Oggi, stranamente Piazza Cavour è quasi deserta, solo un ragazzina con un Fox Terrier al guinzaglio e un anziano signore che cammina lentamente tenendo per mano il suo nipotino. Non avendo la minima voglia di rimanere a casa a incollarmi davanti alla TV, trovo che una passeggiata non può essere che salutare. Almeno con questa scusa mi ossigeno il cervello, che male non fa.

Mi pento però di essere uscito con il mio giubbotto in pelle preferito poiché, essendo una bella giornata di sole, c’è davvero caldo.

Quasi quasi me lo tolgo. Ah già, dimenticavo che non posso.

Mi siedo su una panchina e con lo smartphone mando un SMS a Carlo, un collega di lavoro, per organizzare in serata un’uscita in qualche pub. Non faccio in tempo a scrivere il messaggio che davanti a me si materializza un uomo dallo sguardo vitreo e inespressivo. È vestito trasandato, con una barbaccia incolta, i capelli lunghi e barcolla vistosamente. Si avvicina a pochi centimetri da me e mi guarda con quei suoi occhi particolarmente arrossati. Sicuramente si tratta di un tossicodipendente e con molta probabilità vorrà qualche soldo.

Rimetto il cellulare in tasca.

«Scusa, scusa, avresti qualcosa per me? Sto impazzendo!», esordisce il drogato.

«Cosa dovrei darti?», chiedo inarcando il sopracciglio.

«Ho bisogno di farina bianca. Mi hanno detto di rivolgermi a te. Ti prego di aiutarmi!», mi supplica congiungendo le mani come per pregarmi.

Mi ha preso per uno spacciatore. Adesso lo sistemo io. Mi alzo dalla panchina, abbasso velocemente la cerniera del giubbotto e gli faccio intravedere la fondina con la pistola che tengo a tracolla.

«Ho solo una Beretta calibro 9 con 15 stupefacenti confetti!», affermo con un tono da duro e con il chiaro scopo di spaventarlo al fine di levarmelo così dalle palle.

Il tossicodipendente mi squadra stranito.

«Ti avverto che come effetto collaterale basta un solo confetto caldo per farti venire il mal di pancia, ma almeno vedrai il paradiso!», incalzo maggiormente indicando con l’indice la parte bassa della sua magra corporatura.

 

«Ah, quindi sei un collega?», mi domanda lo sconosciuto sorridendo.

Diamine! Capisco al volo chi è in realtà quel tizio malmesso davanti a me.

«Ma allora tu… », ma non mi lascia di finire la frase.

«Già, sono un Falco. Mi occupo di microcriminalità e sono specializzato a dare la caccia agli spacciatori della zona», mi spiega qualificandosi.

«A quanto pare non riesci a riconoscere uno sbirro da uno spacciatore», gli dico secco.

«Mi ha ingannato il tuo giubbotto in pelle, mi ero insospettito», si giustifica.

«Il mio giubbotto in pelle?», esclamo.

«Eh sì! Un po’ troppo per una giornata calda come questa, pensavo che tenessi l’ipotetica mercanzia lì dentro», chiarisce con fare desolato.

«Mi spiace per te, ma sono solo un semplice poliziotto che voleva rilassarsi su una cazzo di panchina», insisto manifestando il mio disappunto.

«Adesso lo so e ti chiedo scusa. Ti auguro una buona giornata», conclude dandomi le spalle. Lo osservo mentre si allontana, ricominciando nuovamente a barcollare. Bah!

La prossima volta esco con abiti leggeri e il “ferro” lo lascio a casa. Poco ma sicuro.

Tutti i racconti

0
0
1

Resurrection

03 December 2021

Acque scure all'orizzonte mi pervadono la mente Dietro vetri opachi e sporchi vedo scorrere la vita fermo immagine di istanti archiviati e scoloriti Estetica del vuoto Sabbia calda dei deserti mi smeriglia occhi e pensieri sperso in questa marea bassa di rimorsi e pentimenti Ho l'anima [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
1

Lo sguardo de Su Tenente - 2/3

03 December 2021

Avevamo spento la luce da poco più di un’ora, quando fui svegliato da un rumore forte come un tuono: era come se la casa fosse esplosa in sé stessa, mentre i fucili si staccavano dalle rastrelliere e crollavano a terra. I soldati non avevano avuto il tempo di capire cosa fosse capitato, le pistole [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
6

Lo sguardo de Su Tenente - 1/3

02 December 2021

Allora non lo capivo, che l’avevamo scampata. Allora non lo capivo, che i Tedeschi erano più numerosi, più addestrati e più armati di noi: pensavo che il mio cavallo mi avrebbe consentito di saltare su uno di quei panzer grigi come la tempesta e alti come montagne, e di spaccare la testa a sciabolate [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

0
0
2

Mucca, capra, pecora, in società col leone

Favole

02 December 2021

Raccontano le antiche cronache di una società di mutuo soccorso costituita tra una mucca 🐄 , una capra 🐐, una pecora 🐑 ed un leone. Lo statuto societario prevedeva che sia gli utili che le passività venissero suddivise equamente tra le parti interessate. Costruito un fossato trappola, un giorno [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
2

Il sogno

Maledetto Zeus!

01 December 2021

Ho sognato te, avvolta nel tulle bianco, pura come colomba, che guardavi al cielo e nel cielo osservavi i colori della terra: verde come la speranza, giallo come quel sole che abbaglia e brucia le ali di chi si avventura alla sua esplorazione, facendo credere che il suo calore è vita. Volavi, inseguendo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
2

Parodia D'Amore

Poesia

01 December 2021

Sensuale il suo sorriso sotto ai suoi occhi pronti a divorarmi in un sol boccone! Invitante per la mia brama di assaggiare il suo collo dopo le sue labbra, per fondergli il mio calore intriso di pura passione quella che sapeva accendere nel fondo del mio essere. Un lampo d'insana follia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
9

Quando il Musical diventa vita

30 November 2021

Aveva posato il bicchiere quasi vuoto sul lato più vicino del pianoforte a coda, mentre cerchi concentrici di nausea gli salivano verso il palato. Il locale gli roteava attorno e i tasti del piano gli ondeggiavano su e giù sulle tempie, procurandogli fitte dolorose in cui si azzuffavano, in vorticoso [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
8

La cicala e la formica 🐜

Favole

30 November 2021

Una cicala che aveva trascorso l' estate cantando con la propria chitarra 🎸 al braccio, cominciò a sentirsi a disagio col cambio di stagione che portava il freddo e le prime gelate. Si ritrovò così a non avere più un verme o un moscerino di cui nutrirsi. Si rivolse pertanto alla laboriosa formica [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Patellaro, in verità mi aspettavo di trovare un brano dei tuoi [...]

  • Patellaro: La Memoria del Natale

    Scintillano le luminarie sotto i cieli illuminati [...]

1
0
9

Lia & l’ecografo

29 November 2021

Finalmente era arrivato il fatidico giorno, tra qualche ora Lia sarebbe andata dall’ecografo, visitina alla tiroide… non vedeva l’ora, tutte quelle menate assurde e pensieri paranoici sarebbero finalmente finiti…Che gioia, già lo sapeva, sarebbe stata accolta dal solito dottore vicino ad un piede [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
2
8

Sit Commedy Divina

Dal Paradiso all'Inferno e ritorno

29 November 2021

Quando Carlo giunse ai cancelli del Paradiso aveva 100 anni, 4 mesi e 6 giorni. Una lunga fila silente di persone si snodava lungo il viale che portava dritto ai cancelli. “Permesso, mi scusi, permesso, si faccia da parte…” tra spintoni e gomitate Carlo arrivò davanti a uno dei cancelli che, proprio [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
15

Il segreto di Clarisse

28 November 2021

Da alcune settimane Celine e sua figlia Clarisse si erano trasferite a Voillette, piccolo borgo della Provenza dove un piccolo monastero accoglieva ragazze benestanti che per alcuni mesi necessitavano di un alloggio discreto per... "Mamma" disse Clarisse, "non pensare che io torni più a casa, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Sono rimasto letteralmente spiazzato, viene praticamente svelato il segreto [...]

  • Adribel: Grazie davvero, mi sono emozionata molto nel leggere e rileggere il tuo commento. [...]

2
2
7

Il topo 🐭 di campagna e il 🐁 topo di città

Favole

28 November 2021

Un topo di città un giorno invitò gentilmente un topo di campagna ad un pranzo a base di agnolotti, cotolette e patatine al forno. Pasteggiavano sorseggiando un vinello di qualità comodamente seduti su di un pregiato tappeto orientale. Ad un certo punto però si udì alla porta un gran fracasso, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Carinissima favola nonché gradita quanto ho gradito le faccine o emoticon [...]

  • Patellaro: Bravo.
    Sempre in pista.
    O per meglio dire sempre sul pezzo.

    https://www.flickr.com/photos/patellarodesignwoa/

Torna su