“D’accordo, ti racconterò la storia della mia vita, come tu desideri ...”

Si sentì un vivace “Evvai!” ma l’entusiasmo fu smorzato da un cenno di mano.

“A patto che inizi tu per primo, va bene?”, propose George lo zombie.

“Meglio di no! Non ho niente da raccontare, la mia vita a differenza della tua, non è stata particolarmente eccitante!”, gli rispose un po’ deluso Maxwell lo scheletro. Quest’ultimo si guardò intorno e cominciò a cimentarsi con qualche blando e limitatissimo esercizio di stretching.

“Sono proprio contento che siamo usciti dalle nostre tombe, fa bene ogni tanto sgranchirsi un po' le ossa!”, soggiunse ridendo della sua stessa battuta.

Era una notte particolarmente rigida al cimitero di Hallow, un guardiano dormiva saporitamente in guardiola vicino ad una stufetta elettrica, al contrario di due stravaganti figure che non sapevano come ammazzare il tempo.

Gli altri defunti restarono tappati dentro, difatti per non correre il rischio di essere scoperti dai viventi, secondo un sistema di turnazioni, si era deciso all’unanimità che ci si poteva uscire nelle ore più buie ma non più di due ex persone alla volta e lontano dal signor Addams, il guardiano.

Ovviamente la questione si limitava solo per coloro che potevano reggersi in piedi.

Lo zombie si appoggiò con molta disinvoltura vicino ad una lapide, quella dell’odioso signor Parker, in vita suo vicino di casa e da morto paradossalmente suo vicino di fossa.

“Se il cranio non mi inganna, la Bibbia dice: “Ricordati uomo, che polvere sei e polvere ritornerai.” Purtroppo, se non prima passiamo all’ultimo stadio, siamo costretti a rimanere qui e tu mio caro George, ne avrai ancora per tantissimo tempo in quanto sei più giovane di me!”, gli ricordò con tono canzonatorio.

“Porca miseria, lo so! Non me lo ricordare! Una volta deceduto ero arciconvinto che sarei finito all’istante nell’altro mondo ma l’Angelo della Morte fin da subito mi aveva avvertito di questa emh…disposizione!”, gli disse con un velo di tristezza.

“Ops, scusa se te l’ho ricordato! Anch’io ci sono passato, come tutti del resto e sarebbe stato meglio farsi cremare, a quest’ora eravamo polvere già da un pezzo. Pazienza, ormai è inutile piangere sul latte versato ma almeno raccontami la tua storia, sennò va a finire che moriremo di noia!”, insistette con simpatia lo scheletrico amico.

“Buona questa! Ah ah ah ah ah ah!”

Il cadavere rise di gusto con tanto di occhiolino, anche se si rilevò un eufemismo poiché dimenticò temporaneamente che gli mancava l’occhio destro e quasi tutti i denti.

Per qualche strano motivo, la vista era perfettamente funzionante, anche per Maxwell che a posto degli occhi aveva due fori scavati e profondi.

Ad un certo punto in lontananza, i due si accorsero della presenza di qualcuno.

Vicino al cimitero, c’era un bellissimo parco che seppur tutte le notti veniva illuminato dai tanti lampioni presenti, solitamente non si aggirava anima viva.

George cominciò ad esaltarsi.

“Guarda Maxwell! Un vivente con un cane al guinzaglio!”, agitando più volte l’indice putrefatto per dare più enfasi alle sue parole.

“Ah si? Salutameli!”, gli fece notare freddamente l’altro, limitandosi inoltre ad alzare le ossa (quelle che una volta erano le spalle) con indifferenza.

“Ascolta caro amico ossuto, io avrei un po’ di fame, ho un buco allo stomaco, mi aiuteresti a…”, non ebbe tempo di terminare la frase che fu subito interrotto.

“Ma neanche morto! In primis siamo barcollanti e soprattutto lenti come lumache, quell’uomo ci scapperebbe con facilità. Seconda cosa a mio avviso il tuo problema non è la fame, fidati!”, gli espose e col chiaro intento di farlo desistere dai suoi propositi.

“Se non è appetito, cosa potrebbe essere?”, domandò titubante.

«Tempo fa mi accennasti di un tizio, che ti uccise a distanza ravvicinata sparandoti in pancia con un fucile a pallettoni, ecco perché hai quella sensazione!”, esprimendo convinto la sua teoria.

Lo zombie abbassò lo sguardo e tastò con la mano fradicia il grosso buco che aveva nello stomaco.

“Per di più, non lo sai che i cani vanno matti per le ossa? Poco ma sicuro che quell’animale mi concerebbe per le feste!“, gli disse ancora facendogli anche intuire che non lo avrebbe assolutamente spalleggiato.

“Ho capito l’antifona, lasciamo perdere!”, tagliò corto con rassegnazione.

Restarono in silenzio ad osservare l’uomo con il suo cane fino a quando sparirono dal loro campo visivo.

Inaspettatamente cominciò a piovere, all’inizio lievemente, poi sempre più forte e infine maniera scrosciante e impetuosa.

“Ehi Mister Posa l’Osso odio la pioggia e credo di non essere il solo! Non credi che sarebbe meglio ritornare alle nostre abitazioni?”,  consigliò George.

“Uffa! Anche stasera niente storia e chissà quando usciremo di nuovo insieme!”, battendo tutto stizzito le ossa dei piedi sul terreno ormai bagnato.

“E io allora? Cosa dovrei dire che sto andando a letto a stomaco vuoto? “, lamentandosi e scuotendo la testa.

“Zombiaccio della malora, chissà perché, ma stranamente in questo cimitero hai fame solo tu”, concluse lo scheletro deridendolo apertamente.  

 

E fu cosi che si avviarono nelle loro rispettive tombe (tra l’altro abbastanza vicine tra di loro) e prima di congedarsi si salutarono.

“Buona notte Carne Morta e sogni horror”.

“Buona notte anche a te Mucchio di Ossa e fai sogni d’argento…di Dario Argento”.

Maxwell essendo morto alla fine degli anni cinquanta non sapeva chi fosse costui, si preservò la curiosità per il prossimo incontro e infine ritornarono a mo(dormi)rire.

 

 

 

 

 

 

Questo racconto ha partecipato ad un Laboratorio di Scrittura Creativa che doveva attenersi a questo iniziale INCIPIT :

"D'accordo, ti racconterò la storia della mia vita, come tu desideri ...."

Spero sia stato di vostro gradimento e per favore…commentate a morte!

1
1
1

Profezia

22 April 2019

Giorni verranno in cui la Luce scomparirà. Le maschere saranno trasparenti come acqua di ruscello e le anime, nude, grideranno di terrore Giorni verranno in cui la Luce tornerà e potremo amare la Vita come fossimo tutt’uno

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
1

Il vecchio saggio

22 April 2019

Un giorno un uomo e sua figlia bussarono alla porta del vecchio saggio che viveva ai margini del paese. L’uomo si fece attendere, era vecchio ed era lento, ma tutti in paese lo rispettavano e spesso andavano a chiedergli consiglio. Il vecchio aveva girato il mondo e aveva incontrato tanta gente, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
0

Civico 21 - 2/4

Seconda parte

22 April 2019

Intanto il suo viaggio vorticoso giunse al termine: fu letteralmente vomitata da un altro monitor con un impeto tale da schiantarsi addosso ad un'altra persona che giaceva su di un pavimento. Istintivamente per parare la caduta posizionò il palmo delle mani a terra. La borsa attutì l’urto, sollevandosi [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
5
22

Il truffatore

Incipit

21 April 2019

Sono un bugiardo, uno di quelli senza scrupoli, lo ammetto. Non parlo di piccole bugie, quelle che comunemente si chiamano " bianche ", ma di menzogne serie, in grado di causare danni e dolore alle persone. Perché lo faccio? Ho iniziato per gioco ed ero molto bravo, poi però ho esagerato... mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao a tutti e grazie per aver letto nonostante la giornata festiva e auguri [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Dalle mia parti, nel messinese, fanno le cosiddette pizze bianche, ovvero pizze [...]

1
2
9

Parodia di "La canzone del sole" di Lucio Battisti

21 April 2019

Le bianche tette/ gli occhi azzurri e poi/ le tue chiappette sode/ e la peluria tra le gambe tue/ la prugna ancor più rossa/ E la brandina rotta dove noi/ già scopavamo piano/ e le tue cosce e l'eco dei tuoi dai,/ si dai/... mi stai facendo venire/ Dove sei andata, cosa hai fatto mai/ Brutta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
12

Civico 21 - 1/4

Prima parte

21 April 2019

Scriveva, scriveva, scriveva… lavorava ininterrottamente. Una confusione tremenda quella mattina. Aveva tantissime nuove pratiche da gestire che, sommate a quelle che non era riuscita a smaltire nei giorni precedenti, facevano aumentare vertiginosamente la mole di lavoro. Intanto, in basso a destra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
2
11

La prima volta al mare - 2/2

20 April 2019

In testa voleva mettersi un cappellino, ma non l’aveva trovato. Aveva i cappelli lunghi sciolti e con quelli si copriva il viso. Era tempo di rientrare, il sole scottava nonostante fosse presto. Il riverbero del mare aumentava il potere riscaldante, forse poteva arrischiare di bagnarsi i piedi, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
23

Come respirare

20 April 2019

Se il tempo non si fosse fermato a raccontarmi i tuoi occhi il vento gelido mi avrebbe portato via come terra. Ma le tue dita come radici intrecciate alle mie mi hanno aiutato a resistere alle tempeste. Ora ti guardo come non ho fatto mai perché tu mi sommergi con il tuo amore e poi mi lasci sulla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
21

THE KILLERS

20 April 2019

Erano giorni che non usciva da quella stanza, quella squallida stanza in quella squallida pensione in quella squallida cittadina poco distante da Chicago, triste e dimenticata da tutti. E l'aveva scelta proprio per questo. Così sperava di farla franca. La Pensione della signora Hirsch, a Summit, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
5
22

La prima volta al mare - 1/2

19 April 2019

Claudia non aveva dormito per tutta la notte, tanta era l’emozione di trovarsi in riva al mare. Era la sua prima volta. Lei aveva sedici anni e non aveva mai visto il mare così da vicino. I genitori erano rimasti a dormire nella camera che era stata prenotata per loro. Lei, invece, approfittando [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
17

Il quadro perfetto

19 April 2019

Nel momento dell'aurora il pittore arrivò sulla spiaggia. Il suo scopo era dipingere il momento migliore, quindi si era ben organizzato, con una macchina fotografica per provare l'effetto di ciò che vedeva una volta messo su carta, quindi aveva tutto il necessario per stampare in macchina. Il momento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: ducapaso, hai scritto un componimento a regola d'"arte", non [...]

  • ducapaso: Grazie Giuseppe, sempre troppo buono :-)
    Mi sono ricordato che bisogna [...]

3
2
15

Acquisti

19 April 2019

1) Il robot umanoide di produzione tedesca del film "Grandi magazzini" 2) L'Amiga 500 3) Soldatini di plastica, compresi gli indiani e i cowboy 4) Un tubetto di bolle di sapone 5) Tutte le sigle dei cartoon cantante da Enzo Draghi e Marco Destro 6) Un lecca lecca gigante di Arale dell'Autogrill [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Resta sempre frivolo così e fanciullesc vivrai a lungo felice

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Flavia, senz'altro farò come tu dici. Posso anche superare [...]

Torna su