HAPPY BIRTHDAY NONNO VINCENZO
Oramai l'ospizzio era alle spalle na storia passata, nun me fate fà la descrizzione dell'ambientazione, ve mettereste a piagne, famo così eccolo là nonno Vincenzo che dentro na scola de danza Argentina è tornatato ad esse utile ar monno, arriva la matina, accenne le luci, er computer, dà n'ordinata  alla scrivania della segretereria, fà n'giretto pe le sale e quanno trova la robba persa dalli ballerini la ripiega per bene pe poi ridalla ai diretti proprietari, scrive n'bella calligrafia li tesserini delli iscritti all'associazione, è così preso da stà nova occupazzione che nimmanco presta troppa attenzione alla musica e alli giovani belli che danno spettacolo ballando, quanno rimane seduto,  se guarda n'torno n'curiosito ed è contento, a dì er vero cammina a volte cor bastone sì invece er passo è spedito è perchè fà tutto con passione e cor sorriso sulle labbra, tutti oramai se sò affezzionati e cò simpatia lo chiamano nonno Vincenzo, immagginate che er 24 Ottobre giorno der suo compleanno organizzarono na festa, portarono n'sacco de robba bona da magnà, festoni colorati, musica e tutti intorno a ballà er Tango solo pe lui, Dario nun se sà come, n'gaggiò na ragazza bionna, bella e formosa, avete presente Marilyn? Dario la trovò uguale, la bellona doveva fasse selfie cò baci e abbracci a ripetizzione ar vecchietto nostro, foto che poi avremmo logicamente postato sur social, sai la gente che invidia avrà provato?
-Nonno vincenzo, ci sono delle perzone per te.
Ner pieno delle dolci effusioni erano arrivate tre perzone, una come vide nonno svenne e cascò pe tera, l'artro se mise le mani n'faccia e n'vece er più giovane delli tre continuava a legge n'fumetto Manga e a mettese le dita dentro ar naso.
-Babbooo ma che stai a fà?
Anzelmo era fjo de nonno Vincenzo, Agata la moje de Anzelmo e Paolino er fjo de Anzelmo e de Agata, Agata che presa a schiaffi da Achille se risvejò e...
-Nun ce posso crede tuo padre abbracciato a na donnaccia!!
-Ma babbo perchè te ne sei annato dall'istituto?
-Oh, m'ero stufato, nun gliela facevo più a stà lì dentro e volevo cambià
 vita!!
-Senti tu poi fà come te pare sei vecchio e pure mezzo matto e prima che
 lo diventi der tutto t'avemo portato dei documenti da firmà!
-Firmo tutto basta che nun me rompete li cojoni ma prima devo parlare
 con il mio avvocato...Darioooo!!
-Dimme Vincè che posso fà pe te?
-Leggi n'pò stà robba.
-Mhhh....qui ce vorrebbe er consulente...Achilleeeee!!
Achille letta la carta senza commentà e perde tempo prese la bacchetta, disse le solite parole fatte bene e....trasformò Anzelmo in un sacrestano der convento delli frati dato che er fjo de solito se giocava tutti li sordi alle machinette, n'vece Agata la trasformò in ballerina de lap dance perchè era sempre acida e parlava troppo infine Paolino dato che nun cjaveva voja de studià je levò li manga e lo trasformò in bibliotecario, tutto a posto i documenti a stà maniera erano stati firmati, li famigliari se ne annarono ognuno pe la propria occupazzione e la festa ricomiciò mejo de prima.
A stò punto sarete curiosi de sapè stà cavolo de bacchetta come funziona...dovete sapere che na vorta Achille n'gessò n'tipo strano, lui pe non fallo lamentà troppo lo n'gessò mentre cantava e poi la sera lo portò a casa sua pe na spaghettata e pe vedè n'firme de Arberto Sordi, me pare "Er marchese der grillo" l'ingessato fù così contento che pe ringrazziarlo je regalò na bacchetta e tutto er resto pe fà er mago, je disse solo de fà attenzione che li poteri cjavevano na scadenza e che doveva usalla a fin de bene questo  è quanto, quindi la festa pe nonno Vincenzo andiede avanti e alla fine della serata Achille lasciò casa sua tutta pe Vincenzo che passò la notte abbracciato co la bellona nun ve potemo dìì quello che successe tirate voi le conclusioni  alla matina dopo Nonno fece colazzione cor zabbaione!

Ar bongiorno Achille se presentò cò ciambelle zuccherate e cornetti calli c'era n' ber sole e la giornata era tranquilla ar turno de notte n'ospedale nessuno s'era rotto pe fortuna e prima de ritornà Achille ebbe  per nonno Vincenzo n'penziero anzi ne ebbe due.
-Nonno sai che me piacerebbe?Che te campassi cent'anni, sai che famo ar centenario tuo? Famo na grande festa, chiamamo er Messaggero fotografi n'giornalista che scriverà n'articolo per giornale, guarda se volemo rovinà, chiamamo pure la televisione eh, che ne dichi?
-Fjo mio te ringrazzio forze è mejo vive alla giornata nun famose illusioni
 ogni giorno che passa è n'giorno strappato alla morte, nun campamo
 n'eterno e poi sai com'è quanno te fai vecchio diventi n'peso e mettece pure che sei tutto n'dolore, te cala la vista, cjai er morale a tera e cominci a fà er conto all'arovescia tutti dicheno che quanno n'vecchi ritorni regazzino, boh io stà cosa nun l'ho mai capita, sarà che te senti trascurato, nessuno più te penza, quanno parli e vorresti di la tua opinione, statte zitto che sei vecchio da chi è più giovane te senti risponne e alla fine nun te vonno proprio sentì pe gnente è vero a volte er vecchio è n'pò rompicojoni, è petulante e criticone ma er fatto è che sulle cose c'è passato prima perciò ce sarebbe poco da festeggià si arrivassi a quell'età, eppure guarda che te dico, io sò convinto che ce deve esse na soluzione a risolve la questione dell'anziani, sì vabbè basterebbe mettece er core e fasse n'esame de coscenza, ma semo debboli e n'pò egoisti e così nun s'arriva mai a na conclusione, n'idea mannaggia la mignotta adesso nun me viene eppure sò sicuro che c'è n'modo pe campà fra giovani e vecchi in armonia, senza che noi vecchietti venimo scartati, emarginati e da tutti dimenticati, limortacci loro và tanto de moda la parola rottamazzione, ma nessuno capisce n'casso perchè la vita è come la rota, gira e a tutti tocca de n'vecchiasse, daje penzamo a quello che se potrebbe fà e mentre ce penzamo famme n'zuppà la ciambella ner cappuccino, daje tira fori quarche bella idea.
Achille immaginava e capiva la filosofia dell'anziano ma a questo punto ci voleva una trovata, n'quarcosa de rivoluzzionario.                                                         -Parlamo cò Valerio lui sì che se ne n'tende è uno che ha girato er monno, ha carattere scherzoso è tifoso della Roma e fà l'allenatore delle giovanili adesso lo chiamo sentimo che ce dice.
-Drin..drin...risponde la segreteria del mister Valerio  stò preparando gli schemi per la partita siete pregati di non disturbare lasciate un messaggio e sarete richiamati.
-A Valèè ma vaffanc.....se vedemo stasera da Tiziana alla scola de tango!

3
6
15

Colazione calda

COVID-26

30 March 2020

Mi sveglio intontito e ci metto un po' a capire che non è un sogno: il mondo è sconvolto dalla pandemia, ho perso il lavoro e non vedo la fidanzata da due mesi. Apro il frigo, vuoto. Devo uscire a fare la spesa: questioni di necessità. Indosso mascherina e guanti ed esco. Dal balcone la mia vicina [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
6
17

Disquisizioni

29 March 2020

L'estate sta finendo Così dicevano i versi di una canzone Non amo molto l'inverno, ma altrettanto vero che non amo le zanzare Mi piace il sole, ma se ci penso bene anche la neve è accogliente. L'acqua, quella no Non sono animale d'acqua e sul ghiaccio non sono di certo un maestro di equilibrismo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: Walter e Giuseppe...spaghetti? i miei preferiti..suggerisco u' purpitiello [...]

  • Sandro Amici: Non parlare di fiori in questo periodo. Pure i vivaisti, personaggi pacifici [...]

20
27
100

Piccola epistola alla mia donna

29 March 2020

Tesoro mio, in passato sai cosa mi disse colei che si riteneva la donna ideale? Mi promise che sarebbe stata per me una madre, una sorella, la mia migliore amica, la mia donna... ebbene, a parte che fallì su ogni lato, non voglio tutto ciò nel calderone del nostro amore. Guarda, una madre ce l'ho [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Ti stavo pensando proprio oggi e stavo per contattarti per sapere come stavi....ok, [...]

  • Patapump: Giusè e qua mi hai spiazzato. Una vera e propria dichiarazione, dove [...]

7
4
17

Il dottor Asociale

28 March 2020

Le serrande abbassate sui colori della strada non riuscivano a relegare fuori il resto del mondo. Sgattaiolando dalle intercapedini più in alto, lame di luce esterna infilzavano la penombra e andavano a spiaccicarsi contro lo scorcio di parete appena sopra la testiera del letto. Un trionfante fuoco [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Roberta21: Molto interessante...bravo

  • Patapump: Ottima descrizione dell'ambiente,tralasciata quella dell'amante volutamente. [...]

15
19
91

Il principe e i suoi princìpi

27 March 2020

Adoro la figura del principe, poiché per principio non cambia principio. Non importa se il principe risulti azzurro, bianco o arancione, l’importante è che abbia dei sani princìpi nonché si contraddistingua da altri principi che si credono dei principi, mentre in realtà di principe hanno ben poco, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ciao Giuseppe..per principio ho letto e gustato lo scritto. una prima parte [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Roberta: Ti ringrazio immensamente e mi fa piacere immensamente

    x [...]

3
4
10

Le cose da dire

27 March 2020

Sì tante. È vero, alcune volte meglio non dire niente Lo sguardo Una mano che sfiora la tua Il tuo profumo La bellezza tua interiore. La tua fisicità Forse basta solo una canzone Ascoltala...

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: La donna è come un libro che, buono o cattivo, deve piacere fin dalla [...]

  • Walter Fest: E vabbè...ma noi mica siamo Casanova eh!!

8
5
32

Una sera

26 March 2020

Quando Marcello Biraghi entrò in cucina, scoprì che il ragazzo di sua figlia sarebbe rimasto a cena. Era almeno il terzo ragazzo che Patrizia invitava a cena in due anni. Questo a Marcello sembrava di averlo già visto almeno un paio di volte e sua moglie era in grande confidenza. Lo irritava quell'attitudine [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: Eccola Manu. Brava. Raccontare di fantasmi che ritornano nella propria vita. [...]

  • Manuela Cagnoni: Grazie!! Sono contenta che vi sia piaciuto! Ormai sono abituata a scrivere [...]

5
10
23

L'esca

25 March 2020

La piccola Giusy fece penzolare le gambe sul molo e scagliò l'amo in mare. – Sei qui da due ore e non sei riuscita a prendere nemmeno un pesce. –, osservò il padre. – A dirla tutta vorrei catturare una balena –, gli rispose Giusy. – Che tipo di esca stai usando? –, domandò suo padre sorridendo. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
5
22

UN TIPO INSOLITO

25 March 2020

Quel tipo era insolito. Ormai non vi erano più dubbi. Già lo aveva pensato tantissimi anni prima, quando la vita li aveva fatti inaspettatamente incontrare. Lui le aveva mostrato il suo biglietto da visita durante l'incontro di lavoro. Lei nel riconoscere un nome del passato, cercando di ritrovare [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
18

La pillola Blu

Lettera a Riccardo. (Ispirata dal brano “Luci Blu” di Emma)

24 March 2020

Basta poco, sai? Un riflesso che prende vita sul vetro di una finestra, la parvenza di una luce lampeggiante proveniente da un auto in sosta vietata, una scia luminosa di quel colore “blu” che riattiva in me prepotentemente il ricordo di quella dannata sera. Se tornassimo a quel momento saprei [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Lavoro potente,maggiormente se poi vissuto. E continua a mordere i tuoi scritti. [...]

4
4
16

La lattina

23 March 2020

Fabio prese una lattina di coca cola dal frigorifero e l'agitò più volte. Nel soggiorno, nascondendo un sorrisetto, la porse a Nicole visibilmente imbronciata. La ragazza sbuffando gliela strappò dalle mani e, tirando la linguetta, la coca cola le schizzò addosso. Il ragazzo le baciò il viso, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: fine del litigio e l'inizio di altro. scherzi glucosici...ciao ciao

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Patapuimp, grazie anche a te. Mi ha fatto sorridere il tuo commento. Questo [...]

3
6
29

La penuria

23 March 2020

Abbiamo mai pensato alla rinuncia? A quel che costa; a quello che è costata? Abbiamo mai pensato alla mollica al centro dell’eruttata crosta dai forni al fischio di monelli allegri? Di come profumava ancora calda, quando, con dita nere cinerine mio nonno la spartiva in quattro parti: due, più grandi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su