Bussai alla porta del Comandante di Compagnia, una voce tuonò "Avanti!" e con il cuore in gola entrai dentro il suo ufficio.

Il capitano se ne stava seduto in una scrivania, a fumarsi un sigaro, ed andai nella sua direzione, sbattendo dapprima il tacco e unendo le mani a paletta sugli attenti.

«Comandi capitano! Sono stato messo a rapporto da lei!» esordii con flebile voce.

«Stai su riposo!» mi ordinò.

L'ufficiale mi guardò intensamente per interminabili secondi che sembravano non finire mai, diede due boccate al sigaro ed infine lo appoggiò ancora acceso nel posacenere.

Feci un profondo respiro e l'uomo di fronte a me sorrise.

«Stai sereno, non ti mangio mica!» 

Mi rilassai e mi resi conto che non doveva essere nulla di serio.

«Ti starai chiedendo dov'è la tua licenza?» mi chiese l'ufficiale ritornando formale.

Non sapendo cosa dire mi limitai a restare in silenzio, scrollando le spalle e a roteare gli occhi.

«Ebbene caro mio, ti ho convocato per un motivo ben preciso...» 

Si interruppe di colpo per soffiare via un po'di cenere del suo sigaro che si andò a depositare vicino alcune scartoffie.

Ero impaziente, davvero impaziente di sapere cosa mi avrebbe detto.

«Abbiamo gradito in particolar modo il tuo operato, non sei stato punito nemmeno una volta e ti sei saputo distinguere in tutto e per tutto.»

Quelle parole mi sorpresero tanto da restare quasi a bocca aperta.

«Tra l'altro non ti sei neanche lamentato per la destinazione, giorni prima dell'Operazione Domino, ho avuto parecchia gente che mi rompeva in continuazione le palle per andare a prestare servizio nelle località a cui a loro meglio conveniva!» soggiunse.

«Capitano, ho fatto solo il mio dovere, io...» e non riuscendo a trovare le parole giuste non completai la frase per via dell'emozione.

«Hai fatto molto di più del tuo dovere, ed è per questo che ci tenevo a darti personalmente la licenza.» e da un cassetto della scrivania prese l'attesissimo foglio di carta, timbrato e firmato come sempre sia dal Comandante di Battaglione, sia dal Comandante di Reggimento e sia da lui stesso.

Quest’ultimo si alzò dalla sua postazione, nonostante le bellissime parole, mi senti piccolo piccolo davanti a quell'uomo alto e dall'aspetto rigido.

Non riuscivo proprio a crederci.

Mi consegnò il documento e mi volle stringere la mano, una stretta fortissima e vigorosa.

«Molto bene, davvero molto bene, hai dimostrato il tuo valore, goditi questa bella licenza, ogni tanto mi stupisco anch'io in questa caserma del cazzo!» concluse facendomi cenno che potevo andare.

Lo ringraziai mettendomi sull'attenti e dopo un passo indietro, eseguii un dietro-front uscendo dalla stanza del Comandante di Compagnia.

I miei occhi divennero lucidi, una pienezza interiore impossibile da descrivere.

Fuori porta mi aspettavano alcuni miei colleghi impiccioni per sapere cosa fosse successo.

Non sentivo la necessità di condividere con loro le parole lodevoli espresse dal capitano Mottola nei miei confronti, del resto misi in pratica uno dei miei aforismi preferiti:

"È controproducente condividere le cose con altri, più te le tieni per te, più diventano preziose!”

Mi limitai a dire che dovevo essere aggiornato sul prossimo trasferimento in "Compagnia Controcarri", cosa tra l'altro vera in base alle disposizioni che mi furono segnalate prima dell' "Operazione Domino" e che la licenza venne dimenticata nell'ufficio del capitano.

Tornai in camerata e anziché preparare subito i bagagli per tornare a casa, mi sedetti sopra la mia branda a pensare.

Mai e poi mai, prima di allora mi ero sentito così gratificato.

Pensai alla scuola, al bullismo che avevo subito, al nonnismo dei primi mesi in caserma, a tutte le persone che non credevano in me, a tutti quelli che mi volevano sconfitto e a tante altre cose.

Non mi ritenevo ambizioso ma che provavo a fare del mio meglio non posso che confermarlo.

Da quel giorno in poi cominciai a credere di più in me stesso, sono del parere che ognuno di noi in questa vita sente la necessità di essere valorizzato oltre che capito dagli altri, difatti è bellissimo sentirsi parte di questo mondo non ingiustamente esclusi o scoraggiati.

Non è forse vero che l'arte di piacersi consiste nell'essere soddisfatti?

Rispondo con un convintissimo sì!!!

0
0
0

Magic

11 December 2019

La luna piena pendeva in uno atipico cielo blu scuro e fumoso. La luce argentea cadde su un'insegna metallica a forma di calderone che si innalzava sopra alla locanda La Bacchetta, gestita da Grimilde, una ex strega della Magia Nera che per ragioni "oscure" da tempo si era convertita a quella Bianca. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
1

Una donna vera

11 December 2019

Silenzio dell'anima Morte nel cuore Nelle orecchie urla Sul viso segni di uno schiaffo Inaspettato Ti guardo e non ti riconosco o forse non ti ho mai davvero conosciuto Le cose finiscono e non possiamo farci niente Delusa Nei tuoi occhi l'impotenza dei deboli capaci solo di mostrare le unghie di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
9

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

  • Walter Fest: Feruccio, grazie anche a te, siamo rimasti in tre, tre briganti e non ricordo [...]

2
3
7

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
7
16

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: come non pensare a quella della Libertà. Ottima riflessione Giuseppe

  • Giuseppe Scilipoti: x Federico: ehilà, bentornato, tra l'altro fa sempre piacere ricevere [...]

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
9

C è sempre vento

06 December 2019

C'è sempre vento quando il cuore è triste, quando l'oblio del giorno ha tracciato il confine e le speranze si ritrovano per vedere se ne manca qualcuna, mentre le strade deserte restituiscono i rumori che le hanno attraversate per sentirsi vive nelle notti di pioggia. C'è sempre vento quando con [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
14
61

NATALE AL LOUVRE CON IL MISTERO DELLA DONNA CON GLI OCCHIALI ROSSI

Natale in giallo

06 December 2019

Mancavano poche ore al Natale e al museo del Louvre c'era il solito casino di visitatori, una massa multicolore di anime alla ricerca dello spettacolo dell’arte. Questi turisti a momenti troppo rumorosi e sobillatori invece in altri fin troppo silenziosi perché logicamente rispettosi, riguardosi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Walter, rileggere questo racconto, a distanza di un anno... mi ispira per una [...]

  • Walter Fest: Ferruccio, graziemille per il tuo commento ed è un doppio ringraziamento [...]

Torna su