Oggi stranamente Piazza Cavour è quasi deserta, solo un ragazzina con un Fox Terrier al guinzaglio e un anziano signore che passeggia tenendo per mano il suo nipotino.

Non avendo niente da fare e non avendo la minima voglia di rimanere a casa ad incollarmi davanti alla TV, un giro in centro è proprio quello che ci vuole.

Almeno con questa scusa, mi ossigeno il cervello che male non fa.

Mi pento solo di essere uscito con il mio giubbotto in pelle preferito poiché essendo una bella giornata di sole, fa fin troppo caldo.

Quasi quasi me lo tolgo. Ah già, dimenticavo che non posso.

Mi siedo in una panchina, e con lo smarthpone decido di mandare un SMS a Mario, un mio amico, per organizzare in serata un uscita in qualche pub.

Non faccio in tempo a scrivere il messaggio che davanti a me si materializza un uomo dallo sguardo vitreo e inespressivo.

È vestito in maniera molto trasandata, ha una barbaccia incolta, i capelli lunghi e barcolla vistosamente.

Si avvina a pochi centimetri da me e mi osserva con i suoi occhi particolarmente arrossati. Cosa diavolo vuole questo da me?

Si tratta sicuramente di un tossicodipendente che probabilmente vorrà chiedermi soldi.

Rimetto il mio cellulare in tasca.

“Scusa, scusa, avresti qualcosa per me? Sto impazzendo!” esordisce l’uomo.

“Cosa dovrei darti?” chiedo inarcando il sopracciglio.

“Ho bisogno un po’ di farina bianca. Rodrigo, il Brasiliano mi ha detto di rivolgermi a te e che hai roba buona! Sto male, aiutami!” mi supplica strabuzzando gli occhi.

Mi ha preso per uno spacciatore. Adesso lo sistemo io.

Mi alzo dalla panchina, abbasso velocemente la cerniera del giubbotto e gli faccio intravedere la pistola che tengo a tracolla.

“Ho solo una Beretta calibro 9 con 15 stupefacenti confetti! Ne vuoi assumere uno?“ gli dico con tono infastidito, con il chiaro scopo di spaventarlo e levarmelo così dalle scatole.

Il tossico mi squadra interdetto.

“Ti avverto che come effetto collaterale, basta un solo confetto caldo per farti venire il mal di pancia ma almeno vedrai il paradiso!” incalzo ancora di più e indicando con l’indice la parte bassa della sua magra corporatura.

 

“Ah, quindi sei un collega?” mi domanda sorridendo.

Diamine! Capisco al volo chi è in realtà quel tizio davanti a me.

“Ma allora tu…” ma non mi lascia il tempo di finire la frase.

“Si. sono un Falco, mi occupo di microcriminalità e sono specializzato in particolar modo a dare la caccia agli spacciatori della zona.” Mi spiega.

“Ma non riesci a riconoscere uno sbirro da uno spacciatore?” espongo con un tono quasi offeso.

“Mi ha ingannato il tuo giubbotto in pelle e mi ero insospettito!” si giustifica.

“Il mio giubbotto in pelle!” esclamo costernato.

“Eh si! Un po’ troppo per una giornata calda come questa e pensavo che tenevi l’ipotetica mercanzia lì dentro.” soggiunge desolato.

“Mi spiace per te ma sono solo un semplice individuo che si stava facendo i cavoli suoi!” continuando a manifestare il mio disappunto.

“Lo so, e ti chiedo scusa. Ti auguro una buona giornata!” e dandomi le spalle se ne va.

Lo osservo mentre si allontana, ricominciando nuovamente a barcollare.

Bah!

La prossima volta esco con abiti leggeri e il “ferro” lo lascio a casa. Poco ma sicuro.

  

1
3
8

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Walter Fest: Giuseppe buongiorno a te e a tutti i nostri affezionati lettori di letturedametropolitana, [...]

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

2
3
6

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
5
13

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
9

C è sempre vento

06 December 2019

C'è sempre vento quando il cuore è triste, quando l'oblio del giorno ha tracciato il confine e le speranze si ritrovano per vedere se ne manca qualcuna, mentre le strade deserte restituiscono i rumori che le hanno attraversate per sentirsi vive nelle notti di pioggia. C'è sempre vento quando con [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
14
61

NATALE AL LOUVRE CON IL MISTERO DELLA DONNA CON GLI OCCHIALI ROSSI

Natale in giallo

06 December 2019

Mancavano poche ore al Natale e al museo del Louvre c'era il solito casino di visitatori, una massa multicolore di anime alla ricerca dello spettacolo dell’arte. Questi turisti a momenti troppo rumorosi e sobillatori invece in altri fin troppo silenziosi perché logicamente rispettosi, riguardosi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Walter, rileggere questo racconto, a distanza di un anno... mi ispira per una [...]

  • Walter Fest: Ferruccio, graziemille per il tuo commento ed è un doppio ringraziamento [...]

17
21
72

La scomparsa di Scilyx

Storie pazze a Rivarolo

05 December 2019

Dedicato a tutti agli amici del gruppo investigautori di Letture da Metropolitana. «Ma dove minchia è finito Giuseppe?» si interroga Lorena assieme a gli altri investigautori con fare preoccupato all'esterno dell’Hotel Rivarolo. «Possibile mai che ne ritroviamo uno e ne perdiamo subito un [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Rara avis: Così abbronzato pensavo che eri andato al Papeete a farti un moiyto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter: carissimo amico mio, ho deciso di pubblicare questo racconto in Riedizione [...]

1
0
11

La vita parallela

05 December 2019

A raccontare la vita si rischia di costruirne una fantastica, dove tutto va bene, tutto procede secondo un canovaccio preorganizzato, secondo un testo definito. Si continua a costruire un'esistenza dove le nuvole del cielo sono i sogni, dove i pesci volano e gli uccelli esplorano gli abissi. Le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su