Sapete qual è uno dei quesiti più complessi formulati dagli infanti? È presto detto:

Come nascono loro stessi! Eh…già, senz’altro la domanda più antica e difficile del mondo.

Per ovvi motivi gli adulti rispondono sempre ricorrendo a delle storielle fantasiose, anche se analizzando la questione per pen…emh per bene, ( scusate :-)) per svariati motivi, i bambini di oggi “nascono” già imparati ed eruditi.

Ai miei tempi non era di certo cosi, eravamo tutti più ingenui ma allo stesso tempo più curiosi nello scoprire, nonché invadenti con dei continui e tediosi “perché?” o “come mai? “.

Ad ogni modo certi GENI, seppur rari, non mancavano di certo.  

Un episodio degno di nota alberga ancora nella mia memoria, per cui attraverso queste righe, ho deciso il più fedelmente possibile di trascrivere il tutto, utilizzando per i dialoghi l’innocente linguaggio tipico di allora.

 

Era il 1990, avevo sei anni e frequentavo l’ultimo anno dell’asilo.

Un giorno la maestra ci fece disegnare con degli acquarelli (manco a farlo apposta) una cicogna su un foglio, finché ad un certo punto, Rocco il mio compagno di banco cominciò a stuzzicarmi.

«Peppe, ma lo sapevi i bambini nascono dalle cicogne?», Mi annunciò con espressione maliziosa.

«Cosa sono le cicogne? », Gli chiesi stupito.

«Sono uccelli bianchi che quando sono assieme…», ma venne subito interrotto da altri due bambini seduti vicino a noi. Difatti udendo i nostri discorsi si incuriosirono e cominciarono a vociare animatamente, coinvolgendo di conseguenza tutti quanti… nessuno escluso.

“Diccelo anche a noi, diccelo anche noi!!!», gridarono all’unisono i nostri compagnetti circondando il nostro banco.

La maestra dovette fare non poca fatica per ristabilire l’ordine, gridando a non fare chiasso e con la minaccia che sarebbero volati degli schiaffoni.

A quei tempi in via ufficiosa le punizioni corporali erano ancora tollerate e ahimè anche adoperate! Fummo costretti a sederci, ognuno al proprio posto e con religioso silenzio. Sapevamo che non scherzava.

«Facciamo una cosa…” propose la maestra»,  «chi di voi sa come nascono i bambini, alzi la mano e lo spieghi davanti a tutti.»  

Evidentemente per la maestra, visto che eravamo in ballo, sarebbe stata una buona occasione per far si che apprendessimo qualcosa in materia, ovviamente con le dovute limitazioni.

Si alzarono quattro mani, compresa la mia. Fui il primo ad esporre:

 

«I bambini nascono quando un maschio e una femmina si danno tanti, ma tanti, tantissimissimi baci», dissi sicuro di me e convinto di aver indovinato.

«I baci non bastano, ma sono già un inizio», rise la maestra.

Fu il turno di Giorgio:

« I bambini nascono dal cavolfiore!.» Esclamò candidamente.

Intervenne subito Silvano:

«I bambini non nascono dal cavolfiore ma da una patata», ci rilevò e per poi concludere «Me l’ha detto mio fratello, lui è grande e queste cose le sa!»,

La maestra scosse la testa disgustata.

Va bene, va bene…andiamo avanti!», tossendo nervosamente e si rivolse a Rocco «Forza campione, tocca a te!»,

«Il mio papà mi ha spiegato come: allora… i bambini nascono da due cicogne che fanno l’amore!!!», ci disse a gran voce, alzandosi velocemente dal banco e issando energicamente per un braccio la povera Rossana, la sua compagna di banco e posizionandosi infine dietro le sue spalle.

Lo guardammo tutti stupiti.

«La cicogna maschio, si mette dietro la cicogna femmina per fare cosi: za…za…za…za…za…za…!!!!: », con tono esaltato e tenne la povera malcapitata stretta per i fianchi, per poi muovere il bacino avanti e indietro e strofinandosi contemporaneamente su di lei.

« La cicogna maschio ad un certo punto fa un canto e dopo nove mesi la cicogna femmina porta un neonato ai genitori», concluse.

Cominciammo a ridere come matti, non capimmo di certo il significato o i doppi sensi (sicuramente non voluti) di ciò che ci aveva raccontato, ma eravamo troppo divertiti dalle sue movenze. Nel frattempo Rossana si liberò dalla morsa di Rocco e si mise a piagnucolare mollandogli uno spintone.

La maestra divenne letteralmente rossa in viso, e fu inizialmente troppo scossa per proferire parola.

«Appena tuo padre ti viene a prendere all’una, gli devo assolutamente parlare.», gli riferii dopo essersi ripresa e gli ordinò con autorità a sedersi.

Ritornammo ai nostri disegni.

 

Il dopo della vicenda, purtroppo non mi è possibile ricordarlo fedelmente, poiché sono passati moltissimi anni ma alcuni dettagli mi sono rimasti impressi:

La maestra che ripeteva sempre la parola “cicogna”, e l’ evidente imbarazzo nel raccontare al padre di Rocco ciò che era avvenuto in mattinata e infine una frase di quest’ultimo:

«Mi scusi signora maestra, Ma qual è in sostanza il suo problema? Forse mi vuole far capire che i documentari di Piero Angela non sono cosi educativi oppure non è che l’ingenua fantasia di mio figlio ha generato un equivoco?»

1
1
8

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
6

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
10

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
5
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Camillina: Adesso mancano i murale ecologici come quello dipinto su una facciata di Roma. [...]

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

1
2
8

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
12

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
14

POVERI MA BELLI

Ovvero, dialogo anni ’60 fra due sfigati romani ai tavolini di un bar gelateria di Piazza Navona

14 December 2018

- Ahò! E svejate core!! Che' stai a ffà tutto er giorno ar sole a magnà gelati!!! - Anvedi er Fuffas!!! - Ahò, che ffai? - No’ vedi, pijo er sole, no? E me magno pure er gelato a' Tre scalini, a' faccia loro... - Ma cccambia bare, vattene de fronte e te guardi er Bernini e er Borromini! - Ma che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Enrico Costa: C'erano romani che a RC volevano portare cultura specifica, e romani che [...]

  • Puccia: Bello, poi il dialetto romanesco mi acchiappa sempre anche se sono milanese.

3
1
13

L’ASTICE CUI TENDEVI…

13 December 2018

- Hai messo in freezer il tuo amore! Ti sento lontana! - La solfa si ripeteva da qualche tempo e lei non sapeva come farglielo capire. Eppure quella domenica erano andati a pranzo fuori: finalmente soli! Era una tiepida giornata di metà settembre e avevano deciso per il solito Ristorante sul [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
0
8

Nel museo dell'opera dei pupi

13 December 2018

Il guardiano controllò che tutte le porte e gli infissi del museo fossero chiusi per la nottata. Quel palazzo, che un tempo era stato adibito ad altre mansioni, ora era stato trasformato per accogliere una tradizione siciliana, che era conosciuta e frequentata da tutti ma che, in seguito alle nuove [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
4
12

solo un padre

12 December 2018

I tuoi occhi nei miei Ti stringo amore mio Tu che mi hai donato l’amore Io che ti ho donato la vita Ti cercherò domani e tu mi darai la mano Cammineremo tra strade senza più barriere, tra giochi d’infinito e sguardi di bellezza Accompagnerò i tuoi sorrisi in silenzio e giocherò alla vita regalandoti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Ilaria: Sono una figlia e leggere queste parole mi fa solo venire in mente l'amore [...]

  • tre stagioni: Grazie Ilaria per le tue parole. Sarò forse un padre all'antica [...]

Torna su