LA PRINCIPESSA E IL SUO COMPAGNO

 

Nella Valle dei Girasoli viveva una giovane principessa. Era bella ed aveva gli occhi azzurri come il mare calmo nelle mattine d’estate. Se ne stava sempre rinchiusa nel suo piccolo castello dove, protetta da mura imponenti, trascorreva lunghe e vuote giornate. Ogni giorno, sul far della sera, si affacciava alla finestra della sua stanza e con lo sguardo sognante si perdeva nel tramonto. Nel cortile di sotto si radunavano per l’occasione tanti corteggiatori. Indossavano abiti eleganti, sospiravano e ognuno cercava di conquistarla promettendole ricchezze e onori, viaggi emozionanti ed esperienze meravigliose. Nessuno di loro sembrava però catturare la sua attenzione. Per questo la principessa continuava ad essere sola e sempre più spesso si interrogava su cosa desiderasse davvero. Intanto il tempo passava e sul suo bel viso presto scese un velo di malinconia.

Ma una sera di pioggia bussarono al portone del castello. Lei sentì qualcuno che entrando pronunciava forte il suo nome. Si sporse dal ballatoio interno che dava sull’ingresso e vide un giovane con i piedi piantati a terra e l’aria spavalda. Non era né bello né ben vestito, tuttavia le mille candele del lampadario appeso al soffitto lo ricoprivano di una luce dorata.

– Principessa, vieni con me! – le disse senza perdere tempo. – Fuori c’è un mondo che ha bisogno anche di te. –

Lei era confusa, a tal punto che all’inizio non riusciva nemmeno a guardare negli occhi quello sconosciuto comparso all’improvviso. Poteva ordinare di mandarlo via e tutto sarebbe ritornato come prima, ma non lo fece. Era molto diverso dagli altri corteggiatori. La invitava a dare, non le prometteva di avere. Non c’era condiscendenza nelle sue parole e facendo irruzione in quel modo, le aveva dato una scossa che non le dispiaceva affatto. Un tenue rossore le colorò le gote nel momento in cui i loro sguardi si incrociarono e lei decise di seguirlo. Fu così che andò via, tra lo stupore dei cortigiani ed il gran fragore del portone che si richiudeva.

La principessa ed il suo nuovo compagno iniziarono a girare per le strade della valle, quelle che non si scorgevano nemmeno dalla torre più alta del castello. Passarono in piccoli villaggi dove la gente viveva ammassata in povere capanne. Si imbatterono in una ragazza di strano vestita che vendeva compagnia e tenerezze: aveva gli occhi azzurri come quelli della principessa ed era bagnata dalla pioggia. Incontrarono uomini cenciosi dalle lunghe barbe che si portavano dietro la loro casa chiusa in poche buste di plastica; giovani con le vene scoperte che si abbandonavano a gesti di morte; anziani che camminavano come ubriachi in compagnia di ricordi lontani; bambini offesi e genitori assenti. Fango e dolore venivano giù dal cielo, rendendo la notte più buia e tenebrosa. Il suo compagno si fermò e diede una carezza alla ragazza bagnata, ebbe una parola di conforto per gli anziani, raccontò una favola ad un bimbo triste e sorresse un giovane che non riusciva più a camminare da solo. E come il suo compagno, anche altre persone che lei non aveva mai visto a corte facevano lo stesso.

La principessa era sconvolta. – È tutto così il mondo fuori dal mio castello? – domandò.

– È anche questo – le rispose il compagno. – E quando i sogni si fanno grandi, aiutare chi ne ha bisogno è il modo migliore per realizzarli. Non conosco strade diverse per giungere alla felicità. –

– Torniamo indietro – gli gridò. – Questa vita non mi appartiene. –

– Va bene – le rispose lui ed in breve furono di ritorno.

– Non pensarmi più – le disse prima di separarsi da lei.

– Aspetta! – gridò la principessa, a lui che stava per allontanarsi. – Cosa dovrò fare per chiamarti un giorno, se lo vorrò? –

– Guarda in fondo alla tua anima, – le rispose – e se deciderai di tendere una mano ai più poveri e sfortunati, io lo capirò. Allora verrò di nuovo a prenderti e ti porterò via con me. –

L’indomani il cielo era tornato sereno. Nella stanza della principessa c’erano ancora le impronte di fango che aveva lasciato la notte precedente. Pensava e ripensava al suo compagno di viaggio, alla gente che aveva visto, a chi soffriva e a chi si prodigava per aiutarli. Alla fine concluse che era la vita di corte quella che non le apparteneva. Già trovava insopportabili il silenzio e la tranquillità del castello, adesso che sapeva che oltre quelle mura c’era tanto da fare e capiva che i suoi sogni erano diventati grandi.

A sera i corteggiatori della principessa della Valle dei Girasoli attesero invano che lei si affacciasse alla finestra. Le sue damigelle dissero di averla vista scomparire nei campi, tra i fiori, dopo aver udito bussare con decisione al portone del castello.

 

FINE

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

3
1
12

Il mio sole

25 October 2020

È inutile che ti nascondi Continui a splendere comunque Ti ammiro da lontano ogni volta sorpreso dalla luce che fai piovere intorno a te Troppo in fretta o troppo tardi Con te è così il tempo non ha confini ma sembra durare poco Sempre un passo avanti A volte mi succede di pensarti a bocca aperta [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
3
21

Solitudine

25 October 2020

Ecco questa è Simona del primo piano che scende a buttare l'immondizia sperando di incrociare il marito della signora della scala A, tra poco sono le 9 scende anche Piero che va a fare la spesa per la mamma, qualche volta è passato anche da me chiedendo se volessi qualcosa... mi sono vergognata. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Piacevole..e felice di poterti leggere .Ricky

  • Bibbi: Carissimo Giuseppe grazie , ho trovato estrema difficolta nel ricominciare [...]

3
6
14

UN PENSIERO PER ME

24 October 2020

Inizia con un sorriso in un giorno disperato. Sola nel mio letto, respiro come distesa fra bianche betulle. Sento assottigliarsi la linea di confine fra la mia pelle e il mondo che racchiude. Così trasparente da vederci dentro come in una boccia di vetro per pesci. Ci ritrovo tempeste di paura [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
16

LA MOGLIE E IL CANE

24 October 2020

Adesso prendete vostra moglie, e senza alcun preavviso chiudetela nel bagagliaio della macchina per almeno mezz'ora. La sua reazione sarà tempestiva: comincerà a sbraitare, a insultarvi, a darvi del pazzo criminale, a minacciarvi, a sbattere i piedi e i pugni contro l’interno della carrozzeria [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: ho già letto varie versioni dello stesso brano su Facebook, gira già [...]

5
8
24

Il libro capovolto

24 October 2020

"Per favore, non farlo!", sussurra il bibliotecario. "Non fare cosa?", domando stupito. "Non capovolgere il libro tenendolo aperto." "Perché no?" "Ti possono cascare tante di quelle cose..." "Tipo cosa?" “Virgole, parole, frasi... nella peggiore delle ipotesi persino i personaggi." Il tizio sembra [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ottimo Giuseppe, piaciuto tanto, forse un po meno all'autore che si è [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Ricky, più che capovolgere la situazione... l'io narrante [...]

4
3
36

Teletrasporto

Incipit per un romanzo che mai scriverò

23 October 2020

Non so come, ma mia figlia si ritrovò in un attimo dentro un quadro di Salvator Dalì. Avevo lasciato il mio teletrasporto puntato verso la copertina del libro «Storia del Surrealismo dei primi del XX secolo», un tomo della Taschen di 400 pagine che avevo messo ben in mostra sullo scaffale della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Vanessi, con questo brevissimo racconto sai come catapultare, pardon teletrasportare [...]

  • V A N E S S I: Vero. Una casa di produzione me l'ha pure suggerita l'idea... m a h 😉😇

2
3
20

Senza

23 October 2020

Nel confine tra un tempo scaduto ed uno sconosciuto ho visto briciole di stelle ricoprire sogni abbandonati Nuvole figlie del vento conservavano nel cuore racconti sussurrati nelle notti in riva al mare Sfidavo la pioggia ai bordi del bosco mentre ti avvicinavi lentamente come nebbia [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
2
15

La mongolfiera - 2/2

23 October 2020

La spinta ascensionale maggiore la si aveva quando la temperatura esterna rispetto a quella contenuta nel pallone era molto differente. Piegata la cesta e adagiato il pallone, iniziavo a immettere gas col bruciatore al suo interno. E dolcemente prendeva forma. Salito sulla cesta, tramite una cordicella [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Eccomi, letta anche la seconda parte e posso trarne una disamimina completa.
    "La [...]

  • Patapump: eh si..quando si cerca di contenere lo scritto, come accade per le emozioni [...]

2
2
19

In che senso?

22 October 2020

Il revanscismo parassitario antiderapante, coniugato con l'ovalizzazione logorroica del percolato monosodico di tipo carmelitano scalzo, si estrinseca prevalentemente nel cicaleccio, preserale del gorgoglio idraulico sottomarino, riversando, ahimè, la perequazione polarizzata unicamente nella coagulazione [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
8
25

L'anima

22 October 2020

Ho esalato l'ultimo respiro. Buio. Interminabili secondi con il continuo chiedermi se sprofonderò nell'oblio senza fine oppure se la cosiddetta vita dopo la vita è una realtà concreta. Che cosa mi sta succedendo? Avverto una vibrazione potentissima. Mi sto sopraelevando. Non ho paura semmai quell'autocontrollo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
11

La mongolfiera - 1/2

22 October 2020

Quel giorno era perfetto. Il vento soffiava dalla direzione giusta. Sarebbe stata la gara migliore della mia vita, ne ero certo. Mi allenavo da parecchio tempo e non potevo mancare quella vittoria. Quella che dovevo affrontare era una competizione che avveniva ogni due anni nello stato dell’Arizona. [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Di un po', sei un fan di Jules Verne? :-)
    Ho appena letto la prima [...]

  • Patapump: amavo Verne da giovane, con le sue 20.000 leghe. yanke certo, sapevo avrebbe [...]

3
2
33

Occhi distanti

21 October 2020

"Il cielo è greve, la pioggia cade con insistenza accompagnando il primo buio della sera. La finestra serrata e immobile gioca con l’alito velato del mio respiro; l’accoglie e lo dissolve per poi accoglierlo per attimi ancora. Non ho misura certa di questa malinconia, che a volta viene a cercarmi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Componimento nel quale un forte registro introspettivo risulta fortemente espresso, [...]

  • Roberto Anzaldi: Ciao, Giuseppe. Potresti registrare all'Accademia della crusca, come neologismo, [...]

Torna su