"Questa è stata solo una parte del nostro viaggio… però per ora voglio solo raccontarti, un viaggio d'altronde non significa per forza spostarsi da un posto ad un altro, o no?” 

Santi si sedette per terra e così fece Natalia. 

“Dunque… in questo momento, oltre ai ragazzini che hai visto dentro al vagone, ce ne sono molti altri che stanno vivendo sotto le macerie, altri che stanno imparando a utilizzare armi al posto delle penne, altri che muoiono di fame tutti i giorni e sono costretti a spostarsi da un posto a un altro. Altri ancora stanno fabbricando qualcosa che potresti presto utilizzare o avere addosso. Bambini e adolescenti compresi. Per non parlare di tanti bambini e adolescenti che, sebbene non soffrano questi maltrattamenti, vivono di ansie, paure, si tagliano in continuazione e vengono presi in giro tutti i giorni. O peggio, hanno famiglie che non gli danno retta. In un modo o nell'altro siamo tutti collegati. Insomma… quello che dovevo dirti ora te l'ho detto… non so… vedi se riesci a fare qualcosa… l'infanzia è in vendita completa. In un modo o nell'altro.” 

Natalia guardò Santi e in quel momento capì.

Santi era un bambino che non si trovava più da molto tempo nello stesso mondo dove viveva lei. 

Natalia provò ad abbracciarlo, ma sembrava non riuscirci.

Santi rise di nuovo e le fece un buffetto scherzoso. 

“Non preoccuparti per me, pensa piuttosto a chi puoi ancora aiutare.”

“Ma come posso farlo?”, domandò Natalia grattandosi la testa.

Santi fece spallucce.

“Coraggio e ingegno. Lassù dicono che qualcosa puoi fare.”

Natalia guardò il cielo non sapendo esattamente a chi si riferisse Santi, ma questo non era il punto. 

Santi le prese dolcemente la mano, Natalia sentì di nuovo quel vorticare di prima e in men che non si dica si ritrovarono nella sua stanza.

Santi aveva svuotato tutto il cestino. Probabilmente non aveva mai mangiato così tanto in vita sua.

“Io dovrei andare… sai mi aspettano. È stato breve, ma intenso.” 

Intenso? Solo intenso?

Tremendo. 

L'effetto di quei ragazzini dentro al vagone l'avevano scandalizzata e non sapeva se sarebbe veramente riuscita a dimenticarli.

“Non dimenticarli. Aiutali in qualche modo.”

Santi le fece l'occhiolino sorridendo come sempre.

“Ah.. grazie per il cibo!”, esclamò. 

E in un attimo sparì e Natalia capì dove sarebbe tornato quel ragazzino vestito di stracci. 

Sembrava un sogno, ma non lo era stato. Santi le aveva mostrato e le aveva narrato una realtà dura e crudele. 

E aveva ragione: l'infanzia era in vendita completa. 

E a Natalia venne un'idea.

Si diresse verso la sua scrivania mettendo da parte tutto quello che avrebbe dovuto fare e cominciò a scrivere.

 

“Infanzia in vendita: i diritti che ogni bambino dovrebbe ottenere…

Un ragazzino di nome Santi e quello che può essere chiamato maltrattamento infantile… 

Bambini e adolescenti presi di mira… 

Il bullismo può essere una conseguenza dell'indifferenza di un genitore verso il proprio figlio? Quali ragioni si celano dietro un comportamento simile? 

Come aiutare ragazzi affetti da problemi alimentari e autolesionismo? 

 

Tutto questo poteva essere un inizio. Natalia sapeva ora cosa fare. 

Bisognava sostenere in qualche modo i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, poiché il bambino di oggi sarebbe stato l'adulto di domani. 

Santi era venuto per questo: per dimostrarle che lui era il chiaro esempio di un'infanzia completamente in vendita. 

 

 

Piccola parentesi personale.

Nella giornata dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza ho voluto scrivere un piccolo racconto di fantasia per dare in qualche modo il mio sostegno alla giornata di oggi… anche se il testo verrà pubblicato nei giorni a seguire. 

Ciò che mi ha ispirato è stato un programma (lanciato solamente in Venezuela) chiamato ‘infancia a la venta’, ossia infanzia in vendita. 

Perché ho voluto scrivere questo testo? Perché il bambino di oggi è l'adulto di domani. 

Perché un'infanzia felice e giusta è diritto di tutti ed è sconvolgente che esistano ancora bambini maltrattati e costretti a subire ingiustizie di tutti i tipi.

 

Tre cose ci sono rimaste del paradiso: le stelle, i fiori e i bambini.
(Dante Alighieri)

Tutti i racconti

4
5
28

Se non fosse per te

19 January 2021

Se non fosse per te lambirei i contorni E non entrerei in quella immensa radura chiamata vita Se non fosse per te navigherei su fragili navi, in mari percossi da venti che porterebbero al largo E incontrerei aggressive balene bianche, pesci martello e ostili genti Se non fosse per te il cibo sarebbe [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
22

Anni '60 - 2/2

19 January 2021

L’appuntamento con Salvio era all’ingresso del cinema Splendor, Mimma aspettava già da cinque minuti e si chiedeva se non fosse arrivata troppo in anticipo. Sin dal primo pomeriggio rifletteva su come vestirsi. Dopo varie prove e ripensamenti, decise di non esagerare in eleganza e alla fine indossò [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

4
4
33

Il profumo dei ricordi

Tornare a viaggiare

18 January 2021

La nave era ancora lontana dal porto ma già il vento mi portava l'odore tipico dello zolfo eoliano. Vulcano era ancora indistinguibile nella foschia dell'alba, il sole prometteva già l'incantevole, la linea dell'orizzonte alle mie spalle era tutt'uno col cielo: pareva colorata da un bambino. Ero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
17

Anni '60 - 1/2

18 January 2021

Nel Quartiere Spagnolo, dove abitavano Salvio e il suo gruppo d’amici, le numerose parrocchie esistenti proponevano le più svariate attività, con l’obbiettivo di attrarre i giovani di diversa età e di sottrarli alla strada e all'illegalità. Don Carlo, il parroco di Maria Addolorata, aveva comprato [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
4
14

Majistre

17 January 2021

Quando varcai la soglia dell’ufficio, non sapevo ancora cosa mi sarebbe potuto accadere da lì a poco Da poco laureato, avevo avuto poche esperienze nel mio ambito Tutte piccole cose L’ufficio era nella palazzina anni 50 in Piazza Magni a Milano Gli esperti la indicano come la più riconosciuta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U0392: Interessante esperienza, descritta, forse, un po' velocemente. Complimenti!

  • Patapump: ciao U..grazie in primis. Certo, si sarebbe potuto soffermarsi maggiormente, [...]

0
0
8

canta e balla...

17 January 2021

Canta e balla a tempo di musica muovi il tuo corpo e manifesta il ritmo vitale i tuoi sogni più sinceri in tutto questo preparati! ricevi l’abbondanza la benevolenza fa’ piccoli passi verso la crescita verso il tuo dono guardati attorno e impara dall’abbondanza della vita vedi luce in te [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
20

La piuma della speranza

16 January 2021

Una piuma cadeva tutte le mattine di fronte alla sua casa, o a volte qualcuno gliele lasciava. Ma mai aveva capito chi era il responsabile. La chiamava la piuma della felicità perché ogni mattina nel vederla e in seguito raccoglierla si sentiva un'aria diversa, una brezza fresca. Un'aria di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
4
17

Un arcobaleno di speranza

16 January 2021

Gennaio. Questo è il mio anno. Forse. Ma non correrò troppo. Assaporerò il viaggio aspettando di calpestare la sabbia umida di giugno. Aspettando di poter costruire un castello di sabbia. Aspettando i tuoi sorrisi sereni. Aspettando giorni sereni. La tempesta peggiore è alle spalle. Dicono. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
14

La lacrima

15 January 2021

Umida Salata Nascosta Trattenuta da una diga che ne raccoglie altre Pronta a svelarsi quando succede qualcosa in noi Forte emozioni la fanno emergere Spinta dai canali dell’anima Cade verso il basso E si infrange in altre mille Ogni goccia è una lettera E ognuna di quelle lettere formano parole [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
4
7

UNA FESTA NEL DESERTO

Monegros

15 January 2021

La sabbia secca del deserto spagnolo quella mattina di luglio bruciava e si crepava come nei film che dipingono uno scenario di disastro apocalittico, il sole bruciava così tanto da non poterlo neanche fissare un secondo. Avevo perso il gruppo del mio bus ormai almeno da 30 ore e sapevo che non [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
19

L'Angelo di Eudamón

14 January 2021

"Solamente con un amore profondo, Il docile presente Irradierà luce, Accecherà il male E cesserà il suo karma." Abbiate fede. Enciclica papale MCMLV Breve introduzione: Eudamón, proveniente dalla parola eudamonia, ossia felicità come scopo della vita e come fondamento dell'etica. La parola [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
29

Il tram numero nove

14 January 2021

Da ragazza lavoravo in un chiosco di fiori. Un angolo verde Tiffany tra il grigiore dei palazzi antichi. Creavo nuvolette di colore che rendevano deliziosa la giornata di qualche signorina ben vestita. A me i vestiti li passava la figlia della proprietaria. Ma non faceva nulla. Ero felice lo stesso. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su