Io e Bombacè, l'amico mio, ecchece quà sbragati su nà panchina a parlà der più e der meno. Se stamo a magnà n'ber gelato, fà callo, voi capirete e quanno fà callo ce vò nà cosa fresca.

N'torno a noi c'è chi passeggia, chi gioca a palla, chi pomicia a quell'angoletto, chi và n'bicicletta, chi legge er giornale, la giornata è bella ma se sà che quanno fà callo s'àrza la pressione, la testa se sbollenta se perde la pazienza e magari quarcheduno sbotta, davanti a noi dù tizzi n'fatti se stavano a mette le mani addosso, hanno n'cominciato cò nà spintarella, nà parolaccia, nà botta n'petto, poi n'artra n'faccia, n'zomma hanno n'cominciato a dassele de brutto, sò finiti pèr tera, se sò rialzati, presi per collo, ammazza che litigata e nun la finivano pè gnente.

N'tanto la gente n'torno stava a guardà lo spettacolo senza n'tervenìì, pure io e Bombacè cjavevamo er gelato da finìì, me dispiace pè loro ma nun valeva la pena n'quer momento de n'picciasse, io e l'amico mio, lo ammetto stavamo troppo bene e de quei due che se stavano a menà, nun ce ne fregava gnente, a n'certo momento lo sguardo nostro venne attirato da n'tizio che stava proprio vicino a noi e che rideva soddisfatto, noi semo Romani, la parola e la battuta pronta ce l'avemo sempre e così er bomba je disse.

-Scusi ma perchè je viè da ride? Quelli se stanno a gonfià come na zampogna!-

-A parte er fatto che quì tutti stanno a guardà senza n'tervenìì e perciò pure io me faccio l'affari mia, anzi questi veramente sarebbero proprio affari mia.-

-In che senzo?-

-Fra n'pò lo capirete-

Io e er Bomba se semo guardati avemo finito er gelato e quasi se stavamo pè arzasse e annassene quanno stì due tirano fori entrambi nà pistola, ma lì per lì se capiva che lo facevano solo pè mettese paura.

-Ecco ce semo quasi- disse er tizzio vicino a noi che sembrava molto interessato, io e er Bomba presi chi sà da quale forza cò n'pò de n'coscienza volevamo intervenìì pè separalli.

-Fermi, oh ma che sète matti?-

-Stà tranquillo che nun se fàmo male!-

-Noo, che avete capito! Sò loro due che se devono fà male!-

-Oh, ma che stai a dìì, quelli se se sparano faranno n'casino e poi ce ponno annà de mezzo perzone innocenti!-

-Metteteteve seduti che ve spiego.-

-Vedete quelli due stanno a lavorà pè me.-

-A me, mè sà che sei mezzo matto!-

-No, v'assicuro che sò normalissimo, sapete io sò n'òmo d'affari, mi occupo di armi, import, export.-

-Me cojoni!-

-Voi dovete da sapere che n'dove ce sta na baruffa, na guerriglia, n'zomma, n'dove qualcheduno s'azzuffa io faccio er mio lavoro, vendo la materia prima e così pure io posso campare, anzi ce sta pure n'bello indotto perché io so' n'portante, grazie a me faccio gira' la moneta.-

-Ah! E n'che modo?-

-È facile, me pagheno oltre che cò la grana, còr petrolio, cò la pòrvere bianca che nun è borotalco, qualche vòrta pure cò delle pietruzze che nun sò breccole de fiume, tutta robba che io faccio gira' e faccio magna' n'sacco de famije perciò se nun ce fussero sti conflitti umanitari io che faccio? E quelli dell'indotto che fanno? Venimo tutti a magna' a casa vostra? E comunque io poi investo er guadagno generando altro guadagno che và  a beneficio de n'sacco de altra gente, capite l'importanza del lavoro mio? Perciò, famose a capìì, finché c'è guera c'è speranza e quarcuno magna.-

-Ma con questo sistema mòre n'sacco de gente e poi nun viè mai la pace.-

-Oh,  a parte il fatto che a me me chiameno l'àrtri, me fanno l'ordinazioni e seguo tutta la trattatativa fino a buon fine, mica è còrpa mia se vengo n'terpellato, ma er monno và così, che ce volete fà? E da quanno c'è Adamo ed Eva che annamo avanti a stò sistema, c'è gente che nasce, gente che mòre, n'pò de pace, n'pò de guera e poi già ve l'ho detto, volete la pace? Nun lo sai in quanti dopo venimo a magnà a casa vostra?-

-Potreste trovare un altro lavoro.-

-Se io nun posso cambià lavoro la còrpa è sempre la vostra, la vostra n'senzo lato, cjavete n'bene grande ma fate finta de nun vedello.-

-Ah! e qual è?-

-Ma che sei stupido? E' la cultura!Ogni nazione cjà un patrimonio cùrturale infinito, tutti ce potessimo campà senza problemi, sète voi che vè piace la guera, daje chi è innocente scagli la prima pietra, daje vèdemo chi lo fà pè primo... te lo dico io, nisuno e così và a finìì che poi chiamate a me pè risòrve le questioni che manco sète capaci de daje n'tajo!-

-Ma che per caso sei n'diavolo?-

-Aridanghete! Ma che me vedi le corna? Che cjò la faccia da satanasso? Nun lo vedi che sò come te e come l'amico tuo? Er diavolo nun esiste, è na leggenda pè mette paura a li regazzini, certo manco sò n'angioletto ma alla fine ad esse precisi semo tutti diavoli e daje nun me fa, fa esempi de come se comporta l'essere umano còr prossimo suo! E cò la natura? E cò l'animali? E cò li vecchi?E cò tutta l'anima delimortaccivostra! Daje nun me dìì che tutto er monno sò santarelli e poi và a finìì che me chiamate sempre a me! Li vedi stì due? Fra dù minuti se danno nà pistolettata, consumeranno n'pò de pallottole e và bene così perchè devo da vende pure quelle, se ammazzeranno, ma tanto lo vedi che alla gente n'torno nun je ne frega gnente, io andrò lì, me ripijo le pistole mie, je faccio dà na sistematina e me le rivenderò per li prossimi che vonno litigà e l'omo campa.-

BANG!BANG!

-Scusateme vado a finìì er lavoro mio.-

-Bombacè ma te cjai capito quarcosa?-

-Veramente che stamo messi male... però si quello je fusse rimasta n'tasca n'pò de quella pòrvere bianca che nun è borotalco io n'pensierino ce lo farebbi!-

1
1
3

ARIA TERSA

20 January 2019

ARIA TERSA Travolti da un mondo impazzito Inondati da una schiuma assordante Non riusciamo più ad ascoltare La voce del silenzio. Frotte di insetti inutili Si accavallano nel nostro pensare. E l’immagine dello specchio Torna Sempre uguale a se stessa A riflettere un sogno incompiuto. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
1

luna o cocci?

Quando walter fest scrive è jazz!

20 January 2019

Quando non sai che scrivere, scrivi, scrivi senza paura di sbagliare, questa volta faccio un eccezione, scrivo senza carta e penna, stò alla tastiera e scrivo, mò che ci penso mi paicerebbe la tastiera di un piano forte, anzi le corde di una chitarra, anzi no, voglio cantare tanto a parole se stono [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
2

Io lo conosco l'amore

20 January 2019

Ho attraversato il bosco di notte per poterti abbracciare ma tu non c'eri. Ho accompagnato tramonti fino all'alba per scoprire i tuoi occhi timidi ma tu non c'eri. Ho ascoltato i lamenti del vento nelle lunghe giornate passate a pensarti ma tu non eri li. Ho inseguito le ore e poi i giorni per [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
2

Raccontami una volta più piano

19 January 2019

Raccontami una volta più piano. Eravamo nati nello stesso posto o giù di lì, le case scorrevano in sequenza, c'era qualche attività che si distingueva dalle altre e potevi prenderle come veri e propri punti di riferimento quando dovevi indicare qualcosa a qualcuno che si era perso. I nomi delle [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Puccia: Ricordi arruffati da districare piuttosto difficile il farlo

2
1
4

Impressioni

19 January 2019

Sfilacciati giorni scalzi di pensieri si rincorrono incessanti nel respiro assiduo delle ore in una lenta diaspora continua di me stesso come fine sabbia dentro una clessidra ... e dopo una notte di sogni e scarpe rotte guardo le luci d'alba su una falesia bianca mentre nel cielo vola [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
4
5

Album vuoto

19 January 2019

Cammino rotolando sui miei passi stanchi. Soffia i vento la mia lenta orma e beffarda saluta senza rumore. Abbraccio la salita che mi corre incontro e adagio ripongo le mie pagine vuote. Un quaderno di ricordi che riempir non so.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Antonella, mi mancavano le tue poesie. Scrivi veramente bene e hai il [...]

  • Anto61: Grazie
    Sei sempre molto attento e sensibile con le tue sincere e sentite [...]

2
1
17

LE COLPE DEI PADRI

18 January 2019

Alessandro Perissinotto, scrittore torinese, classe 1964, ci accompagna e ci porta a conoscere ed incontrare vicende della STORIA di Torino dal dopoguerra ai giorni nostri, raccontando delle evoluzioni, in positivo e in negativo, della Grande Madre, la FIAT, che si intrecciano con la Storia, le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
15

Senza mi ricorderai ?

18 January 2019

" Mi ricorderai " le chiese con un filo di voce "quando non ci saro più? " Lei lo guardò come si guarda un fiore appena sbocciato con infinita tenerezza e sussurrando rispose " Si ricorda chi è passato nel tuo cuore. Non chi è il tuo cuore perché vive dentro finché tu vivrai ". E nella carezza [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
5
22

Il potere di un sorriso

18 January 2019

Non pensavo di poter volare di nuovo. Tutto era buio, non distinguevo nè le forme nè i colori. Ma il sorriso, quello, non si è mai spento. E anche nell'oscurità l'hai notato. Ora non ho più paura del buio. Ora sono felice E fortunata. Tutto qui.

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
8

BAMBINI SENZA SORRISO

17 January 2019

Cari bambini, è a voi che mi rivolgo, vittime innocenti di un mondo insensato che vi ha sottratto ogni speranza di futuro, di libertà e di felicità. Quel mondo del popolo degli Adulti che, a costo della propria vita, avrebbe dovuto proteggervi dalle insidie del male e curare le vostre ansie e paure.. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
13

E che Kaiser!

16 January 2019

Una sera al bar eravamo io Jack Kerouac, un pronipote di Keplero e Kekko dei Moda' che facevamo discorsi sulle discese in kajak nei fiumi del Klondike sorseggiando del Kirsch con una fetta di kiwi, quando dalla porta d'ingresso entrò Kirk, un vecchio membro del Ku-Klux-Klan declamando passi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rara avis: Oh kacchio, grazie Scili (The king of komments) per
    l'apprezzamento, [...]

  • Puccia: Mi hai ubriacato, sempre piaciuto.

3
3
11

Il gioco del pallone

16 January 2019

Davanti casa mia c'è un campetto di calcio. Erbetta sintetica e vecchia, le porte senza una rete. Sembra proprio un campetto abbandonato, ma ogni sera si riuniscono lì dei ragazzini con un pallone. È ben illuminato dai lampioni della strada, e essendo una zona che ha una brutta nomina in città, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Veramente bello la nostalgia è sempre vincente nei racconti.

  • Giuseppe Patti: Ciao e grazie, e pensare che messo il punto finale ho pensato "Questa [...]

Torna su