Bussai alla porta del Comandante di Compagnia, una voce tuonò "Avanti!" e con il cuore in gola entrai dentro il suo ufficio.

Il capitano se ne stava seduto in una scrivania, a fumarsi un sigaro, ed andai nella sua direzione, sbattendo dapprima il tacco e unendo le mani a paletta sugli attenti.

«Comandi capitano! Sono stato messo a rapporto da lei!» esordii con flebile voce.

«Stai su riposo!» mi ordinò.

L'ufficiale mi guardò intensamente per interminabili secondi che sembravano non finire mai, diede due boccate al sigaro ed infine lo appoggiò ancora acceso nel posacenere.

Feci un profondo respiro e l'uomo di fronte a me sorrise.

«Stai sereno, non ti mangio mica!» 

Mi rilassai e mi resi conto che non doveva essere nulla di serio.

«Ti starai chiedendo dov'è la tua licenza?» mi chiese l'ufficiale ritornando formale.

Non sapendo cosa dire mi limitai a restare in silenzio, scrollando le spalle e a roteare gli occhi.

«Ebbene caro mio, ti ho convocato per un motivo ben preciso...» 

Si interruppe di colpo per soffiare via un po'di cenere del suo sigaro che si andò a depositare vicino alcune scartoffie.

Ero impaziente, davvero impaziente di sapere cosa mi avrebbe detto.

«Abbiamo gradito in particolar modo il tuo operato, non sei stato punito nemmeno una volta e ti sei saputo distinguere in tutto e per tutto.»

Quelle parole mi sorpresero tanto da restare quasi a bocca aperta.

«Tra l'altro non ti sei neanche lamentato per la destinazione, giorni prima dell'Operazione Domino, ho avuto parecchia gente che mi rompeva in continuazione le palle per andare a prestare servizio nelle località a cui a loro meglio conveniva!» soggiunse.

«Capitano, ho fatto solo il mio dovere, io...» e non riuscendo a trovare le parole giuste non completai la frase per via dell'emozione.

«Hai fatto molto di più del tuo dovere, ed è per questo che ci tenevo a darti personalmente la licenza.» e da un cassetto della scrivania prese l'attesissimo foglio di carta, timbrato e firmato come sempre sia dal Comandante di Battaglione, sia dal Comandante di Reggimento e sia da lui stesso.

Quest’ultimo si alzò dalla sua postazione, nonostante le bellissime parole, mi senti piccolo piccolo davanti a quell'uomo alto e dall'aspetto rigido.

Non riuscivo proprio a crederci.

Mi consegnò il documento e mi volle stringere la mano, una stretta fortissima e vigorosa.

«Molto bene, davvero molto bene, hai dimostrato il tuo valore, goditi questa bella licenza, ogni tanto mi stupisco anch'io in questa caserma del cazzo!» concluse facendomi cenno che potevo andare.

Lo ringraziai mettendomi sull'attenti e dopo un passo indietro, eseguii un dietro-front uscendo dalla stanza del Comandante di Compagnia.

I miei occhi divennero lucidi, una pienezza interiore impossibile da descrivere.

Fuori porta mi aspettavano alcuni miei colleghi impiccioni per sapere cosa fosse successo.

Non sentivo la necessità di condividere con loro le parole lodevoli espresse dal capitano Mottola nei miei confronti, del resto misi in pratica uno dei miei aforismi preferiti:

"È controproducente condividere le cose con altri, più te le tieni per te, più diventano preziose!”

Mi limitai a dire che dovevo essere aggiornato sul prossimo trasferimento in "Compagnia Controcarri", cosa tra l'altro vera in base alle disposizioni che mi furono segnalate prima dell' "Operazione Domino" e che la licenza venne dimenticata nell'ufficio del capitano.

Tornai in camerata e anziché preparare subito i bagagli per tornare a casa, mi sedetti sopra la mia branda a pensare.

Mai e poi mai, prima di allora mi ero sentito così gratificato.

Pensai alla scuola, al bullismo che avevo subito, al nonnismo dei primi mesi in caserma, a tutte le persone che non credevano in me, a tutti quelli che mi volevano sconfitto e a tante altre cose.

Non mi ritenevo ambizioso ma che provavo a fare del mio meglio non posso che confermarlo.

Da quel giorno in poi cominciai a credere di più in me stesso, sono del parere che ognuno di noi in questa vita sente la necessità di essere valorizzato oltre che capito dagli altri, difatti è bellissimo sentirsi parte di questo mondo non ingiustamente esclusi o scoraggiati.

Non è forse vero che l'arte di piacersi consiste nell'essere soddisfatti?

Rispondo con un convintissimo sì!!!

1
1
7

Canyon

21 January 2020

Mi ero alzato strano quella mattina e non capivo il perché La notte avevo dormito poco Avevo sognato, ma anche fissato il mio orologio sul comodino Continuamente Tutti quei numeri che avanzavano senza sosta mi avevano agitato Ma anche fatto riflettere sul tempo che, a dispetto di tutti, proseguiva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

13
12
64

Lascia stare la mia mamma!

Donne: un tesoro da salvaguardare. Please stop violence

20 January 2020

Carla si appresta a rincasare stancamente, dopo una dura giornata di lavoro. È sera inoltrata e il quartiere è poco illuminato, sul marciapiede nessun passante, in strada nessuna automobile. C'è uno strano silenzio, a parte il rumore secco dei suoi tacchi. Carla decide di aumentare il passo. Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U0858: Bello Giuseppe! Angosciante da morire... che racconto! Sulla pelle ho sentito [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Surya: nei bambini nutro una grande speranza, si potrebbe essere, del resto [...]

1
0
17

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
2
11

La ragazza del porto

19 January 2020

Un gabbiano e la sua compagna Un cielo senza nuvole Sole tiepido di primavera Onde che si infrangono sugli scogli rumorosamente Navi che mollano gli ormeggi Volti di pescatori con le loro rughe e le loro storie Guardandoli si leggono dentro, ma solo per chi vuole vedere Sguardi di chi ha visto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
10

Turista nella nebbia

18 January 2020

Tanti anni fa, mentre mi trovavo in un paesino dell'Essex, una contea dell'Inghilterra orientale, dopo essere sceso da un autobus non ci volle molto per addentrarmi in una fitta nebbia perdendo così l'orientamento. Confesso che mi inquietai, tra l'altro avevo addosso uno zaino pesante che mi dava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
2
8

In treno

18 January 2020

Il ragazzo è entrato con fare sospetto, perplesso, quasi schifato. Realizzai in quell’esatto momento con chi avremmo dovuto passare il resto del viaggio. Io e Vladimir, amici da una vita, tornavamo a casa dalle nostre mogli. Dicevo, il giovane è entrato e mi resi conto che era proprio schifato, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
10

Viagra

una storia vera

17 January 2020

Spoleto, notte piena, albergo a tre stelle, camera matrimoniale di dimensioni ridotte. Lui era arrivato in quella camera travolto da una tempesta di eventi uno più intenso e sconvolgente dell’altro. Eppure non si poteva dire di lui che fosse un cinquasettenne pantofolaio e borghese, poco avvezzo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

14
18
144

L'ascensore

16 January 2020

Oggi è il mio primo giorno di lavoro alla Duke & Nuke, una società finanziaria con sede a New York, precisamente a Hell's Kitchen, un quartiere di Manhattan. Dopo una laurea conseguita a pieni voti, aver trovato un lavoro in una sede così prestigiosa mi inorgoglisce. Prospetto un ottimo stipendio, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Giuseppe, tu lo sai ti apprezzo; per questo mi permetto di farti alcune annotazioni. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Sandro, ti ringrazio per il tuo commento, lo so che sei sincero e se devi [...]

6
3
13

Annibale

15 January 2020

Oggi sento i miei anni Sono ottanta se la memoria non mi tradisce Trascino le gambe a volte tra una stanza e l’altra Mi dico sempre che è perché non ho fretta Ma è una bugia con le gambe corte Mi sveglio sempre alle sei al canto di Annibale Vivo ormai solo da diversi anni La mia Anna la vedo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
0
16

Favole diseducative con morale piuttosto equivoca - L'energia alternativa

Una roba di almeno sei anni fa che scrissi quando nemmeno mi era cresciuta la barba

14 January 2020

C’era una volta uno scienziato che ebbe la fortuna di fare una scoperta rivoluzionaria. Euforico, la portò a una grande convention e, arrivato il suo turno di parlare, salì sul palco con un piccolo trenino elettrico. Balbettando per l'emozione disse: -Finalmente sono riuscito a risolvere il grande [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

12
13
85

Il mio amico Gino Di Losa

14 January 2020

Sono al matrimonio di Gino Di Losa che si tiene in Puglia a Canosa. Davvero carina la sua sposa, anche se purtroppo è odiosa però ha una sorella deliziosa dall'espressione solare e radiosa. Ha una corporatura burrosa e un’espressione assai maliziosa, intuendo che di me è vogliosa. Con un pretesto [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Alice Cannizzo: Zio, sai una cosa? Mi piace questo Gino di Losa e sei bravo a scrivere ogni [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Alice, si tratta di una filastrocca nata per caso, felice anche stavolta del [...]

2
1
8

Il mio angolo di Paradiso

13 January 2020

Salii sulla montagna con mio nonno Genitori troppo presi da se stessi per ascoltare e leggere nei miei occhi quel desiderio Il nonno era un uomo forte e saggio Essere solo in montagna con i suoi animali lo avevano abituato a quei silenzi e percepiva bene nelle persone i desideri e i sogni. Lui [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su