Un uomo e una donna teneramente soli sulla spiaggia, il falò è improvvisato per scaldare la notte stellata, il piacere della birra gelata da bere a piccoli sorsi con il gusto di tenere la bottiglia fredda fra le mani per una notte che non passava mai, vorreste stare al loro posto vero? Purtroppo non è possibile ma stavolta non vi lascerò fuori dalla porta a sbirciare dal buco della serratura, prendete quelle sdraio  e sedetevi intorno al fuoco insieme a noi, avete portato qualcosa da mangiare? Ah, Flavia potrei avere un panino con la porchetta al posto di quello con la trippa? Sai ho anch'io problemi con la dentiera.

-Oreste io e te in un certo senso apparteniamo alla terza età, qualcuno pensa che siamo da buttare, qualcuno non ci pensa affatto, per altri siamo solo "numeri" e serviamo solo all'occorenza ma noi valiamo molto di più amico mio.

-Hai ragione ma sai a volte che succede? Che con il passare degli anni stò fardello sulle spalle fatto di robba passata, ci indebolisce e perdiamo fiducia in noi stessi, ci demoralizziamo e non troviamo la forza di reagire ma ora che ho ritrovato il sorriso mi sento un pò stupido, non sò neanche come ti chiami e lo sono anche di più perchè ho dimenticato di ringraziarti per la tua amicizia.

Lei lo guarda con tenerezza è la classica atmosfera smielata.

-Sì che sei un pò stupido perchè non devi ringraziarmi in fondo ce la siamo spassata eh! Mi chiamo Adriana ma i miei amici mi chiamano Dindina.

-Dindina? Ma che nome è?

-E che ne sò, Tu chiamami come vuoi.

-Preferisco Adriana.

-Bene vuoi sapere che faceva Adriana nel '68?

-Certo.

-Ero una giovane proprio come te e insieme a tanti amici ero in perenne lotta  ma la cosa bella era che eravamo tante ed unite e poi mica eravamo solo incazzate, pensavamo anche a divertirci e con il sorriso abbiamo cambiato il mondo in meglio, forse potevamo fare di più ma in quel momento il tempo era dalla nostra parte eravamo giovani, unite in una forza sola e la musica era la nostra colonna sonora, ma tutto partì qualche anno prima, nell'aria c'era un vortice che iniziò lentamente per poi diventare una tempesta di rinnovamento, c'ero anch'io nel Giugno del 1965 al teatro Adriano sotto le palme di Piazza Cavour ad aspettare i Beatles, avevo più o meno 17 anni e l'onda non si sarebbe più fermata, ho le prove che c'ero sai.

-Ah e quali sono?

-Le bacchette che ha lanciato al pubblico Ringo Starr il batterista.

-Ma è una leggenda metropolitana a Roma tutti hanno quelle bacchette!

-Però le mie sono quelle originali.

-Hahahaha...sììì quelle originali.

-Baciami stupido!

Amici lettori lasciamoli soli, questi sono magic moments, beh sì proprio come la canzone di Perry Como. Ecco volevo dirvi, di Oreste sapete già tutto, si era tinto biondo, il garage, gli altri lavori funambolici ecc.ecc. tutto questo mentre Adriana era rimasta tutta naturale, ma proprio tutta eh, mi raccomando non fate gli ironici, ora il fatto è che la nostra bella, passati i vent'anni e terminati gli studi all'accademia di belle arti di via di Ripetta lavorò nel teatro, nel cinema, si innamorò delle persone sbagliate, amicizie sfalsate, lei sempre ferma nei suoi ideali fra gli alti e bassi di una vita a volte ingenerosa, poi una metamorfosi, qualche anno nella Milano da bere un pò snob, un pò shock, un pò kitsch, senza entrare nei dettagli un bel giorno mandò tutti a fare in culo, regalò tutto l'armamentario dei suoi armadi, girò allegra per  mercatini e  rinnovò il guardaroba, lo aveva appena detto anche ad Oreste "Noi valiamo molto di più amico mio" e la libertà non ha prezzo, ora eccola lì abbracciata al suo Oreste, si sono addormentati mentre sorge il sole ma quello che conta è il cuore, Oreste mi ha dato un bigliettino dove aveva scritto qualcosa per voi, un attimo che ve lo leggo..."Amici lettori non aspettateci, io e Adriana dopo che ci saremo svegliati andremo al bar più smandruppato del luogo che però fà un cappuccino strepitoso, voi se volete venire, fate pure oppure andate a leggere le storie degli altri autori, insomma siete liberi di fare come cavolo vi pare, la cosa più importante è che se continuerete a leggere e a vedere la vita dal lato giusto non invecchierete mai neanche voi, firmato Oreste e Adriana

Tutti i racconti

0
0
2

Io sono la mamma

04 December 2022

Io sono la mamma. Mi alzo alle 6 del mattino, per svegliare tutti gli altri e preparare la colazione, altrimenti qui non si alza nessuno. Io sono la mamma, lavo il bagno e preparo la doccia tutti i giorni, altrimenti qui nessuno si lava. Io sono la mamma, pianifico la spesa, altrimenti qui altro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
0

Solo 15 secondi

04 December 2022

Quindici secondi, era il tempo massimo che l’Empire State System d’occidente aveva messo a disposizione, e concesso a ogni cittadino, per essere libero di dire la sua, indiretta tv - qualsiasi cosa gli passasse per la testa, aveva la possibilità, unica e sola, di farlo davanti allo sguardo del [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

12
14
62

Il Biscotto della Fortuna

03 December 2022

Pino il falegname va in un ristorante giapponese, desideroso di mangiare nipponerie. Tutti i tavoli risultano occupati o prenotati, tranne un kotatsu, un tavolino in legno sopra il quale è posto un futon. «Dice il faggio: persona “levigata”, persona rispettata. Benvenuto» lo saluta Ginkgo, il proprietario, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Avevo pensato al bacio perugina. Bravo, sei un artista della parola!

  • Mariluna: Ciao Giuseppe!!! Sei una matrice di racconti inesauribile!!! ❤ Buona serata!!!

4
11
17

Una storia americana

7 parole per una storia storta

03 December 2022

La porta del retrobottega era sempre aperta. Avevo deciso di fermarmi a 3 e invece in omaggio e con dedica per il bravo autore Scilipoti continuo e vado avanti, se piaccio anche ad altri son felice se invece a qualcuno antipiaccio pazienza ignoratemi. Bene qui l'ambientazione e in un negozio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Mariluna: Grazie Piccola stella. Mi sono accorta adesso di alcuni errori... L'ho [...]

  • Patapump: che meraviglia di pensieri....:)😘

3
5
12

La morte....

03 December 2022

Non saprei come definirla la morte… un vuoto immenso , devastante, incolmabile…. Quella improvvisa ti fa restare senza fiato, a bocca aperta, col cuore in gola…. È davvero indefinibile , Ci arreca molto dolore, per me è incurabile questo dolore…. È impressionante lasciare andare una persona davvero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Piccola stella: Petali Blu, essere testimoni impotenti del trapasso di una persona amata è [...]

  • Piccola stella: Petali blu, quello che sei riuscita a descrivere è in sè già [...]

1
4
4

Senryu

02 December 2022

Risciò nel vento - scorre sulle due ruote la melanconia ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

3
5
19

La cacciatrice di anime

02 December 2022

Era la notte di Halloween. John era stato invitato con i suoi amici alla villa d'epoca che si scorgeva tra i boschi sulla collina. La vide alla festa mascherata. Era scalza. Indossava una lunga camicia da notte bianca. I capelli lunghi erano sciolti. Camminando, i movimenti del suo corpo snello [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

10
16
59

Il desiderio di Geppetto

01 December 2022

Le Marionette odiano i Burattini e viceversa. I Peluche odiano le Paperelle di Gomma, tale sentimento è reciproco. I Manichini odiano gli Spaventapasseri, un odio vicendevole. Le Bambole odiano le Bambole Gonfiabili, un'accanita ostilità decisamente ricambiata. Io, invece, strano ma vero, non [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: x piccola stella: eh si, SCRIVERE ci accomuna eccome. Amo scrivere che siano [...]

  • Walter Fest: A Scilipo' a proposito di lista della spesa, non mi ricordo,ma la mia [...]

6
13
29

RICETTA DI PIADINA CAPRICCIOSA

01 December 2022

Sciogliere un cubetto d’amore ghiacciato in tre lacrime di cipolla. Aggiungere il profumo di una buona pasta d’uomo E scaldare dolcemente nel bagno di Maria. Preparare nel frattempo una pastella di latte di mamma Con farina di riso sgranato E far riposare un paio d’ore al sonno di neonato. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
3
12

Coraggio

01 December 2022

25 Novembre 2022 Giornata contro la violenza sulle donne. Tutte le donne vanno rispettate, dagli uomini, dalle donne. Sono troppo preziose per essere maltrattate, eppure vengono date per scontato. Abbiate cura e rispetto di loro, hanno già pagato. Proteggeteci, preservateci, ne abbiamo bisogno.♥️🌈

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Le donne... i bambini... i sensibili... i fragili, quanta tenerezza violentata!

  • LiandWally: Le donne, anime forti e fragili♥♥

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
6

Aforisma

30 November 2022

Si vestiva di pseudologia fantastica ogni singolo momento poiché non riusciva a farne a meno scartando la verità che non riusciva a manipolare per il suo spiccato narcisismo di essere ciò che in realtà non era! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

7
21
33

UNA COMPAGNA FEDELE

30 November 2022

Da adolescente mi chiedevo perplessa: “Ma cosa ci faccio io su questa terra? Perchè vivere?” Crescendo, in verità, non ci ho più pensato, ma il seme era stato gettato. Nel disordine misterioso e vivace di un terreno incolto, odore di terra, profumo di vento e lacrime di pioggia hanno nutrito, cullato, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Mariluna: Ciao! È bellissimo leggerti! Ho la sensazione di ascoltarti...

  • Piccola stella: Mariluna, grazie. Spero di incontrarti presto su un'altra tua "pagina [...]

Torna su