Al centro della sala, tavolo numero 6, un uomo, sulla cinquantina, sembrava marmorizzato con la faccia dentro al piatto di fettuccine ai funghi porcini; gli occhi spalancati dal terrore privi di vita. La donna che era con lui continuava a piangere e urlare: “Goffredo! Goffredo!” Il nome era stato svelato. Jennifer Lorenzi tastò il polso e scosse la testa: deceduto.

“Goffredo e poi?” Chiese James.

“Goffredo Palmieri.” Disse singhiozzando la donna che era seduta al tavolo “Procuratore distrettuale.” 

“Interessante.” Rispose Calamaretti, poi rivolto a Jenny proseguì “Veleno? Cosa ne pensi?”

“Stricnina. Sicuramente è stato avvelenato. Paralisi, irrigidimento totale, occhi sbarrati di chi si accorge che sta per morire.” James prese un cucchiaio pulito e, senza toccare il viso del cadavere, prese una piccola porzione di fettuccine e la sigillò dentro ad un barattolo pulito.

“Dottoressa Lorenzi, può farmi la cortesia di correre in ospedale e far analizzare il contenuto?” Nei suoi pantaloni finta pelle dorati che fasciavano un sedere di tutto rispetto, Jennifer, senza dire una parola si avviò a passo lesto e James la osservò desiderando di fare altro in quella serata che aveva preso una brutta piega.

“Chi è il cuoco?” domandò a uno dei camerieri.

“Rosario Annibali. Lavora qui da quindici giorni è appena uscito di galera.”

“Interessante. Chi ce lo aveva messo in galera?”

La moglie di Palmieri si alzò di colpo: “E’ stato lui!! E’ un delinquente incallito, mio marito lo fece condannare tre anni fa per tentato rapimento.”

Il cuoco, scortato da Augusto, entrò in sala ancora con il grembiule legato in vita, sporco di sugo, di olio e di grasso. Era un uomo dalla statura imponente, con un paio di baffi che coprivano le labbra carnose e gli occhi bovini sporgenti. James deglutì alla vista del presunto assassino, un po’ perché la sua ernia, dopo ciò che aveva ingurgitato, si era risvegliata di soprassalto e ora la sentiva cantare il Va’ pensiero, un po’ perché con una gamba fuori uso si sentiva indifeso come il capriolo con i carciofi. Dopo circa un’ora Jennifer Lorenzi riapparve con le analisi delle fettuccine che confermarono presenza di stricnina. Il veleno aveva dunque ucciso il procuratore Palmieri tutto stava a individuare chi ce lo aveva messo. Rosario Annibali venne messo sotto torchio per tutta la notte, mentre gli ospiti del ristorante si erano addormentati con la testa sui tavoli ancora apparecchiati. Annibali giurò e spergiurò di essere innocente, fino a prova contraria poi, l’occhio sempre vigile di James, si imbatté sul volto compiaciuto della signora Palmieri. La moglie del procuratore, dopo un primo apparente stato di ansia, se ne stava beatamente appisolata con la testa appoggiata al muro e sembrava sorridere. Forse sognava di essere ancora fra le braccia del marito pensò James. Lasciando l’Annibali a battere i pugni sul tavolo mentre ribadiva la propria innocenza, il vice ispettore Calamaretti, senza chiedere il permesso a nessuno, iniziò a rovistare nella borsa della Palmieri e, casualmente, trovò un barattolino semi vuoto di pillole. Lesse il bugiardino e capì all’istante che Rosario Annibali era sul serio innocente, questa volta. Venne fuori che Elide Palmieri soffriva da tempo di infiammazioni tendinee e che il suo osteopata le aveva prescritto un medicinale con un basso contenuto di stricnina. Approfittando del fatto che Gualtiero si era allontanato per recarsi in bagno, la sciagurata donna aveva polverizzato le pasticche e ne aveva condito le fettuccine ai funghi, morale: Gualtiero Palmieri era schiattato nel giro di pochi minuti.

Movente? Uno dei più banali della storia dei matrimoni: Elide Palmieri non sopportava più il marito ma chiedendo il divorzio avrebbe dovuto rinunciare alla vita agiata a cui si era abituata da molto tempo, la soluzione più rapida sarebbe stata quella di una morte non sospetta in un ristorante gremito di gente. Il classico colpo apoplettico.

“Come ha fatto a scoprirmi?” Chiese stupefatta rivolta a Calamaretti.

“Dal suo sorriso beato, signora Palmieri e dalle pillole trovate nella sua borsa che contenevano il veleno.”

Quella sera la cena con la dottoressa Lorenzi non era andata come si sarebbe aspettato: ristorante poco elegante, cibo pessimo, anche se Jenny pareva aver gradito molto e, per finire, omicidio con cadavere inzuppato nelle fettuccine; notò però che la dottoressa lo prese sottobraccio e lo aiutò ad uscire dal locale dopo l’arresto della signora Elide, gli stampò uno schioccante bacio sulle labbra esordendo: “Sei un genio James!”  Il vice ispettore Calamaretti si era appena fidanzato? 

Tutti i racconti

16
21
74

Il Re spodestato

16 May 2021

Dopo quarant'anni, il Re venne finalmente spodestato. Seguì la stessa sorte il Re che lo sostituì. Un altro Re subentrò, e in egual modo finì per essere spodestato, precisamente dal primo Re, successivamente rispodestato dal secondo. Innumerevoli Re, continuarono a spodestare e a spodestarsi, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Betty: Attualmente molto attuale. Mi ricorda vagamente qualcuno ai piani alti, il [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Betty, grazie per il commento, il mio intento era principalmente quello [...]

3
3
9

Un grido soffocato dall'alcol

16 May 2021

Che cosa succede quando smetti di lottare per i tuoi sogni? Che cosa accade quando ti senti lontana dalle persone che ti circondano? Quando ti senti diversa e sbagliata? Che cosa succede quando smetti di credere all’amore, all’amicizia e alla felicità? Se decidi di rifiutare i valori che la società [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: Non tutti si ubriacano, magari hanno trovato soluzioni diverse ma simili allo [...]

  • Sabrina Fontanini: L'introspezione è uno dei miei caratteri distintivi ad ogni modo, [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
7

Raggi x

16 May 2021

“Vada avanti, quando vede i primi ascensori non si fermi, vada avanti fino ai prossimi, sono tre, prende quello al centro, scende al piano terra, trova delle strisce colorate sul pavimento, segua quella gialla e arriva a radiologia”. Fabio ringrazia, si avvia ripetendo a mente le indicazioni dell’usciere [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
2
10

Il duro lavoro ripaga sempre o qualcosa del genere boh che ne so

15 May 2021

Aveva i capelli scuri e una situazione economica non troppo brillante. Il padre gli aveva permesso un solo svago e lui, che quando aveva appena cinque anni aveva attaccato al muro un poster di Federer, aveva scelto il tennis. Frequentava il corso intermedio, quello destinato ai ragazzini nell’età [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
6
13

Cosa senti

15 May 2021

Cosa sente il tuo cuore E cosa dicono le tue mani fredde I tuoi “niente” ed i tuoi celati perché I tuoi “no” e le attese di vane risposte I tuoi occhi potrebbero dire tutto se solo volessero Ma si limitano a brillare, confondendo o incuriosendo Cammini veloce per fuggire da scomodi passati Rallenti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: hei Walt grazie, e alla prossima bevuta da una una pinta di Rum :)

  • Walter Fest: Lunedì, Pata, ci rivediamo Lunedì.....sai che ti dico?.....Anzi [...]

2
3
15

ALL'UFFICIO POSTALE

15 May 2021

È un tardo pomeriggio di primavera: si avverte quel tepore che annuncia l'estate; l'aria più luminosa spinge le persone ad uscire di casa. Attratto dalla bella atmosfera, Nicola ha deciso di dare un impegno purchessia alla sua giornata di pensionato: pagare una bolletta, nonostante abbia diversi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

3
2
13

Un Tocco Sensualmente Ambiguo

14 May 2021

Lui, elegante con quel suo atteggiamento smargiasso, indusse la giovane donna a prenderlo a schiaffi ma anche a prenderlo a suon di baci, poiché più lui la stuzzicava mentalmente, più era viscerale per lei l'impulso di quel bagliore malizioso che l'uomo emanava nel suo fascino contorto, mentre [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
2
7

Giuvanne di Castelcivita

14 May 2021

-‘A distanza tra lu punto A e lu punto B s’ammesura cu la vitamina C!- Questa era una delle massime di Giovanni Santoro, un “indigeno-scemo del villaggio” di Castelcivita, un piccolissimo borgo del Cilento, in provincia di Salerno, “appeso” in collina, a ridosso dei Monti Alburni e conosciuto [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Adribel: La lettura non è molto agevole, penso anche la scrittura. Complimenti

  • Patapump: dialetto del cilento non conoscevo in questa forma, distante dal mio, ma si [...]

2
4
18

Un libro fortunato

Racconto metafisico

14 May 2021

Il nastro trasportatore procede a scatti, senza grazia, senza eleganza e senza pietà. Tra un po' toccherà a me entrare in quel buco nero. Non so se sarà la fine o se sarà un nuovo inizio. Misteri del riciclaggio! Ma per non sbagliare, intanto, comincio a raccontarvi la mia storia. Sono un libro [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

11
14
60

Un Natale per sette fratelli

13 May 2021

Svegliarsi presto la mattina per andare a lavorare rappresentava la solita ed inevitabile routine, ma quel giorno era Natale. I sette fratelli saltarono dai loro letti con gioia ancor prima che il sole apparisse all'orizzonte. Persino il fratello più brontolone, appariva di buon umore. I sette [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Betty: Specchio specchio delle mie brame...
    Biancaneve ruba la battuta alla strega [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Betty, grazie per il tuo simpatico commento, non mielato ma meloso. :D [...]

3
6
14

Una trasferta inaspettata - 2/2

Le indagini di James

13 May 2021

Lesse: “Non cercatemi per un po’. Non scomodate la Sciarelli a Chi l’ha visto! Ho bisogno di staccare la spina e… devo scrivere! Betty” Tutto lì. Betty?! Chi era Betty? “Allora?” Fecero in coro tutti. “Niente. Niente di niente. Però si firma Betty non Elis Pop.” “Betty?!” Disse in coro la banda [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Betty: 🤣🤣🤣 Walter, te la confessero' tra un paio di settimane, facciamo il [...]

  • Walter Fest: Betty non te l'ho già detto ? Sei mitica!!! ! Riguardo lunedì [...]

4
11
20

Wish you were here

Per gli amanti dei Pink Floyd, come immagino un ultimo incontro tra Syd Barrett e Rick Wright

13 May 2021

Psst lo vuoi un consiglio? Psst lo vuoi un consiglio? Psst lo vuoi un consiglio? Una voce acuta e martellante continuava a ripetergli quella frase, cercò di ignorarla, ma era come quando un disco s’incanta sul giradischi, si portò le mani alla testa tra i capelli scarmigliati, con la speranza [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • ducapaso: Sabrina, ti confermo che questo racconto è buono, soprattutto per l'argomento [...]

  • Sabrina Fontanini: Ducapaso, grazie per il tuo commento è stato uno dei miei lavori più [...]

Torna su