Oggi stranamente Piazza Cavour è quasi deserta, solo un ragazzina con un Fox Terrier al guinzaglio e un anziano signore che passeggia tenendo per mano il suo nipotino.

Non avendo niente da fare e non avendo la minima voglia di rimanere a casa ad incollarmi davanti alla TV, un giro in centro è proprio quello che ci vuole.

Almeno con questa scusa, mi ossigeno il cervello che male non fa.

Mi pento solo di essere uscito con il mio giubbotto in pelle preferito poiché essendo una bella giornata di sole, fa fin troppo caldo.

Quasi quasi me lo tolgo. Ah già, dimenticavo che non posso.

Mi siedo in una panchina, e con lo smarthpone decido di mandare un SMS a Mario, un mio amico, per organizzare in serata un uscita in qualche pub.

Non faccio in tempo a scrivere il messaggio che davanti a me si materializza un uomo dallo sguardo vitreo e inespressivo.

È vestito in maniera molto trasandata, ha una barbaccia incolta, i capelli lunghi e barcolla vistosamente.

Si avvina a pochi centimetri da me e mi osserva con i suoi occhi particolarmente arrossati. Cosa diavolo vuole questo da me?

Si tratta sicuramente di un tossicodipendente che probabilmente vorrà chiedermi soldi.

Rimetto il mio cellulare in tasca.

“Scusa, scusa, avresti qualcosa per me? Sto impazzendo!” esordisce l’uomo.

“Cosa dovrei darti?” chiedo inarcando il sopracciglio.

“Ho bisogno un po’ di farina bianca. Rodrigo, il Brasiliano mi ha detto di rivolgermi a te e che hai roba buona! Sto male, aiutami!” mi supplica strabuzzando gli occhi.

Mi ha preso per uno spacciatore. Adesso lo sistemo io.

Mi alzo dalla panchina, abbasso velocemente la cerniera del giubbotto e gli faccio intravedere la pistola che tengo a tracolla.

“Ho solo una Beretta calibro 9 con 15 stupefacenti confetti! Ne vuoi assumere uno?“ gli dico con tono infastidito, con il chiaro scopo di spaventarlo e levarmelo così dalle scatole.

Il tossico mi squadra interdetto.

“Ti avverto che come effetto collaterale, basta un solo confetto caldo per farti venire il mal di pancia ma almeno vedrai il paradiso!” incalzo ancora di più e indicando con l’indice la parte bassa della sua magra corporatura.

 

“Ah, quindi sei un collega?” mi domanda sorridendo.

Diamine! Capisco al volo chi è in realtà quel tizio davanti a me.

“Ma allora tu…” ma non mi lascia il tempo di finire la frase.

“Si. sono un Falco, mi occupo di microcriminalità e sono specializzato in particolar modo a dare la caccia agli spacciatori della zona.” Mi spiega.

“Ma non riesci a riconoscere uno sbirro da uno spacciatore?” espongo con un tono quasi offeso.

“Mi ha ingannato il tuo giubbotto in pelle e mi ero insospettito!” si giustifica.

“Il mio giubbotto in pelle!” esclamo costernato.

“Eh si! Un po’ troppo per una giornata calda come questa e pensavo che tenevi l’ipotetica mercanzia lì dentro.” soggiunge desolato.

“Mi spiace per te ma sono solo un semplice individuo che si stava facendo i cavoli suoi!” continuando a manifestare il mio disappunto.

“Lo so, e ti chiedo scusa. Ti auguro una buona giornata!” e dandomi le spalle se ne va.

Lo osservo mentre si allontana, ricominciando nuovamente a barcollare.

Bah!

La prossima volta esco con abiti leggeri e il “ferro” lo lascio a casa. Poco ma sicuro.

  

0
0
3

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
9

La ragazza del porto

19 January 2020

Un gabbiano e la sua compagna Un cielo senza nuvole Sole tiepido di primavera Onde che si infrangono sugli scogli rumorosamente Navi che mollano gli ormeggi Volti di pescatori con le loro rughe e le loro storie Guardandoli si leggono dentro, ma solo per chi vuole vedere Sguardi di chi ha visto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
8

Turista nella nebbia

18 January 2020

Tanti anni fa, mentre mi trovavo in un paesino dell'Essex, una contea dell'Inghilterra orientale, dopo essere sceso da un autobus non ci volle molto per addentrarmi in una fitta nebbia perdendo così l'orientamento. Confesso che mi inquietai, tra l'altro avevo addosso uno zaino pesante che mi dava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
5

In treno

18 January 2020

Il ragazzo è entrato con fare sospetto, perplesso, quasi schifato. Realizzai in quell’esatto momento con chi avremmo dovuto passare il resto del viaggio. Io e Vladimir, amici da una vita, tornavamo a casa dalle nostre mogli. Dicevo, il giovane è entrato e mi resi conto che era proprio schifato, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
10

Viagra

una storia vera

17 January 2020

Spoleto, notte piena, albergo a tre stelle, camera matrimoniale di dimensioni ridotte. Lui era arrivato in quella camera travolto da una tempesta di eventi uno più intenso e sconvolgente dell’altro. Eppure non si poteva dire di lui che fosse un cinquasettenne pantofolaio e borghese, poco avvezzo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

14
18
144

L'ascensore

16 January 2020

Oggi è il mio primo giorno di lavoro alla Duke & Nuke, una società finanziaria con sede a New York, precisamente a Hell's Kitchen, un quartiere di Manhattan. Dopo una laurea conseguita a pieni voti, aver trovato un lavoro in una sede così prestigiosa mi inorgoglisce. Prospetto un ottimo stipendio, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Giuseppe, tu lo sai ti apprezzo; per questo mi permetto di farti alcune annotazioni. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Sandro, ti ringrazio per il tuo commento, lo so che sei sincero e se devi [...]

5
3
12

Annibale

15 January 2020

Oggi sento i miei anni Sono ottanta se la memoria non mi tradisce Trascino le gambe a volte tra una stanza e l’altra Mi dico sempre che è perché non ho fretta Ma è una bugia con le gambe corte Mi sveglio sempre alle sei al canto di Annibale Vivo ormai solo da diversi anni La mia Anna la vedo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
0
16

Favole diseducative con morale piuttosto equivoca - L'energia alternativa

Una roba di almeno sei anni fa che scrissi quando nemmeno mi era cresciuta la barba

14 January 2020

C’era una volta uno scienziato che ebbe la fortuna di fare una scoperta rivoluzionaria. Euforico, la portò a una grande convention e, arrivato il suo turno di parlare, salì sul palco con un piccolo trenino elettrico. Balbettando per l'emozione disse: -Finalmente sono riuscito a risolvere il grande [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

12
13
84

Il mio amico Gino Di Losa

14 January 2020

Sono al matrimonio di Gino Di Losa che si tiene in Puglia a Canosa. Davvero carina la sua sposa, anche se purtroppo è odiosa però ha una sorella deliziosa dall'espressione solare e radiosa. Ha una corporatura burrosa e un’espressione assai maliziosa, intuendo che di me è vogliosa. Con un pretesto [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Alice Cannizzo: Zio, sai una cosa? Mi piace questo Gino di Losa e sei bravo a scrivere ogni [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Alice, si tratta di una filastrocca nata per caso, felice anche stavolta del [...]

2
1
8

Il mio angolo di Paradiso

13 January 2020

Salii sulla montagna con mio nonno Genitori troppo presi da se stessi per ascoltare e leggere nei miei occhi quel desiderio Il nonno era un uomo forte e saggio Essere solo in montagna con i suoi animali lo avevano abituato a quei silenzi e percepiva bene nelle persone i desideri e i sogni. Lui [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

17
41
110

I due broker

12 January 2020

Due “BROKER” di Wall Street se ne stanno davanti a un bancone di un prestigioso bar di New York a bere allegramente del costoso champagne, difatti i mercati azionari si erano rilevati a loro favore. L'euforia per entrambi è alle stelle in quanto “CHIUDERE IN POSITIVO” con trecentomila dollari significa [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Alessandra Leoni: Purtroppo ti capisco benissimo, io ho avuto un periodo bruttissimo che è [...]

  • flavia: Caro Giuseppe, non abbiamo tue notizie da troppo tempo. Siamo tutti in attesa [...]

1
1
6

Publicity man

11 January 2020

Su forza Finisci di mangiare Abbiamo ancora un altro isolato da fare Lo so Tom, do un ultimo morso al sandwich Oggi fa un freddo boia E non vedo il sole da giorni Questo schifo di cibo non lo digerisco proprio Sai Sal che ti lamenti troppo Sì Tom lo so Ho finito. Andiamo Dammi una mano Questo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su