C’è un momento nella vita di un uomo in cui occorre fare appello a tutte le proprie forze e compiere un passo decisivo di cui le conseguenze lo segneranno per sempre.

Ebbene sì, anch’io, precisamente oggi, sono stato chiamato a questo ineluttabile gesto, ma sarò all’altezza?

Dio dammi la forza, dammi il coraggio.

Ammetto di avere un po’ paura e questa sgradevole sensazione si manifesta in tanti aspetti, ma una cosa è certa:

o ti fa scappare o ti fa sbagliare. Sì, su questo non ci piove.

Eppure analizzando la situazione in cui mi trovo, non devo necessariamente basarmi su questi presupposti, ho raggiunto grandi traguardi e tra poco quello più importante della mia esistenza.

In fondo in fondo non mi manca di certo quel senso di soddisfazione ovvero il senso di essermi sempre prodigato per le cose giuste e con l’immancabile piacere che si prova vedendo venir su le cose, mattone su mattone, tegola su tegola dopo tanti duri sacrifici. Sì, credo di sentirmi realizzato.

Purtroppo mi sa che tutto ciò non basta per adagiarsi sugli allori in quanto sicuramente la parte più dura della sfida comincia adesso.

Inoltre mi pongo una domanda banale:

come ha fatto il tempo a passare così veloce?

Lo so, è un qualcosa in cui vuoi o non vuoi ci passiamo tutti, arriva sempre un momento in cui hai la prova tangibile del tempo che scorre e non sto parlando solo della sacrosanta nonché inevitabile evoluzione del mondo in cui viviamo, ma del tempo in quanto tempo, del fatto che cresci, che vai avanti, e che tutto ciò che ti circonda ha deciso di cambiare, tra l’altro fregandosene di te.

Mi ricordo ai tempi del liceo, quando chiesi a Giulia per la prima volta di uscire con me, e lei mi rispose “sì”…

 

 

 

«…prendere in moglie la qui presente Giulia?» È il sindaco Salvo Minarelli a pronunciare queste parole con evidente tono spazientito e irritato.

Oh no! Mi son divagato esageratamente nei miei pensieri, tanto da restare “spento” per tutta la durata della cerimonia, e tra l’altro senza aver assimilato una acca riguardo gli articoli del Codice Civile formulati dal celebrante.

Sento un brusio dietro le spalle, sono gli invitati al nostro matrimonio.

«Ma cosa fa, dorme? È già la terza volta che il sindaco gli pone la domanda di rito!» sono le parole di mia sorella rivolte a mia cognata che seppur dette a bassa voce riesco perfettamente ad udire. 

Mi giro sulla mia sinistra, Giulia ha uno sguardo scocciato e sbuffando mi molla una poderosa gomitata. Ritorno al mondo dei vivi, anzi ritorno in me…

o quasi.

«Emh, sì va bene, certo!» rispondo confuso.

Il Primo Cittadino strabuzza gli occhi e scuote la testa sconcertato, mi rendo conto della gaffe e cerco di rimediare.

«Sì!» dico ad alta voce.

Il sindaco dopo avermi dato un’occhiataccia si rivolge a Giulia per formulare anche a lei l’identica domanda di rito e risponde con un “sì” strozzato.

«A seguito della vostra risposta affermativa io, Ufficiale dello Stato Civile del Comune, dichiaro in nome della Legge che siete uniti in matrimonio.» conclude Minarelli.

Dopo le dovute firme, gli auguri e le innumerevoli foto scattate, all’uscita dal Comune, Giulia mi guarda con occhi severi.

«Inizialmente pensavo che non mi volevi più sposare e invece conoscendoti bene, come al solito ti sei perso nei tuoi monologhi mentali!»  

«Scusami amore, e che pensavo a noi, ai nostri futuri figli…» le dico e tossendo nervosamente aggiungo «Mi ha tradito l’emozione, ecco… sì!»

Il volto di Giulia appare via via più rilassato e mi dà un bacio.

«Più avanti celebreremo il nostro matrimonio in chiesa, e cerca di non ripetere la figura di merda che hai fatto oggi, intesi?»

«Sì!» esclamo sicuro e deciso.

«Ma prima ti era difficile così difficile dire sì?»

«No, cioè… Sì!!!»

Giulia mi abbraccia sorridendo, evidentemente ha capito che è inutile impuntarsi, saliamo in macchina e andiamo tutti quanti a festeggiare in qualche locale.

 

È andata come è andata, pazienza, l’importante è aver detto “sì”.

Questo è ciò che conta.

Sì sì!!!

2
2
10

Il Grande Viaggio

20 August 2019

Mi chiamo Victor. Ho 82 anni. Vivo solo. Il mio vicino di casa, un bengalese, fa il badante di un signore. Prima faceva il custode di un campo da tennis. “Da quando Panatta si è ritirato nessuno gioca più a tennis”, mi dice. Lo vedo che porta in giro il signore anziano che in grembo ha un cane. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
5

Il negozio di orologi

20 August 2019

Ricordo quel negozio fin da quando ero piccolo. Passavo davanti a esso ancora con miei genitori , quando mi accompagnavano a scuola. Allora portavo i calzoncini corti, un buffo farfallino blu e la divisa che la scuola ci obbligava a indossare. Al passaggio frettoloso dei miei, apponevo una breve [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
0
9

Il personaggio

19 August 2019

Aveva aspettato tutta una vita prima di prender vita e avere una forma. Era stato come aver indossato una maschera per potersi confrontare con tutte quelle che costituiscono la società, dentro alla quale si esiste con tutte le cattiverie o le finte benedizioni perché operate in nome dell'egoismo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
7

E quindi...

19 August 2019

Quand'anche avessi fatto quadrato contro una questione circa le quote di un quagliodromo di Tor di Quinto in via Quintino Sella, senza perdermi in quisquiglie, avrei fatto ben presto la quadra presentando una querela in Questura e mettendomi così il cuore in quiescenza. Particolarmente inquietato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
1
25

Gli affamati

18 August 2019

Eccola, la fame, voglia vogliosa di morbidezze, di croccanti prelibatezze da mordere, leccare, ingurgitare. Preparo la tavola, stendo la tovaglia, ricompongo per bene i cuscini nelle seggie, trattengo la fame senza mangiar da sola nulla, mi piace di più quando mangio insieme a un altro, è un sodalizio, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

7
10
26

La divisa

18 August 2019

Nei miei verdissimi anni ero un ragazzo assai timido, impacciato, impedito e indubbiamente smarrito, il rapporto con i coetanei e soprattutto con le persone più grandi mi davano un senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi raramente riuscivo a reggere i confronti, persino a sostenere [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: x Scrittrice Imperfetta: grazie mille. Era da qualche anno che volevo scrivere [...]

  • Puccia: La tua biografia, un percorso che dagli albori dei primi anni ti porta a paragonare [...]

5
5
22

per Esempio

17 August 2019

C'era una volta un Esempio non particolarmente importante, né molto interessante: era solo un Esempio. La gente gli passava accanto il più delle volte senza prestargli attenzione, ma a volte qualcuno lo prendeva e lo portava davanti a tutti, lo faceva vedere e studiare. Allora l'Esempio si sentiva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
5
19

Equibrium

17 August 2019

L'avevano trovato il loro equilibrio del loro non stare insieme, del loro non essere una coppia come tutte le altre. Che noia essere uguale agli altri, che prurito non potersi distinguere dalla massa. Perciò, finalmente, e con grande soddisfazione per entrambe, vi erano riuscite. Non si definivano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Francesca: Un bel pezzo.. ma difficilissimo da applicare nella pratica

  • Heidina wolf: Dipende.. È stato vero fino a 20 gg fa.. C'erano voluti quasi 20 [...]

3
4
16

Gin tonic con Tanqueray

16 August 2019

Andammo a fare un giro fuori città una sera, c'era quel tizio Don o Dan, Lizzie, Joy e Mark. Carlotta non venne, se ne stava sempre in disparte, la amavo per questo ma non lo sapeva. Entrammo in un locale da schifo, la musica era terribile e c'erano un sacco di tipi con le camice abbottonate fin [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Francesca: Molto crudo e si, sicuramente sessista , ma scritto bene e ti spinge a leggere [...]

  • Principe dei desideri: Brano piacevole da leggere, che va dritto al punto, senza troppi fronzoli. [...]

3
6
16

Addio

16 August 2019

Avevi la sofferenza scolpita negli occhi. "Cos'hai?" "Niente." In silenzio, mi stavi dicendo addio

Tempo di lettura: 30 secondi

8
9
18

Il regalo

15 August 2019

Ho nel cassetto del salotto un pacchetto regalo che non ho mai aperto. È lì da molto tempo. Non riesco proprio a ricordare chi me l'abbia regalato. E nemmeno in quale occasione. So solo che l'ho portato a casa e non l'ho aperto. Ci sarà stato un motivo ma non ricordo nemmeno quello. Ho chiesto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
6
22

Giallo improvvisascion

seconda parte....il finale

15 August 2019

Amici lettori, eccomi di nuovo con voi, ancora improvvisazione, la testa è sgombra da pensieri, fà caldo e si dovrebbe fare altro ma io stò quà seduto davanti la tastiera per scrivere quello che non sò, ve l'avevo detto l'altra volta che questa era una sperimentazione, avrei voluto fare tre parti [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Francesca: Guarda Walter mi hai convinta e ci provo.. oggi parto in vacanza e non porto [...]

  • Puccia: Sei uno spasso! Unico ed imprevedibile! Pur nella " calura" trovi [...]

Torna su