Finalmente dopo mesi che mi programmavo di farlo, stamattina riesco a ritagliarmi del tempo libero per una corsetta nella spiaggia della mia città ma, non sono passati nemmeno cinque minuti che inciampo rovinosamente su qualcosa senza però farmi male in quanto atterro sul morbido.

Guardo scocciato l'oggetto incriminato che mi ha fatto ruzzolare e noto una curiosissima lampada d'oro strapiena di brillanti di vario tipo che sebbene non mi ritengo un esperto la reputo molto preziosa. 

Chissà quanto vale? Penso proprio che oggi è la mia giornata fortunata, non si può certo dire di essere cascato male! Andrò al Compro Oro di un caro amico, sono certo che non mi romperà le palle sulla provenienza di questo “tesoro” trovato per puro caso. 

Raccolgo la lampada e con la mia maglietta comincio a strofinarla energicamente per poi notare delle incisioni piuttosto strane.

All'improvviso, da essa, comincia a fuoriuscire lentamente un fumo nero e denso, tanto che il mare stesso nonché l'ambiente circostante assumono delle tonalità oscure, tenebrose ed agghiaccianti.

Ad un certo punto un figura eterea di colore blu e dagli occhi rosso fuoco mi si para davanti fluttuando. Ahimè costui non promette nulla di buono, scappare non sarebbe saggio, sicuramente peggiorerei la situazione.


«Sono Genyus» mi tuona «hai osato interrompere il mio riposo che perdura da 500 anni!»  

Deglutisco, non so cosa dire, cerco di mantenere la calma, spero di tratti di un sogno oppure di un incubo, mi fa paura questa specie di demone dell'espressione cattiva.

«Scusami, non l'ho fatto apposta, ma tu chi sei?» chiedo impacciato e tremando come una foglia.

«Sono il Genio della Lampada d'Oro, posso farti o renderti in qualunque cosa!» mi risponde con un tono apparentemente meno gravoso rispetto ad alcuni istanti fa.

Adesso come adesso mi viene naturale di associarlo ad una delle più celebri novelle de "Le mille e una Notte, non pensavo mai che un giorno avrei incontrato una entità sovrannaturale del genere in fumo e spirito. 

Quindi io dovrei essere una sorta di Aladino? Ottimo, se così fosse, so cosa chiedere.
«Perdonami ancora se ti ho disturbato» provando ancora a scusarmi con un atteggiamento più rilassato «quindi adesso sarei il tuo padrone e posso esprimere almeno tre desideri, giusto?»

Genyus sorride in maniera particolarmente sarcastica e il suo sguardo appare ancora più bieco.

«Ti piacerebbe, eh? Forse non ti rendi conto che hai dato un violento calcio alla mia casa e hai interrotto il mio riposo, adesso me la paghi!»

Intuisco chiaramente di essere davvero nei guai. Che mi succederà?

«Ragazzo, non hai tre desideri ma bensì tre scelte e ti do tre secondi per decidere!» mi informa con aria minacciosa alzando la mano con tre dita puntate in orizzontale verso la mia direzione.

«Tre scelte? Ti prego non farmi del male!» lo supplico mettendomi in ginocchio.

«Vuoi essere trasformato in un granello e fare compagnia agli altri granelli di questa spiaggia? O vuoi diventare una clessidra di sabbia per il mio soggiorno? Oppure, vuoi diventare mio schiavo per i restanti 500 anni di riposo che mi rimangono? Guarda caso avevo un urgente bisogno di un domestico per il disbrigo delle faccende ed io non ho tempo e ne voglia per queste cose!»

Scelgo a malincuore la terza opzione, del resto manco a farlo apposta da lunedì a venerdì lavoro per un impresa delle pulizie, e poi non mi andava assolutamente di finire “insabbiato”.

Ci mettiamo d'accordo sul "contratto", e non si può certo dire che sarà come il mio impiego al P. & L. (Pulisci & Lucida)

In base alle direttive di Genyus dovrò lavorare sette giorni su sette per cinque secoli e per giunta senza retribuzione, senza malattia, senza permessi e senza ferie. 

Inoltre il mio ciclo vitale verrà "sospeso", in quanto fra 500 anni dopo il congedo avrò sempre 33 anni. 

L'unica magra consolazione sarebbero le otto ore di riposo, un letto, un bagno turco, Pozioni Magiche della Salute in caso di infortuni ed una dispensa infinita di cibo arabo (ad esempio del Cuscus e del Basbousa) o comunque mediorientale già pronto (meno male visto che non so cucinare!) oltre dell'acqua e del latte di cammello. 

Dopo un semplice schiocco di dita da parte del Genio, ci ritroviamo in men che non si dica all'interno della Lampada d'Oro che nel suo "piccolo" in realtà risulta una enorme e lussuosa magione.

Mamma mia, c'è sabbia dappertutto per non parlare dello schifo e della trascuratezza presente ovunque, per ripulire tutto mi ci vorranno secoli nel vero senso della parola.

Aveva ragione la mia amatissima e gelosissima Francesca, che sempre mi consiglia di non cimentarmi mai a correre da solo sul litorale.

«Non ci andare a Calderà, poi va a finire che ti metterai a rincorrere bei culi e che conoscerai qualche ragazza pronta a farti perdere la testa!» mi espose proprio ieri sera e invece ho incontrato un Genio che mi ha fatto perdere la libertà rinchiudendomi qui dentro.

Prendo il cellulare per chiamare aiuto o per avvertire la mia fidanzata ma purtroppo non c'è campo, del resto anche se ci fosse la possibilità, beh, nessuno mi crederebbe, addirittura Francesca penserebbe ad una storia fantasiosa architettata dal sottoscritto per mollarla ed infine sparire.

«Forza, non siamo al Palazzo Reale e tu non sei di certo un Maharaja, in quell'armadio c'è l'occorrente per la pulizia, muoviti sennò ti riduco sul serio in un insignificante granello di sabbia!» mi indica con autorità il mio nuovo datore di lavoro.

Porca mignotta, lo conosco da cinque minuti e già lo odio.

Ma si, meglio rassegnarmi, mi devono pur passare sti 500 anni e allora dai, olio di gomito, anzi, olio di lampada e... al lavoro!

0
0
2

OMERO

19 December 2018

Omero, a former teacher who has just retired, decides to leave Rome, where he taught for 30 years and to get back to Sicily, the place where he was born. Alice, his eight year old grand-daughter, goes with him: she wants to visit her parents' homeland. The pair get to Naples by train and visit [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
7

Er menestrello e l'artigiano

19 December 2018

«’A Riché, ma ‘a finisci de strimpellà inutilmente ‘a chitara? Tanto idee nove nun te vengheno» «Ma smettila Giù, se te da fastidio me ne vado ar mare, pijo er trenino e sparisco, sto’ co’ la panza ar sole tutto er giorno, poi vojo vedè chi te fa svagà mentre metti a posto le sedie che nazzicheno» [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
1
13

Un sorriso

18 December 2018

Lì lontano la sera sta arrivando in questa uggiosa giornata di autunno. Ma io mi sento primavera da quando mi hai sorriso in quell'attimo di infinito Maurizio Gimigliano © Copyright 2018

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
33

La lettera

18 December 2018

Da qualche parte, nel Sud, viveva un giovane lavoratore precario della Pubblica Amministrazione. Avete presente il tipo? Uno di quelli da primo della classe, scrupoloso, mai sopra le righe o fuori dagli schemi?...Ecco, sì. Proprio uno così. Ebbene, a dispetto delle apparenze e della sua condizione, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
1
13

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
0
10

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
11

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
6
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

  • Puccia: Bravo Walter, ed il giallo continua! Aspettando ti abbraccio per tenerci in [...]

2
4
9

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Bel racconto, corto ma molto rievocativo in più il ruolo delle "donne" [...]

  • Giampiero: Caro Puccia sono contento ti sia piaciuto

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
13

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

Torna su