Un cavalletto di legno chiaro, una chitarra senza due corde, un panciotto nero, una coppola nera, una fisarmonica con alcuni tasti non funzionanti e altri vari ammennicoli.

La delusione era sul volto di tutti i figli e questo non fece altro che accrescere la determinazione di papà di intraprendere quella strada, per poter dare del pane ai propri figli e vederli sorridere.

Sorrisi che la guerra aveva cancellato.

Il giorno seguente, dopo essere  stato nominato il suo assistente personale, caricammo il carretto, imbrigliammo l’asino, dato in prestito da Don Aurelio, e partimmo.

 

In quel periodo le piazze dove poter svolgere quel mestiere erano rare.

Normalmente un cuntastorie lo si poteva trovare in tutte le feste popolari, ma ancora la guerra ne aveva dimezzato le presenze, sebbene la voglia di uscire a cielo aperto e di incontrarsi della gente fosse tanta.

Passammo diversi paesi e incrociammo diversi bivi.

Un parroco che scendeva a tutta velocità da una stradina sterrata con la sua bici fece quasi spaventare il nostro fiero ronzino, ma tutto si risolse in un ragliato di rimprovero.

Venimmo così a conoscenza che a Palazzolo Acreide si svolgeva la festa della Madonna del grano.

Giunti in paese le decorazioni pagane (lustrini e striscioni) erano ridotte all’osso, ma la chiesa era tirata a lucido con il baldacchino pronto ad ospitare sulla sua cima la Madonna, che avrebbe fatto il giro del paese trasportata da dodici uomini vestiti di bianco.

Trovammo un angolo molto carino dove fermarci, era la casa tutta in pietra di un vecchio preside del paese, un tiglio che la percorreva nella sua interezza sembrava quasi ne lacerasse la facciata.

Con un fare quasi chirurgico papà estrasse il cavalletto di legno dove poter poggiare le sue pergamene disegnate e passandomi la chitarra da reggere si sedette su di un piccolo sgabello da lui costruito e normalmente usato in casa per poggiare i piedi quando erano indolenziti.

Mi mise in mano una sorta di bacchetta per poter indicare i punti salienti del racconto e lo spettacolo ebbe inizio.

Dapprima avvenne una cosa che mai avrei immaginato: papà, in una sorta di misticismo, iniziò a cantare una melodia triste e pian piano la musica della chitarra entrò con discrezione, combinando un vortice fatto di suoni e parole.

I primi curiosi si fermarono, mentre la gente del vicinato si avvicinava portandosi dietro una sedia per poter essere più comoda per l’ascolto. Io con la mia bacchetta, indicando i disegni della pergamena fatti da artisti siciliani a olio su tela, mi sentivo importante quanto un direttore d'orchestra.

La storia che si narrava era quella di un picciotto socialista ammazzato dalla mafia perché voleva equità  e pane per i braccianti che invece erano nella miseria più assoluta.

Ricordo ancora adesso,dopo tanti anni quella canzone, o almeno dei passi che ritengo sempre vivi e attuali.

*****************

 

Figghiu, tu mori ammazzato

(Figlio tu morirai ammazzato)

 

A Sciara li patrona, armi e dannati, ammazzannu a cu voli libertati

(i padroni di Sciara, dannati, ammazzano chi vogliono)

 

Dissi, la terra e' di cu la travagghia

(dissi, la terra è di chi la lavora)

 

Pigghiati li banneri e li zappona

(prendete le bandiere e gli zapponi)

 

C’e’ na liggi chi nun sbagghia e menti

(c’è una legge che non sbaglia e mente)

 

Dice, pani a li panzi vacanti

(dice, pane alle pance vuote)

 

Robbi a li nudi, acqua a l’assitati

(vestiti ai nudi, acqua agli assetati)

 

E a cu travagghia onuri e libertati

(e a chi lavora onore e libertà)

 

Tratto da: "Lamentu pi la morti di Turiddu Carnivali"

 

*****************

 

Quella sera non la dimenticherò mai, fu un esordio col botto.

La gente non smise di applaudire per un attimo, mentre le varie vecchiette riempirono più di un fazzoletto per le lacrime versate.

Le sere che si susseguirono ebbero anche altri risvolti, i temi trattati erano tantissimi.

O si narrava di Santi che compievano miracoli, o di storie d’amore travagliate, storie dove il bene trionfava sul male, storie epiche, storie cavalleresche o di feroci saladini.

Papà si inventò anche quella della vendita di foglietti con la storia raccontata e certe volte fermava quella recita sul più bello, fino a quando non erano stati venduti tutti, poi continuava con il finale della storia.

Tutta l’estate la passammo in giro e devo dire che gli affari andarono anche piuttosto bene.

Quando tornammo, c’erano soldi abbastanza da poter campare decentemente per un po’ di tempo e qualcosa anche per poter sistemare la bottega di papà.

Quando ripresi scuola lui ripartì da solo.

La sera davanti al camino diventavo io il maschio di casa e raccontavo dell’avventura avuta.

Quella sua gestualità, quella voce suadente e carica di emozioni le sentivo ancora così reali che mi accompagnavano per il resto della notte.

Ma avevo fatto anche tesoro di come un padre, per l’amore della propria famiglia, possa mettersi in gioco, scoprendosi un uomo diverso, un uomo desideroso di dare agli altri.

 

Figghiu, ti l’arrubbavu la bannera

(Figlio, te l’ho rubata la bandiera)

 

Matri ti suggniu e cumpagna sincera

(madre ti sono e compagna sincera)

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

16
21
74

Il Re spodestato

16 May 2021

Dopo quarant'anni, il Re venne finalmente spodestato. Seguì la stessa sorte il Re che lo sostituì. Un altro Re subentrò, e in egual modo finì per essere spodestato, precisamente dal primo Re, successivamente rispodestato dal secondo. Innumerevoli Re, continuarono a spodestare e a spodestarsi, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Betty: Attualmente molto attuale. Mi ricorda vagamente qualcuno ai piani alti, il [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Betty, grazie per il commento, il mio intento era principalmente quello [...]

3
3
9

Un grido soffocato dall'alcol

16 May 2021

Che cosa succede quando smetti di lottare per i tuoi sogni? Che cosa accade quando ti senti lontana dalle persone che ti circondano? Quando ti senti diversa e sbagliata? Che cosa succede quando smetti di credere all’amore, all’amicizia e alla felicità? Se decidi di rifiutare i valori che la società [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: Non tutti si ubriacano, magari hanno trovato soluzioni diverse ma simili allo [...]

  • Sabrina Fontanini: L'introspezione è uno dei miei caratteri distintivi ad ogni modo, [...]

1
0
7

Raggi x

16 May 2021

“Vada avanti, quando vede i primi ascensori non si fermi, vada avanti fino ai prossimi, sono tre, prende quello al centro, scende al piano terra, trova delle strisce colorate sul pavimento, segua quella gialla e arriva a radiologia”. Fabio ringrazia, si avvia ripetendo a mente le indicazioni dell’usciere [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
2
10

Il duro lavoro ripaga sempre o qualcosa del genere boh che ne so

15 May 2021

Aveva i capelli scuri e una situazione economica non troppo brillante. Il padre gli aveva permesso un solo svago e lui, che quando aveva appena cinque anni aveva attaccato al muro un poster di Federer, aveva scelto il tennis. Frequentava il corso intermedio, quello destinato ai ragazzini nell’età [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
6
13

Cosa senti

15 May 2021

Cosa sente il tuo cuore E cosa dicono le tue mani fredde I tuoi “niente” ed i tuoi celati perché I tuoi “no” e le attese di vane risposte I tuoi occhi potrebbero dire tutto se solo volessero Ma si limitano a brillare, confondendo o incuriosendo Cammini veloce per fuggire da scomodi passati Rallenti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: hei Walt grazie, e alla prossima bevuta da una una pinta di Rum :)

  • Walter Fest: Lunedì, Pata, ci rivediamo Lunedì.....sai che ti dico?.....Anzi [...]

2
3
15

ALL'UFFICIO POSTALE

15 May 2021

È un tardo pomeriggio di primavera: si avverte quel tepore che annuncia l'estate; l'aria più luminosa spinge le persone ad uscire di casa. Attratto dalla bella atmosfera, Nicola ha deciso di dare un impegno purchessia alla sua giornata di pensionato: pagare una bolletta, nonostante abbia diversi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

3
2
13

Un Tocco Sensualmente Ambiguo

14 May 2021

Lui, elegante con quel suo atteggiamento smargiasso, indusse la giovane donna a prenderlo a schiaffi ma anche a prenderlo a suon di baci, poiché più lui la stuzzicava mentalmente, più era viscerale per lei l'impulso di quel bagliore malizioso che l'uomo emanava nel suo fascino contorto, mentre [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
7

Giuvanne di Castelcivita

14 May 2021

-‘A distanza tra lu punto A e lu punto B s’ammesura cu la vitamina C!- Questa era una delle massime di Giovanni Santoro, un “indigeno-scemo del villaggio” di Castelcivita, un piccolissimo borgo del Cilento, in provincia di Salerno, “appeso” in collina, a ridosso dei Monti Alburni e conosciuto [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Adribel: La lettura non è molto agevole, penso anche la scrittura. Complimenti

  • Patapump: dialetto del cilento non conoscevo in questa forma, distante dal mio, ma si [...]

2
4
18

Un libro fortunato

Racconto metafisico

14 May 2021

Il nastro trasportatore procede a scatti, senza grazia, senza eleganza e senza pietà. Tra un po' toccherà a me entrare in quel buco nero. Non so se sarà la fine o se sarà un nuovo inizio. Misteri del riciclaggio! Ma per non sbagliare, intanto, comincio a raccontarvi la mia storia. Sono un libro [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

11
14
60

Un Natale per sette fratelli

13 May 2021

Svegliarsi presto la mattina per andare a lavorare rappresentava la solita ed inevitabile routine, ma quel giorno era Natale. I sette fratelli saltarono dai loro letti con gioia ancor prima che il sole apparisse all'orizzonte. Persino il fratello più brontolone, appariva di buon umore. I sette [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Betty: Specchio specchio delle mie brame...
    Biancaneve ruba la battuta alla strega [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Betty, grazie per il tuo simpatico commento, non mielato ma meloso. :D [...]

3
6
14

Una trasferta inaspettata - 2/2

Le indagini di James

13 May 2021

Lesse: “Non cercatemi per un po’. Non scomodate la Sciarelli a Chi l’ha visto! Ho bisogno di staccare la spina e… devo scrivere! Betty” Tutto lì. Betty?! Chi era Betty? “Allora?” Fecero in coro tutti. “Niente. Niente di niente. Però si firma Betty non Elis Pop.” “Betty?!” Disse in coro la banda [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Betty: 🤣🤣🤣 Walter, te la confessero' tra un paio di settimane, facciamo il [...]

  • Walter Fest: Betty non te l'ho già detto ? Sei mitica!!! ! Riguardo lunedì [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
11
20

Wish you were here

Per gli amanti dei Pink Floyd, come immagino un ultimo incontro tra Syd Barrett e Rick Wright

13 May 2021

Psst lo vuoi un consiglio? Psst lo vuoi un consiglio? Psst lo vuoi un consiglio? Una voce acuta e martellante continuava a ripetergli quella frase, cercò di ignorarla, ma era come quando un disco s’incanta sul giradischi, si portò le mani alla testa tra i capelli scarmigliati, con la speranza [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • ducapaso: Sabrina, ti confermo che questo racconto è buono, soprattutto per l'argomento [...]

  • Sabrina Fontanini: Ducapaso, grazie per il tuo commento è stato uno dei miei lavori più [...]

Torna su