Finalmente dopo mesi che mi programmavo di farlo, stamattina riesco a ritagliarmi del tempo libero per una corsetta nella spiaggia della mia città ma, non sono passati nemmeno cinque minuti che inciampo rovinosamente su qualcosa senza però farmi male in quanto atterro sul morbido.

Guardo scocciato l'oggetto incriminato che mi ha fatto ruzzolare e noto una curiosissima lampada d'oro strapiena di brillanti di vario tipo che sebbene non mi ritengo un esperto la reputo molto preziosa. 

Chissà quanto vale? Penso proprio che oggi è la mia giornata fortunata, non si può certo dire di essere cascato male! Andrò al Compro Oro di un caro amico, sono certo che non mi romperà le palle sulla provenienza di questo “tesoro” trovato per puro caso. 

Raccolgo la lampada e con la mia maglietta comincio a strofinarla energicamente per poi notare delle incisioni piuttosto strane.

All'improvviso, da essa, comincia a fuoriuscire lentamente un fumo nero e denso, tanto che il mare stesso nonché l'ambiente circostante assumono delle tonalità oscure, tenebrose ed agghiaccianti.

Ad un certo punto un figura eterea di colore blu e dagli occhi rosso fuoco mi si para davanti fluttuando. Ahimè costui non promette nulla di buono, scappare non sarebbe saggio, sicuramente peggiorerei la situazione.


«Sono Genyus» mi tuona «hai osato interrompere il mio riposo che perdura da 500 anni!»  

Deglutisco, non so cosa dire, cerco di mantenere la calma, spero di tratti di un sogno oppure di un incubo, mi fa paura questa specie di demone dell'espressione cattiva.

«Scusami, non l'ho fatto apposta, ma tu chi sei?» chiedo impacciato e tremando come una foglia.

«Sono il Genio della Lampada d'Oro, posso farti o renderti in qualunque cosa!» mi risponde con un tono apparentemente meno gravoso rispetto ad alcuni istanti fa.

Adesso come adesso mi viene naturale di associarlo ad una delle più celebri novelle de "Le mille e una Notte, non pensavo mai che un giorno avrei incontrato una entità sovrannaturale del genere in fumo e spirito. 

Quindi io dovrei essere una sorta di Aladino? Ottimo, se così fosse, so cosa chiedere.
«Perdonami ancora se ti ho disturbato» provando ancora a scusarmi con un atteggiamento più rilassato «quindi adesso sarei il tuo padrone e posso esprimere almeno tre desideri, giusto?»

Genyus sorride in maniera particolarmente sarcastica e il suo sguardo appare ancora più bieco.

«Ti piacerebbe, eh? Forse non ti rendi conto che hai dato un violento calcio alla mia casa e hai interrotto il mio riposo, adesso me la paghi!»

Intuisco chiaramente di essere davvero nei guai. Che mi succederà?

«Ragazzo, non hai tre desideri ma bensì tre scelte e ti do tre secondi per decidere!» mi informa con aria minacciosa alzando la mano con tre dita puntate in orizzontale verso la mia direzione.

«Tre scelte? Ti prego non farmi del male!» lo supplico mettendomi in ginocchio.

«Vuoi essere trasformato in un granello e fare compagnia agli altri granelli di questa spiaggia? O vuoi diventare una clessidra di sabbia per il mio soggiorno? Oppure, vuoi diventare mio schiavo per i restanti 500 anni di riposo che mi rimangono? Guarda caso avevo un urgente bisogno di un domestico per il disbrigo delle faccende ed io non ho tempo e ne voglia per queste cose!»

Scelgo a malincuore la terza opzione, del resto manco a farlo apposta da lunedì a venerdì lavoro per un impresa delle pulizie, e poi non mi andava assolutamente di finire “insabbiato”.

Ci mettiamo d'accordo sul "contratto", e non si può certo dire che sarà come il mio impiego al P. & L. (Pulisci & Lucida)

In base alle direttive di Genyus dovrò lavorare sette giorni su sette per cinque secoli e per giunta senza retribuzione, senza malattia, senza permessi e senza ferie. 

Inoltre il mio ciclo vitale verrà "sospeso", in quanto fra 500 anni dopo il congedo avrò sempre 33 anni. 

L'unica magra consolazione sarebbero le otto ore di riposo, un letto, un bagno turco, Pozioni Magiche della Salute in caso di infortuni ed una dispensa infinita di cibo arabo (ad esempio del Cuscus e del Basbousa) o comunque mediorientale già pronto (meno male visto che non so cucinare!) oltre dell'acqua e del latte di cammello. 

Dopo un semplice schiocco di dita da parte del Genio, ci ritroviamo in men che non si dica all'interno della Lampada d'Oro che nel suo "piccolo" in realtà risulta una enorme e lussuosa magione.

Mamma mia, c'è sabbia dappertutto per non parlare dello schifo e della trascuratezza presente ovunque, per ripulire tutto mi ci vorranno secoli nel vero senso della parola.

Aveva ragione la mia amatissima e gelosissima Francesca, che sempre mi consiglia di non cimentarmi mai a correre da solo sul litorale.

«Non ci andare a Calderà, poi va a finire che ti metterai a rincorrere bei culi e che conoscerai qualche ragazza pronta a farti perdere la testa!» mi espose proprio ieri sera e invece ho incontrato un Genio che mi ha fatto perdere la libertà rinchiudendomi qui dentro.

Prendo il cellulare per chiamare aiuto o per avvertire la mia fidanzata ma purtroppo non c'è campo, del resto anche se ci fosse la possibilità, beh, nessuno mi crederebbe, addirittura Francesca penserebbe ad una storia fantasiosa architettata dal sottoscritto per mollarla ed infine sparire.

«Forza, non siamo al Palazzo Reale e tu non sei di certo un Maharaja, in quell'armadio c'è l'occorrente per la pulizia, muoviti sennò ti riduco sul serio in un insignificante granello di sabbia!» mi indica con autorità il mio nuovo datore di lavoro.

Porca mignotta, lo conosco da cinque minuti e già lo odio.

Ma si, meglio rassegnarmi, mi devono pur passare sti 500 anni e allora dai, olio di gomito, anzi, olio di lampada e... al lavoro!

0
0
4

Figura plastica

12 December 2019

Raccolta a sè Il corpo raggomitolato Le braccia che cadono sulle gambe levigate La forma del bacino invece appoggia sul piano I piedi ossuti sono ben saldi Un anellino nel pollice I tratti non sono del tutto chiari Ma tra i capelli si scorge il viso Sensuale, birichino, un po’ folle [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
7

Alessia, storia di una bambina

monologo

12 December 2019

Entra Alessia in camicia bianca, tenendo una bambola nuda per un braccetto. Forse non mi conoscete! Sono Alessia, ho undici anni. E sarei una ragazza ormai. Alcuni dicono che noi, bambini, ragazzi, siamo fortunati perché non facciamo niente. E allora qualcuno pensa che anche noi dobbiamo lavorare. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
7

Magic

11 December 2019

La luna piena pendeva in uno atipico cielo blu scuro e fumoso. La luce argentea cadde su un'insegna metallica a forma di calderone che si innalzava sopra alla locanda La Bacchetta, gestita da Grimilde, una ex strega della Magia Nera che per ragioni "oscure" da tempo si era convertita a quella Bianca. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
8

Una donna vera

11 December 2019

Silenzio dell'anima Morte nel cuore Nelle orecchie urla Sul viso segni di uno schiaffo Inaspettato Ti guardo e non ti riconosco o forse non ti ho mai davvero conosciuto Le cose finiscono e non possiamo farci niente Delusa Nei tuoi occhi l'impotenza dei deboli capaci solo di mostrare le unghie di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
4
11

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

  • Walter Fest: Feruccio, grazie anche a te, siamo rimasti in tre, tre briganti e non ricordo [...]

3
3
9

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
8
17

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su