Infila la muta con spasmodica attenzione, gustandosi ogni inquietante sensazione che il tessuto, premendo, lascia sulla pelle. Un odore di neoprene la invade insieme al sapore che gli rievoca quella pelle proibita che, come la stessa muta, da qualche mese le si sta appiccicando addosso, facendo impazzire ogni sua cellula.

«Strega», le echeggia quella cassa di risonanza che è il mare.

Glielo dice sempre, affrettandosi ad aggiungere: «…ma in modo affettuoso».

L’ha ammaliato, si sente ripetere, ma non sa se questo eccesso di potere che lui le attribuisce sia un bene o un male.

Fortunatamente le onde roboanti coprono il battito impazzito e alterato del suo cuore. Ha paura che quel galoppare scomposto possa essere percepito dagli altri.

Un timido accenno di iperventilazione blocca la circolazione del suo ossigeno, un nodo alla gola contrae i suoi polmoni.

No, non sono certo queste le condizioni migliori per entrare in acqua.

Deve rilassarsi e portare i muscoli a concentrarsi su sinfonie armoniche e positività.

Salsedine e iodio risvegliavano l’odore di quelle mani possenti, di quell’alito avvolgente, di una lingua esigente e curiosa. Solo l’acqua può calmarla e lavarle via emozioni troppo forti per essere contenute e celate. Un ultimo sforzo per la testa nel cappuccio, per passare poi ai piedi in quelle lunghe pinne da pesce, la vera metamorfosi del suo sentirsi donna degli abissi.

Il richiamo è forte e insistente, di quelli cui non si può dir no.

Il mare adesso risuona come il battito del suo cuore.

 

L’acqua entra lentamente nei pori della pelle facendosi largo tra l’appiccicoso di quel vestito marino aderente ai ricordi.

La sua vita si congela per un istante, il salato si tuffa nella sua lingua. Dalla maschera tutto appare più grande, anche le sue convinzioni.

Dal boccaglio espira a grandi getti paura e liberazione. Immerge in quell’abisso blu le sue verità e muove sinuosamente e verticalmente il suo tormento, giù, in cerca di pace e risposte.

Quanto vorrebbe appartenere a quel mondo!

 

Il manto cristallino la avvolge in spirali di onde increspate che cavalca con passione. Quella mattina è mosso, come la sua decisione che non rimarrà statica. Le sue ansie si placano, poi riaumentano. Solo quel liquido può trattenere la sua ingordigia, senza giudicare la sua follia. Lei l’ha scelto per sempre, ma in modo diverso da quella società che le sta stretta. È un contratto con il mare, firmato con il rischio. Pronuncerà il suo si a molti metri sotto la superficie contro quel salmone del buon samaritano, tutto ordine e pulizia. Un matrimonio in apnea: fedele solo a se stessa.

Sopra le manca il fiato, i polmoni si accartocciano, dimenticando come pompare ossigeno. Solo in quel grande liquido amniotico percepisce la vita che c’è in lei, e solo giù sa che troverà quella verità che le riesce così difficile masticare.

Si muove come un delfino, la grazia di una sirenetta stonata, la tenacia di uno squalo.

Un brivido di benessere la stuzzica: quanto sente le sue mani nodose sui suoi seni gonfi di piacere, quanto brama quella lingua avvolgente schiacciarsi contro la sua pelle, quasi a voler sfondare la barriera che li separa.

La saliva si cristallizza, umidificando negli anfratti umidi delle sue curve, riflessi ora nelle grotte di una città sommersa.

1 minuto e mezzo, 8 metri, pace sconfinata. E ancora nessun prete in vista con fedi e promesse.

 

Un guizzo e le pinne spingono verso la superficie, ancora non è pronta per osare. Deve scaldarsi per bene.

E intanto i filmati continuano nella sua testa: la lotta sul quel letto esanime, emaciato, lenzuola e cuscini sradicati, anime vendute al diavolo.

 

1 minuto e 45, 10 metri, fitte anfibiche che la smuovono tutta.

È di nuovo su, inspirazione ed espirazione, ossigeno che si rigenera insieme a pensieri diversi. Deve liberarsi di quei ricordi in rosso. L’anidride carbonica scappa fuori insieme ai tabù perbenisti e ordinati.

Si ricaccia dentro ossigeno in abbondanza, giù nella faringe, insieme ai suoi desideri ancestrali.

Una capovolta a squadra e le pinne sopra la sua testa la spingono giù insieme a quell’odore che la trascina a cercare ancora per farlo durare il più possibile, perché senza quel gusto amaro, la pelle si inaridirebbe, seccando i suoi desideri.

 

Per rimanere umida di vita si spinge a meno 15 metri, ritrovando per un attimo le risposte, quel tanto per calmare il tom tom del suo battito scomposto.

Perché tornare su per uccidersi lentamente? No, deve viverla fino in fondo quella storia, senza ripensamenti.

 

Un ultimo sguardo a ciò che sta per lasciare, una lacrima copre lo spazio esiguo tra l’occhio e il vetro della maschera.

Nessuna espirazione potente, a che servirebbe ripulire i polmoni di ossigeno?

È pronta ad impegnarsi sotto, a tornare feto, embrione, acqua, spirito. E ad annegare la morale.

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
3
7

Una trasferta inaspettata - 1/2

Le indagini di James

12 May 2021

Il nome del vice ispettore Giovanni Calamaretti iniziò ad apparire sugli articoli di cronaca nera in alcuni quotidiani, qualcuno osò pubblicare anche una sfocata fotografia dando comunque l’idea di come fosse il volto dell’uomo che aveva fatto arrestare la banda dei maiali. Di conseguenza qualcuno [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Betty: Grazie Walter, ho già messo in lista di attesa la notte d'amore [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Una trasferta inaspettata... un racconto inaspettato. Geniale e divertentissimo, [...]

2
4
10

Coming out nel 2021

12 May 2021

IL COMING OUT DI UNA LESBICA Siccome non esiste un solo modo per farlo, io vi elenco i modi in cui NON FARLO. DON’T TRY THIS AT HOME!!! 1.Miss t-shirt dell’anno: Presentarvi in giro con una maglia con su scritto: I KISSED KATY PERRY AND SHE WROTE A SONG ABOUT IT! 2.La pubblicità è l’anima [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Sabrina Fontanini: Ciao giuseppe, credo di essere un po' una mosca bianca qua con le mie gayate [...]

  • Betty: Letto tutto, cara Sabrina, ti faccio solo un piccolo appunto: la prossima volta [...]

2
3
9

Elisir Di Una Madre

Poesia

11 May 2021

Si addormenta delicatamente il tuo cuore sul mio animo emozionato, e il tuo dolce respiro si confonde col battito del candore della mia sensibilità. Or sogna dolce angelo gentile, affinché tra le mie braccia materne culla sincera puoi trovar per il tuo succedere nell’avvenire, che il destino ti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
7
17

Involuzione

11 May 2021

Una delle difficoltà del nuovo millennio è la vita dei bambini con genitori separati, questo Alessandro lo sa. Vede sempre suo padre sorridere, nonostante tutte le difficoltà della vita, la lontananza dal figlio, o meglio il fatto di non poterlo abbracciare appena sveglio o prima di andare a dormire [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: P. S. a scanso di equivoci per "scrivere " intendo in pubblico poi [...]

  • Sabrina Fontanini: Ciao Davide, come figlia di genitori separati da adulti mi sono sentita chiamata [...]

2
2
8

L'uomo che inventava le favole

11 May 2021

Dal giorno in cui scomparve, dopo molti anni, pian piano se ne era persa la memoria. Si sapeva soltanto che una mattina Lui si alzò dal letto e, come tutte le mattine, si lavò e si vesti accuratamente, poi guardò Lei e con tono di voce tranquillo disse, Ho smarrito la mia strada, vado a cercarla [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Lampuco se puoi leggi il mio commento a U1344, a parte il consiglio per il [...]

  • Adribel: Racconto delicato e malinconico, come una carezza

10
16
55

Babbo Natale e la sua provenienza

Raccontino natalizio

10 May 2021

Babbo Natale non conosceva la sua nazionalità. Una sera decise di scoprirla e chiese aiuto alla moglie e agli assistenti di Santa Claus Town. La Signora Natale ipotizzava che il marito fosse della Groenlandia, abbandonato dalla balene su una banchisa del Polo Nord, mentre Joll, lo gnomo, affermava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
10

colloquio...

10 May 2021

Mi ritrovo a parlare al tramonto col cuore respiro i suoi dolci raggi il vento porta i messaggi dei gabbiani lontani all’orizzonte sono i miei ricordi viandanti cerco tra i fogli sparsi della mia esistenza una parola adatta un collante di immagini sgargianti per la mia indole narrativa dalla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Bellissima sequenza di versi, liberi, freschi, proprio verso Dio.

2
2
14

Articolo 1 "L'Italia è una Repubblica democratica, il FU fondata sul lavoro"

10 May 2021

"Papà ma noi siamo tutti re? Ehi! Papà mi ascolti? Siamo tutti re? Uffa! Papà, non mi senti, papà, papà..." Paolo continuava a svegliarsi agitato, grondante di sudore, tormentato sempre dallo stesso sogno che lo riportava alla sua infanzia, sempre la stessa domanda che da un bel po' non aveva più [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Adribel: Tristemente vero, specchio dellattuale realtà. complimenti

  • Betty: piaciuto molto, brava!

3
4
14

Il padre di Annabelle

09 May 2021

Ricordi Annabelle non ne aveva belli di suo padre poiché non erano mai sulla stessa onda come si suol dire… lui apparteneva a un mondo diverso dal suo. Aveva sempre cercato di avvicinarsi a lui ma la sua testardaggine e il suo orgoglio non le davano la possibilità. Ma ad Annabelle non le importava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Un racconto che trova ma lti tisvontri mella realtà. Al sentimenyo però [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Angy, sto rispondendo a tutti i tuoi gentili commenti che mi hai rilasciato. [...]

4
6
13

Tutti al mare!

09 May 2021

Tutti al mare! Et voilà! Si può cominciare ad organizzarsi per uscir al sole! Certo è domani il via libera, ma sapete com’è, meglio prepararsi per tempo. Comincia il rito della vestizione, non ancora da indossare ma da catalogare. Costume intero ? Bikini?- boh! I chiletti si vedono, va beh ci metto [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
4
33

I am a reader

09 May 2021

Non mi posso lamentare, ora. Lo so, come scrittore ho fallito. Prendere coscienza della mia mediocrità mi ha permesso di capire quanto fosse inutile insistere in quella direzione. Ci sono troppi scrittori e questo lo sanno tutti. Talmente tanti che hanno di gran lunga superato i lettori. Perché [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Sabrina Fontanini: ahahah ma che bello, io sono una lettrice ovviamente a basso riscontro economico, [...]

  • V A N E S S I: Grazie a tutti voi ❤ Sempre bello ricevere annotazioni e pareri vari....👍😘

2
3
14

Un Piatto Gustoso

Mini Racconto

08 May 2021

Una acuta fitta di frenesia le percorse la schiena, inducendola ad inarcarla verso di lui che, dietro alle sue chiare e setose spalle, era pronto ad accoglierla tra le sue braccia, con gli occhi che gli brillavano di malizioso piacere e tanta voglia di scoprirla più a fondo, ma lei non era mai [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su