Bulgaria, estate 2009. Chissà se ogni tanto nella tua mente rievochi quei cinque giorni.
Fu la nostra prima vacanza all'estero, precisamente sul Mar nero, una località peraltro scelta da te. Amavi pazzamente il mare, tuttavia non con lo stesso amore e ardore rivolto al sottoscritto.
Proprio tu, che ti ritenevi poetessa e sentimentale, ma in verità l'amore lo concepivi a modo tuo. Contradditoria e lunatica ecco cosa eri, giusto per non aggiungere altro.
Io tanto romantico, tu assai intollerante per capire e per capirmi, avevi una peculiare capacità di stroncare o comunque di non valorizzare nessuna mia iniziativa oppure esternazione idillica, sebbene agli inizi della relazione sembrasse importarti qualcosa. Fu lì che mi fregasti.
Sostenevi che sarebbe stata necessaria un’evoluzione, che, avendo superato i venticinque anni, avrei dovuto cessare con le smancerie da liceale.
Urtavi la mia sensibilità, mi facevi male dentro e neanche te ne rendevi conto, o forse sì.

Sebbene mi ostinassi caparbiamente ad essere messo sotto i riflettori nella maniera più positiva possibile era tutto inutile, poiché prendendo in esame già il tuo solo sguardo azzurro e freddo, paragonabile al cielo dell'Alaska, lasciava intendere che non esistevano repliche o rivalutazioni. Proprio una stronza, e in Bulgaria ebbi una delle prove tangibili che come fidanzata valevi due lire.

Il terzo o il quarto giorno di permanenza, mentre ci trovavamo a Sofia a farci una passeggiata, le tue tipiche oscillazioni d'umore avevano sortito ben presto il loro nocivo effetto.
«Non darmi la mano e non abbracciarmi, qui si soffoca. Mi fai sentire ancor di più accaldata!» mi ammonisti.
Bevvi il calice amaro e lo feci fino in fondo, uno dei tanti di quel giorno, uno dei milioni di quei quattro anni insieme a cui, disgraziatamente, se ne aggiunsero tediosamente altri cinque con la speranza di cambiare in meglio il nostro rapporto. Ah, quando si dice essere masochista!
Entrammo poi in un caratteristico e magnifico negozio chiamato Rozova Dolina (Valle delle Rose) che profumava come un invitante giardino. C'erano sì dei fiori, però non risultava una fioreria.
Saponi, deodoranti, vini, biscotti, sciroppi, marmellate... articoli in vendita globalmente a base di rose, un'atmosfera che mi procurò un estasi incredibile, persino i numerosi souvenir e le suggestive pareti contribuivano enormemente a mettere in risalto la bottega. Comprai e ti comprai svariate cose, del resto per te era tutto dovuto.
Appena uscimmo squillò il telefonino. Era tuo padre che desiderava sentirti e chiederti dell’andazzo della vacanza.
Approfittai di quell'attimo di distrazione per rientrare nel rosato negozio ed acquistare un originale pacchettino di caramelle a forma dei citati fiori, un pacchettino adocchiato durante il bighellonare.
Mi sentii febbrile, sapendo che eri una mangiatrice di dolciumi di ogni tipo, pronosticavo con singolarità di stupirti almeno un po’.

«Perché sei rientrato? » mi chiedesti sorridendo all’esterno del pubblico esercizio.
«Io penso che i bulgari, per esprimere i sentimenti, regalino alle loro donne delle rose anche di questo tipo.» ti dissi porgendoti quel tubetto a forma di stelo dall’originale fiocchetto non prima di nasconderlo dietro le spalle come se fosse un mazzo di rose.
Sorpresa riuscita? Macché, mi squadrasti da dietro quegli occhiali da vista con evidente insofferenza.
«Tu e le tue manie di romanticismo!» affermasti e con nonchalance mi strappasti i bonbon dalla mano per adagiarli con sufficienza dentro la tua borsetta e per giunta sospirando infastidita.
Restai di sasso, i miei occhi si inumidirono puntandoli verso il basso tant’è che inghiottii nervosamente la saliva accompagnato da un impercettibile “vaffanculo.”
«Che c’è? Oh, non cominciare a frignare, sennò torniamo subito in albergo. Sei proprio un bambino!»

Si dice che per amore delle rose si sopportino le spine, con la sola differenza che non ci volle molto per associarti a un pungente cactus che non capiva un cactus.
Sono passati quasi dieci anni, eppure ricordo ancora oggi con mestizia ogni singola sequenza di quel pomeriggio a Vitosha Boulevard, una delle strade principali nel centro di Sofia.
Mi rammarico perlopiù di una cosa: di quello stelo pieno di caramelle. Per i 20 Lev spesi? No cara mia, semplicemente mi pento di non avertelo ficcato nel culo!

2
8
14

Un eroe del nostro tempo

aiutare gli altri

16 June 2019

Come più volte richiesto dall'amico Walter Fest, sempre alla ricerca di eroi, eccone uno dimenticato. Un pomeriggio di maggio caldo e assolato, siamo negli anni settanta, una bimba di quattro anni gioca sul balcone di casa con un piccolo aquilone, la mamma la sorveglia ma l'aquilone le sfugge [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
8
26

EternaMetro

16 June 2019

Quando con un fischio penetrante si aprono le porte è come se da un foruncolo se ne esca materia purulenta trattenuta per giorni. Veniamo succhiati fuori come interiora da un ventre bollente e buttati in corridoi dove la luce è tendenzialmente gialla, seguendoci l’un l’altro come acciughe, allo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Hahahahah...Sandro Amici, non si tratta di imparare, beh, sì, certo [...]

  • Sandro Amici: In teoria e in pratica Walter!!! C’è un venticello che è [...]

5
7
22

Il ladro

15 June 2019

Con movimenti decisi, ho appena piazzato sta Matusalemme in una sedia per poi bloccarla con una cintura. La vecchia mi guarda digrignando i denti e comincia a inveire contro di me. Mi dà del ladro e più volte chiama aiuto. Non è la prima volta che mi trovo in una situazione del genere, ragion per [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao Giuseppe i termini mi sembrano azzeccati per l'intento che avevi perché [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Francesca, tu sì che ne capisci. :-) Comunque mi sembra di notare [...]

1
1
12

Inedia

15 June 2019

Ed è solo giorno, e già mi nutro d'alcol. Sono sdraiato nei tuoi occhi incantevoli Non mi rannicchio mai. È di nuovo notte E sono ancora lì. Passeranno le stagioni sarà come bere un bicchier d'acqua e forse scenderanno nuove piogge. Sarà come guardarti ancora. Torni da me e tornano le rondini, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Domani è un altro giorno, si vedrà, come dice il poeta. Mi piaci

4
7
23

Colloquio

14 June 2019

Sua madre gli aveva stirato la camicia bianca. -Mettiti la giacca. -Ma è per un call center, non serve... -Tu mettila. In bagno certi giorni la chierica non si vedeva. Quella mattina brillava. Aveva preso il caffè in cucina, in piedi, mentre suo padre fissava La7. “Ora me lo chiede, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Mi permetto di dissentire Francesca. Non confonderei “scorrevole” [...]

  • Francesca: Ciao Sandro io intendevo un'altra cosa.. uno può anche scrivere [...]

2
3
10

Shopping

14 June 2019

Il sole stava calando sull'affollata piazza, regalando un'aura di serenità: la primavera era una certezza, sebbene l'aria ancora fresca. Le due donne si incamminarono nella via del centro, che a quell'ora ancora pullulava del via vai dei turisti, oltre ai tanti impiegati che da poco avevano lasciato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Dolce far shopping. :-) Ho trovato carino questo componimentino, lo shopping [...]

  • Palilli: Grazie Flavia e grazie Giuseppe. Mi ha ispirato una amica che si è recata [...]

6
7
32

Non ci si può fidare neanche della morte!

13 June 2019

La tiro fuori da sotto il sudario! È lei, l’ho vista tre giorni fa mentre la sistemavano lì, sembra che nessuno s’interessi di lei, mentre io l’ho sognata tutti i giorni, è stato quell’attimo che mi è rimasto fisso nella mente, mentre le sistemavano la gonna che si era alzata quando l’hanno messa [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Dario De Santis: Grazie Walteruccio, lascia stare, è inutile, come diceva Bennato "tempo [...]

  • flavia: Sei sempre il solito pavoncello tutto coda raggiante, ma ti amiamo anche per [...]

3
3
10

UNIONE COSMICA

OM

13 June 2019

Non sarai più solo Ti ascolterò non solo con l'udito ma aprendoti il mio cuore. Non servirà parlare. Dall' incontro dei nostri sguardi sinceri, nasceranno spontaneamente, invisibili energie che faranno vibrare l'atmosfera di limpida magia... E tutto sarà pace dove attorno solo giace la dolce comunicazione. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
19

Che donna sei

12 June 2019

Che donna sei Che donna sei. Diversa direi o meglio una donna che non ha paura di mostrarsi. Di essere pazza dolce casta hot. Di essere se stessa. Capace di amare senza limiti. E di fartelo capire con un sorriso con una carezza con un bacio con un semplice " ti amo ". Che donna sei. Fai parte di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
8
23

180

12 June 2019

Giustina, Giustì, maronna mia, agge sentit’!? Agge sentit’ ca successo? Maronna mia bella, famme assittà ca me sent’ male, Giustina mia… Antonio vamme a pija nu bicchiere d’acqua…bella fresca Antò… Maronna, agge sentit’!? Nun ce posso credè… La 180, la 180, l’ hanno levata la… 180, la legge su [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: (non avevo lasciato una opinione)
    la versione del 2012 aggiunge qualche [...]

  • U1004: Non sapevo esistesse una Molazzana in prov di Lucca. Per quanto uno inventi [...]

4
4
23

LA TONACA DELLA MONACA - Guido

11 June 2019

LA TONACA DELLA MONACA - Guido Guido non era mai stato uno studente modello, né un ragazzino sempre tranquillo. Andava alle elementari in una scuola di suore, in pieno centro storico. L'edificio era molto antico, un pezzo da museo non molto tenuto bene dalle 'sante donne'. Per lui era un [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Un'infanzia tranquilla..

  • flavia: che tragedia dalla padella suore alla brace preti, non poteva andare peggio, [...]

5
9
21

Il tempo del ritorno

Recensione

11 June 2019

Misconosciuto film italiano datato 1993 dell’altrettanto (mi)sconosciuto Lucio Lunerti, che gira un film drammatico con lievissime venature thriller e mistery, che ha come cornice i post Anni di Piombo e misuratissime immagini di repertorio, forse ricreare ad hoc per il lungometraggio. “Il tempo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adalberto: Incuriosito dalla tua recensione ho cercato questo film "fantasma": [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Francesca: ammirazione anch'io per la mitica Giulietta. Chissà, [...]

Torna su