Oggi, stranamente Piazza Cavour è quasi deserta, solo un ragazzina con un Fox Terrier al guinzaglio e un anziano signore che cammina lentamente tenendo per mano il suo nipotino. Non avendo la minima voglia di rimanere a casa a incollarmi davanti alla TV, trovo che una passeggiata non può essere che salutare. Almeno con questa scusa mi ossigeno il cervello, che male non fa.

Mi pento però di essere uscito con il mio giubbotto in pelle preferito poiché, essendo una bella giornata di sole, c’è davvero caldo.

Quasi quasi me lo tolgo. Ah già, dimenticavo che non posso.

Mi siedo su una panchina e con lo smartphone mando un SMS a Carlo, un collega di lavoro, per organizzare in serata un’uscita in qualche pub. Non faccio in tempo a scrivere il messaggio che davanti a me si materializza un uomo dallo sguardo vitreo e inespressivo. È vestito trasandato, con una barbaccia incolta, i capelli lunghi e barcolla vistosamente. Si avvicina a pochi centimetri da me e mi guarda con quei suoi occhi particolarmente arrossati. Sicuramente si tratta di un tossicodipendente e con molta probabilità vorrà qualche soldo.

Rimetto il cellulare in tasca.

«Scusa, scusa, avresti qualcosa per me? Sto impazzendo!», esordisce il drogato.

«Cosa dovrei darti?», chiedo inarcando il sopracciglio.

«Ho bisogno di farina bianca. Mi hanno detto di rivolgermi a te. Ti prego di aiutarmi!», mi supplica congiungendo le mani come per pregarmi.

Mi ha preso per uno spacciatore. Adesso lo sistemo io. Mi alzo dalla panchina, abbasso velocemente la cerniera del giubbotto e gli faccio intravedere la fondina con la pistola che tengo a tracolla.

«Ho solo una Beretta calibro 9 con 15 stupefacenti confetti!», affermo con un tono da duro e con il chiaro scopo di spaventarlo al fine di levarmelo così dalle palle.

Il tossicodipendente mi squadra stranito.

«Ti avverto che come effetto collaterale basta un solo confetto caldo per farti venire il mal di pancia, ma almeno vedrai il paradiso!», incalzo maggiormente indicando con l’indice la parte bassa della sua magra corporatura.

 

«Ah, quindi sei un collega?», mi domanda lo sconosciuto sorridendo.

Diamine! Capisco al volo chi è in realtà quel tizio malmesso davanti a me.

«Ma allora tu… », ma non mi lascia di finire la frase.

«Già, sono un Falco. Mi occupo di microcriminalità e sono specializzato a dare la caccia agli spacciatori della zona», mi spiega qualificandosi.

«A quanto pare non riesci a riconoscere uno sbirro da uno spacciatore», gli dico secco.

«Mi ha ingannato il tuo giubbotto in pelle, mi ero insospettito», si giustifica.

«Il mio giubbotto in pelle?», esclamo.

«Eh sì! Un po’ troppo per una giornata calda come questa, pensavo che tenessi l’ipotetica mercanzia lì dentro», chiarisce con fare desolato.

«Mi spiace per te, ma sono solo un semplice poliziotto che voleva rilassarsi su una cazzo di panchina», insisto manifestando il mio disappunto.

«Adesso lo so e ti chiedo scusa. Ti auguro una buona giornata», conclude dandomi le spalle. Lo osservo mentre si allontana, ricominciando nuovamente a barcollare. Bah!

La prossima volta esco con abiti leggeri e il “ferro” lo lascio a casa. Poco ma sicuro.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

2
1
7

La famiglia delle chiavi

04 June 2020

C’era una volta…. un bel mazzo di chiavi appeso a una gran bella serratura bronzata. Quest’ultima impreziosiva una imponente porta di legno massello, tutta intarsiata e con la maniglia di ottone. Il mazzo di chiavi nel tempo, come capita a tutte le famiglie, era cresciuto e si era ampliato. C’era [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
1
7

MOMENTO SOSPESO

04 June 2020

A spasso me ne vado Ho lasciato la malinconia dei giorni precedenti Vissuti in un tempo apparentemente sospeso Che è trascorso alla fine lo stesso Sotto il mio sguardo anch'esso sospeso Adesso gli occhi si aprono improvvisamente E mi sento come se fossi stata catapultata Da quel tempo sospeso a [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

15
16
53

Jack

04 June 2020

«Secondo me ti sei bevuto il cervello.» «Non ho bisogno di te ma di lei.» «Sciocchezze! Hai bisogno della mia compagnia.» «Di te? Mai, e dico mai una volta che hai risolto un mio problema.» «Però ti sei sempre aggrappato al sottoscritto ogni qualvolta hai sentito la necessità.» «Non stavolta!» [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Roberta, Molto gentile e Molto lieto che hai letto questa riedizione. :-)

  • U1101: ...uno spreco Jack nel water...molto simpatica.
    Grazie

4
5
7

MUTA VOCE DEL VERBO MUTANTE

04 June 2020

Infila la muta con spasmodica attenzione, gustandosi ogni inquietante sensazione che il tessuto, premendo, lascia sulla pelle. Un odore di neoprene la invade insieme al sapore che gli rievoca quella pelle proibita che, come la stessa muta, da qualche mese le si sta appiccicando addosso, facendo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • U1101: Addentrarsi nel profondo (buio).
    Grazie

  • Vivi: Onorata...grazie per la tua lucida e profonda critica....

1
0
23

Il fiore sul banco

03 June 2020

L’edificio che ospitava la scuola media dove frequentavo il terzo anno era fatiscente, un vecchio palazzo un tempo occupato da uffici comunali e da abitazioni. Nei primi giorni di aprile furono notate alcune lesioni sui muri maestri. Il Preside interpellò con urgenza i tecnici comunali i quali, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
2
22

Senza Titolo

03 June 2020

I centri commerciali sono come stazioni spaziali su pianeti inesplorati. Fulgide e mistiche oasi per società collassate su agi in avaria. Ma dovevo pur fermarmi a pisciare da qualche parte... e fermarsi in autostrada non sembrava una buona idea, soprattutto quando si è inseguiti da occhi maniacali [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Dissacrante, colto, stilisticamente sublime, un susseguirsi di fotogrammi che [...]

  • U1004: È un onore averti come lettore! Questo breve racconto dal titolo "Porno [...]

2
4
18

Senza fissa dimora

03 June 2020

Oggi è stata una grande giornata: Ho trovato una scarpa sinistra. E pensare che la mattina era iniziata come tante altre... Le campane di San Qualcuno Martire mi fanno da sveglia (la messa è finita, andate in pace, se la trovate) mentre la vecchia cara lombalgia è sempre la prima a darmi il buongiorno [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
2
15

Darmha

insieme stiamo bene

03 June 2020

Avevo sonno e il mio unico desiderio era “andare tra le braccia di Morfeo”. Invece leggendo i miei pensieri vi accorgerete che non sono a letto, ma mi trovo davanti al pc cercando di esprimere ciò che sento. Il gruppo di meditazione nello specifico si chiama “Sangha” e ogni volta che discutiamo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
0
21

La guerra è finita

02 June 2020

Aveva fatto buoni pensieri quella mattina e sapeva che da li al calar del sole non avrebbe cambiato idea sul corso della giornata. Guardava le nuvole stanziarsi sulle montagne, un tempo grigie e innevate, e il libeccio liberarsi sui campi dove il sole splendeva dalle prime ore del giorno, e il [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
0
10

Stati Uniti on the road - 2/2

02 June 2020

Proseguiamo, domani c'è Yosemite. Ho paura che mi innamorerò. Non nascondiamocelo, c'è sempre un po' di timore quando succede. È successo. Ma non è un problema. Perché negli ultimi 10 giorni mi è già capitato per almeno altri 6 o 7 posti. Sono amori platonici in fin dei conti. El Capitan, Half [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
20

Fammi splendere!

02 June 2020

Fammi splendere! Te lo chiedo così, d'istinto, da quando ho scoperto che le zone d'ombra fanno deprimere. Allora ti confesso che ho bisogno di luce, non una qualunque, ma una che lasci tracce, che sia indelebile come un'impronta sull'asfalto. Fammi splendere quando avverto la malinconia salire [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
4
31

Tradimento

02 June 2020

Un ragazzo come tanti pieno di passione un giorno incontrò una ragazza e subito fu amore a prima vista. Le cose andavano bene, tutto sembrava perfetto! Un giorno però il ragazzo ebbe una notizia, anzi un'offerta di lavoro che non poteva rifiutare, valeva la sua carriera e così partì. La sua ragazza [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su