Io e Bombacè, l'amico mio, ecchece quà sbragati su nà panchina a parlà der più e der meno. Se stamo a magnà n'ber gelato, fà callo, voi capirete e quanno fà callo ce vò nà cosa fresca.

N'torno a noi c'è chi passeggia, chi gioca a palla, chi pomicia a quell'angoletto, chi và n'bicicletta, chi legge er giornale, la giornata è bella ma se sà che quanno fà callo s'àrza la pressione, la testa se sbollenta se perde la pazienza e magari quarcheduno sbotta, davanti a noi dù tizzi n'fatti se stavano a mette le mani addosso, hanno n'cominciato cò nà spintarella, nà parolaccia, nà botta n'petto, poi n'artra n'faccia, n'zomma hanno n'cominciato a dassele de brutto, sò finiti pèr tera, se sò rialzati, presi per collo, ammazza che litigata e nun la finivano pè gnente.

N'tanto la gente n'torno stava a guardà lo spettacolo senza n'tervenìì, pure io e Bombacè cjavevamo er gelato da finìì, me dispiace pè loro ma nun valeva la pena n'quer momento de n'picciasse, io e l'amico mio, lo ammetto stavamo troppo bene e de quei due che se stavano a menà, nun ce ne fregava gnente, a n'certo momento lo sguardo nostro venne attirato da n'tizio che stava proprio vicino a noi e che rideva soddisfatto, noi semo Romani, la parola e la battuta pronta ce l'avemo sempre e così er bomba je disse.

-Scusi ma perchè je viè da ride? Quelli se stanno a gonfià come na zampogna!-

-A parte er fatto che quì tutti stanno a guardà senza n'tervenìì e perciò pure io me faccio l'affari mia, anzi questi veramente sarebbero proprio affari mia.-

-In che senzo?-

-Fra n'pò lo capirete-

Io e er Bomba se semo guardati avemo finito er gelato e quasi se stavamo pè arzasse e annassene quanno stì due tirano fori entrambi nà pistola, ma lì per lì se capiva che lo facevano solo pè mettese paura.

-Ecco ce semo quasi- disse er tizzio vicino a noi che sembrava molto interessato, io e er Bomba presi chi sà da quale forza cò n'pò de n'coscienza volevamo intervenìì pè separalli.

-Fermi, oh ma che sète matti?-

-Stà tranquillo che nun se fàmo male!-

-Noo, che avete capito! Sò loro due che se devono fà male!-

-Oh, ma che stai a dìì, quelli se se sparano faranno n'casino e poi ce ponno annà de mezzo perzone innocenti!-

-Metteteteve seduti che ve spiego.-

-Vedete quelli due stanno a lavorà pè me.-

-A me, mè sà che sei mezzo matto!-

-No, v'assicuro che sò normalissimo, sapete io sò n'òmo d'affari, mi occupo di armi, import, export.-

-Me cojoni!-

-Voi dovete da sapere che n'dove ce sta na baruffa, na guerriglia, n'zomma, n'dove qualcheduno s'azzuffa io faccio er mio lavoro, vendo la materia prima e così pure io posso campare, anzi ce sta pure n'bello indotto perché io so' n'portante, grazie a me faccio gira' la moneta.-

-Ah! E n'che modo?-

-È facile, me pagheno oltre che cò la grana, còr petrolio, cò la pòrvere bianca che nun è borotalco, qualche vòrta pure cò delle pietruzze che nun sò breccole de fiume, tutta robba che io faccio gira' e faccio magna' n'sacco de famije perciò se nun ce fussero sti conflitti umanitari io che faccio? E quelli dell'indotto che fanno? Venimo tutti a magna' a casa vostra? E comunque io poi investo er guadagno generando altro guadagno che và  a beneficio de n'sacco de altra gente, capite l'importanza del lavoro mio? Perciò, famose a capìì, finché c'è guera c'è speranza e quarcuno magna.-

-Ma con questo sistema mòre n'sacco de gente e poi nun viè mai la pace.-

-Oh,  a parte il fatto che a me me chiameno l'àrtri, me fanno l'ordinazioni e seguo tutta la trattatativa fino a buon fine, mica è còrpa mia se vengo n'terpellato, ma er monno và così, che ce volete fà? E da quanno c'è Adamo ed Eva che annamo avanti a stò sistema, c'è gente che nasce, gente che mòre, n'pò de pace, n'pò de guera e poi già ve l'ho detto, volete la pace? Nun lo sai in quanti dopo venimo a magnà a casa vostra?-

-Potreste trovare un altro lavoro.-

-Se io nun posso cambià lavoro la còrpa è sempre la vostra, la vostra n'senzo lato, cjavete n'bene grande ma fate finta de nun vedello.-

-Ah! e qual è?-

-Ma che sei stupido? E' la cultura!Ogni nazione cjà un patrimonio cùrturale infinito, tutti ce potessimo campà senza problemi, sète voi che vè piace la guera, daje chi è innocente scagli la prima pietra, daje vèdemo chi lo fà pè primo... te lo dico io, nisuno e così và a finìì che poi chiamate a me pè risòrve le questioni che manco sète capaci de daje n'tajo!-

-Ma che per caso sei n'diavolo?-

-Aridanghete! Ma che me vedi le corna? Che cjò la faccia da satanasso? Nun lo vedi che sò come te e come l'amico tuo? Er diavolo nun esiste, è na leggenda pè mette paura a li regazzini, certo manco sò n'angioletto ma alla fine ad esse precisi semo tutti diavoli e daje nun me fa, fa esempi de come se comporta l'essere umano còr prossimo suo! E cò la natura? E cò l'animali? E cò li vecchi?E cò tutta l'anima delimortaccivostra! Daje nun me dìì che tutto er monno sò santarelli e poi và a finìì che me chiamate sempre a me! Li vedi stì due? Fra dù minuti se danno nà pistolettata, consumeranno n'pò de pallottole e và bene così perchè devo da vende pure quelle, se ammazzeranno, ma tanto lo vedi che alla gente n'torno nun je ne frega gnente, io andrò lì, me ripijo le pistole mie, je faccio dà na sistematina e me le rivenderò per li prossimi che vonno litigà e l'omo campa.-

BANG!BANG!

-Scusateme vado a finìì er lavoro mio.-

-Bombacè ma te cjai capito quarcosa?-

-Veramente che stamo messi male... però si quello je fusse rimasta n'tasca n'pò de quella pòrvere bianca che nun è borotalco io n'pensierino ce lo farebbi!-

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
5

La piuma della speranza

16 January 2021

Una piuma cadeva tutte le mattine di fronte alla sua casa, o a volte qualcuno gliele lasciava. Ma mai aveva capito chi era il responsabile. La chiamava la piuma della felicità perché ogni mattina nel vederla e in seguito raccoglierla si sentiva un'aria diversa, una brezza fresca. Un'aria di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
2
7

Un arcobaleno di speranza

16 January 2021

Gennaio. Questo è il mio anno. Forse. Ma non correrò troppo. Assaporerò il viaggio aspettando di calpestare la sabbia umida di giugno. Aspettando di poter costruire un castello di sabbia. Aspettando i tuoi sorrisi sereni. Aspettando giorni sereni. La tempesta peggiore è alle spalle. Dicono. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
10

La lacrima

15 January 2021

Umida Salata Nascosta Trattenuta da una diga che ne raccoglie altre Pronta a svelarsi quando succede qualcosa in noi Forte emozioni la fanno emergere Spinta dai canali dell’anima Cade verso il basso E si infrange in altre mille Ogni goccia è una lettera E ognuna di quelle lettere formano parole [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
5

UNA FESTA NEL DESERTO

Monegros

15 January 2021

La sabbia secca del deserto spagnolo quella mattina di luglio bruciava e si crepava come nei film che dipingono uno scenario di disastro apocalittico, il sole bruciava così tanto da non poterlo neanche fissare un secondo. Avevo perso il gruppo del mio bus ormai almeno da 30 ore e sapevo che non [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
0
17

L'Angelo di Eudamón

14 January 2021

"Solamente con un amore profondo, Il docile presente Irradierà luce, Accecherà il male E cesserà il suo karma." Abbiate fede. Enciclica papale MCMLV Breve introduzione: Eudamón, proveniente dalla parola eudamonia, ossia felicità come scopo della vita e come fondamento dell'etica. La parola [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
23

Il tram numero nove

14 January 2021

Da ragazza lavoravo in un chiosco di fiori. Un angolo verde Tiffany tra il grigiore dei palazzi antichi. Creavo nuvolette di colore che rendevano deliziosa la giornata di qualche signorina ben vestita. A me i vestiti li passava la figlia della proprietaria. Ma non faceva nulla. Ero felice lo stesso. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
19

Una capriola ed oplà

13 January 2021

Oplà Una capriola ed oplà Piedi uniti Un salto E l’arrivo La lunga trave sottile I piedi ben saldi La testa in giù Che strana vista da qua Occhi alla bocca e bocca agli occhi Capelli al cielo Schiena arcuata Disciplina senza esitazioni Scarpette rosse Speranze e sacrifici in pochi attimi La gloria [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
3
11

il cacciatore

13 January 2021

Da cacciatore, sei adesso la preda. Il cacciatore fuggì, e la bestia lo inseguì. Fuggì attraverso il bosco, senza guardarsi indietro. I suoi compagni erano tutti morti. Ma cos'era successo di preciso? Una semplice caccia a qualcosa di indefinito era diventata un incubo. Ancora lui non riusciva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Vincenzo Bevilacqua: Ti ringrazio di aver dedicato il tuo tempo a leggere il mio racconto . Sicuramente [...]

  • Patapump: esatto Vincenzo, il film è proprio quello, consiglio visione. scritto [...]

2
2
18

Un mondo di vibrazioni

12 January 2021

Viviamo in un mondo di vibrazioni. In un mondo di sensazioni. Siamo energia pura e ognuno di noi risponde a ciascuna vibrazione. Vibrazione buona, vibrazione cattiva, vibrazione forte e vibrazione lenta. Il mondo è energia, ogni cosa che ci circonde vibra. La tristezza vibra, la depressione con [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • mysterywhiteboy: Mi piace molto lo stile, mi ricorda la poesia Bukowskiana per certi versi, [...]

  • AmorLibre: Grazie mille ❤
    Anche le parole sono pura energia 😊

1
2
22

Stella

12 January 2021

Abbiamo lo stesso colore degli occhi, le stesse labbra, gli stessi capelli. Tante espressioni uguali. Ma tu sei veramente bella. Brilli con il tuo sorriso solare, luminoso, contagioso. Sei dolce, tenera. Sei tutto per me. Sei tutto quello che ho. Il mio vero amore. Spero di essere la mamma che [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
13

Voglio tu rimanga

11 January 2021

Voglio tu rimanga Voglio tu rimanga in me e al di fuori di me Voglio tu possa rubarmi le camicie da uomo che ti piacciono tanto I miei profumi che spruzzi su loro E nascondermi il dentifricio per poi dire che non so dove lo metto Voglio sentire i tuoi piedi ghiacciati che precedono il darsi la [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
13

La partita

11 January 2021

Era la prima macchina che guidava. Aveva un bel po’ di chilometri. Fece benzina. Il minimo. Non aveva soldi. Ma bastava per andare da lei… le avrebbe fatto piacere vederlo con una macchina. Suo padre non lo sapeva. Gli avrebbe dato fastidio che lui quella sera prendesse la macchina senza dirglielo. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su