Amo appassionatamente lo stile delle cattedrali e quando posso faccio un salto a Milano a bearmi del fascino ineguagliabile del Duomo, una montagna di marmo rosa delle cave di Candoglia, nel Verbano.

La seconda visita d'obbligo è al Louvre, uno dei più grandi musei del mondo ( non indaghiamo su come ha avuto tutte le opere d'arte che contiene ) Passiamo sotto alle Piramidi di cristallo e dentro ci accoglie la Nike di Samotracia, uno spettacolo alta due metri e mezzo posata sulla prua di una nave di cui non oso nemmeno immaginare le dimensioni. Bellissima. La sorpassiamo e ammiriamo dallo scalone ma non suscita molto interesse nei miei compagni di viaggio.

Siamo nella galleria dei dipinti nella sala di David, il pittore ruffiano che si adattava ai potenti del momento con estrema facilità. Ha dipinto grandi quadri, ma penso che il più emblematico sia la morte di Marat.

A me interessa Pussin, i suoi quadri mi intrigano perché scopiazzando un po' Leonardo, ha inserito tanti accenni e riferimenti biblici, quasi figurine di un rebus. E infine arriviamo davanti a Lei madame la Gioconda, la più bella, la più affascinante e misteriosa signora della storia dell'arte. Sono affascinata, come tutti quelli che si fermano qui davanti a questi occhi che ti seguono. Uno che non subisce cotanto fascino ci trascina via e finalmente vedo anche la Vergine delle Rocce, altro rebus. I quadri di Leonardo, in quanto a rebus fanno sembrare la Settimana Enigmistica, un giornalino da dilettanti. Come in tanti altri suoi dipinti messer Leonardo ha nascosto dei piccoli cenni e riferimenti tutti da scoprire. Mi riempio gli occhi di tanta bellezza e so che non la dimenticherò mai perché mi è entrata nel cuore.

Scendiamo al piano inferiore fra le statue di Michelangelo, trafugate da Napoleone, ma quella che la fa da padrona è la Venere di Milo che ammalia tutti i maschietti che non smettono di girarle attorno perdendo letteralmente la testa davanti a tanta beltà. Io proseguo e mi soffermo davanti all'Ermafrodito che dorme tranquillo nel suo sonno di marmo. Inquietante e bello.

Ma ciò che mi affascina e da cui non so staccare lo sguardo è il gruppo di Amore e Psiche del Canova. Stupendo è dire poco, è banale.

Quel meraviglioso leggerissimo angelo ad ali spiegate, pesante più di una tonnellata, sembra librarsi in volo mentre abbraccia per un ultimo bacio la bella Psiche. In quella statua c'è tutto : c'è l'amore dei due amanti, e l'amore dell'artista per la sua opera e il mio amore verso l'opera d'arte. Mi gira la testa.

Usciamo dal Louvre e andiamo verso il traliccio dell'enel...ooops! Pardon... Andiamo a visitare la Tour Eiffel. La cosa più brutta di Parigi, la più visitata, ormai simbolo della città. Ci fu un grande personaggio del secolo scorso che passava i suoi pomeriggi nel ristorante del primo piano perché << E' l'unico posto di Parigi da dove non vedo questa mostruosità >>

Non sono salita sulla sommità, l'ho guardata dal basso ben bene ed ho pensato '' Ma sì. se per caso

la lanterna decide di scendere la vedrò volentieri, ma io lassù non vado nemmeno se mi ci trascinano ''.

Mangio per la prima volta il kebab, e la nostra guida l'insegnante di francese che ha vissuto dieci anni a Parigi, si perde all'uscita del metrò e ci fa salire e scendere due volte dalla stessa scala prima di capire dove sta l'uscita.

Quando usciamo ci accoglie un raggio di sole '' stronzo, non potevi uscire stamattina''. Tutte le sere siamo tornati in albergo col sole. Fanculo. Ho preso tanta di quella pioggia che nemmeno durante un'alluvione.

Però è stato bello, tempo a parte, Parigi è fantastica e sulla collina del Sacro Coeur, ho visto gli artisti e i pittori e mi è venuta voglia di boheme. Va beh ! Và, scendi coi piedi per terra che sei tornata Torino e domani ti fiondi dentro l'Egizio e ti rifai gli occhi con le mummie di Drovetti.

3
1
11

Gli affamati

18 August 2019

Eccola, la fame, voglia vogliosa di morbidezze, di croccanti prelibatezze da mordere, leccare, ingurgitare. Preparo la tavola, stendo la tovaglia, ricompongo per bene i cuscini nelle seggie, trattengo la fame senza mangiar da sola nulla, mi piace di più quando mangio insieme a un altro, è un sodalizio, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
4
9

La divisa

18 August 2019

Nei miei verdissimi anni ero un ragazzo assai timido, impacciato, impedito e indubbiamente smarrito, il rapporto con i coetanei e soprattutto con le persone più grandi mi davano un senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi raramente riuscivo a reggere i confronti, persino a sostenere [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • flavia: Bravo soldatino con tutto quello che hai passato (io lo so) sei rimasto gentile [...]

  • Dario De Santis: Bravo Scilyx, ogni tanto risvegli qualche ricordo dal tuo subconscio, bene!!

5
5
21

per Esempio

17 August 2019

C'era una volta un Esempio non particolarmente importante, né molto interessante: era solo un Esempio. La gente gli passava accanto il più delle volte senza prestargli attenzione, ma a volte qualcuno lo prendeva e lo portava davanti a tutti, lo faceva vedere e studiare. Allora l'Esempio si sentiva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
5
18

Equibrium

17 August 2019

L'avevano trovato il loro equilibrio del loro non stare insieme, del loro non essere una coppia come tutte le altre. Che noia essere uguale agli altri, che prurito non potersi distinguere dalla massa. Perciò, finalmente, e con grande soddisfazione per entrambe, vi erano riuscite. Non si definivano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Francesca: Un bel pezzo.. ma difficilissimo da applicare nella pratica

  • Heidina wolf: Dipende.. È stato vero fino a 20 gg fa.. C'erano voluti quasi 20 [...]

2
3
16

Gin tonic con Tanqueray

16 August 2019

Andammo a fare un giro fuori città una sera, c'era quel tizio Don o Dan, Lizzie, Joy e Mark. Carlotta non venne, se ne stava sempre in disparte, la amavo per questo ma non lo sapeva. Entrammo in un locale da schifo, la musica era terribile e c'erano un sacco di tipi con le camice abbottonate fin [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Flambé: Carlotta è una sorta di chiaroveggente che evidentemente non si fila [...]

  • Francesca: Molto crudo e si, sicuramente sessista , ma scritto bene e ti spinge a leggere [...]

3
4
13

Addio

16 August 2019

Avevi la sofferenza scolpita negli occhi. "Cos'hai?" "Niente." In silenzio, mi stavi dicendo addio

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Francesca: Niente.. tipica risposta che racchiude un mondo dentro. Diffidare sempre del [...]

  • ducapaso: Infatti.
    Quando mi ha detto "niente" ho capito.
    Non è [...]

6
6
16

Il regalo

15 August 2019

Ho nel cassetto del salotto un pacchetto regalo che non ho mai aperto. È lì da molto tempo. Non riesco proprio a ricordare chi me l'abbia regalato. E nemmeno in quale occasione. So solo che l'ho portato a casa e non l'ho aperto. Ci sarà stato un motivo ma non ricordo nemmeno quello. Ho chiesto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
4
18

Giallo improvvisascion

seconda parte....il finale

15 August 2019

Amici lettori, eccomi di nuovo con voi, ancora improvvisazione, la testa è sgombra da pensieri, fà caldo e si dovrebbe fare altro ma io stò quà seduto davanti la tastiera per scrivere quello che non sò, ve l'avevo detto l'altra volta che questa era una sperimentazione, avrei voluto fare tre parti [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

7
10
25

Fiocco di neve

14 August 2019

Vorrei essere temerario come un fiocco di neve perché non ha paura di cadere

Tempo di lettura: 30 secondi

4
2
9

Macchine

14 August 2019

Percorrendo la Prenestina, un’antica via consolare romana, la mia macchina arrancava. Sentiva il peso degli anni e di conseguenza necessitava di cure amorevoli. Chiamando col termine manutenzione quelle cure mi sembrava di sminuirla. Meglio dire che bisognava avere dell’attenzioni particolari [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Francesca: Carino! Mi ha fatto pensare alla prima macchina.. una cinquecento che dopo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Ricky! Per mille Fiat! Hai "scaldato i motori" della fantasia [...]

2
2
14

Con un respiro

13 August 2019

La stava pensando e lei era lì proprio di fronte. Le disse: " Se tu capissi quanto ti amo ". Lei sorpresa da quelle parole inaspettate rispose: " Fammelo capire allora ". Lui sempre avaro di parole raccolse nei suoi occhi il fuoco che lo faceva bruciare e d'un fiato sussurrò: " Io senza te non [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

6
7
18

Listeria - 2/2

brutta avventura personale

13 August 2019

Ho passato molte notti a piangere di solitudine e di paura, temevo di non farcela e l'incubo della fine era sempre in agguato nonostante i medici dicessero che stavo migliorando, non mi fidavo più di loro. Sono venute molte care persone in visita, anche la mia Scrittrice Imperfetta preferita, e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su