In questa storia non noterete i volti dei personaggi ma solamente scorrere tanto sangue. La vicenda è ambientata all'interno di un ristorante tipico Ciociaro ma non vedrete un piatto o una pietanza, oppure prelibatezze annaffiate da bicchieri di vino, tutto questo vi sembra strano? Non posso farci nulla è la penna che scrive in autonomia, prendetevela con chi ha inventato l'inchiostro e per giunta non potrei neanche aiutarvi perchè sulla tastiera non ho il correttore automatico, in compenso ho un pianista che mi accompagnerà, non lo sentite? Dovete lavorare di fantasia è il solo personaggio che vedrete in faccia.

Era il 29 del mese sul 10 verticale e Filippo il pianista di jazz per alimentare il suo sex appeal stava suonando "Impressioni di Settembre". Il ristorante era pieno di gente, gambe accavallate dalle scarpe di lusso, calze di raso, décolleté di vernice dal tacco vertiginoso e qualche mano sotto il tavolo ad accarezzare il sesto senso. Il pianista era quasi in penombra con la sua melodia soft, preferiva suonare defilato. Non aveva una bella faccia il musicista, sfigurata in una maniera che potete immaginare, sopra di lui solo un faretto ne illuminava il lato migliore, il sinistro perchè sul destro le cicatrici facevano pensare a male, ma il suo jazz era incredibilmente bello e questo al titolare del ristorante bastava. All'ultima nota di Samba pa ti fra gli scrosci degli applausi dei clienti ai tavoli, una mano furtiva sfilò la pistola dal reggicalze e da sotto il tavolo sparò tre colpi all'uomo seduto innanzi. Lei, fredda come un killer, per essere sicura di averlo fatto secco gli affibbiò una coltellata sulla giugulare. Porca vacca il sangue uscì a fiotti ma il malcapitato prima di esalare l'ultimo respiro, da sotto la giacca tirò fuori la baiaffa e colpiì al cuore la donna che cadde a terra in un lago di sangue.

-Noooo me l'hai uccisa maledetto!!

Filippo il pianista di jazz in preda alla pazzia da dentro il pianoforte tirò fuori il mitra e sparò alla cieca senza fare distinzione. Amici lettori non fatevi scrupoli di coscienza, il ristorante non era frequentato da galantuomini ma da banditi armati fino ai denti, che chiaramente vista la malparata risposero al fuoco e fù una carneficina, il sangue un fiume rosso scorse fino fuori al marciapiede. Dal locale incenerito dalla polvere da sparo uscì barcollando il pianista, che della donna ne era l'amante, in volto era una maschera di sangue, aperta la porta a vetri fece ancora tre passi e cadde in ginocchio.

-Amoree li ho ammazzati tutti!

E prima di piombare a terra come un sacco vecchio, dalla bocca sputò ancora sangue.

-Stopppp...stooooppp!!!....ma che avete combinato!!!...Truccatore!!!..ma questo non è Alien, non è il ristorante più pazzo del mondo!!!..vi caccio via tutti!!!..ma da dove è uscito fuori quel giallo?..il sangue giallorosso dalla bocca del pianista?..Pierpaolo!!!...Pierpaolooo!!

-Eccomi signor regista..

-Vieni quà che ti spezzo la carotide!!...Ma da dove esce stò sangue giallorosso dalla bocca del protagonista?

-Maestro ma lei mi aveva dato carta bianca!

-Pierpaolo sai che ci devi fare con la carta bianca?

The end.

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
2

Io sono la mamma

04 December 2022

Io sono la mamma. Mi alzo alle 6 del mattino, per svegliare tutti gli altri e preparare la colazione, altrimenti qui non si alza nessuno. Io sono la mamma, lavo il bagno e preparo la doccia tutti i giorni, altrimenti qui nessuno si lava. Io sono la mamma, pianifico la spesa, altrimenti qui altro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
0

Solo 15 secondi

04 December 2022

Quindici secondi, era il tempo massimo che l’Empire State System d’occidente aveva messo a disposizione, e concesso a ogni cittadino, per essere libero di dire la sua, indiretta tv - qualsiasi cosa gli passasse per la testa, aveva la possibilità, unica e sola, di farlo davanti allo sguardo del [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

12
14
62

Il Biscotto della Fortuna

03 December 2022

Pino il falegname va in un ristorante giapponese, desideroso di mangiare nipponerie. Tutti i tavoli risultano occupati o prenotati, tranne un kotatsu, un tavolino in legno sopra il quale è posto un futon. «Dice il faggio: persona “levigata”, persona rispettata. Benvenuto» lo saluta Ginkgo, il proprietario, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Avevo pensato al bacio perugina. Bravo, sei un artista della parola!

  • Mariluna: Ciao Giuseppe!!! Sei una matrice di racconti inesauribile!!! ❤ Buona serata!!!

4
11
17

Una storia americana

7 parole per una storia storta

03 December 2022

La porta del retrobottega era sempre aperta. Avevo deciso di fermarmi a 3 e invece in omaggio e con dedica per il bravo autore Scilipoti continuo e vado avanti, se piaccio anche ad altri son felice se invece a qualcuno antipiaccio pazienza ignoratemi. Bene qui l'ambientazione e in un negozio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Mariluna: Grazie Piccola stella. Mi sono accorta adesso di alcuni errori... L'ho [...]

  • Patapump: che meraviglia di pensieri....:)😘

3
5
13

La morte....

03 December 2022

Non saprei come definirla la morte… un vuoto immenso , devastante, incolmabile…. Quella improvvisa ti fa restare senza fiato, a bocca aperta, col cuore in gola…. È davvero indefinibile , Ci arreca molto dolore, per me è incurabile questo dolore…. È impressionante lasciare andare una persona davvero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Piccola stella: Petali Blu, essere testimoni impotenti del trapasso di una persona amata è [...]

  • Piccola stella: Petali blu, quello che sei riuscita a descrivere è in sè già [...]

1
4
4

Senryu

02 December 2022

Risciò nel vento - scorre sulle due ruote la melanconia ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
5
19

La cacciatrice di anime

02 December 2022

Era la notte di Halloween. John era stato invitato con i suoi amici alla villa d'epoca che si scorgeva tra i boschi sulla collina. La vide alla festa mascherata. Era scalza. Indossava una lunga camicia da notte bianca. I capelli lunghi erano sciolti. Camminando, i movimenti del suo corpo snello [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

10
16
59

Il desiderio di Geppetto

01 December 2022

Le Marionette odiano i Burattini e viceversa. I Peluche odiano le Paperelle di Gomma, tale sentimento è reciproco. I Manichini odiano gli Spaventapasseri, un odio vicendevole. Le Bambole odiano le Bambole Gonfiabili, un'accanita ostilità decisamente ricambiata. Io, invece, strano ma vero, non [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: x piccola stella: eh si, SCRIVERE ci accomuna eccome. Amo scrivere che siano [...]

  • Walter Fest: A Scilipo' a proposito di lista della spesa, non mi ricordo,ma la mia [...]

6
13
29

RICETTA DI PIADINA CAPRICCIOSA

01 December 2022

Sciogliere un cubetto d’amore ghiacciato in tre lacrime di cipolla. Aggiungere il profumo di una buona pasta d’uomo E scaldare dolcemente nel bagno di Maria. Preparare nel frattempo una pastella di latte di mamma Con farina di riso sgranato E far riposare un paio d’ore al sonno di neonato. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
3
12

Coraggio

01 December 2022

25 Novembre 2022 Giornata contro la violenza sulle donne. Tutte le donne vanno rispettate, dagli uomini, dalle donne. Sono troppo preziose per essere maltrattate, eppure vengono date per scontato. Abbiate cura e rispetto di loro, hanno già pagato. Proteggeteci, preservateci, ne abbiamo bisogno.♥️🌈

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Le donne... i bambini... i sensibili... i fragili, quanta tenerezza violentata!

  • LiandWally: Le donne, anime forti e fragili♥♥

1
0
6

Aforisma

30 November 2022

Si vestiva di pseudologia fantastica ogni singolo momento poiché non riusciva a farne a meno scartando la verità che non riusciva a manipolare per il suo spiccato narcisismo di essere ciò che in realtà non era! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

7
21
33

UNA COMPAGNA FEDELE

30 November 2022

Da adolescente mi chiedevo perplessa: “Ma cosa ci faccio io su questa terra? Perchè vivere?” Crescendo, in verità, non ci ho più pensato, ma il seme era stato gettato. Nel disordine misterioso e vivace di un terreno incolto, odore di terra, profumo di vento e lacrime di pioggia hanno nutrito, cullato, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Mariluna: Ciao! È bellissimo leggerti! Ho la sensazione di ascoltarti...

  • Piccola stella: Mariluna, grazie. Spero di incontrarti presto su un'altra tua "pagina [...]

Torna su