Bulgaria, estate 2009. Chissà se ogni tanto nella tua mente rievochi quei cinque giorni.
Fu la nostra prima vacanza all'estero, precisamente sul Mar nero, una località peraltro scelta da te. Amavi pazzamente il mare, tuttavia non con lo stesso amore e ardore rivolto al sottoscritto.
Proprio tu, che ti ritenevi poetessa e sentimentale, ma in verità l'amore lo concepivi a modo tuo. Contradditoria e lunatica ecco cosa eri, giusto per non aggiungere altro.
Io tanto romantico, tu assai intollerante per capire e per capirmi, avevi una peculiare capacità di stroncare o comunque di non valorizzare nessuna mia iniziativa oppure esternazione idillica, sebbene agli inizi della relazione sembrasse importarti qualcosa. Fu lì che mi fregasti.
Sostenevi che sarebbe stata necessaria un’evoluzione, che, avendo superato i venticinque anni, avrei dovuto cessare con le smancerie da liceale.
Urtavi la mia sensibilità, mi facevi male dentro e neanche te ne rendevi conto, o forse sì.

Sebbene mi ostinassi caparbiamente ad essere messo sotto i riflettori nella maniera più positiva possibile era tutto inutile, poiché prendendo in esame già il tuo solo sguardo azzurro e freddo, paragonabile al cielo dell'Alaska, lasciava intendere che non esistevano repliche o rivalutazioni. Proprio una stronza, e in Bulgaria ebbi una delle prove tangibili che come fidanzata valevi due lire.

Il terzo o il quarto giorno di permanenza, mentre ci trovavamo a Sofia a farci una passeggiata, le tue tipiche oscillazioni d'umore avevano sortito ben presto il loro nocivo effetto.
«Non darmi la mano e non abbracciarmi, qui si soffoca. Mi fai sentire ancor di più accaldata!» mi ammonisti.
Bevvi il calice amaro e lo feci fino in fondo, uno dei tanti di quel giorno, uno dei milioni di quei quattro anni insieme a cui, disgraziatamente, se ne aggiunsero tediosamente altri cinque con la speranza di cambiare in meglio il nostro rapporto. Ah, quando si dice essere masochista!
Entrammo poi in un caratteristico e magnifico negozio chiamato Rozova Dolina (Valle delle Rose) che profumava come un invitante giardino. C'erano sì dei fiori, però non risultava una fioreria.
Saponi, deodoranti, vini, biscotti, sciroppi, marmellate... articoli in vendita globalmente a base di rose, un'atmosfera che mi procurò un estasi incredibile, persino i numerosi souvenir e le suggestive pareti contribuivano enormemente a mettere in risalto la bottega. Comprai e ti comprai svariate cose, del resto per te era tutto dovuto.
Appena uscimmo squillò il telefonino. Era tuo padre che desiderava sentirti e chiederti dell’andazzo della vacanza.
Approfittai di quell'attimo di distrazione per rientrare nel rosato negozio ed acquistare un originale pacchettino di caramelle a forma dei citati fiori, un pacchettino adocchiato durante il bighellonare.
Mi sentii febbrile, sapendo che eri una mangiatrice di dolciumi di ogni tipo, pronosticavo con singolarità di stupirti almeno un po’.

«Perché sei rientrato? » mi chiedesti sorridendo all’esterno del pubblico esercizio.
«Io penso che i bulgari, per esprimere i sentimenti, regalino alle loro donne delle rose anche di questo tipo.» ti dissi porgendoti quel tubetto a forma di stelo dall’originale fiocchetto non prima di nasconderlo dietro le spalle come se fosse un mazzo di rose.
Sorpresa riuscita? Macché, mi squadrasti da dietro quegli occhiali da vista con evidente insofferenza.
«Tu e le tue manie di romanticismo!» affermasti e con nonchalance mi strappasti i bonbon dalla mano per adagiarli con sufficienza dentro la tua borsetta e per giunta sospirando infastidita.
Restai di sasso, i miei occhi si inumidirono puntandoli verso il basso tant’è che inghiottii nervosamente la saliva accompagnato da un impercettibile “vaffanculo.”
«Che c’è? Oh, non cominciare a frignare, sennò torniamo subito in albergo. Sei proprio un bambino!»

Si dice che per amore delle rose si sopportino le spine, con la sola differenza che non ci volle molto per associarti a un pungente cactus che non capiva un cactus.
Sono passati quasi dieci anni, eppure ricordo ancora oggi con mestizia ogni singola sequenza di quel pomeriggio a Vitosha Boulevard, una delle strade principali nel centro di Sofia.
Mi rammarico perlopiù di una cosa: di quello stelo pieno di caramelle. Per i 20 Lev spesi? No cara mia, semplicemente mi pento di non avertelo ficcato nel culo!

Tutti i racconti

1
0
7

Amore Assoluto

Poesia

20 June 2021

Galoppo negli istanti più intimi del tuo cuore, quando sanno di verace amore mentre sdruciolano intelligibili sul pendio del cuore, quando nell'arcata delle tue affabili braccia abbozzano emozioni provocanti quanto incandescenti, scatenando l'ardente inferno tra di noi obliati da incontrollabili [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
8

Due cuoche sapienti e un matrimonio

20 June 2021

In una tiepida giornata di primavera, il re Polenton e la principessa Schizzinosa si incontrarono. Lei passeggiava lungo la riva del ruscello, lui canticchiava, sempre in riva al ruscello, ma dalla parte opposta. I loro sguardi si incrociarono e fu amore a prima vista. Dopo un breve fidanzamento, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
1
17

Il barattolo

Bambini cattivi 5

20 June 2021

Maria è piccina, ha i boccoli biondi come le bambole e la bocca a cuore. I piedi ancora paffuti si muovono sulla sabbia e lei saltella un po’. La bocca ha perso la forma perfetta perché la tristezza se n’è appropriata e ora si manifesta nel broncio e nella lacrima che la mano svelta vuole cancellare. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Betty: Quante volte ho sperato che mia cugina sparisse! Mi sembrava sempre fosse lei [...]

14
17
48

Il drago spazientito

19 June 2021

«Si vede che stai tremando, fellone che non sei altro!» gridò con aria spavalda il cavaliere corazzato, brandendo una lucentissima ascia bipenne contro la squamosa bestia di colore verde che torreggiava sopra di lui. «Tu non sai con chi hai a che fare! Sono William Knight di Tower Rock, il miglior [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
10

Senza Titolo

19 June 2021

Che strana la vita, ma forse a volte determinate situazioni invadono all'improvviso i tuoi progetti e resti basita di fronte alla realtà… Forse era destino comprare quel biglietto e vincere 🏆🏆🏆 . Lo so che settanta euro non sono una somma da fare follie, ma mi ha rallegrato la giornata! Sinceramente [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Il componimento si legge con piacere e partecipazione, lo stile è sempre [...]

  • Adribel: Sembrava che fossi contenta ma poi ti rabbui. Verrà anche l'amore, [...]

3
7
10

Come sentirsi volare!

19 June 2021

Laura voleva uscire con le amiche, come ogni sabato. Non voleva però dispiacere la mamma che l'aveva invitata alla sagra del paese. "Sai, verranno ‘I fari della notte’, il famoso complesso che impazza nelle balere" le disse sua madre. Luci sfavillanti, batterie che battevano ritmi sempre più incalzanti, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
7
17

Quando sapesti chi eri

18 June 2021

La magia dei colori e le opere di grandi artisti Ti avevano sempre affascinato e condotto a quegli studi poi la carriera di insegnante … Dentro di te sentivi tante cose Che si sarebbero in seguito materializzate E da quel lieve rialzo vedevi piccoli fiorellini con occhi sgranati e gomiti ben [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

5
6
19

All'alba...

...in villeggiatura al mare

18 June 2021

Prima che quel gabbiano torni a planare a pelo d’acqua… Prima che il bagnino riapra gli ombrelloni… Prima che il borgo si rianimi e si risvegli… Prima che l'ambulante all'angolo ricominci con la sua litania… Prima che i bagnanti occupino nuovamente la spiaggia... Prima dello schiamazzo festoso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
11

Antonio Petecchia & Maria Cinquedita

Storie lavorative I Episodio

18 June 2021

Il dottor Antonio Petecchia ogni mattina si fa il giro del reparto per osservare le cosce delle impiegate. Attraversa il lungo salone a passo lento lungo la corsia centrale tra le due file di scrivanie. Molte sono distratte e accavallano le gambe, lui si gode lo spettacolo mattutino. Se il giro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Betty: Ha fatto la fine che meritava... Roberta si chiama mia nuora: giovane, bella [...]

  • Principe Pazzo: l'ho scritto, ictus post masturbazione

3
3
17

Fuoco Bagnato D'Amore

Poesia

17 June 2021

Fuoco Bagnato D'amore Petali e follie d'amore sulla mia nuda e chiara pelle, mentre trema l'emozione nell'anima che mi sai donare quando mi sussurri il tuo respiro lento, legato al tuo cuore innamorato incantato dalla veemenza fluita dal mio vero abbandono verso di te, non curante di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Vicky: Stupenda poesia d'Amore.. Complimenti

  • Laura Lapietra: Grazie mille, Giuseppe Scilipoti, riguardo al quel tipo che noi sappiamo sono [...]

4
5
12

La cuoca perfetta

17 June 2021

Sopra al monte Pan di Zucchero si trovava il castello della principessa Schizzinosa. Schizzinosa era una principessa bella, buona e dolce, ma aveva, come tutti, un difetto: era incontentabile per quanto riguardava la cucina. Nulla mai le andava bene. Aveva cambiato più di mille fra cuochi e cuoche, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: da amante di chi si cimenta ai fornelli, meno male mai ricevuto una tal richiesta, [...]

  • Betty: 😍 grazie, come sempre

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

5
7
15

Alek e basta

Una nuova casa

17 June 2021

Correvo nel buio, le gambe sembravano venirmi meno. Pulsavano i lividi delle botte, che da quando mamma non c’era più erano in doppia razione per me quando tornava a casa la bestia di mio padre, scontento di tutto nella sua vita passata tra la fonderia e il bar. Avevo i capelli appiccicati alla [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su