«Carlo, tu che lavori nel settore, si sa niente del rapimento di Faber e Dori»

«niente di nuovo, li stanno cercando, ma sono passati solo quattro giorni e i poliziotti oltretutto giocano fuori casa, tra i monti non li troveranno mai»

«che cavolo, speriamo che ce li ridiano presto!»

«non mi far pensare al lavoro, mi sono ritagliato questa giornata per stare tranquillo!»

«era ora che ti facessi rivedere qui, da qualche anno ormai eri sparito, sei diventato famoso nei giornali musicali e stai alla larga dagli amici»

«Sandro, eri un coglino, ora per fortuna sei cresciuto, diventando un grandissimo coglione!»

ridono come ai vecchi tempi, la complicità non c’è più, la vita li ha divisi, ma l’affetto è rimasto inalterato

«il sor Alvaro?»

«e chi l’ammazza quello, combatte sempre con i ragazzini che rompono, invece Italo è morto, aveva appena raggiunto la pensione, poraccio»

«mi dispiace, era molto amico con mio nonno, è morto anche lui nel ‘74»

«non cominciamo, sennò riempiamo il cimitero»

Il Juke-box antiquato del sor Alvaro inizia a gracchiare, la chitarra di Alan Sorrenti anticipa la sua voce in “tu sei l’unica donna per me”, il successo dell’estate

«finalmente qualcuno ha messo le du’ piotte»

«manchiamo solo noi che rigiochiamo a biliardino, che ne pensi?»

«lascia perdere, se ci provo adesso mi slogo un polso»

«andiamo al bar, ci mettiamo seduti rilassati, non voglio sentire casino, non sei per niente abbronzato, come mai?»

«veramente quest’anno ho seguito i concerti di Dalla e De Gregori, non ho avuto il tempo di andare al mare, fra 10 giorni già ricomincio, c’è Patti Smith a Firenze, faccio parte degli accreditati, quindi oggi dovrò prendere tutta l’abbronzatura di quest’anno»

Nel frattempo la musica finisce, per un po’ nessuno sembra voler ascoltare qualcos’altro, finché delle note antiche riecheggiano dal passato

«acqua azzurra, acqua chiara, chi è arrivato, Matusalemme?»

«beh, ha solo dieci anni, non è proprio antica»

«Carlé, guarda quella che sta scendendo dalle scale»

«la smetti di guardare le cosce dal basso, ancora non t’è passata, fra un po’ la stessa che scende la vedrai nuda al mare»

«sì, ma questa è bona, non è questione di cosce, fai prima a dire quello che non ha di splendido, forse un unghia incarnita… oh cavolo, sta venendo da questa parte, mi vuole rimorchiare»

«ti piacerebbe»

Carlo si gira mentre lei borbotta…

«voi due non fate mai un cavolo, che vite sprecate!»

Lui la guarda e…

«Lauretta, sei tu?»

Sandro, senza togliere gli occhi dalla sua visita ginecologica

«Laura? La secca?»

«No, Laura la gnocca»

«ma non era sparita da qualche anno?»

«che ne so, io sono anni che non vengo qui»

«la smettete di parlare tra di voi come se non ci fossi?»

«è tua l’idea di “acqua azzurra”?»

«certo, mentre scendevo vi ho visti e sono andata a cercare qualcosa di adatto»

Sandro alza il ditino

«quindi l’hai fatto per me, sono anni che ci conosciamo, quando me la dai?»

«se inizia a nevicare ti porto dietro le cabine e ti violento, è l’unico modo che ho per eccitarmi, mi dispiace»

«cos’è, un modo elegante per dirmi di no?»

«ovvio, eri coglino all’epoca, ora sei cresciuto»

«ma vi siete messi d’accordo? Io vi ho creati ed io vi distruggo!»

Laura si mette seduta con mossa studiata, sotto il prendisole ha il costume, sembra una dea, accavalla la gamba sinistra sulla destra, subito tutti e due piegano la testa verso destra

«ragazzi, posso anche aiutarvi, ho il costume sotto, non sono il paginone centrale di Playboy!» nel dirlo si toglie il prendisole e rimane in costume, mentre Sandro studia ogni centimetro del corpo di lei, cercando cambiamenti Carlo interviene

«perché ci hai messo così tanto ad arrivare?»

«scusami, vengo da Milano, l’aereo è atterrato un’ora fa, ci ho messo più tempo da Fiumicino a qui che tutto il volo, poi il tempo per cambiarmi prima di scendere, prima di così era impossibile»

«ma perché, avevate un appuntamento?»

«sì, fissato esattamente dieci anni fa»

«quando ve lo siete detto? Io all’epoca ero sempre con voi»

«non ce lo siamo detto, l’abbiamo pensato in questi anni»

«voi mi fate paura, fate parte di una setta di adoratori del biliardino?»

«si, dobbiamo finire una partita, stavamo 7 a 4»

«gli ultimi due non erano validi, gli stavi facendo guardare le tette per distrarlo»

«non l’avevo fatto apposta» girandosi verso Carlo «credimi»

«lo so, non ho mai pensato il contrario»

«grazie»

Sandro ci guarda, poi…

«io vado a fare il bagno, mi sembra di capire che sono di troppo»

nessuno risponde, ma lo sguardo che arriva gli fa capire di aver indovinato, il sottofondo è tornato adeguato all’epoca, Adriano Pappalardo intona “ricominciamo”

«ricominciamo?»

«da dove abbiamo finito quel pomeriggio? Meglio di no, tu eri arrapato»

«e chi ti dice che adesso non lo sia? Guardarti smuoverebbe anche il Mosé di Michelangelo»

«lui è avvantaggiato, ce l’ha di marmo!»

Ridono mentre Sandro li guarda perplesso allontanandosi

«perché hai pensato che oggi sarei venuta? Ci siamo visti per altri due anni da allora»

«finì il momento magico, poi tu avevi due anni più di me, a quell’età sono letali»

«e adesso?»

«sei tu quella adulta, mi vedi come un ragazzino?»

«ormai non più, in effetti sei cresciuto bene, ma ti confesso che già lo sapevo, leggo tutte le tue interviste, guardo quelle in video, mi appassiona quello che fai»

«grazie, io invece non ho più saputo niente di te, oggi sono venuto qui solo perché se non l’avessi fatto me lo sarei chiesto tutta la vita, ma non pensavo venissi»

«anche a me sembrava un’idiozia, all’epoca era solo un gioco, non un filmetto americano, mancava solo che un sottofondo di violini ci accompagnasse in quest’incontro»

«per questo hai messo Battisti come aiuto»

«elementare Watson!!» lui la guarda negli occhi, per qualche secondo il silenzio è interrotto solo da Umberto Tozzi che sta cercando Gloria

«ti va di passeggiare sulla spiaggia?»

«ai suoi ordini signor Carlo»

«mi obbedirai in tutto e per tutto?»

«sì, mio padrone» i suoi occhi meravigliosi vogliono solo giocare, non un’ombra di malizia li offusca.

S’incamminano sul marmo al centro dello stabilimento, segue la parte in bambù, poi inizia la sabbia caldissima, lui la prende per mano e corre verso l’acqua per rinfrescarsi, le mani rimangono intrecciate come per un tacito accordo, lo stesso tacito accordo che li spinge verso la parte sinistra della spiaggia… verso la spiaggia libera… verso i cespugli, arrivano allo stesso punto dove dieci anni prima lui piangeva a dirotto.

Laura, falsamente drammatica

«perché mi avete portata qui messere, volete attentare alla mia virtù?»

«giammai madamigella, ho solo l’impellente bisogno che sia rimosso il sigillo che mi ha legata a voi per dieci anni»

«quindi voi vorreste liberarvi di questa brutta megera che vi ha fatto un incantesimo! Vi ha fatto così tanto ribrezzo rimanere col pensiero rivolto a lei in questi anni?»

«mi è costato tante diottrie ed un’incapacità imperitura nel vedere il bello altrove, ogni volta c’era sempre la vostra immagine perfetta che faceva in modo che io desistessi»

«capisco, volete quindi eliminare il mio ricordo per darvi modo d’insidiare altre fanciulle»

«no, voglio che siate voi a decidere, se desiderate che il mio cuore diventi vostro possedimento, vogliate per favore dare un nuovo suggello in cotal senso, se desiderate abbandonarmi per sempre, permettete che io possa dimenticarvi»

«insomma ragazzino, mi hai bellamente incastrato, in un modo o nell’altro mi vuoi baciare, quale sarebbe la differenza»

«se il bacino sarà lo stesso di allora, io sarò libero»

«e se fosse un French Kiss?»

«non ti libererai di me così facilmente»

Da lontano i Bee Gees urlano “Tragedy”, il barcone della “bellissima lunga gita in alto mare” è stato riverniciato, ma è sempre lo stesso, Sandro è impazzito per due svedesine in vacanza, non riesce a decidersi, loro lo stuzzicano, finirà sicuramente in bianco, finché non si deciderà a scegliere il prodotto interno che è pronto a donargli tanto amore… ma a proposito, il bacio tra quei due com’è stato?

 

Tutti i racconti

1
4
9

Ricordi della mente e del cuore

Ricordare per rivivere.

19 July 2024

A me piace ricordare e raccontare- Sfogliare nella biblioteca della memoria quante più pagine possibili per poter rivivere momenti che mi stanno a cuore. Attimi di gioia. Periodi tristi, che se sia pur spiacevoli, ti hanno fatto crescere e maturare. Rovistare tra oggetti di grande valore affettivo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • An Old Luca: I giovani li ho sul cuore.
    Vittime delle generazioni precedenti che
    - [...]

  • Adribel: Che belle riflessioni, e che bei tempi quelli andati. Grazie per quello che [...]

4
1
11

Il fotografo

19 July 2024

All'improvviso, l'ignaro soggetto dai lunghi capelli rossi come il melograno, nel mentre cammina sorridendo con le braccia alzate verso il cielo tramontante, si ritrova in una posa non voluta. È il momento perfetto per il click di una Polaroid da cui seguirà la magia di uno scatto. Il timido fotografo, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
1
7

In volo con le rondini verso l'Africa - 1/2

19 July 2024

Mi chiamo Olindo e la storia che sto per raccontarvi ha dell’incredibile, ma l’ho vissuta per davvero, ed è stata l’esperienza più bella della mia vita. Avevo compiuto otto anni da pochi mesi, non so come accadde, ma il fatto è che un bel giorno mi ritrovai magicamente a vivere nel corpo di una [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

1
4
20

Vergini "saggie'

18 July 2024

Qualcuno tra le mie conoscenze mi inserisce in una chat WhatsApp intitolata "Vergine saggie", con la i. Non so cosa ci sia di saggio a restare vergine ma per rispetto verso l’immagine della Madonna che anche se sono buddista, mi sta simpatica, non dico nulla. I giorni passano e non sembrano molesti. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Ellissa: Grazie!!Ho messo il "segui" a tutti e due. i miei primi due "segui"!
    Io [...]

  • Adribel: Ma è un fatto vero? Comunqie apprezzo la capacità di scrivere [...]

1
2
9

Due amici liberatesi dalla convenzione matrimoniale

L'importanza di una drastica soluzione

18 July 2024

Davide alzò la mano in segno di saluto prima di salire sull'autobus gridando: "Ci vediamo domani sera alle 20 al Festaiolo- Ti raccomando Michele non mancare!" Il Festaiolo era un locale, ristorante bar e pizzeria, posizionato in un quartiere popolare di Napoli, (purtroppo ha chiuso definitivamente [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
3
14

La gioia

18 July 2024

Riflessioni notturne Dario Mazzolini Chi mi conosce sa che dormo molto poco. Fin da piccolo ho avuto questa brillante caratteristica nonostante i litri di camomilla e tisane varie, che mia madre mi propinava sperando in una positiva soluzione. Nulla da fare le cose non sono cambiate e tutt'ora [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rubrus: Fonte: Treccani vocabolario lemmi correlati. La gioia è un’emozione [...]

  • Ecate: Gioia e felicitá sono sicuramente due cose diverse. La prima é [...]

0
3
15

Mater Lacrimarum

17 July 2024

Mater Lacrimarum Maria fin da piccola aveva un immenso dono: piangere le lacrime dei moribondi, così che con gli occhi tersi potessero trovare direttamente la strada del Paradiso, certa, inspiegabilmente, che quella fosse la destinazione per tutti. Cosi anche quel giorno, con un velo che le incorniciava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: 👍🙋🏼♀

  • U1646: La morte di una madre genera profonda sofferenza. La morte restituisce la vita, [...]

0
0
16

Treno2

17 July 2024

Quella frase: " dove ti porta il cuore " Che aveva sentito mille volte in TV e che si era calata nel profondo della sua psiche tanto turbata dalla intensità della pulsione che l'incontro con Monica, aveva destato in lui. Dove l'avrebbe portato il suo cuore? Sarebbe infine stato disposto [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

1
2
16

L' esercito delle formiche

racconto in prima persona

17 July 2024

Una decina di anni fa, mi trasferii in un paese a circa 60km dalla mia casa di origine. Per lavorare. Non avevo 1€. Cioè non è per dire eh. Proprio non avevo nemmeno 1€. Praticamente maneggiava più soldi il Dalai Lama in ritiro spirituale in una grotta in Tibet. Un lavoro a dir poco [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rubrus: Chi non ha mai osservato, specie da piccolo, le formiche? Può essere [...]

  • Edmondo Lubeck: È vero, che bella sensazione mi hai ricordato.

    Le formiche [...]

1
1
9

Cieli Per Occhi

16 July 2024

Nella cinta muraria della nostra riservatezza, gelosamente custodiamo l'essenza inconfessabile del nostro recondito essere, inaccessibile agli sguardi profani e aspettativi della ressa. Ma ciò che effondiamo nell'etere celeste, attraverso le sue incessanti metamorfosi, diviene un sublime [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
0
8

UN CIELO SENZA STELLE

RIFLESSIONI

16 July 2024

## Un cielo senza stelle Sotto un cielo notturno, fitto di stelle che scintillavano come diamanti sparsi su un velluto blu, Mario sedeva su una panchina di legno, assorto nei suoi pensieri. La sua pancia prominente si appoggiava contro lo schienale, quasi a volersi confondere con l'oscurità della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
4
11

La guerra in testa 04/04

16 July 2024

Le guardie del corpo alzano i fucili e prendono la mira, ma i due criceti iniziano a correre per tutto il Ced e non dovendo sottostare alle leggi di gravità, riescono a correre sulle pareti, sul soffitto, riescono perfino a saltare da una testa all'altra degli addetti. "Via via via via, scappa [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

Torna su