“D’accordo, ti racconterò la storia della mia vita, come tu desideri ...”

Si sentì un vivace “Evvai!” ma l’entusiasmo fu smorzato da un cenno di mano.

“A patto che inizi tu per primo, va bene?”, propose George lo zombie.

“Meglio di no! Non ho niente da raccontare, la mia vita a differenza della tua, non è stata particolarmente eccitante!”, gli rispose un po’ deluso Maxwell lo scheletro. Quest’ultimo si guardò intorno e cominciò a cimentarsi con qualche blando e limitatissimo esercizio di stretching.

“Sono proprio contento che siamo usciti dalle nostre tombe, fa bene ogni tanto sgranchirsi un po' le ossa!”, soggiunse ridendo della sua stessa battuta.

Era una notte particolarmente rigida al cimitero di Hallow, un guardiano dormiva saporitamente in guardiola vicino ad una stufetta elettrica, al contrario di due stravaganti figure che non sapevano come ammazzare il tempo.

Gli altri defunti restarono tappati dentro, difatti per non correre il rischio di essere scoperti dai viventi, secondo un sistema di turnazioni, si era deciso all’unanimità che ci si poteva uscire nelle ore più buie ma non più di due ex persone alla volta e lontano dal signor Addams, il guardiano.

Ovviamente la questione si limitava solo per coloro che potevano reggersi in piedi.

Lo zombie si appoggiò con molta disinvoltura vicino ad una lapide, quella dell’odioso signor Parker, in vita suo vicino di casa e da morto paradossalmente suo vicino di fossa.

“Se il cranio non mi inganna, la Bibbia dice: “Ricordati uomo, che polvere sei e polvere ritornerai.” Purtroppo, se non prima passiamo all’ultimo stadio, siamo costretti a rimanere qui e tu mio caro George, ne avrai ancora per tantissimo tempo in quanto sei più giovane di me!”, gli ricordò con tono canzonatorio.

“Porca miseria, lo so! Non me lo ricordare! Una volta deceduto ero arciconvinto che sarei finito all’istante nell’altro mondo ma l’Angelo della Morte fin da subito mi aveva avvertito di questa emh…disposizione!”, gli disse con un velo di tristezza.

“Ops, scusa se te l’ho ricordato! Anch’io ci sono passato, come tutti del resto e sarebbe stato meglio farsi cremare, a quest’ora eravamo polvere già da un pezzo. Pazienza, ormai è inutile piangere sul latte versato ma almeno raccontami la tua storia, sennò va a finire che moriremo di noia!”, insistette con simpatia lo scheletrico amico.

“Buona questa! Ah ah ah ah ah ah!”

Il cadavere rise di gusto con tanto di occhiolino, anche se si rilevò un eufemismo poiché dimenticò temporaneamente che gli mancava l’occhio destro e quasi tutti i denti.

Per qualche strano motivo, la vista era perfettamente funzionante, anche per Maxwell che a posto degli occhi aveva due fori scavati e profondi.

Ad un certo punto in lontananza, i due si accorsero della presenza di qualcuno.

Vicino al cimitero, c’era un bellissimo parco che seppur tutte le notti veniva illuminato dai tanti lampioni presenti, solitamente non si aggirava anima viva.

George cominciò ad esaltarsi.

“Guarda Maxwell! Un vivente con un cane al guinzaglio!”, agitando più volte l’indice putrefatto per dare più enfasi alle sue parole.

“Ah si? Salutameli!”, gli fece notare freddamente l’altro, limitandosi inoltre ad alzare le ossa (quelle che una volta erano le spalle) con indifferenza.

“Ascolta caro amico ossuto, io avrei un po’ di fame, ho un buco allo stomaco, mi aiuteresti a…”, non ebbe tempo di terminare la frase che fu subito interrotto.

“Ma neanche morto! In primis siamo barcollanti e soprattutto lenti come lumache, quell’uomo ci scapperebbe con facilità. Seconda cosa a mio avviso il tuo problema non è la fame, fidati!”, gli espose e col chiaro intento di farlo desistere dai suoi propositi.

“Se non è appetito, cosa potrebbe essere?”, domandò titubante.

«Tempo fa mi accennasti di un tizio, che ti uccise a distanza ravvicinata sparandoti in pancia con un fucile a pallettoni, ecco perché hai quella sensazione!”, esprimendo convinto la sua teoria.

Lo zombie abbassò lo sguardo e tastò con la mano fradicia il grosso buco che aveva nello stomaco.

“Per di più, non lo sai che i cani vanno matti per le ossa? Poco ma sicuro che quell’animale mi concerebbe per le feste!“, gli disse ancora facendogli anche intuire che non lo avrebbe assolutamente spalleggiato.

“Ho capito l’antifona, lasciamo perdere!”, tagliò corto con rassegnazione.

Restarono in silenzio ad osservare l’uomo con il suo cane fino a quando sparirono dal loro campo visivo.

Inaspettatamente cominciò a piovere, all’inizio lievemente, poi sempre più forte e infine maniera scrosciante e impetuosa.

“Ehi Mister Posa l’Osso odio la pioggia e credo di non essere il solo! Non credi che sarebbe meglio ritornare alle nostre abitazioni?”,  consigliò George.

“Uffa! Anche stasera niente storia e chissà quando usciremo di nuovo insieme!”, battendo tutto stizzito le ossa dei piedi sul terreno ormai bagnato.

“E io allora? Cosa dovrei dire che sto andando a letto a stomaco vuoto? “, lamentandosi e scuotendo la testa.

“Zombiaccio della malora, chissà perché, ma stranamente in questo cimitero hai fame solo tu”, concluse lo scheletro deridendolo apertamente.  

 

E fu cosi che si avviarono nelle loro rispettive tombe (tra l’altro abbastanza vicine tra di loro) e prima di congedarsi si salutarono.

“Buona notte Carne Morta e sogni horror”.

“Buona notte anche a te Mucchio di Ossa e fai sogni d’argento…di Dario Argento”.

Maxwell essendo morto alla fine degli anni cinquanta non sapeva chi fosse costui, si preservò la curiosità per il prossimo incontro e infine ritornarono a mo(dormi)rire.

 

 

 

 

 

 

Questo racconto ha partecipato ad un Laboratorio di Scrittura Creativa che doveva attenersi a questo iniziale INCIPIT :

"D'accordo, ti racconterò la storia della mia vita, come tu desideri ...."

Spero sia stato di vostro gradimento e per favore…commentate a morte!

1
1
6

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
12

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
9

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

2
3
54

Il figlio

14 October 2019

Si lasciò cadere sul sedile dell'auto e chiuse gli occhi. "Perderà l'anno", pensò, e subito dopo si accorse dell'assurdità di quel pensiero. All'improvviso la scuola non era più importante, era scivolata all'ultimo posto. Magari avessero potuto tornare a preoccuparsi di quale istituto scegliere [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Notevole. Intenso. Vero.Inaspettato "sempre" per un genitore. Brava!

  • Manuela Cagnoni: Vi ringrazio molto!
    L'idea di questo racconto mi è venuta leggendo [...]

5
8
23

Snake

13 October 2019

Chi non conosce il famoso Snake? Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ahahah..molto divertente! Giusto rammentare...Il cobra non è un serpente [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, ormai hai già capito qual'è il mio stile [...]

5
4
15

Alcune volte

13 October 2019

Alcune volte trovo che le cose da dire quando si ama siano così difficili da esprimere che l'altra parte le intende come un disinteresse o disattenzione. Alcune volte al posto delle parole inserisco racconti, poesie o canzoni. Alcune volte invece il mio viso è cosi raggiante che anche i colleghi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Questo bellissimo componimento viene omaggiato da due bellissimi commenti, [...]

  • Patapump: Principe...e che ispirazione sia! Sempre ben accetta. Cmq grazie a te a Giuseppe [...]

3
2
11

Arancia al limone

12 October 2019

Dentro di me campeggia un regista perverso e schizofrenico, e tutto sta diventando verde, nel buio riflette le immagini, e nel cielo vedo dei corni alati bianchi, (de)colorare l'immensità.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
9

Il viaggio e la chitarra - 2/2

12 October 2019

Le campagne intorno erano davvero belle, tutte molto curate, e i cavalli inglesi da traino con le criniere fluenti sembravano anche loro far parte di quella effervescenza giovanile. L’ingresso in città ci sembrò trionfale, come se dovessimo ricevere le chiavi della città da qualsivoglia autorità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Seconda parte che non delude affatto le mie aspettative, sono sempre più [...]

  • Patapump: Ciao Giuseppe, come sempre un grazie. Fa sempre piacere avere uno stimolo letterario. [...]

2
1
20

Castelli di sabbia

11 October 2019

Tu mi stavi guardando dritto negli occhi Ed io bruciavo come legna secca Poi mi hai detto qualcosa che perso com'ero non ho capito Un sorriso sbadato un gesto svogliato e lentamente hai raccolto la fune a cui ero legato. Non ti è servito molto non c'è voluto molto per spiegarmi il destino. Labbra [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
9

Il viaggio e la chitarra - 1/2

11 October 2019

Ero a Londra in quel periodo. La fine degli anni 60. Gli anni della contestazione giovanile. Intorno a me un gran fermento di gente, idee, propositi. Avevo 18 anni allora. Avevo litigato con i miei genitori per poter fare quel viaggio nella città che, in quel momento, veniva considerata la più [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

5
6
21

Corna (non) di cervo

10 October 2019

Mentre stavo cacciando di cinghiali, caprioli, cervi, mufloni e qualsivoglia nel bosco, all'improvviso sentii dei gemiti. Erano un uomo e una donna che stavano facendo l'amore in un prato aperto. Imbarazzato, mi voltai per andarmene, poi, si sa, la curiosità è donna, anzi rettifico: puttana. Ebbene, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: In un certo senso sono d'accordo con te riguardo il fatto che la vendetta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, ti ringrazio per il commento. Guarda, su dove mi sono "inceppato" [...]

Torna su