Bussai alla porta del Comandante di Compagnia, una voce tuonò "Avanti!" e con il cuore in gola entrai dentro il suo ufficio.

Il capitano se ne stava seduto in una scrivania, a fumarsi un sigaro, ed andai nella sua direzione, sbattendo dapprima il tacco e unendo le mani a paletta sugli attenti.

«Comandi capitano! Sono stato messo a rapporto da lei!» esordii con flebile voce.

«Stai su riposo!» mi ordinò.

L'ufficiale mi guardò intensamente per interminabili secondi che sembravano non finire mai, diede due boccate al sigaro ed infine lo appoggiò ancora acceso nel posacenere.

Feci un profondo respiro e l'uomo di fronte a me sorrise.

«Stai sereno, non ti mangio mica!» 

Mi rilassai e mi resi conto che non doveva essere nulla di serio.

«Ti starai chiedendo dov'è la tua licenza?» mi chiese l'ufficiale ritornando formale.

Non sapendo cosa dire mi limitai a restare in silenzio, scrollando le spalle e a roteare gli occhi.

«Ebbene caro mio, ti ho convocato per un motivo ben preciso...» 

Si interruppe di colpo per soffiare via un po'di cenere del suo sigaro che si andò a depositare vicino alcune scartoffie.

Ero impaziente, davvero impaziente di sapere cosa mi avrebbe detto.

«Abbiamo gradito in particolar modo il tuo operato, non sei stato punito nemmeno una volta e ti sei saputo distinguere in tutto e per tutto.»

Quelle parole mi sorpresero tanto da restare quasi a bocca aperta.

«Tra l'altro non ti sei neanche lamentato per la destinazione, giorni prima dell'Operazione Domino, ho avuto parecchia gente che mi rompeva in continuazione le palle per andare a prestare servizio nelle località a cui a loro meglio conveniva!» soggiunse.

«Capitano, ho fatto solo il mio dovere, io...» e non riuscendo a trovare le parole giuste non completai la frase per via dell'emozione.

«Hai fatto molto di più del tuo dovere, ed è per questo che ci tenevo a darti personalmente la licenza.» e da un cassetto della scrivania prese l'attesissimo foglio di carta, timbrato e firmato come sempre sia dal Comandante di Battaglione, sia dal Comandante di Reggimento e sia da lui stesso.

Quest’ultimo si alzò dalla sua postazione, nonostante le bellissime parole, mi senti piccolo piccolo davanti a quell'uomo alto e dall'aspetto rigido.

Non riuscivo proprio a crederci.

Mi consegnò il documento e mi volle stringere la mano, una stretta fortissima e vigorosa.

«Molto bene, davvero molto bene, hai dimostrato il tuo valore, goditi questa bella licenza, ogni tanto mi stupisco anch'io in questa caserma del cazzo!» concluse facendomi cenno che potevo andare.

Lo ringraziai mettendomi sull'attenti e dopo un passo indietro, eseguii un dietro-front uscendo dalla stanza del Comandante di Compagnia.

I miei occhi divennero lucidi, una pienezza interiore impossibile da descrivere.

Fuori porta mi aspettavano alcuni miei colleghi impiccioni per sapere cosa fosse successo.

Non sentivo la necessità di condividere con loro le parole lodevoli espresse dal capitano Mottola nei miei confronti, del resto misi in pratica uno dei miei aforismi preferiti:

"È controproducente condividere le cose con altri, più te le tieni per te, più diventano preziose!”

Mi limitai a dire che dovevo essere aggiornato sul prossimo trasferimento in "Compagnia Controcarri", cosa tra l'altro vera in base alle disposizioni che mi furono segnalate prima dell' "Operazione Domino" e che la licenza venne dimenticata nell'ufficio del capitano.

Tornai in camerata e anziché preparare subito i bagagli per tornare a casa, mi sedetti sopra la mia branda a pensare.

Mai e poi mai, prima di allora mi ero sentito così gratificato.

Pensai alla scuola, al bullismo che avevo subito, al nonnismo dei primi mesi in caserma, a tutte le persone che non credevano in me, a tutti quelli che mi volevano sconfitto e a tante altre cose.

Non mi ritenevo ambizioso ma che provavo a fare del mio meglio non posso che confermarlo.

Da quel giorno in poi cominciai a credere di più in me stesso, sono del parere che ognuno di noi in questa vita sente la necessità di essere valorizzato oltre che capito dagli altri, difatti è bellissimo sentirsi parte di questo mondo non ingiustamente esclusi o scoraggiati.

Non è forse vero che l'arte di piacersi consiste nell'essere soddisfatti?

Rispondo con un convintissimo sì!!!

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

0
0
2

Vivi e lascia vivere

09 April 2020

L’eccessivo prodigarsi fa rima con dannarsi. Sono del parere che ogni singolo individuo abbia bisogno di vivere senza stare troppo a preoccuparsi di cosa accade attorno o chi ci sta attorno. La nostra vita dispone di un meccanismo perfetto, sta a noi capirne il complicato funzionamento dal momento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
2

L'evasione

09 April 2020

Uscendo dalla doppia curva dopo i caselli, il conducente schiacciò il freno istintivamente: il furgone cellulare derapò paurosamente a sinistra, poi a destra; percorse ancora alcuni metri, quindi inchiodò con un violento colpo di coda, rilasciando nell’aria fumo nero e un odoraccio di gomme surriscaldate. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
2
12

Da tanto tempo

08 April 2020

Vorrei incontrarti per scambiare con te le parole della pelle i tremori della carne le incertezze delle labbra l'innocenza degli sguardi l'insolenza delle mani E poi con un abbraccio raccontarti che voglio solo te. Ciò che non vedi dentro me è già tuo Assolutamente tuo Da tanto tempo Maurizio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
11

Monologo di un uomo nel tempo della peste

08 April 2020

Un giorno ci alzammo assieme al sole. Credevamo di aver sconfitto il buio della notte con la luce del suo raggio sempre più potente, man mano i minuti si avvicendavano a rincorrersi come fanciulli sulla spiaggia dorata, spensierati cuccioli d'uomo, intenti a inseguire un aquilone. Ognuno di noi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
6
14

Incroci

07 April 2020

Le campagne sono immense Io sono al centro degli incroci Il mio sguardo ruota e non fissa qualcosa di definito C’è tanto da vedere Il movimento della terra è regolare Brevi picchi di colline alberate si ergono a sud Il fiume che mi corre affianco povero di acqua Non impedisce a due cigni di percorrere [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
10
17

Come se fossi qui

07 April 2020

“Non ti arrabbiare però!”, mi disse con la voce supplichevole. Io la guardai con la coda dell’occhio. Teneva le labbra imbronciate, come una bambina che ha patito un dispetto. Il labbro inferiore sporto in avanti si accavallava su quello superiore. Ma il disegno delicato della bocca non subiva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

5
8
17

L'ultimo elfo

06 April 2020

Un elfo di nome Ohtar stava morendo. Uscì dal suo rifugio, ovvero un grandissimo albero, in seguito a un lunghissimo letargo. Si sentì improvvisamente invecchiato sia dentro che fuori e non ci volle molto per capire il perché di quella sgradevole condizione. Vagò barcollando per quel che restava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Be’, se avessi approfondito il commento ti avrei senz'altro tolto [...]

  • Manuela Cagnoni: Uno dei tuoi racconti che sorprendono il lettore nel finale!

3
2
16

MEGLIO RIDERE PER NON PIANGERE

06 April 2020

Smette di andare il telefono fisso di casa. Prendiamo il cellulare e chiamiamo il “Cento-eccetera” del nostro operatore: non è che non risponde o ti mette in attesa, proprio termina la chiamata istantaneamente con un peto sommesso ma minaccioso. Riproviamo enne volte e sempre il peto si ripete, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • callettino: E alcuni hanno il coraggio di chiamarlo progresso. Non puoi scansare certe [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Kanozza, il titolo è tutto dire visto che è perfetto per [...]

4
1
17

Marzo 2020 - Regole

05 April 2020

Ciao umani. Sono la Logica. Parlavo in questi giorni con una scienza mia cugina, la Matematica. Mi raccontava di come in questi giorni stesse cercando di guidarvi nella lettura dei Numeri, in modo da evitare effetti distorti e indesiderati. Beh, ci ho pensato su e ho deciso che anch’io dal [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

12
14
53

Il piccolo aereo rosso

Racconto di Natale

04 April 2020

Per un bambino la realtà non importa, perché sarà sempre accompagnato durante i suoi giorni dalla sua immaginazione. Piccolo racconto natalizio. Mancano pochi giorni a Natale e, una volta giunti al parcheggio del centro commerciale dopo l’acquisto dei regali, io, mia moglie Francesca e il nostro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Un punto di vista da bambino colto però dagli adulti, questo è, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie callettino. Al di là del pensiero adulto/fanciullo direi che [...]

3
3
16

Lontano dal mondo

04 April 2020

Cediamo il passo al silenzio e alla notte. Cediamo il passo alla solitudine ed all'immutabile bellezza. Restiamo sulla soglia della vita come spettatori malinconici innanzi a orizzonti impossibili.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: ....ma non cediamo il passo alla meraviglia della vita..sai ieri ne ho avuto [...]

  • Arielseasoon: Grazie Giuseppe per le belle parole. La tristezza di un mondo 'costretto' [...]

4
1
16

Marzo 2020 - Numeri

03 April 2020

Ciao umani. Sono la Matematica. Sono la scienza che più di ogni altra definite “arida”. Beh, non mi offendo. In fondo è vero: i miei ubbidienti soldatini, i Numeri, in effetti non hanno cuore, né anima. Malgrado questo, voi umani non riuscite a fare a meno di noi, della Matematica e dei suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su