Eugenio <<Questo è il testamento del nonno e dice che mi nomina erede universale. Sono ricco>>

Luigina <<Finge di leggere ma so che sta pensando a me. Lo vedo da come sorride, faro finta di niente, non voglio dargli confidenza>>

Eugenio <<Finalmente potrò sposare la mia Annabella. Siamo fidanzati da così tanto tempo e non vediamo l'ora di vivere insieme.>>

Luigina <<Devo vedere quei documenti cosa dicono. Lui è così timido, non vuole farsi avanti, sono sicura che stasera alla festa aziendale si dichiarerà>>

Eugenio << Stasera le chiederò di diventare mia moglie. Ora le mando delle rose rosse>>

Luigina <<Ha ordinato delle rose rosse per quella sciacquetta di Bella, ma lo fa solo per ingelosirmi>>

Eugenio << Devo uscire dall'ufficio senza che questa cozza di Luigina mi si appiccichi addosso. Vado al solito bar per il solito panino anche se oggi è una giornata speciale>>

Luigina <<Sta per uscire, va al solito bar e io lo seguirò. E' l'unico bar della zona. Lui si siederà ad un tavolo di fronte a me per guardarmi meglio e io fingerò di non vederlo>>

 

Nel locale c'è la solita confusione di sempre. Anche se hanno solo un'ora per il pranzo è lo stesso un momento di aggregazione. Tutti parlano e tutti ridono. Entra Luigina, un metro e cinquanta scarsi, gambette storte ad arco, capelli neri e occhiali fondo di bicchiere, Gonna nera e camicetta bianca. Nessuno la nota e va a sedere nell'unico tavolo libero dietro la tenda della finestra. Improvvisamente tutto tace. Tutti si voltano a guardare la nuova arrivata. Gli uomini con l'espressione fantozziana e le donne con lo sguardo omicida. Lei è Annabella, sul metro e settantacinque, fisico da modella, gambe chilometriche fasciate dai leggins lucidi in lycra. Occhi viola e capelli ondulati e biondi lunghi fino alla vita. Passa fra i tavoli come una regina sorridendo a tutti e salutando tutti fino alla postazione di Eugenio. Si salutano con un bacio sulla guancia e gli uomini vorrebbero strozzarlo. La salutano tutti perché è la segretaria privata del mega direttore galattico ed è meglio tenersela buona.

 

Luigina <<Eccola, è arrivata ma è solo una sciacquetta, non ha la mia classe. E' volgare, ma lui lo fa solo per farmi ingelosire>>

 

Alcuni giorni più tardi.

Il biglietto in carta pergamena scritto a caratteri d'oro dice che il signor Eugenio e la signorina Annabella si uniranno in matrimonio il giorno.... alle ore... nel mese di .... ecc. ecc.

Luigina tiene l'annuncio di nozze tra le mani e sorride con tenerezza <<Povero caro, non ha avuto il coraggio di dichiararsi a me ed ora sposa quella. Si è rovinato la vita per il troppo amore che prova per me.>>

 

( La grande Franca Valeri, mi perdonerà se ho rubato lo spunto da un suo celebre pezzo recitato in teatro e al cinema. Mi era piaciuto questo amore cieco e folle. Non ho copiato, ho solo preso lo spunto ed ho lavorato di fantasia. Quindi perdonatemi anche voi.)

Tutti i racconti

2
1
10

Giù dalla torre

25 November 2020

Subito dopo lo stacco pubblicitario. - Allora signor P., tutto bene? Dai, che sta andando benissimo. - - Sì, ma le domande... non pensavo fossero così difficili! - - Beh, il programma lo conosceva già, giusto? - - Già, però un conto è vederlo in televisione come semplice spettatore e un conto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
11

Viaggio in Toscana -1/2

25 November 2020

Rientrai a casa quel pomeriggio più presto del solito. Il mio lavoro di ricercatrice nel campo della bioedilizia mi permetteva di avere ampi spazi di libertà. Erano i miei studi mirati alla ricerca di materiali compatibili con l’ambiente, nell’ambito delle costruzioni. Questa materia era stata [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
4
26

Io so tutto, io non so niente

(Eu sei tudo, Eu não sei nada)

24 November 2020

Di una cosa sola era sicura: che tante cose noi sappiamo. Di tante questioni siamo a conoscenza. "Tu che cosa sai?", domandarono. "Tante cose io so.", rispose. E in quel momento si lanciò in una e mille spiegazioni. "So di psicologia, comprendo il linguaggio del corpo. So di astronomia, so di chimica, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
5
20

Frutta martorana e Ossa di Morto

24 November 2020

Durante il periodo di Ognissanti e la Festa dei Morti nelle pasticcerie e nei bar risulta onnipresente la frutta martorana, dolci tradizionali che simboleggiano, nonché ricreano, i frutti tipici siciliani: mandarini, limoni, arance, fichi d'India etc, prodotti morbidissimi realizzati con la pasta [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: quanto mi piacciono le storie familiari...alle prime righe ero già [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter: avendo anche un lato romantico e quindi dolce, uno scritto sui dolci [...]

4
4
19

Diversa da chi

23 November 2020

Diversa da chi Come te riesce a camminare Diversa da chi Come te riesce da sola a ballare Diversa da chi Non ama rispettare E all’occorrenza riesce a calpestare Diversa da chi Non sa apprezzare le mie diversità Facendomi del male Sono diversa perché Riesco ad ammirare il bello della vita Che mi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
11

Chi ha rotto il vetro della finestra?

È solo un gioco da ragazzi

23 November 2020

Ciao a tutti eccomi di nuovo amici lettori a parlarvi di calcio per un mio dipinto ispirato a un lavoro fotografico dell'artista Neville Gabie, è la mia reinterpretazione di un luogo dove qualcuno in Irlanda del Nord ha usato un vecchio muro per fare un porta da calcio, nell'immagine non ci sono [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: a walteruccio non ne caspic ncas di calcio quindi mi fido delle formazioni [...]

  • Walter Fest: Scilipò grazie mille, quello che hai letto è la prima partita, [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
3
16

Mario, Biagio e gli odori (Biagio) - 2/2

Estratto da un romanzo in costruzione - Pag 48

22 November 2020

Biagio annusa l’aria uscendo da casa. S’incammina per via San Jago e poi taglia per una stradina laterale. Gli immobili bassi che si volevano moderni appena pochi anni fa si fondono con le case in pietra della città vecchia. Poco a poco diventano un tutt’uno indistinto, confuso nella stessa meschinità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

5
9
24

Le cento candeline

22 November 2020

“Sei troppo lento, sbrigati con ste' candeline!", bofonchiò Carmine a Tonino, suo fratello. Alcuni minuti dopo Salvatore, il figlio di quest'ultimo, prese l'accendino e, ad una ad una, accese i cento piccoli cerosi colorati collocati sopra la grande torta di compleanno di Maria, la bisnonna. “Su, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Ti avevo già fatto i complimenti tempo fa per quella serie di six word, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Caro Walter, cento di questi commenti. Mi mancava la ciliegina sulla torta [...]

4
4
18

Entra

21 November 2020

-Bada dove poggi i piedi Qui non devi aver fretta- -Che ci faccio qui? Non conosco questo posto! Ricordo fossi seduto sulla panchina. Sì, di quelle che corrono lungo il Tower Bridge. Guardavo il fiume e battelli colmi di turisti. Forse ero anche felice. Ricordo che sorridevo ma non ne sono molto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Bravo Pata, scritto bene che acchiappa il lettore....devo chiedere aiuto a [...]

  • Patapump: ..grazie Sara, Giuseppe e Walteruccio. C'è un momento nella vita [...]

3
2
12

Mario, Biagio e gli odori (Mario) - 1/2

Estratto da un romanzo in costruzione. Pag 34

21 November 2020

Le vecchie case hanno un odore tranquillizzante. Modeste e squadrate, nessuno vi fa caso né le osserva con l’invidia di chi sogna una bella abitazione. Resistono inosservate per moltissimo tempo finché un escavatore non le demolisce per far posto a un palazzone nuovo di zecca. L’infanzia di Mario [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
2
11

Un' estate ardente

20 November 2020

Avevamo lasciato le valigie a mezzogiorno e ora stavamo camminando per la strada in cerca di visi sconosciuti, con le orecchie e gli occhi protesi su la gente e sulle vetrine. A Portal de l’Àngel e giù verso il quartiere Raval potevi trovare i migliori souvenir, nell’Eixample le boutique d’alta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao mysterywhiteboy, un bel racconto il tuo, tra le varie cose mi viene naturale [...]

  • mysterywhiteboy: allora se la pizza è il tuo piatto preferito ti aspetto a Napoli quando [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
4
19

C'è una casa dimenticata sulla collina

e una missione da compiere

20 November 2020

In una strada, una delle tante di Roma, c'è una casa dimenticata sulla collina, è lì da tanti anni e da quella collina vede le macchine andare su e giù, è una casa dimenticata, sicuramente abbandonata, è isolata e senza finestre. Oggi per voi amici lettori voglio andare a vedere quella casa dimenticata [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Walter Fest: Ragazzi miei, sono le ore 22,00 e tutto va male, sono sassofonato di brutto [...]

  • Walter Fest: Scilipò è bello avere con te una sintonia cosmica involontaria [...]

Torna su