Quella notte di Agosto, Roma era deserta e silenziosa in maniera insolita.

Ricordo che negli anni passati, dalla mia terrazza sapientemente attrezzata per poter trascorre l’estate, non c’era notte che i rumori della città non giungessero prepotenti.

Quella sera no.

Sembrava che la città fosse stata narcotizzata

Questa cosa mi turbava e mi disorientava.

Oltre farmi pensare.

Mi sentivo un po’ l’ultimo uomo sopravvissuto sulla terra dopo una catastrofe.

Dicevo poco innanzi, che il luogo dove trascorrevo i mesi estivi per la maggior parte del tempo era la  terrazza che si affacciava dal soggiorno.

L’avevamo scelta insieme.

Un giorno passando presso il Lungotevere alzammo lo sguardo e la vista si pose su questo fabbricato d’epoca.

La facciata era alquanto toccata dal tempo, ma la terrazza propendeva verso il fiume.

Fu tale il richiamo che non sapemmo non rispondere.

Dopo aver fatto 3 piani a piedi, sbirciammo dalle finestre delle scale.

Si presentò a noi in tutto il suo verde lussureggiante e i fiori ordinatamente posti nei vasi.

L’edera copriva tutto un lato del fabbricato.

Un tavolino d’epoca, rotondo, in marmo, era posto al centro della terrazza stessa.

La fontanella di marmo bucciato ricordava vagamente le fontane di epoca romana poste in ogni angolo della città.

La vista era splendida. 

E l’Isola Trasteverina si poteva quasi toccar con mano.

Fu amore a prima vista.

L’anziana signora che ci abitava ci notò subito.

Aprì la porta e con garbo ci chiese chi fossimo e cosa cercassimo.

Capì a breve che quella palazzina e la sua terrazza ci aveva affascinato.

E attratto il nostro interesse.

Lei con fare disinvolto ci disse: - perché non l’acquistate, siete ancora così giovani. Ormai io sono sola e questa casa è troppo grande per me. Inoltre mia sorella da oltre un anno mi chiede di andare a vivere da lei ai Castelli Romani. -

Insomma, per farla breve, dopo un mese entrammo in possesso dell’abitazione.

La terrazza venne poco modificata dai lavori che eseguimmo.

Mantenni, senza spostarlo di un centimetro, il tavolino, su cui appoggiai la mia macchina da scrivere.

Su fatemi la domanda?

- Ma lei scrive? -

Sì. Sono un scrittore. O pseudo tale.

Non di successo, ma qualche pubblicazione l’ho avuta.

Adoro sentir picchiettare i tasti di questa vecchia Olivetti nera, sui fogli bianchi.

Nei momenti di maggior creatività sembra quasi di sentire il rumore di cavalli a galoppo che incidono sul terreno i loro zoccoli.

Nei momenti di minor estro ricorda più il bagnasciuga che si rifrange sulla spiaggia, con quel fare cadenzato e sonnolento.

Io ero in questa ultima fase.

Avevo infilato quel patetico foglio bianco dentro la mia luccicante Olivetti, ma le mie mani erano ferme.

La testa sembrava quasi staccata dal resto del corpo.

Non parliamo delle idee.

Quelle erano anche loro andate in vacanza con la mia testa.

La non percezione quella notte di Agosto, di alcun rumore proveniente dalla città, mi stava facendo impazzire.

Fissavo lo sguardo da oltre un’ora su quel foglio.

Io guardavo lui e lui guardava me.

Con calma gli dicevo: - Dai, dimmi qualcosa - 

Lui niente, imperturbabile e imperscrutabile.

Mi faceva rabbia.

Quella sua candida dolcezza espressa nel suo colore bianco, era pari alla sua estrema arroganza nel non mostrarmi neanche la benché minima macchia d’inchiostro.

Ma nonostante quel reciproco scambio di sguardi e colloqui.

Niente.

Sembrava fosse più ostinato di un mulo.

Nel frattempo prendevo tempo.

Si potrebbe pensare che sono pazzo, dato che quest’uomo parla con un foglio.

Farò una rivelazione.

È tutta una scusa.

La verità è che la terrazza adesso, aveva un ospite in meno.

Lei era andata via. 

Avevo trovato i cassetti vuoti quel giorno.

Una breve lettera mi diceva che lei aveva resistito a lungo, ma l’amore, quello, la aveva abbandonata.

Finito. Stop.

Che comunque ero stato importante per lei e non mi avrebbe mai dimenticato. 

Come pure i momenti trascorsi insieme.

Bla bla, Bla bla, Bla bla

È forse la solita storia di abbandono ma che cazzo, neanche volermi parlare guardandomi negli occhi.

Sono passati quattro mesi da quando è andata via.

Mi sono preso un gatto. O meglio lui ha trovato me.

Mi piscia dovunque, seccandomi le piante. 

Ma almeno mi fa compagnia.

Io sono ancora qui.

Su questa terrazza.

Una notte d’estate.

Con un foglio bianco che mi fissa e senza un rumore che mi faccia sentire ancora vivo.

Mi siedo.

Lentamente mi giro.

Percorro con la vista a 360° la terrazza e tutto quello che mi circonda.

Guardo in cielo.

Le stelle e la luna sono sovrane.

 

La mattina dopo la signora che ogni tanto andava a casa sua a fargli pulizia, lo ritrovò addormentato come un bambino dopo una vorace poppata.

Lo straccio si pose sul tavolino rotondo e sulla vecchia Olivetti nera.

Lo sguardo curioso fece il resto.

Sul foglio impresse poche parole.

Daniele è ancora qui.                                      

Tutti i racconti

0
0
0

Al di là

07 February 2023

Non abbiamo poteri divini che ci consentano di compiere azioni sovraumane ovvero trascendenti la forza muscolare per arrecare dispetto. Non spostiamo montagne in una sola notte eradicandole dalla loro millenaria collocazione solo perché amiamo il candore della neve e l’acqua cristallina al centro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
0

Distesa sul letto

07 February 2023

Distesa sul letto guardo il soffitto. La mia mente elabora, elabora sempre, non è mai in riposo… i pensieri offuscano la mente, si arrovellano… Sembra come se qualcosa fosse intrappolato dentro la mia testa o magari nel mio petto… Eh già, è proprio così, il mio cuore impazzito che non riesce a [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
11

Somatismi

06 February 2023

Che il cervello litighi con l'intestino non è una novità ma che il pancreas trovi da ridire sul comportamento delle pupille o che i talloni siano in disaccordo con le papille gustative questo è inammissibile. Succede perché ogni parte del corpo ha un'anima. Hai voglia di dire che il cervello è [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Che testo simpatico!

  • Astrid: grazie per questa condivisione, ti ho letto con molto piacere. Sembra quasi [...]

3
3
13

Da buttare

06 February 2023

Posso parlarti? No. Sto male. Non lo vedi che sto lavorando? Posso parlarti? No. Sto male. Non lo vedi che sto ascoltando la radio? Posso parlarti? No. Sto male. Non lo vedi che sto leggendo? Lui finì il capitolo. Lei si buttò dal terrazzo.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Intensa fotografia del malessere di molti rapporti.

  • Astrid: purtroppo, spesso è così che succede

2
4
10

Alla mattina

06 February 2023

Parcheggio la macchina davanti al parco. Vado al bar a bere il mio latte di soia macchiato. Poi mi siedo in macchina. E leggo. Aspetto l’ora X per partire e andare al lavoro. Non ho bisogno di guardare l’orologio. Davanti a me, dall’altra parte della strada, in una finestra al primo piano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Chissà, non voglio pensare cose brutte!

  • Astrid: piccoli attimi, scorci della quotidianità che è tale solo per [...]

1
2
2

Aforisma

05 February 2023

A volte siamo quei gracili fiori in un unico giardino anelanti di gocce d'amore in cui rinvigorirsi, cogliendo ristoro per donare il proprio olezzo nell'impronta della propria bellezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
1
9

IL GRIDO DELLA GUERRA

Poemetto Sulla Guerra Globale

05 February 2023

Il corpo del gelido inverno gela il mio verseggiare Scivolo tra le ombre della sera, scorro insieme a questo divenire Si dirizza in piedi l’esistenza, si dirizza la bellezza, la certezza di essere di nuovo ultimo della fila. Non c’è più spazio per sopravvivere per narrare altre avventure Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Piccola stella: Caro Dino, come siamo messi male!!! Meglio leggerti a stomaco vuoto...
    Qualche [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

6
18
35

Er triballo der potorno

omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Potorno ogni trecatrezzu Simbatoni ché sembran cenci A' vita nun gnasca sur cialon Sinfason nun par de' no Er triballo pare tronto sur potorno E io che stronfio maneggio zumpappero zumpappero'. Uè Marain dis omage è per tè Amico lettore oggi ti abbiamo coinvolto in una sperimentazione di gruppo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Andrea Occhi: Credo in ciò che hai scritto WF...un punto di incontro, un posto sicuro [...]

  • Piccola stella: E si vede Andrea che a te piacciono entrambi i verbi....scusa ma cosa abbiamo [...]

6
9
19

Nulla è come è

Linguaggio metasemantico: omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Un crutitto drostuario vagava tra pintrucci e torpelle con i tucci ripieni di pedullia. Da strulli non crolgava. La luna cremolava il fucullio, ma il povero crutitto sorcolò contro un pintruccio, zercolandosi un trumello nel sedere. Con i tucci alla luna, zefirò uffulamente, a causa del norocco. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Andrea Occhi: Io ho sempre fame e sete...al beveraggio ci penso io. Siamo stati bravi!

  • Walter Fest: Andrea hai ragione siamo stati bravi e adesso viene il bello, abbiamo visto [...]

8
12
15

Fosco secondo Pata

omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Il troncolo del moncolo Superbo arringhia su fronzoli catartici Che si ergono astrusi su impervi carrabili Non mungono ne stringono alterchi sumancoli Ma credono in fossili di duttili stangoli Pervade il troncolo l’annoso moncolo Che cauto spia longolo un cantolo del portico Stortolo, immondolo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
12
17

CUSPIZZO BALZENCO

Omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Cuspizzo balzenco Guardava Patasselo mannare la suriela quando Calpestro volivolo stangando la mischia D'un botto riprese Patasselo dal trombolo. Ma Santozzo pulvisculo saltò nell'oberzolo Per fare dello spigolo il ventre del rigagnolo Grognarono lo svezzolo facendosi cucuzzolo e felici assistettero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: hanno stimolato fantasia, curiosità e sopratutto voglia di vita un plauso [...]

  • Piccola stella: Grazie Walter. Ho il dubbio che il dio degli artisti sia dentro di noi. Ma [...]

6
13
16

A VELE SPIEGATE

Come vivo

03 February 2023

A vele spiegate navigo senza vento. Ciò che voglio lo prendo. Ciò che dono ha bagliori di fuoco.

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su