto avrei voluto prestare servizio a Milazzo, (la mia città natale si trova a soli 8 km) ma alla fine decisi di lasciare perdere.

Diciamo che quasi tutti gli altri miei colleghi, in virtù di raccomandazioni, andarono smistati nelle località  designate praticamente sotto casa, alloggiando così in comodi hotel mentre le nostre squadre furono ospitate dalla caserma del 41° Stormo di Sigonella, dovendoci purtroppo adeguare a delle stanzaccie dai muri scrostati, armadietti che puzzavano di ruggine e dai letti particolarmente putridi.

Impossibile descrivere l'indecenza dei bagni, innanzitutto molte docce erano guaste e c'era per giunta il rischio di prendere funghi di ogni tipo e di ogni specie.

Desideroso di fare carriera, mi sentii in dovere di pensare che determinati calici amari andavano bevuti fino in fondo, in compenso la mensa risultava decente, addirittura meglio di quella di Messina.

La caserma dell'Aeronautica era un via vai non solo di personale connazionale, difatti si poteva accedere in entrambe le basi cioè la parte italiana e quella americana, (grossomodo attaccate) con l'unica raccomandazione di non acquistare cibo, accessori o articoli nei negozi U.S.A.

A tal proposito non si veniva puniti, però i commercianti o chi gestiva gli spacci statunitensi, secondo un loro regolamento, non potevano vendere nulla ai militi italiani, tranne se non si disponeva di conoscenze, se non si era ufficiali oppure sottoufficiali.

Il perché di questo divieto?

In primis si pagava in dollari americani (problema che si poteva benissimo risolvere grazie ai numerosi bancomat dislocati in vari edifici), i prezzi di ogni genere di prodotto risultando piuttosto bassi, (ad esempio le sigarette, radio, cellulari etc.), c'è da dire che in precedenza molti furbacchioni acquistavano a Sigonella per rivendere il doppio se non il triplo all'esterno della caserma.

Un sistema non legale che in base ad una ordinanza di alti ranghi fu ostacolato solo parzialmente, per via degli stessi americani, senz'altro i primi a guadagnarci attraverso i loro numerosi traffici.

Il 41° Stormo di Sigonella a differenza del Naval Air Station Sigonella disponeva di un solo spaccio, ahimè poco fornito.

C'erano delle bibite, dei sacchetti di patatine, dei gelati confezionati e per nostra fortuna facevano anche le pizze, peccato che erano surgelate.

A colazione, la scelta sorprendentemente appariva più variegata con bacheche di dolci e pezzi di tavola calda.

Mi stupii molto del fatto che di mattina nello spaccio italiano c'era un certo affollamento, con tantissimi soldati statunitensi presenti.

Difatti, mi domandai più di una volta di come mai gli yankee pur avendo ogni ben di Dio nella loro base, preferivano venire a fare colazione proprio lì.

Lo chiesi ad un graduato americano di nome Joe con cui strinsi amicizia, un ragazzotto biondo piuttosto alto proveniente da Fort Lauderdale, Florida.

«Perché voi avete cornetto, capucinno e caffè italiano!» mi rispose.

Ritenevo Joe un tipo simpatico, ogni qualvolta parlava in inglese mi faceva ridere perché quasi sempre finiva le frasi con un "minchia!"

 

Ad ogni modo già al nostro arrivo, furono diramati i turni da otto ore in quattro gruppi da tre soldati, per la precisione dovevamo effettuare tre mattine, tre pomeriggi, e tre notti.

Al termine di questi nove turni ci venivano concessi tre giorni liberi che potevano essere spesi per tornare a casa o per andare in libera uscita.

Non tornai neanche una volta nella mia città, mi era scomodissimo scendere con l'autobus a Catania, andare alla stazione, e prendere due treni per arrivare a Barcellona Pozzo Di Gotto, per non parlare di quanto fosse stato problematico il ritorno a Sigonella. Altro calice amaro, fortuna che il servizio durò all'incirca due mesi.

Dato che non avevo ancora conseguito la patente B, non potevo di certo guidare il VM 90, una sorta di autocarro leggero, mi fu così assegnato il ruolo di capo macchina ed avevo la responsabilità di prestare attenzione non solo alla guida del mio commilitone ma anche di segnalare movimenti sospetti durante il percorso.

Nella parte posteriore del mezzo, un altro collega si occupava invece delle retrovie.

Il nostro equipaggiamento era composto da:

cinturone con torcia, due caricatori di riserva, un giubbotto antiproiettile ingombrante nonché scomodo, uno zaino tattico, un elmetto (che non usammo mai dal momento che avevamo sempre il basco in testa), e infine l'arma individuale assegnata, un Ar 70/90.

Per abituarmi non fu assolutamente facile per via dei turni abbastanza monotoni, per non dire tediosi, avevamo il capo muta e i nostri comandanti con il fiato sul collo che venivano a sorpresa a controllare il nostro operato.

Guai se ci trovavano sbragati, non rasati, con gli anfibi sporchi, il fucile con la cinta non slacciata e guai serissimi se ci pescavano a dormire imboscati in qualche posto.

Il servizio avveniva sia con il mezzo in movimento tra i vari checkpoint e sia stando appiedati per qualche ora con l'arma a tracolla all'esterno di Sigonella ai lati del VM.

Essendo inverno, pur avendo un pesante maglione sotto la divisa, io e i miei colleghi patimmo un freddo terribile, specie durante il turno notturno.

Alcuni presero febbroni da cavallo, chi un bel raffreddore e chi una bella broncopolmonite, io fortunatamente, a parte alcuni forti di mal di testa dopo i turni di guardia, non mi ammalai nemmeno una volta.

1
3
8

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Walter Fest: Giuseppe buongiorno a te e a tutti i nostri affezionati lettori di letturedametropolitana, [...]

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

2
3
6

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
5
13

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
9

C è sempre vento

06 December 2019

C'è sempre vento quando il cuore è triste, quando l'oblio del giorno ha tracciato il confine e le speranze si ritrovano per vedere se ne manca qualcuna, mentre le strade deserte restituiscono i rumori che le hanno attraversate per sentirsi vive nelle notti di pioggia. C'è sempre vento quando con [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
14
61

NATALE AL LOUVRE CON IL MISTERO DELLA DONNA CON GLI OCCHIALI ROSSI

Natale in giallo

06 December 2019

Mancavano poche ore al Natale e al museo del Louvre c'era il solito casino di visitatori, una massa multicolore di anime alla ricerca dello spettacolo dell’arte. Questi turisti a momenti troppo rumorosi e sobillatori invece in altri fin troppo silenziosi perché logicamente rispettosi, riguardosi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Walter, rileggere questo racconto, a distanza di un anno... mi ispira per una [...]

  • Walter Fest: Ferruccio, graziemille per il tuo commento ed è un doppio ringraziamento [...]

17
21
72

La scomparsa di Scilyx

Storie pazze a Rivarolo

05 December 2019

Dedicato a tutti agli amici del gruppo investigautori di Letture da Metropolitana. «Ma dove minchia è finito Giuseppe?» si interroga Lorena assieme a gli altri investigautori con fare preoccupato all'esterno dell’Hotel Rivarolo. «Possibile mai che ne ritroviamo uno e ne perdiamo subito un [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Rara avis: Così abbronzato pensavo che eri andato al Papeete a farti un moiyto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter: carissimo amico mio, ho deciso di pubblicare questo racconto in Riedizione [...]

1
0
11

La vita parallela

05 December 2019

A raccontare la vita si rischia di costruirne una fantastica, dove tutto va bene, tutto procede secondo un canovaccio preorganizzato, secondo un testo definito. Si continua a costruire un'esistenza dove le nuvole del cielo sono i sogni, dove i pesci volano e gli uccelli esplorano gli abissi. Le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su