Bussai alla porta del Comandante di Compagnia, una voce tuonò "Avanti!" e con il cuore in gola entrai dentro il suo ufficio.

Il capitano se ne stava seduto in una scrivania, a fumarsi un sigaro, ed andai nella sua direzione, sbattendo dapprima il tacco e unendo le mani a paletta sugli attenti.

«Comandi capitano! Sono stato messo a rapporto da lei!» esordii con flebile voce.

«Stai su riposo!» mi ordinò.

L'ufficiale mi guardò intensamente per interminabili secondi che sembravano non finire mai, diede due boccate al sigaro ed infine lo appoggiò ancora acceso nel posacenere.

Feci un profondo respiro e l'uomo di fronte a me sorrise.

«Stai sereno, non ti mangio mica!» 

Mi rilassai e mi resi conto che non doveva essere nulla di serio.

«Ti starai chiedendo dov'è la tua licenza?» mi chiese l'ufficiale ritornando formale.

Non sapendo cosa dire mi limitai a restare in silenzio, scrollando le spalle e a roteare gli occhi.

«Ebbene caro mio, ti ho convocato per un motivo ben preciso...» 

Si interruppe di colpo per soffiare via un po'di cenere del suo sigaro che si andò a depositare vicino alcune scartoffie.

Ero impaziente, davvero impaziente di sapere cosa mi avrebbe detto.

«Abbiamo gradito in particolar modo il tuo operato, non sei stato punito nemmeno una volta e ti sei saputo distinguere in tutto e per tutto.»

Quelle parole mi sorpresero tanto da restare quasi a bocca aperta.

«Tra l'altro non ti sei neanche lamentato per la destinazione, giorni prima dell'Operazione Domino, ho avuto parecchia gente che mi rompeva in continuazione le palle per andare a prestare servizio nelle località a cui a loro meglio conveniva!» soggiunse.

«Capitano, ho fatto solo il mio dovere, io...» e non riuscendo a trovare le parole giuste non completai la frase per via dell'emozione.

«Hai fatto molto di più del tuo dovere, ed è per questo che ci tenevo a darti personalmente la licenza.» e da un cassetto della scrivania prese l'attesissimo foglio di carta, timbrato e firmato come sempre sia dal Comandante di Battaglione, sia dal Comandante di Reggimento e sia da lui stesso.

Quest’ultimo si alzò dalla sua postazione, nonostante le bellissime parole, mi senti piccolo piccolo davanti a quell'uomo alto e dall'aspetto rigido.

Non riuscivo proprio a crederci.

Mi consegnò il documento e mi volle stringere la mano, una stretta fortissima e vigorosa.

«Molto bene, davvero molto bene, hai dimostrato il tuo valore, goditi questa bella licenza, ogni tanto mi stupisco anch'io in questa caserma del cazzo!» concluse facendomi cenno che potevo andare.

Lo ringraziai mettendomi sull'attenti e dopo un passo indietro, eseguii un dietro-front uscendo dalla stanza del Comandante di Compagnia.

I miei occhi divennero lucidi, una pienezza interiore impossibile da descrivere.

Fuori porta mi aspettavano alcuni miei colleghi impiccioni per sapere cosa fosse successo.

Non sentivo la necessità di condividere con loro le parole lodevoli espresse dal capitano Mottola nei miei confronti, del resto misi in pratica uno dei miei aforismi preferiti:

"È controproducente condividere le cose con altri, più te le tieni per te, più diventano preziose!”

Mi limitai a dire che dovevo essere aggiornato sul prossimo trasferimento in "Compagnia Controcarri", cosa tra l'altro vera in base alle disposizioni che mi furono segnalate prima dell' "Operazione Domino" e che la licenza venne dimenticata nell'ufficio del capitano.

Tornai in camerata e anziché preparare subito i bagagli per tornare a casa, mi sedetti sopra la mia branda a pensare.

Mai e poi mai, prima di allora mi ero sentito così gratificato.

Pensai alla scuola, al bullismo che avevo subito, al nonnismo dei primi mesi in caserma, a tutte le persone che non credevano in me, a tutti quelli che mi volevano sconfitto e a tante altre cose.

Non mi ritenevo ambizioso ma che provavo a fare del mio meglio non posso che confermarlo.

Da quel giorno in poi cominciai a credere di più in me stesso, sono del parere che ognuno di noi in questa vita sente la necessità di essere valorizzato oltre che capito dagli altri, difatti è bellissimo sentirsi parte di questo mondo non ingiustamente esclusi o scoraggiati.

Non è forse vero che l'arte di piacersi consiste nell'essere soddisfatti?

Rispondo con un convintissimo sì!!!

0
0
0

Elsa

la temeraria

17 February 2019

È domenica. Oggi mi aspetta una grande avventura organizzata dal nostro allenatore. Io faccio parte di una squadra di cicliste donne che predilige le robuste mountain bike alle bici da strada, troppo femminili e delicate per noi. Il contatto con la natura è la motivazione maggiore che ci induce [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
2
3

Racconto - 2/2

17 February 2019

24‭ ‬dicembre‭ ‬1989 Tutto il giorno ad aspettare una chiamata.‭ ‬Almeno lui si può muovere,‭ ‬non ha‭ ‬uno specchio che lo tormenta.‭ ‬A sera finalmente squilla il telefono. ‭"‬Ciao,‭ ‬Nicola,‭ ‬sono Alessandro‭"‬. ‭"‬Ciao,‭ ‬bell'uomo,‭ ‬dimmi qualcosa di bello‭!" " 'Qualcosa di bello‭'! ‬Ma [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come promesso, ho atteso dopo la mezzanotte per seconda parte, davvero interessato [...]

  • ducapaso: Questo è uno dei più vecchi, non ricordo neppure con precisione [...]

0
0
2

Foto

17 February 2019

Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. Tu di profilo e la fotocamera puntata. Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. "Vento capriccioso!" dici, tastando i capelli. Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. Il vento mi è complice, soffiando ti pettina. Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. Sparo una [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
7

Tutto in un giorno

16 February 2019

Trotterellando come una trota di torrente in trasferta nel Ticino, mi trovai su una tradotta sul tratto Torino-Tirano insieme ad un un frate trappista, una traduttrice tedesca di lingua madre tibetana e un teppistello tredicenne con uno strano turbante in testa a forma di turacciolo. Con tutti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: la tua confusione mentale è sempre divertente

2
4
14

Racconto - 1/2

16 February 2019

Quante volte capita di guardarsi allo specchio ‭ ‬e di non riconoscersi‭? E quante altre,‭ ‬per un gioco di luci,‭ ‬un riflesso o una distrazione,‭ ‬sembra che si sia qualcun altro al di là del vetro‭? Ci abituiamo a non pensarci,‭ ‬a non far caso,‭ ma qualcuno si pone mai seriamente il problema‭? [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buondì ducapaso,, "attraverso" uno specchio hai tirato fuori [...]

  • ducapaso: Questo era l'ultimo che avevo.preparati appena iscritto, da allora non [...]

2
2
12

DESTINAZIONE SCONOSCIUTA

16 February 2019

DESTINAZIONE SCONOSCIUTA Giorno di festa L’immagine di un’attesa Dopo un lungo discorso. I gradini di una piazza Mostri che si accavallano Nella mente e negli occhi. Il ricordo di un identico giorno Tante vite trascorse o vissute In un millesimo di vita. Lo stesso vino come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Direi, decisamente, una poesia di buon livello, Un'appropriata metafora [...]

  • flavia: poche pennellate per entrare come in sogno nel ricordo, sottile e lieve come [...]

3
3
12

Annelise

l'oggetto

15 February 2019

< Signor Levinski vi prego concedetemi ancora del tempo, il negozio, lo potete vedere anche voi, si sta riprendendo. C’è stato un periodo di rilassamento a causa di questa maledetta guerra che Napoleone sta lanciando su tutta l’Europa. La gente ha paura e spende poco, ma sembra che il nostro [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

6
10
22

Solitudine sotto la neve

15 February 2019

Dalla finestra guardo il giardino, fuori nevica, ma io sto al caldo. In questi giorni hanno aumentato i gradi perchè nella casa vivono persone molto anziane, quasi centenari. Nella mia solitudine ammiro lo strato bianco che si posa pian piano a coprire ogni cosa. La coperta bianca e fredda della [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • flavia: cara Lory si può essere soli in mezzo alla gente ed è molto brutto, [...]

  • Surya: Bravissima Flavia,
    Testo molto toccante...
    Come si chiamerà [...]

5
5
15

Il papà nel cassetto - 2/2

15 February 2019

Già, la mamma. Perché da quando Papi era andato via le cose non avevano fatto che peggiorare, e la mamma aveva attraversato diverse fasi: dopo il primo momento di rabbia cieca, (in cui Edoardo l’aveva guardata impaurito e tremante da sotto il tavolo fare a pezzi foto e oggetti che avevano a che [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

3
5
20

LA MEGLIO GIOVENTU’  (2003)

14 February 2019

LA MEGLIO GIOVENTU’ (2003) Fra il 1966 ed il 2003 si dipana la storia, privata e pubblica, di Nicola e Matteo, fratelli così diversi fra di loro eppure così vicini. Promettenti studenti universitari, condividono sogni e speranze, fino all'incontro con Giorgia, ragazza psichicamente disturbata, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • piero: Bella recensione di un mega film che racconta bene quegli anni formidabili. [...]

  • Adalberto: LA MEGLIO GIOVENTU' su Raiplay
    https://www.raiplay.it/programmi/lamegliogioventu/

7
6
17

Il papà nel cassetto - 1/2

14 February 2019

Dodici anni: pochi, per poter essere considerato “grande”… troppi, per appartenere ancora a quel mondo, quello dell’infanzia, in cui tutto è forse più semplice. Eh si, se avesse potuto Edoardo sarebbe tornato volentieri indietro di un bel po’. Magari alla scuola materna, per non avere compiti da [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Scrittrice imperfetta: Buongiorno a tutti!! Scily, grazie, come sempre il tuo commento aggiunge sfumature, [...]

  • Surya: Wow! I tuoi testi arrivano dritto dritti al cuore, sei bravissima! E ora vado [...]

4
3
16

Spoon river

14 February 2019

Strane radici invadono corpi sotto un cupo cielo lacerato dal tuono e una pioggia cattiva intride una terra riarsa e immemore di pagani riti mentre vapori indistinti si alzano lenti come anime incerte di vaghi ectoplasmi ...e da lontano cigolando stride una vecchia giostra arrugginita [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Nerissimo, ehm... carissimo Ferry, una poesia grigia e bigia, dove ti imperni [...]

  • Walter Fest: Questo è un commento invisibile perché dal momento che tu (per [...]

Torna su