Oggi, stranamente Piazza Cavour è quasi deserta, solo un ragazzina con un Fox Terrier al guinzaglio e un anziano signore che cammina lentamente tenendo per mano il suo nipotino. Non avendo la minima voglia di rimanere a casa a incollarmi davanti alla TV, trovo che una passeggiata non può essere che salutare. Almeno con questa scusa mi ossigeno il cervello, che male non fa.

Mi pento però di essere uscito con il mio giubbotto in pelle preferito poiché, essendo una bella giornata di sole, c’è davvero caldo.

Quasi quasi me lo tolgo. Ah già, dimenticavo che non posso.

Mi siedo su una panchina e con lo smartphone mando un SMS a Carlo, un collega di lavoro, per organizzare in serata un’uscita in qualche pub. Non faccio in tempo a scrivere il messaggio che davanti a me si materializza un uomo dallo sguardo vitreo e inespressivo. È vestito trasandato, con una barbaccia incolta, i capelli lunghi e barcolla vistosamente. Si avvicina a pochi centimetri da me e mi guarda con quei suoi occhi particolarmente arrossati. Sicuramente si tratta di un tossicodipendente e con molta probabilità vorrà qualche soldo.

Rimetto il cellulare in tasca.

«Scusa, scusa, avresti qualcosa per me? Sto impazzendo!», esordisce il drogato.

«Cosa dovrei darti?», chiedo inarcando il sopracciglio.

«Ho bisogno di farina bianca. Mi hanno detto di rivolgermi a te. Ti prego di aiutarmi!», mi supplica congiungendo le mani come per pregarmi.

Mi ha preso per uno spacciatore. Adesso lo sistemo io. Mi alzo dalla panchina, abbasso velocemente la cerniera del giubbotto e gli faccio intravedere la fondina con la pistola che tengo a tracolla.

«Ho solo una Beretta calibro 9 con 15 stupefacenti confetti!», affermo con un tono da duro e con il chiaro scopo di spaventarlo al fine di levarmelo così dalle palle.

Il tossicodipendente mi squadra stranito.

«Ti avverto che come effetto collaterale basta un solo confetto caldo per farti venire il mal di pancia, ma almeno vedrai il paradiso!», incalzo maggiormente indicando con l’indice la parte bassa della sua magra corporatura.

 

«Ah, quindi sei un collega?», mi domanda lo sconosciuto sorridendo.

Diamine! Capisco al volo chi è in realtà quel tizio malmesso davanti a me.

«Ma allora tu… », ma non mi lascia di finire la frase.

«Già, sono un Falco. Mi occupo di microcriminalità e sono specializzato a dare la caccia agli spacciatori della zona», mi spiega qualificandosi.

«A quanto pare non riesci a riconoscere uno sbirro da uno spacciatore», gli dico secco.

«Mi ha ingannato il tuo giubbotto in pelle, mi ero insospettito», si giustifica.

«Il mio giubbotto in pelle?», esclamo.

«Eh sì! Un po’ troppo per una giornata calda come questa, pensavo che tenessi l’ipotetica mercanzia lì dentro», chiarisce con fare desolato.

«Mi spiace per te, ma sono solo un semplice poliziotto che voleva rilassarsi su una cazzo di panchina», insisto manifestando il mio disappunto.

«Adesso lo so e ti chiedo scusa. Ti auguro una buona giornata», conclude dandomi le spalle. Lo osservo mentre si allontana, ricominciando nuovamente a barcollare. Bah!

La prossima volta esco con abiti leggeri e il “ferro” lo lascio a casa. Poco ma sicuro.

1
1
6

Nel silenzio di un punto

02 April 2020

Davanti a me la profondità ombrosa della via è un interminabile corridoio con un’unica porta in fondo. Una porta enorme, dischiusa a una lingua di luce: una bianca lama di spada che piove dall’alto e arriva squarciando le tenebre. A brandirla, è la mano del soprannaturale. Dalla porta penetra e [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
13

E venne il tempo

01 April 2020

La Primavera non era ancora arrivata E la gente la aspettava, per dare quell’ultimo scossone all’inverno Ma invece di arrivare lei, sopraggiunse una malattia Che voleva spacciarsi per una Regina che portava la corona Ma questa corona aveva spine e pungeva facendo soffrire Papà, ho voglia di correre [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • callettino: Una favola per tutti, tema poetizzato di questi tempi attuali dove chi sorride [...]

  • Walter Fest: Questa volta sei stato serioso, non male comunque

3
4
10

Il coltellino

01 April 2020

Ammetto che un leggero timore iniziavo ad averlo. Igor, il suo compare, stava ancora girovagando per il treno. Ormai non lo si vedeva da più di un’ora. A pensarci bene però, anche se fosse stato con noi non sarebbe stata la persona ideale alla quale chiedere aiuto, era probabilmente più ubriaco [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
18

DALLA LUCE ALLE TENEBRE

31 March 2020

Io sono nato in un piccolo borgo della bassa bresciana, in una vecchia cascina circondata da campi di grano e prati fioriti, incorniciati da una rete di canali di irrigazione e fossati di acqua incontaminata, dove insetti pattinatori ed eterotteri scivolavano danzanti sulla superficie. La felicità [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Sandro Amici: Mi sono immerso in questa lettura perché il tuo sentire è anche [...]

  • Patapump: Ciao Gianni. Da Bresciano questa trasformazione sia in città che nei [...]

12
16
47

Gifts

Racconto di Natale

31 March 2020

Ci sono regali e regali tra cui quelli mai scartati e quelli mai goduti. Piccolo racconto natalizio di genere drammatico. Cinzia guardò sospirando dalla finestra le magnifiche luci di Natale sulla casa della dirimpettaia dall'altra parte della strada. Verdi, rosse, blu, gialle... sfavillando [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Bello. Chissà perché, a me il Natale non infonde mai tristezza, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao callettino, a me il periodo natalizio certi giorni mette sia allegria [...]

5
11
29

Colazione calda

COVID-26

30 March 2020

Mi sveglio intontito e ci metto un po' a capire che non è un sogno: il mondo è sconvolto dalla pandemia, ho perso il lavoro e non vedo la fidanzata da due mesi. Apro il frigo, vuoto. Devo uscire a fare la spesa: questioni di necessità. Indosso mascherina e guanti ed esco. Dal balcone la mia vicina [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Yoda: La fantasia che diventa realtà (quasi) https://video.corriere.it/cronaca/coronavirus-rissa-supermercato-casoria-clienti-senza-mascherina-aggrediti-urla-schiaffi/9a7fc24a-7414-11ea-b181-d5820c4838fa?&appunica=true

  • Walter Fest: Stendiamo un velo pietoso su tutto, esprimo una mia personale opinione....anche [...]

5
7
20

Disquisizioni

29 March 2020

L'estate sta finendo Così dicevano i versi di una canzone Non amo molto l'inverno, ma altrettanto vero che non amo le zanzare Mi piace il sole, ma se ci penso bene anche la neve è accogliente. L'acqua, quella no Non sono animale d'acqua e sul ghiaccio non sono di certo un maestro di equilibrismo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Sandro Amici: Non parlare di fiori in questo periodo. Pure i vivaisti, personaggi pacifici [...]

  • callettino: Un testo ben metaforizzato, direi: l’inverno che, visto come un "troppo [...]

21
30
103

Piccola epistola alla mia donna

29 March 2020

Tesoro mio, in passato sai cosa mi disse colei che si riteneva la donna ideale? Mi promise che sarebbe stata per me una madre, una sorella, la mia migliore amica, la mia donna... ebbene, a parte che fallì su ogni lato, non voglio tutto ciò nel calderone del nostro amore. Guarda, una madre ce l'ho [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

7
5
20

Il dottor Asociale

28 March 2020

Le serrande abbassate sui colori della strada non riuscivano a relegare fuori il resto del mondo. Sgattaiolando dalle intercapedini più in alto, lame di luce esterna infilzavano la penombra e andavano a spiaccicarsi contro lo scorcio di parete appena sopra la testiera del letto. Un trionfante fuoco [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ottima descrizione dell'ambiente,tralasciata quella dell'amante volutamente. [...]

  • callettino: Grazie a tutti, chiedo venia per i tempi d’interazione, ma in questo [...]

16
19
94

Il principe e i suoi princìpi

27 March 2020

Adoro la figura del principe, poiché per principio non cambia principio. Non importa se il principe risulti azzurro, bianco o arancione, l’importante è che abbia dei sani princìpi nonché si contraddistingua da altri principi che si credono dei principi, mentre in realtà di principe hanno ben poco, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ciao Giuseppe..per principio ho letto e gustato lo scritto. una prima parte [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Roberta: Ti ringrazio immensamente e mi fa piacere immensamente

    x [...]

4
5
16

Le cose da dire

27 March 2020

Sì tante. È vero, alcune volte meglio non dire niente Lo sguardo Una mano che sfiora la tua Il tuo profumo La bellezza tua interiore. La tua fisicità Forse basta solo una canzone Ascoltala...

Tempo di lettura: 30 secondi

8
5
34

Una sera

26 March 2020

Quando Marcello Biraghi entrò in cucina, scoprì che il ragazzo di sua figlia sarebbe rimasto a cena. Era almeno il terzo ragazzo che Patrizia invitava a cena in due anni. Questo a Marcello sembrava di averlo già visto almeno un paio di volte e sua moglie era in grande confidenza. Lo irritava quell'attitudine [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: Eccola Manu. Brava. Raccontare di fantasmi che ritornano nella propria vita. [...]

  • Manuela Cagnoni: Grazie!! Sono contenta che vi sia piaciuto! Ormai sono abituata a scrivere [...]

Torna su