LA PRINCIPESSA E IL SUO COMPAGNO

 

Nella Valle dei Girasoli viveva una giovane principessa. Era bella ed aveva gli occhi azzurri come il mare calmo nelle mattine d’estate. Se ne stava sempre rinchiusa nel suo piccolo castello dove, protetta da mura imponenti, trascorreva lunghe e vuote giornate. Ogni giorno, sul far della sera, si affacciava alla finestra della sua stanza e con lo sguardo sognante si perdeva nel tramonto. Nel cortile di sotto si radunavano per l’occasione tanti corteggiatori. Indossavano abiti eleganti, sospiravano e ognuno cercava di conquistarla promettendole ricchezze e onori, viaggi emozionanti ed esperienze meravigliose. Nessuno di loro sembrava però catturare la sua attenzione. Per questo la principessa continuava ad essere sola e sempre più spesso si interrogava su cosa desiderasse davvero. Intanto il tempo passava e sul suo bel viso presto scese un velo di malinconia.

Ma una sera di pioggia bussarono al portone del castello. Lei sentì qualcuno che entrando pronunciava forte il suo nome. Si sporse dal ballatoio interno che dava sull’ingresso e vide un giovane con i piedi piantati a terra e l’aria spavalda. Non era né bello né ben vestito, tuttavia le mille candele del lampadario appeso al soffitto lo ricoprivano di una luce dorata.

– Principessa, vieni con me! – le disse senza perdere tempo. – Fuori c’è un mondo che ha bisogno anche di te. –

Lei era confusa, a tal punto che all’inizio non riusciva nemmeno a guardare negli occhi quello sconosciuto comparso all’improvviso. Poteva ordinare di mandarlo via e tutto sarebbe ritornato come prima, ma non lo fece. Era molto diverso dagli altri corteggiatori. La invitava a dare, non le prometteva di avere. Non c’era condiscendenza nelle sue parole e facendo irruzione in quel modo, le aveva dato una scossa che non le dispiaceva affatto. Un tenue rossore le colorò le gote nel momento in cui i loro sguardi si incrociarono e lei decise di seguirlo. Fu così che andò via, tra lo stupore dei cortigiani ed il gran fragore del portone che si richiudeva.

La principessa ed il suo nuovo compagno iniziarono a girare per le strade della valle, quelle che non si scorgevano nemmeno dalla torre più alta del castello. Passarono in piccoli villaggi dove la gente viveva ammassata in povere capanne. Si imbatterono in una ragazza di strano vestita che vendeva compagnia e tenerezze: aveva gli occhi azzurri come quelli della principessa ed era bagnata dalla pioggia. Incontrarono uomini cenciosi dalle lunghe barbe che si portavano dietro la loro casa chiusa in poche buste di plastica; giovani con le vene scoperte che si abbandonavano a gesti di morte; anziani che camminavano come ubriachi in compagnia di ricordi lontani; bambini offesi e genitori assenti. Fango e dolore venivano giù dal cielo, rendendo la notte più buia e tenebrosa. Il suo compagno si fermò e diede una carezza alla ragazza bagnata, ebbe una parola di conforto per gli anziani, raccontò una favola ad un bimbo triste e sorresse un giovane che non riusciva più a camminare da solo. E come il suo compagno, anche altre persone che lei non aveva mai visto a corte facevano lo stesso.

La principessa era sconvolta. – È tutto così il mondo fuori dal mio castello? – domandò.

– È anche questo – le rispose il compagno. – E quando i sogni si fanno grandi, aiutare chi ne ha bisogno è il modo migliore per realizzarli. Non conosco strade diverse per giungere alla felicità. –

– Torniamo indietro – gli gridò. – Questa vita non mi appartiene. –

– Va bene – le rispose lui ed in breve furono di ritorno.

– Non pensarmi più – le disse prima di separarsi da lei.

– Aspetta! – gridò la principessa, a lui che stava per allontanarsi. – Cosa dovrò fare per chiamarti un giorno, se lo vorrò? –

– Guarda in fondo alla tua anima, – le rispose – e se deciderai di tendere una mano ai più poveri e sfortunati, io lo capirò. Allora verrò di nuovo a prenderti e ti porterò via con me. –

L’indomani il cielo era tornato sereno. Nella stanza della principessa c’erano ancora le impronte di fango che aveva lasciato la notte precedente. Pensava e ripensava al suo compagno di viaggio, alla gente che aveva visto, a chi soffriva e a chi si prodigava per aiutarli. Alla fine concluse che era la vita di corte quella che non le apparteneva. Già trovava insopportabili il silenzio e la tranquillità del castello, adesso che sapeva che oltre quelle mura c’era tanto da fare e capiva che i suoi sogni erano diventati grandi.

A sera i corteggiatori della principessa della Valle dei Girasoli attesero invano che lei si affacciasse alla finestra. Le sue damigelle dissero di averla vista scomparire nei campi, tra i fiori, dopo aver udito bussare con decisione al portone del castello.

 

FINE

4
8
18

I maglioni

26 May 2019

Quando ero bambino, precisamente a nove anni, ricordo che a Natale, mentre eravamo a pranzo dai miei zii nella casa di campagna, mia nonna materna, anziché comprarmi dei completi invernali con tanto di scarpe come solitamente faceva ogni anno, mi regalò una serie di orrendi maglioni già detestati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
11

STO SCHERZANDO

26 May 2019

sono esausto della noia nera, vischiosa di fango sto scherzando vorrei lacerarmi il carapace duro delle esperienze sto scherzando desidero creare bellezza poi affettarla usando il rasoio dell'ovvio sto scherzando vorrei smettere di scherzare ma non si guarisce io ho un girone tutto mio e [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • flavia: Peccato non essere invitati, chissà se lo scontro col mio carapace provocherà [...]

  • Francesca: Ho un girone tutto mio.. mi piace

4
17
33

Lettera aperta a tutti gli scrittori

amici di scrittura

25 May 2019

Cari amici, noto che da qualche tempo c'è una grande indifferenza tra voi. Siete tutti molto bravi, m un po' restii a commentare gli altri e non venitemi a dire, come già disse qualcuno: Io scrivo per me e non m'importa degli altri. Non è vero, è solo una scusa campata in aria perché se scriviamo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
14

Sei

25 May 2019

Sei vento nei miei occhi. Mi accechi di passione. Sei turbine di note. Incantesimo segreto profumo di mare d'inverno. Sei un racconto da leggere senza pause sei l'istante aspettato. Sei l'inspiegabile bellezza sei parole sconosciute. Sei lo spettacolo sognato il calore del cuore. Sei il desiderio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
7
20

Butta la cicca nel cesso

Adesso

24 May 2019

Butta la cicca nel cesso , fallo adesso, sbrigati! Oppure mettiti gli occhiali non vedi la scritta enorme sul pacchetto ? Che aspetti? Ti manca il fiato, brucia la gola, butta la cicca nel cesso, tieni la tosse e puzzi che accori (Romanesco slang). Ancora non sei convinto? Dici che è un vizio, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • flavia: Voglio farvi notare che Verdone ama molto se stesso e fuma solo per esigenze [...]

  • Roberta21: Fantastico 🔝

4
4
16

Goccia dopo goccia

Dedicato a Patricia

24 May 2019

Prima goccia. Seconda goccia. Terza goccia. Il liquido inizia a scorrere nelle mie vene, per ora non sento alcun beneficio né disturbo. L’infermiera sussurra qualcosa a Rossella, la mia amica più fedele che ha scelto di starmi accanto. Non sento bene ma, da come le accarezza il braccio, sembra [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
1
5

Parodia de "L'italiano" di Toto Cotugno

23 May 2019

Buongiorno Italia con la carie ai denti/ con dei politici un po' deficienti/ col cellulare sempre nella mano destra / e quattro salti al suono di un'orchestra / Buongiorno Italia devo dire basta a tutti quelli che han le mani in pasta/ ai falsi invalidi ed ai furbetti che al mattino si fan timbrare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
13
25

Scarpe vecchie

23 May 2019

L'ultimo regalo che mi fece papà furono degli scarponcini di una marca americana. Una sera tornai a casa dal lavoro e mi porse la scatola che li conteneva. Non disse da dove venivano. Li aveva acquistati per ringraziarmi di averlo scarrozzato in giro con l'auto negli ultimi mesi. Li trattai come [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

7
7
22

Messaggio in bottiglietta

22 May 2019

Ho scritto su un pezzo di carta e, arrotolando a dovere, l'ho inserito dentro una bottiglietta, sigillando con un tappo di sughero. Non si può certo dire che sia al massimo della forma, ragion per cui è meglio che mi sbrighi, sennò finisce che lascio perdere. Perché ho deciso di fare questo? Mi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
11
25

Brutta esperienza - 2/2

pedofilo

22 May 2019

Pensando che dormissero ancora entrò in casa senza fare rumore e subito sentì il pianto della bambina. Si affrettò verso la cameretta ma davanti al grande specchio dell'ingresso si fermò inorridita. Quello specchio lo avevano messo lì apposta pe controllare il sonno della bambina senza disturbarla, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • flavia: ok Walter ti tengo d'occhio

  • ducapaso: ho conosciuto più di una donna che nell'infanzia ha subito la stessa [...]

5
6
19

Brutta esperienza - 1/2

pedofilo

21 May 2019

Elvira e Giacomo, due anziano coniugi, sessantaquattro anni lui, sessanta lei, percorrevano i loro quarant'anni di matrimonio con la rilassatezza tipica della noia dovuta all'abitudine e dall'usura del troppo tempo passato insieme. Non avevano avuto figli. L'unica sorella di Elvira, Emma, molto [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Walter Fest: Flavia mi hai sorpreso ancora una volta, dovevi proprio essere incazzata al [...]

  • flavia: Caro Walter questo è il racconto che non ti darebbe piaciuto vedrai [...]

5
5
22

12 maggio 2019

Festa della mamma

21 May 2019

Grazie a tutti per i miei messaggi, emotion, pensieri e video che mi avete inviato, scusate se non ho ancora risposto ma sono stata un po' impegnata. Stamattina, dopo aver preparato la colazione per tutti, ho attaccato la lavatrice, ritirato i panni dallo stendino, stirato, riordinato i cassetti, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: É una missione dettata dalla natura, un compito duro ma necessario e [...]

  • Francesca: Ciao Walter e grazie. Anche se non sempre è facile essere madre è [...]

Torna su