Riapro gli occhi, non sono più in macchina bensì nel mio letto. Ma non ero a Milano? Si, certo, come no! Non mi sono mai mosso da qui, ho semplicemente sognato. Più che visitare una Milano da bere ho visitato una Milano da sogno, ironizzo tra me e me.

Ok, è stato un sogno ma oserei dire estremamente realistico, pur tradendo allo stesso tempo qualcosina di surreale.

Effettivamente mi son ritrovato nel bel mezzo della città, senza ricordare come esserci arrivato, ora si spiega del perché il viaggio non mi ha  affaticato per niente. Mi son ritrovato li e… basta!

Altri dettagli mi lasciano da pensare, come ad esempio l’operaio edile che mi ha cacciato in malo modo, i lavori serali nel cantiere oppure la storia dei 1900 euro.

Resto ancora sdraiato nel mio letto, fisso il soffitto cercando di fare mente locale e di ripercorrere dall’inizio alla fine ogni singola cosa vissuta nel sogno, fino a quando avverto il mio cellulare vibrare sul mio comodino. Lo prendo.

È Ilaria! Mi ha appena mandato il suo buongiorno con delle dolci parole e ricambio anch’io mandandole delle belle frasi con una immagine piena cuori. Decido a scriverle su WhatsApp raccontandole “l’esperienza” che ho vissuto e le mando un lungo messaggio.

«Amore mio, raccontami per filo e per segno ancora una volta il sogno che hai fatto, vorrei cercare di capirci qualcosa.» mi chiede con molta curiosità tramite messaggio vocale e io senza problemi l’accontento.

Cerco di focalizzarmi su ogni singolo aspetto e di essere più preciso possibile, senza tralasciare nulla, secondo Ilaria tutto ciò ha un senso. Parliamo praticamente solo di questo per circa mezz’ora.

«Devo andare a lavoro tesoro, stasera ne riparliamo, ricordati che, le parole che ti ho “detto” nel sogno valgono anche nella realtà, ti auguro di passare una buona giornata. Ti amo!» conclude mandandomi contemporaneamente su WhatsApp un aforisma d’amore, mentre io una quartina di una mia poesia scritta mesi fa per lei, del resto siamo più dolci di due barattoli di miele Ambrosoli.

 

Sono le venti e trenta passate, devo andare a prendere Ilaria all’uscita da lavoro ed è abbastanza tardi. Ogni sera ci organizziamo in questa maniera, è un modo come un altro per stare un po’ insieme e portarla successivamente a casa sua, in un quartiere non molto lontano.

Ho passato un intero pomeriggio in vari siti che riguardano opportunità lavorative, e come al solito non ho trovato nulla di interessante. Solo impieghi in qualità di operatore in dei call center in cui si è sottopagati peggio che in Uguanda oppure del Telelavoro che senz’altro puzza di truffa . Pazienza, domani vedrò di cercare ancora, tanto è inutile tartassarmi la testa, prima o poi a furia di insistere qualcosa uscirà fuori. Salgo in macchina, metto la chiave nel quadro e parto.

Per raggiungere la Sanitaria ‘Cento x Cento Bimbi’, impiegherò come sempre non più di cinque minuti, giusto il tempo di ascoltare ‘Kingston Town’ degli UB40 una delle mie canzoni preferite trasmessa da Radio 105 che ha sede proprio a Milano e durante il tragitto ripenso al sogno, ancora molto vivido nella mia mente.

Parcheggio nei pressi della sanitaria, Ilaria è all’esterno di una ricevitoria vicina a dove lavora e mi auguro non sia scocciata del mio ritardo. A prima vista non sembra esserlo.

Scendo dall’auto, appena riesce a scorgermi, la sua espressione diventa particolarmente euforica e comincia a correre verso di me,

«Amoreeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!!!» Mi abbraccia, mi stringe forte, mi bacia voracemente in ogni parte del mio viso e allo stesso tempo vociando frasi sconnesse del tipo «Si, finalmente!!!» «Che bello, no, non ci credooooo!!!»

«Tesoro che ti è successo? Oggi forse ti sono mancato più del solito?» le chiedo con stupore.

La mia fidanzata prende la mia mano e l’appoggia al suo petto, sento il suo cuore battere fortissimo come un martello pneumatico, inoltre suoi occhi sono umidi, si nota chiaramente che è visibilmente emozionata.

«Non posso dirti qui in strada la bellissima cosa che mi è capitata, anzi, che ci è capitata!» e sempre con la mano mi trascina energicamente in direzione della mia macchina dove con calma possiamo parlare.

«Hai presente il sogno che hai fatto stanotte?» annuisco sempre più stupito «ebbene sono riuscita a interpretarlo traendone dei numeri e stamattina in questa ricevitoria li giocati subito a Lotto, ho verificato i numeri in serata, precisamente alcuni minuti prima che tu arrivassi e… sono uscitiiiiiiiii!!!!!!»

«Lotto? Ma come hai fatto? Ti sei affidata alla Smorfia, il libro dei sogni?» cominciando ad entrare in sollucchero anch’io.

«No, nessuna Smorfia amore mio, i numeri li ha forniti il tuo sogno stesso: chiari, diretti ed inequivocabili!» mi risponde schioccandomi un bacio sulle labbra.

Effettivamente ora che ci penso è vero, mi ricordo ad esempio di quando la proprietaria delle rosticceria mi aveva menzionato il numero 1900, mentre il marito il numero 84. Come è giusto che sia vorrei saperne di più.

«Quali numeri sei riuscita ad azzeccare tesoro? Ti prego dimmelo!» le domando ancora con un crescendo di curiosità.

«Dal 1900 ho tratto il 19, poi 84 l’anno in cui i due rosticcieri hanno aperto il locale, 15 gli anni del ragazzino e 5 il conto o la banconota con cui hai pagato» mi dice raggiante e seguitando ad alta voce «la cosa sorprendente sai qual è? Se analizziamo la cosa e mettendo i numeri in un certo ordine, abbiamo la tua data di nascita: 15 5 1984!»

Tutti i racconti

0
0
9

CELEBRIAMO di Emma Watson

22 June 2024

Nel regno dell'amore, dove i sogni prendono il volo, Due anime convergono, immerse nella luce soffusa dell'amore. Attraverso i colpi di scena del grande disegno del destino, I loro cuori battono all'unisono, nel ritmo divino. Nei momenti di tranquillità, trovano la loro pace, Un santuario dove [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
7

Oltre il silenzio

22 June 2024

Nelle lontane terre del Nord America viveva un anziano signore di nome Haru. Un nome che i compianti genitori gli avevano dato senza essere consapevoli del suo intrinseco significato. Quel "nato in primavera " da sempre aveva costituito un invito a rinascere nella sua lunga ed inarrestabile [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

0
0
7

Senza Titolo

22 June 2024

LETTERA ALLA FORMICA Cara formichina ti vorrei parlare, se tu mi vorrai ascoltare. Vorrei parlare a te, al ragno e all’ape, a voi custodi di una terra morente, che piange di dolore per le mille offese a lei inferte. Se mi vorrai ascoltare, ti dirò che ammiro infinitamente la tua saggezza e il [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
7

UN RICORDO DI EMMA WATSON

21 June 2024

UN RICORDO DI EMMA WATSON Un bacio, quella bella cicatrice, Colpito dalla lama arrendevole dell'amore, Senti il ​​gradito tonfo della freccia, Mentre vaghiamo nel succo lussureggiante della vita. I ricordi furono cancellati per un attimo Con le labbra dell'amante che si aprono, Poi di nuovo in [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
7

Aforisma

21 June 2024

La volta celeste, velata da nubi, funge da drappo che la natura lascia cadere per sussurrarci che persino nell'oscurità più densa, si può dissimulare la grazia. Laura Lapietra ©

Tempo di lettura: 30 secondi

3
0
10

l'universo

21 June 2024

se non fosse vero quello che ti hanno detto su di te, se non fossi il tuo lavoro, se non fossi quello che pensi di te, se non ti ritrovassi nei tuoi pensieri e convinzioni, cosa saresti? chi saresti? se non fosse la tua storia a definirti, i tuoi soldi ed i tuoi averi, chi saresti? chiediti sempre… [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
15

I racconti di Bianca

Bianca Boxe

21 June 2024

C'era una volta Bianca, che alla vigilia delle sue vacanze diventa sempre triste. Bianca, in queste occasioni, sente crescere dentro di lei la lotta tra l'entusiasmo e la malinconia. L'entusiasmo si presenta sottoforma di grande voglia di partire e la malinconia invece sottoforma di grande voglia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
12

IL PICCOLO MONDO ANTICO VISTO DA EMMA WATSON

20 June 2024

THE SMALL ANCIENT WORLD SEEN BY EMMA WATSON Perfect woman, meat apple, hot moon, The thick smell of seaweed, crushed flowers and light. What dim glow opens between your pillars? Which ancient night does man touch with his senses? Loving is a journey with water and stars. With suffocating air and [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
3
9

Haiku

20 June 2024

alari in volo - spilloni sulle spiagge spruzzate al sole Laura Lapietra © NB= In questo Haiku dalla metrica 5/7/5 si cogliere il kigo ( riferimento stagionale) nel secondo verso poiché si parla di spilloni sulle spiagge - fiori che sbocciano in estate sulle dune.

Tempo di lettura: 30 secondi

5
9
23

Bastardi dentro

20 June 2024

Estate. Panetteria sul far del mezzogiorno. All’esterno una tenda striminzita protegge da un sole impietoso. All’interno, sudore e poca aria. Due commesse esauste servono due clienti. Sugli scaffali sono rimaste tre michette, quattro ciabatte e un pasta dura. «Che fa? Entra?». Eccolo. Ce n’è sempre [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Gennarino: Complimenti!

  • Rubrus: PS Una tecnica secondo me ancora valida per costruire una storia, comica ma [...]

1
4
10

I colori della vita

19 June 2024

I colori della vita Tantissimi secoli fa nel lontano Oriente viveva una principessa molto bella di nome Misaki. Chi la conosceva la definiva una donna affascinante sotto ogni aspetto e molto sensibile alle problematiche sociali. Non era la solita principessa insomma.. ogni difficoltà, ogni [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
9
30

Pasticcio

19 June 2024

PASTICCIO Corrieri corrono Corriere percorrono Cani sani gatti fatti Lupi pupi frane rane che raggirano la fame Non si curano rassicurano miscelando oro ora con il soffio della bora

Tempo di lettura: 30 secondi

  • stapelia: Grazie! A domani. Leggerò tutti, nessuno escluso, e tenterò di [...]

  • Gennarino: Bello e cadenzato. Complimenti!

Torna su