Sapete qual è uno dei quesiti più complessi formulati dagli infanti? È presto detto:

Come nascono loro stessi! Eh…già, senz’altro la domanda più antica e difficile del mondo.

Per ovvi motivi gli adulti rispondono sempre ricorrendo a delle storielle fantasiose, anche se analizzando la questione per pen…emh per bene, ( scusate :-)) per svariati motivi, i bambini di oggi “nascono” già imparati ed eruditi.

Ai miei tempi non era di certo cosi, eravamo tutti più ingenui ma allo stesso tempo più curiosi nello scoprire, nonché invadenti con dei continui e tediosi “perché?” o “come mai? “.

Ad ogni modo certi GENI, seppur rari, non mancavano di certo.  

Un episodio degno di nota alberga ancora nella mia memoria, per cui attraverso queste righe, ho deciso il più fedelmente possibile di trascrivere il tutto, utilizzando per i dialoghi l’innocente linguaggio tipico di allora.

 

Era il 1990, avevo sei anni e frequentavo l’ultimo anno dell’asilo.

Un giorno la maestra ci fece disegnare con degli acquarelli (manco a farlo apposta) una cicogna su un foglio, finché ad un certo punto, Rocco il mio compagno di banco cominciò a stuzzicarmi.

«Peppe, ma lo sapevi i bambini nascono dalle cicogne?», Mi annunciò con espressione maliziosa.

«Cosa sono le cicogne? », Gli chiesi stupito.

«Sono uccelli bianchi che quando sono assieme…», ma venne subito interrotto da altri due bambini seduti vicino a noi. Difatti udendo i nostri discorsi si incuriosirono e cominciarono a vociare animatamente, coinvolgendo di conseguenza tutti quanti… nessuno escluso.

“Diccelo anche a noi, diccelo anche noi!!!», gridarono all’unisono i nostri compagnetti circondando il nostro banco.

La maestra dovette fare non poca fatica per ristabilire l’ordine, gridando a non fare chiasso e con la minaccia che sarebbero volati degli schiaffoni.

A quei tempi in via ufficiosa le punizioni corporali erano ancora tollerate e ahimè anche adoperate! Fummo costretti a sederci, ognuno al proprio posto e con religioso silenzio. Sapevamo che non scherzava.

«Facciamo una cosa…” propose la maestra»,  «chi di voi sa come nascono i bambini, alzi la mano e lo spieghi davanti a tutti.»  

Evidentemente per la maestra, visto che eravamo in ballo, sarebbe stata una buona occasione per far si che apprendessimo qualcosa in materia, ovviamente con le dovute limitazioni.

Si alzarono quattro mani, compresa la mia. Fui il primo ad esporre:

 

«I bambini nascono quando un maschio e una femmina si danno tanti, ma tanti, tantissimissimi baci», dissi sicuro di me e convinto di aver indovinato.

«I baci non bastano, ma sono già un inizio», rise la maestra.

Fu il turno di Giorgio:

« I bambini nascono dal cavolfiore!.» Esclamò candidamente.

Intervenne subito Silvano:

«I bambini non nascono dal cavolfiore ma da una patata», ci rilevò e per poi concludere «Me l’ha detto mio fratello, lui è grande e queste cose le sa!»,

La maestra scosse la testa disgustata.

Va bene, va bene…andiamo avanti!», tossendo nervosamente e si rivolse a Rocco «Forza campione, tocca a te!»,

«Il mio papà mi ha spiegato come: allora… i bambini nascono da due cicogne che fanno l’amore!!!», ci disse a gran voce, alzandosi velocemente dal banco e issando energicamente per un braccio la povera Rossana, la sua compagna di banco e posizionandosi infine dietro le sue spalle.

Lo guardammo tutti stupiti.

«La cicogna maschio, si mette dietro la cicogna femmina per fare cosi: za…za…za…za…za…za…!!!!: », con tono esaltato e tenne la povera malcapitata stretta per i fianchi, per poi muovere il bacino avanti e indietro e strofinandosi contemporaneamente su di lei.

« La cicogna maschio ad un certo punto fa un canto e dopo nove mesi la cicogna femmina porta un neonato ai genitori», concluse.

Cominciammo a ridere come matti, non capimmo di certo il significato o i doppi sensi (sicuramente non voluti) di ciò che ci aveva raccontato, ma eravamo troppo divertiti dalle sue movenze. Nel frattempo Rossana si liberò dalla morsa di Rocco e si mise a piagnucolare mollandogli uno spintone.

La maestra divenne letteralmente rossa in viso, e fu inizialmente troppo scossa per proferire parola.

«Appena tuo padre ti viene a prendere all’una, gli devo assolutamente parlare.», gli riferii dopo essersi ripresa e gli ordinò con autorità a sedersi.

Ritornammo ai nostri disegni.

 

Il dopo della vicenda, purtroppo non mi è possibile ricordarlo fedelmente, poiché sono passati moltissimi anni ma alcuni dettagli mi sono rimasti impressi:

La maestra che ripeteva sempre la parola “cicogna”, e l’ evidente imbarazzo nel raccontare al padre di Rocco ciò che era avvenuto in mattinata e infine una frase di quest’ultimo:

«Mi scusi signora maestra, Ma qual è in sostanza il suo problema? Forse mi vuole far capire che i documentari di Piero Angela non sono cosi educativi oppure non è che l’ingenua fantasia di mio figlio ha generato un equivoco?»

2
4
12

Un eroe del nostro tempo

aiutare gli altri

16 June 2019

Come più volte richiesto dall'amico Walter Fest, sempre alla ricerca di eroi, eccone uno dimenticato. Un pomeriggio di maggio caldo e assolato, siamo negli anni settanta, una bimba di quattro anni gioca sul balcone di casa con un piccolo aquilone, la mamma la sorveglia ma l'aquilone le sfugge [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • flavia: Caro Scilyx, era da tempo he la storia covava e voleva uscire dal guscio, Walter, [...]

  • flavia: Sandro Amici, dovrò spolverare il libro di Kafka che giace dimenticato [...]

4
4
18

EternaMetro

16 June 2019

Quando con un fischio penetrante si aprono le porte è come se da un foruncolo se ne esca materia purulenta trattenuta per giorni. Veniamo succhiati fuori come interiora da un ventre bollente e buttati in corridoi dove la luce è tendenzialmente gialla, seguendoci l’un l’altro come acciughe, allo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • U1011: Molto bello Sandro e allo stesso tempo molto triste e realistico... uno spaccato [...]

  • Sandro Amici: Grazie a voi per essere passati a leggere

5
7
21

Il ladro

15 June 2019

Con movimenti decisi, ho appena piazzato sta Matusalemme in una sedia per poi bloccarla con una cintura. La vecchia mi guarda digrignando i denti e comincia a inveire contro di me. Mi dà del ladro e più volte chiama aiuto. Non è la prima volta che mi trovo in una situazione del genere, ragion per [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao Giuseppe i termini mi sembrano azzeccati per l'intento che avevi perché [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Francesca, tu sì che ne capisci. :-) Comunque mi sembra di notare [...]

1
1
12

Inedia

15 June 2019

Ed è solo giorno, e già mi nutro d'alcol. Sono sdraiato nei tuoi occhi incantevoli Non mi rannicchio mai. È di nuovo notte E sono ancora lì. Passeranno le stagioni sarà come bere un bicchier d'acqua e forse scenderanno nuove piogge. Sarà come guardarti ancora. Torni da me e tornano le rondini, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Domani è un altro giorno, si vedrà, come dice il poeta. Mi piaci

4
7
23

Colloquio

14 June 2019

Sua madre gli aveva stirato la camicia bianca. -Mettiti la giacca. -Ma è per un call center, non serve... -Tu mettila. In bagno certi giorni la chierica non si vedeva. Quella mattina brillava. Aveva preso il caffè in cucina, in piedi, mentre suo padre fissava La7. “Ora me lo chiede, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Mi permetto di dissentire Francesca. Non confonderei “scorrevole” [...]

  • Francesca: Ciao Sandro io intendevo un'altra cosa.. uno può anche scrivere [...]

2
3
10

Shopping

14 June 2019

Il sole stava calando sull'affollata piazza, regalando un'aura di serenità: la primavera era una certezza, sebbene l'aria ancora fresca. Le due donne si incamminarono nella via del centro, che a quell'ora ancora pullulava del via vai dei turisti, oltre ai tanti impiegati che da poco avevano lasciato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Dolce far shopping. :-) Ho trovato carino questo componimentino, lo shopping [...]

  • Palilli: Grazie Flavia e grazie Giuseppe. Mi ha ispirato una amica che si è recata [...]

6
7
32

Non ci si può fidare neanche della morte!

13 June 2019

La tiro fuori da sotto il sudario! È lei, l’ho vista tre giorni fa mentre la sistemavano lì, sembra che nessuno s’interessi di lei, mentre io l’ho sognata tutti i giorni, è stato quell’attimo che mi è rimasto fisso nella mente, mentre le sistemavano la gonna che si era alzata quando l’hanno messa [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Dario De Santis: Grazie Walteruccio, lascia stare, è inutile, come diceva Bennato "tempo [...]

  • flavia: Sei sempre il solito pavoncello tutto coda raggiante, ma ti amiamo anche per [...]

3
3
10

UNIONE COSMICA

OM

13 June 2019

Non sarai più solo Ti ascolterò non solo con l'udito ma aprendoti il mio cuore. Non servirà parlare. Dall' incontro dei nostri sguardi sinceri, nasceranno spontaneamente, invisibili energie che faranno vibrare l'atmosfera di limpida magia... E tutto sarà pace dove attorno solo giace la dolce comunicazione. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
19

Che donna sei

12 June 2019

Che donna sei Che donna sei. Diversa direi o meglio una donna che non ha paura di mostrarsi. Di essere pazza dolce casta hot. Di essere se stessa. Capace di amare senza limiti. E di fartelo capire con un sorriso con una carezza con un bacio con un semplice " ti amo ". Che donna sei. Fai parte di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
8
23

180

12 June 2019

Giustina, Giustì, maronna mia, agge sentit’!? Agge sentit’ ca successo? Maronna mia bella, famme assittà ca me sent’ male, Giustina mia… Antonio vamme a pija nu bicchiere d’acqua…bella fresca Antò… Maronna, agge sentit’!? Nun ce posso credè… La 180, la 180, l’ hanno levata la… 180, la legge su [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: (non avevo lasciato una opinione)
    la versione del 2012 aggiunge qualche [...]

  • U1004: Non sapevo esistesse una Molazzana in prov di Lucca. Per quanto uno inventi [...]

4
4
23

LA TONACA DELLA MONACA - Guido

11 June 2019

LA TONACA DELLA MONACA - Guido Guido non era mai stato uno studente modello, né un ragazzino sempre tranquillo. Andava alle elementari in una scuola di suore, in pieno centro storico. L'edificio era molto antico, un pezzo da museo non molto tenuto bene dalle 'sante donne'. Per lui era un [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Un'infanzia tranquilla..

  • flavia: che tragedia dalla padella suore alla brace preti, non poteva andare peggio, [...]

5
9
21

Il tempo del ritorno

Recensione

11 June 2019

Misconosciuto film italiano datato 1993 dell’altrettanto (mi)sconosciuto Lucio Lunerti, che gira un film drammatico con lievissime venature thriller e mistery, che ha come cornice i post Anni di Piombo e misuratissime immagini di repertorio, forse ricreare ad hoc per il lungometraggio. “Il tempo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adalberto: Incuriosito dalla tua recensione ho cercato questo film "fantasma": [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Francesca: ammirazione anch'io per la mitica Giulietta. Chissà, [...]

Torna su