14 Febbraio, giorno di San Valerio, emh, San Valentino. Da buon innamorato e rispettoso, per non dire obbligato, dalla ricorrenza in questione mi è venuta la brillante idea di portare Francesca, la mia fidanzata, a mangiare fuori nientepopodimeno che allo Château Mignotteaux, presumibilmente il miglior ristorante francese di Genova, anche perché l'unico. E pensare che inizialmente quel "Mignotteaux" mi aveva fatto pensare a qualche zozzeria.
A ogni modo, questa raffinata iniziativa probabilmente mi costerà un bel po'. Vabbè, fanculo i soldi sani e i soldi spicci, si vive un volta sola e... si magna una volta sola, cioè lì, qualora il cibo non dovesse essere di nostro gradimento. Sui piatti francesi i pareri risultano discordanti, quel che è certo è che la cucina transalpina si discosta da quella alpina. Proviamo, dai.
Il mio amore accoglie con entusiasmo il voler andare in un posto diverso dalla solita pizzeria o nella abituale trattoria e mano nella mano ci avviamo nei Caruggi.

Senza troppa difficoltà giungiamo davanti al locale in perfetto orario dal momento che avevo prenotato per le 21:00 entriamo. È un bellissimo ristorante, non c'è dire, stile Reggia di Versailles, tuttavia la vera prova del nove sarà dopo. Così sarebbe come giudicare un libro dalla copertina.

Ad accoglierci un cameriere vestito di bianco e dal gilet laminato oro che si mette a parlare in francese. In italiano no, eh? Mi accontenterei persino del ligure stretto. Da segnalare che di "cugino" non ha un kaiser visto che ha un aspetto orientale. Mah!
Con il mento ci indica un tavolo libero. Ah, è questo il famoso galateo francese?
L’individuo riprende a esprimersi in françois con i suoi purquà, sivuplè, assiet…
E ci assettiamo! Il serveur asiatico si allontana e ne arriva un altro. Stavolta caucasico e forse forse è un franco originale. È alto, magro, bruno, dalla  pelle chiara, sguardo da duro e dal completo blu. In posizione di attenti tiene il menu sotto braccio a mo' di fucile d'assalto a tracolla. Il tizio sembra uno di quei gendarmi di guardia all’Arco di Trionfo.
«Maresciallo!», esclamo con uno scherzoso saluto militare. Francesca, sogghignando mi da un colpetto alla gamba, come a volermi indicare di non fare il cretinotto.
Il "milite", a differenza del loquace collega precedente non dice una parola e prima di congedarsi (non inteso dal servizio) si limita a lasciarci il menu. Ma poi perché non ce ne ha dati due? Miiiiiii!!!!!!
È tutto stilato in francioso. Me lo immaginavo.
Potremmo farci aiutare tramite internet per orientarci sulla scelta, ma ahimè, non è possibile. Francesca ha dimenticato il cellulare a casa mentre quello del sottoscritto ha la batteria completamente scarica. E ora? L'asiatico parla solo gallico, la sentinella al contrario è muto come un escargot, non ci rimane che cavarcela da soli. Attraverso un attento esame ci accorgiamo che in uno dei piatti c'è scritto Pastas and Furios con l’aggiunta del lemma "consigliato" tra  parentesi. Roba da pazzi: titolare un piatto in inglese “maccheronico” con tanto di italica nota. Gli ingredienti ovviamente scritti sempre in francese maledetto.
Perciò, senza troppe remore, io e Francesca optiamo per quello che sembra essere un qualcosa non elaborato. Urca, 25 euro a porzione! Speriamo sia abbondante.
Ordiniamo a Bruce Lee (dalla Francia con furore) indicando col dito sul menu. Senza attendere più del dovuto arrivano le nostre due ordinazioni con sopra due coperchi in acciaio inox accompagnati da due calici di vino rosso Bordò... Bordellò o che cavolo ne so, e da una bottiglia di acqua Perrier, la più gasata del mondo. Abbiamo evitato la Coca Cola, in un ristorante del genere è una bestemmia in piena regola.

Ci sono anche dei panini bianchi, un mucchietto di insalata e un vassoietto di mini formaggi di forma triangolare, tant'è che li associo a quei classici formaggini con cui da bambino spesso facevo merenda spalmandoli sui pancarré.
Il cameriere alzando i due coperchi dal caratteristico suono "frin frun" ci augura bon appétit.
Cosa vedono i nostri occhi?
Tre tortiglioni con tre foglie di basilico avvolte sopra, due pomodorini tagliati in due, un piccolo patè, ovverosia un composto di origine sconosciuta. Forse fegato oppure salmone. Il tutto in un piatto grandissimo come Piazza Navona.
Me cojoni!
Io e Francesca restiamo esterrefatti. Ma allora non è una leggenda metropolitana che nei ristoranti francesi danno porzioni microscopiche per non dire... microidiotiche. Metto i gomiti sul tavolo con espressione scazzata come ai tempi in cui ero piccino picciò scontento per la minestra della mamma.
Mangiamo, anzi assaggiamo sarebbe più corretto dire. Francesca a un certo punto mi accarezza il braccio, il gesto mi giunge come un'iniezione di conforto. Che dolce il mio amore. Ah il dolce, meglio passare direttamente a l'ultima portata, va'.
Umh, chissà perché mi vengono in mente le parole dell'attore/regista Nanni Moretti :
--- Continuiamo così. Facciamoci del male. ---
Riprendiamo quel dannato menù. C'è un dessert che ha l'onore di avere una raffigurazione. È una Torre Eiffel di mousse di fragole con delle arachidi ricoperte di cioccolato. Siamo tentati.
«L'immagine è in zoom. Stai sicura che ci servono due pasticcini!», ironizzo.
La mia fidanzata sorride e decidiamo di lasciar perdere. Chiedo il conto al “piantone” in tenuta blu.
Minchia! 70 euro più 5 di mancia tanto per non fare il pezzente. 75 gocce del mio sangue. 75 euro finiti a mignotte (ecco perché quel “Mignotteaux”). 75 euro in contanti e con tanti saluti perché qui non ci ritorno neanche se mi invitano gratis.
Il cameriere ci ringrazia. Eh sì, a quanto pare parla e per di più in italiano. Anvedi te!
Addirittura ci rifila un biglietto da visita. A 150 metri c'è "La terra dei cachi" una pizzeria trattoria di un suo caro amico dove si mangia bene... e tanto.
Ci augura buon proseguimento e buon appetito. Ebbene, è proprio lì che si va a mangiare come Benedetta Parodi comanda.
Appena usciti dal Château Mignotteaux, la mia amata mi abbraccia.
«Tesoro», mi sussurra, «hai speso troppo, meglio tornare a casa.»
«Uomo affamato, uomo assecondato! Abbiamo fatto 75, facciamo 100!»
«In effetti non abbiamo mangiato un cazzo. Però spendere altri soldi per un'altra cena...»
«Sai cos'è? Che io ti faccio discutere su una cosa di cui ho già deciso», dico interrompendola. E le do un bacio sulle labbra.
Ride. A posto, si è convinta. O se famo du spaghi (due per modo di dire) oppure due belle pizze.
Fischietto la conosciutissima canzone del gruppo Elio e le Storie Tese, che indubitabilmente ha ispirato il proprietario a dare il nome al suo locale alla quale stiamo andando, e mi cimento a storpiare alcune note:
--- Una pizza in compagnia, una pizza e non solo
Un totale di due pizze, col dessert... et voilà! ---

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
1

Aforisma

03 October 2022

Per la stragrande maggioranza della ressa è più facile aprire un libro per sfogliarlo e leggerlo, piuttosto che guardare un cuore e comprenderne le parole dei suoi silenzi! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
12

La Guida interiore sa cosa ti serve e lo trova ovunque

03 October 2022

Ascolto la mia amica Tiziana indignata, gira voce che uno youtuber sconosciuto ha osato esprimere delle critiche sui contenuti del suo beniamino: «Come si permette questo, chi si crede di essere per parlare male di un esperto, che sa quello che dice e ha sacrificato perfino il suo lavoro per metterci [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
10

Sali

02 October 2022

Sali Sali Sali vento e fammi sparire Portami con te Qui non è più il mio posto Nascondimi da le nubi nere che mi soffocano Sali Sali tristezza e fammi piangere Abbracciami E fammi dimenticare in un pianto, chi non mi vuole più con sé Potrò cosi salire su quelle gocce e scivolare verso il fiume [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

13
12
94

E guardo lo spazio da un oblò

02 October 2022

Da circa dieci mesi, stiamo attraversando lo spazio intergalattico alla ricerca di nuovi pianeti da esplorare a bordo dell'Entertreck NW-01, una nave stellare composta da un equipaggio di 2700 persone, tra civili e militari dello Space Army. Io, in qualità di tenente a due "stelle", mi occupo dell'armeria [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Difficilmente, da un po' di tempo, riesco a soffermarmi su Ldm ma vedendo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Patapump: grazie per questo nuovo commento, visto che "due anni luce [...]

1
1
16

l'ispirazione

28 September 2022

Le 20. La luce del tramonto, ormai, si stava affievolendo del tutto sulla città, l'aria calda e opprimente di qualche giorno prima, stava lasciando il posto a quella più fresca che preannunciava l'arrivo dell'autunno. Guardava fuori dalla finestra della sua cucina, le luci della notte stavano prendendo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Nicola: Ciao. Hai reso bene lo stato di quiete apparente iniziale, turbato da qualcosa [...]

0
0
11

senza confini

27 September 2022

seduto con i miei pensieri faccio nuvole di fumo e sono vento muto passo da un orecchio all'altro ecco i miei racconti, qui le impressioni le ambizioni e le allucinazioni di uno uomo stanco ecco! qui le sue macerie in macilente notti isteriche si aggrovigliano in un malvagio maelstrom che ingurgita [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
6

Haiku

27 September 2022

Fronde bronzate - sbuffi d'aura le spoglia caterve secche © Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
10

Pallone gonfiato

26 September 2022

Prima mi gonfio, quindi si gonfiano le mie pompose parole. Continuano a gonfiare ancor più la mia figura i sempre nuovi stimatori, che si affrettano a balzare con i loro schiamazzi sulla mia imponente e indiscussa presenza. Nella prossima vita voglio essere un toro meccanico invece che il gigantesco [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
3

Aforisma

25 September 2022

Sul bordo di un tentennamento una stilla di risoluzione può indurre nell'impavido zompo verso la rinascita dal dirupato dei travagli, affinché un saggio obbiettivo sia motivo di essere ancora in volo nella vita che batte nel cuore col respiro devoto all'ottimismo! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
8

Il desiderio

25 September 2022

Il desiderio mi aveva portato lontano Lontano da te Cercavo di rimettere a posto la mia vita Ma sentivo l’irrequietezza salire Ero certo che vedendo volti e posti nuovi, avrei cercato di scavare tutto ciò che avevo ben bene coperto con menzogne e bugie Ma la sera, quando si spegnevano i riflettori [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
4
17

Giorno di sole

Impressioni da un quartiere

Fil
24 September 2022

Dalla tangenziale passano macchine e furgoni, tanti tir, quasi mai gli autobus. L'asfalto e lo smog, le finestre in lontananza dentro cui poter immaginare risate e pianti di bimbi, un supermercato decrepito, la farmacia deserta all'angolo del controviale. È come se il mondo fosse andato avanti [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Sue: Piaciuto molto. Il vecchio, i muri di cartelloni elettorali, le spirali di [...]

  • Fil: Grazie Sue per le tue impressioni e per il tuo tempo; lo apprezzo molto. Alla [...]

1
3
23

News

23 September 2022

- E allora, com'è andata? - chiede con ansia. - Vuoi sentire prima la notizia buona o la cattiva? - Dai non tenermi sulle spine, dimmi quella cattiva. - Vuoi quella cattiva allora, va bene, prima quella cattiva. Beh, purtroppo è stato un disastro totale, è andata malissimo, peggio di così non poteva [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Nicola: Grazie per il simpatico commento Giuseppe. Più lungo del mio scritto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Il fatto che le mie disamine nella maggior parte dei casi risultano lunghe/articolate... [...]

Torna su