Sapete qual è uno dei quesiti più complessi formulati dagli infanti? È presto detto:

Come nascono loro stessi! Eh…già, senz’altro la domanda più antica e difficile del mondo.

Per ovvi motivi gli adulti rispondono sempre ricorrendo a delle storielle fantasiose, anche se analizzando la questione per pen…emh per bene, ( scusate :-)) per svariati motivi, i bambini di oggi “nascono” già imparati ed eruditi.

Ai miei tempi non era di certo cosi, eravamo tutti più ingenui ma allo stesso tempo più curiosi nello scoprire, nonché invadenti con dei continui e tediosi “perché?” o “come mai? “.

Ad ogni modo certi GENI, seppur rari, non mancavano di certo.  

Un episodio degno di nota alberga ancora nella mia memoria, per cui attraverso queste righe, ho deciso il più fedelmente possibile di trascrivere il tutto, utilizzando per i dialoghi l’innocente linguaggio tipico di allora.

 

Era il 1990, avevo sei anni e frequentavo l’ultimo anno dell’asilo.

Un giorno la maestra ci fece disegnare con degli acquarelli (manco a farlo apposta) una cicogna su un foglio, finché ad un certo punto, Rocco il mio compagno di banco cominciò a stuzzicarmi.

«Peppe, ma lo sapevi i bambini nascono dalle cicogne?», Mi annunciò con espressione maliziosa.

«Cosa sono le cicogne? », Gli chiesi stupito.

«Sono uccelli bianchi che quando sono assieme…», ma venne subito interrotto da altri due bambini seduti vicino a noi. Difatti udendo i nostri discorsi si incuriosirono e cominciarono a vociare animatamente, coinvolgendo di conseguenza tutti quanti… nessuno escluso.

“Diccelo anche a noi, diccelo anche noi!!!», gridarono all’unisono i nostri compagnetti circondando il nostro banco.

La maestra dovette fare non poca fatica per ristabilire l’ordine, gridando a non fare chiasso e con la minaccia che sarebbero volati degli schiaffoni.

A quei tempi in via ufficiosa le punizioni corporali erano ancora tollerate e ahimè anche adoperate! Fummo costretti a sederci, ognuno al proprio posto e con religioso silenzio. Sapevamo che non scherzava.

«Facciamo una cosa…” propose la maestra»,  «chi di voi sa come nascono i bambini, alzi la mano e lo spieghi davanti a tutti.»  

Evidentemente per la maestra, visto che eravamo in ballo, sarebbe stata una buona occasione per far si che apprendessimo qualcosa in materia, ovviamente con le dovute limitazioni.

Si alzarono quattro mani, compresa la mia. Fui il primo ad esporre:

 

«I bambini nascono quando un maschio e una femmina si danno tanti, ma tanti, tantissimissimi baci», dissi sicuro di me e convinto di aver indovinato.

«I baci non bastano, ma sono già un inizio», rise la maestra.

Fu il turno di Giorgio:

« I bambini nascono dal cavolfiore!.» Esclamò candidamente.

Intervenne subito Silvano:

«I bambini non nascono dal cavolfiore ma da una patata», ci rilevò e per poi concludere «Me l’ha detto mio fratello, lui è grande e queste cose le sa!»,

La maestra scosse la testa disgustata.

Va bene, va bene…andiamo avanti!», tossendo nervosamente e si rivolse a Rocco «Forza campione, tocca a te!»,

«Il mio papà mi ha spiegato come: allora… i bambini nascono da due cicogne che fanno l’amore!!!», ci disse a gran voce, alzandosi velocemente dal banco e issando energicamente per un braccio la povera Rossana, la sua compagna di banco e posizionandosi infine dietro le sue spalle.

Lo guardammo tutti stupiti.

«La cicogna maschio, si mette dietro la cicogna femmina per fare cosi: za…za…za…za…za…za…!!!!: », con tono esaltato e tenne la povera malcapitata stretta per i fianchi, per poi muovere il bacino avanti e indietro e strofinandosi contemporaneamente su di lei.

« La cicogna maschio ad un certo punto fa un canto e dopo nove mesi la cicogna femmina porta un neonato ai genitori», concluse.

Cominciammo a ridere come matti, non capimmo di certo il significato o i doppi sensi (sicuramente non voluti) di ciò che ci aveva raccontato, ma eravamo troppo divertiti dalle sue movenze. Nel frattempo Rossana si liberò dalla morsa di Rocco e si mise a piagnucolare mollandogli uno spintone.

La maestra divenne letteralmente rossa in viso, e fu inizialmente troppo scossa per proferire parola.

«Appena tuo padre ti viene a prendere all’una, gli devo assolutamente parlare.», gli riferii dopo essersi ripresa e gli ordinò con autorità a sedersi.

Ritornammo ai nostri disegni.

 

Il dopo della vicenda, purtroppo non mi è possibile ricordarlo fedelmente, poiché sono passati moltissimi anni ma alcuni dettagli mi sono rimasti impressi:

La maestra che ripeteva sempre la parola “cicogna”, e l’ evidente imbarazzo nel raccontare al padre di Rocco ciò che era avvenuto in mattinata e infine una frase di quest’ultimo:

«Mi scusi signora maestra, Ma qual è in sostanza il suo problema? Forse mi vuole far capire che i documentari di Piero Angela non sono cosi educativi oppure non è che l’ingenua fantasia di mio figlio ha generato un equivoco?»

3
5
22

Il truffatore

Incipit

21 April 2019

Sono un bugiardo, uno di quelli senza scrupoli, lo ammetto. Non parlo di piccole bugie, quelle che comunemente si chiamano " bianche ", ma di menzogne serie, in grado di causare danni e dolore alle persone. Perché lo faccio? Ho iniziato per gioco ed ero molto bravo, poi però ho esagerato... mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao a tutti e grazie per aver letto nonostante la giornata festiva e auguri [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Dalle mia parti, nel messinese, fanno le cosiddette pizze bianche, ovvero pizze [...]

1
2
9

Parodia di "La canzone del sole" di Lucio Battisti

21 April 2019

Le bianche tette/ gli occhi azzurri e poi/ le tue chiappette sode/ e la peluria tra le gambe tue/ la prugna ancor più rossa/ E la brandina rotta dove noi/ già scopavamo piano/ e le tue cosce e l'eco dei tuoi dai,/ si dai/... mi stai facendo venire/ Dove sei andata, cosa hai fatto mai/ Brutta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
12

Civico 21 - 1/4

Prima parte

21 April 2019

Scriveva, scriveva, scriveva… lavorava ininterrottamente. Una confusione tremenda quella mattina. Aveva tantissime nuove pratiche da gestire che, sommate a quelle che non era riuscita a smaltire nei giorni precedenti, facevano aumentare vertiginosamente la mole di lavoro. Intanto, in basso a destra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
2
11

La prima volta al mare - 2/2

20 April 2019

In testa voleva mettersi un cappellino, ma non l’aveva trovato. Aveva i cappelli lunghi sciolti e con quelli si copriva il viso. Era tempo di rientrare, il sole scottava nonostante fosse presto. Il riverbero del mare aumentava il potere riscaldante, forse poteva arrischiare di bagnarsi i piedi, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
23

Come respirare

20 April 2019

Se il tempo non si fosse fermato a raccontarmi i tuoi occhi il vento gelido mi avrebbe portato via come terra. Ma le tue dita come radici intrecciate alle mie mi hanno aiutato a resistere alle tempeste. Ora ti guardo come non ho fatto mai perché tu mi sommergi con il tuo amore e poi mi lasci sulla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
19

THE KILLERS

20 April 2019

Erano giorni che non usciva da quella stanza, quella squallida stanza in quella squallida pensione in quella squallida cittadina poco distante da Chicago, triste e dimenticata da tutti. E l'aveva scelta proprio per questo. Così sperava di farla franca. La Pensione della signora Hirsch, a Summit, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
5
22

La prima volta al mare - 1/2

19 April 2019

Claudia non aveva dormito per tutta la notte, tanta era l’emozione di trovarsi in riva al mare. Era la sua prima volta. Lei aveva sedici anni e non aveva mai visto il mare così da vicino. I genitori erano rimasti a dormire nella camera che era stata prenotata per loro. Lei, invece, approfittando [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
17

Il quadro perfetto

19 April 2019

Nel momento dell'aurora il pittore arrivò sulla spiaggia. Il suo scopo era dipingere il momento migliore, quindi si era ben organizzato, con una macchina fotografica per provare l'effetto di ciò che vedeva una volta messo su carta, quindi aveva tutto il necessario per stampare in macchina. Il momento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: ducapaso, hai scritto un componimento a regola d'"arte", non [...]

  • ducapaso: Grazie Giuseppe, sempre troppo buono :-)
    Mi sono ricordato che bisogna [...]

3
2
15

Acquisti

19 April 2019

1) Il robot umanoide di produzione tedesca del film "Grandi magazzini" 2) L'Amiga 500 3) Soldatini di plastica, compresi gli indiani e i cowboy 4) Un tubetto di bolle di sapone 5) Tutte le sigle dei cartoon cantante da Enzo Draghi e Marco Destro 6) Un lecca lecca gigante di Arale dell'Autogrill [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Resta sempre frivolo così e fanciullesc vivrai a lungo felice

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Flavia, senz'altro farò come tu dici. Posso anche superare [...]

4
4
15

Scalata

18 April 2019

Un tonante appello o cosa? Non si tratta dell'eco, ne sono sicuro. Le alture sono rivolte verso di me e hanno chiamato il mio nome. Mi sfidano a salire e a confrontarmi. Non sono un alpino e non dispongo della tenuta giusta. Che fare? Dai, posso farcela, stare fermo equivale a morire e io voglio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Minchia che roba!!!... A parte il parallellismo con fatti intrinsechi e personali, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, sono contento e soddisfatto del commento che mi hai lasciato. [...]

3
3
11

Regalami una storia

18 April 2019

II vecchio si alzò a fatica, le ginocchia dolenti, un pacco di libri tra le mani. Come gli era venuto in mente di mettere ordine? Erano anni che le cose andavano avanti così, alla rinfusa. Per modo di dire, andavano avanti. Si guardò intorno. Un tempo era stata una bella libreria, non tanto grande, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: Si. Confermo il commento di Francesca, ti prende e si fa leggere!

  • Giuseppe Scilipoti: Wow, un "Mi piace! convinto!
    Araba Fenice ci regala una storia, degna [...]

2
6
20

Un'altra occasione - 3/3

18 April 2019

Si fermò a comprare un mazzo di rose, si sentiva di aver avuto una seconda occasione che voleva sfruttare al massimo. L'aver organizzato un fine settimana al mare, poi, sembrava cadere a pennello con i suoi propositi: si sarebbero rilassati lontani dalla routine quotidiana, lì ricominciare sarebbe [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: Mi sono sentito nei panni del fedifrago, non so se era più stretto il [...]

  • Francesca: Grazie cercherò di farlo!

Torna su