Cinque mesi, ben cinque mesi erano passati dall'ultima volta che io e Riccardo, il mio collega, fummo pagati dal titolare del negozio di moto ricambi per il quale lavoravamo. Eppure gli affari non sembravano andare male. Mario, il boss, si giustificava "addebitando" la causa ai costi di gestione, al pagamento delle Ri.Ba, (ricevute bancarie) alle tasse etc. e dicendo che quindi dovevamo pazientare, o comunque aspettare tempi migliori.
Io e il mio compagno di lavoro non credemmo a tale versione dei fatti, sembrava nasconderci qualcosa, tant'è che inizialmente ipotizzammo la problematica del racket, del resto dalle mia parti non è affatto inusuale.

I giorni passavano, il tedio cresceva. Riccardo rispetto al sottoscritto manifestava segni di squilibrio, un nervosismo accentuato e se vogliamo giustificato visto che aveva problemi a casa, a cominciare dalla madre vedova che percepiva la poco sostanziosa pensione di reversibilità del marito e Federica, la sorella, che aveva lasciato un modesto impiego per seguire un corso, ragion per cui i soldi gli servivano urgentemente. Io al contrario pur vivevo con i miei non avevo chissà quali responsabilità, potevo avvalermi di un certo autocontrollo, sebbene il comportamento del capo lo ritenessi scorretto.

Fondamentalmente affrontavo la situazione cinicamente e al contempo per una sorta di ripicca non di rado eludevo con nonchalance le mansioni, ovvero evitavo di servire i clienti adocchiando la classica modalità “scaricabarile” e mi prodigavo col minimo e necessario nella sistemazione degli articoli, cercando piuttosto di imboscarmi nel magazzino. A Mario spiegavo che andavo nel deposito a sistemare il materiale mentre in realtà smanettavo con lo smartphone seduto sopra una pila di cartoni di olio. Sicuramente immaginava che cazzeggiavo ma, consapevole di essere in torto, si sforzava a chiudere un occhio e mi chiamava solo per delle necessità, ad esempio per provvedere al banco oppure per effettuare versamenti alla sua banca. A tal proposito spesso non risparmiavo allusioni su quel denaro, tra cui scimmiottare o parodiare famosi spot, del tipo:  La tua banca è differente, la mia è indifferente - “Banca xxxxxxxxxx costruita intorno a te e… non a me". Inutile dire che le frecciatine non sortivano effetto.

Nei primi di giugno le vendite andavano a incrementarsi, tuttavia noi poveri commessi non avevamo ancora ricevuto il becco di un quattrino. Riccardo si incazzava sempre di più, tanto è vero che in determinate occasioni arrivò quasi a sfanculare il datore di lavoro. Urgeva una soluzione, altrimenti conveniva cercarsi un’altra occupazione.

E finalmente una mattina Mario involontariamente si tradì. In buona sostanza si trovava in magazzino e con il cellulare stava conversando con la moglie. Mentre io e Riccardo sorseggiavamo un caffè entrarono due persone: un rappresentante che chiedeva di Mario e un abituale cliente rompicoglioni che voleva ordinare un ricambio. E io, non sapendo usare A.R.C.O. (acronimo di Applicativo per Ricambisti, Concessionarie ed Officine) col PC avevo bisogno di manforte. Mi incamminai nel corridoio assieme al collega al fine di disturbare il principale per due questioni diverse. Al momento di interrompere The Principal, (soprannome che gli venne affibbiato da un meccanico) la discussione con la moglie ci apparve interessante e quindi ci mettemmo in disparte ad origliare. Non dimenticherò mai le parole incriminate che confermarono quanto Mario effettivamente si stesse comportando male.

«Lavinia, ieri sera a Matteo gli ho mollato 100 €, ecco, pensavo di aumentargli la paghetta portandola a 150 € a settimana. Se le merita… sì, sì. Ho l’importo necessario per comprargli il desiderato Honda SH 125. Nuovo ovviamente. Martedì andrò con lui al concessionario.»

Dinanzi a quei discorsi è facile immaginare lo stato d’animo di noi addetti. Praticamente il capo accontentava vizi e sfizi a quello stronzo del figlio, un pelandrone di diciotto anni che l’anno prima aveva insolentemente rifiutato un lavoro in un lido per la stagione estiva poiché preferiva spassarsela e bisbocciare con i suoi amici. Naturalmente a spese di mamma e papà.

«Che c’è, ragazzi?», ci chiese il Giuda sobbalzando accorgendosi della nostra presenza.

«Passa di là che c’è il signor Giacomelli che ti cerca.», disse Riccardo rabbuiato.

«Passa di là che c’è un pezzo da novanta che vuole ordinato un pezzo.», comunicai scazzato.

Mario terminò frettolosamente la telefonata e a passo svelto andò dagli interessati. L’avevamo sgamato!

All'orario di chiusura io e il mio collega gli dicemmo in faccia che avevamo ascoltato la conversazione telefonica avvenuta nella tarda mattinata. All'inizio il titolare provò ad arrampicarsi sugli specchi affermando che avevamo sentito male, tra l’altro con evidente espressione intrisa di disagio dipinta sul volto.  

«Guarda caso abbiamo sentito male in due!», esposi con sarcasmo.

Il grande capo Sioux (dato che da tempo, come si suol dire, faceva l’indiano) essendo alla strette dapprima fece il suo famoso sorrisino del cazzo finché non gli rimase che vuotare il sacco con una lapidaria frase altrettanto del cazzo.

«Un giorno, quando avrete figli, capirete.»

Riccardo diventò tutto rosso in viso, sganciando la tanto trattenuta bomba al napalm. Si mise a urlare, a bestemmiare e per giunta diede un poderoso calcio in uno scaffale pieno di ganasce, facendone cadere parecchie. Un'autentica scheggia impazzita, ci mancò poco che alzasse le mani a “qualcuno” e per placarlo lo spinsi, come si usa fare con i facinorosi.

La mia reazione, invece? Mi arrabbiai anche se in maniera contenuta, limitandomi a punzecchiare chi di dovere con una serie di frasi sprezzanti. Dopo quel confronto nel pomeriggio il capo ci pagò un mese di arretrato. A fine estate The Principal ci licenziò, però gli arretrati ci vennero correttamente canalizzati sui nostri rispettivi conti correnti, compresa la liquidazione attraverso la rateizzazione.

Essendo un appassionato di cinema, l’ultimo giorno di lavoro con una decisa bezzicata rivolta a Mario ironizzai su quale film avesse rappresentato tutti noi durante i periodi di magra, pardon, nel periodo che ci fece rimanere a bocca asciutta. E gli menzionai un poliziottesco intitolato Il cinico, l'infame, il violento.

Perché proprio questo lungometraggio? Il motivo è semplice:

Il cinico (Io), l'infame (Mario), il violento (Riccardo).

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

5
3
26

Bsl-4

In morte di Lobha White

28 October 2020

Faccio sempre lo stesso incubo da sette anni. Le mie gambe sono ricoperte da squame e non ho voce per urlare. Nuoto in fondo a una metafora e solo le parole sono la mia ancora di salvezza. Lobha White è morto, Jude. L'ho visto ieri mentre lo trasportavano su un pezzo di legno avvolto in una coperta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

14
13
79

Spot Lemondrink - 1/3

28 October 2020

Premessa: ciò che state per leggere è da considerarsi un testo sperimentale. Essendo un appassionato di tutti i generi cinematografici e televisivi, mi è venuta in mente un’idea balzana e di tramutarla in scrittura. Sognatore come sono, ho deciso di improvvisarmi regista e di caricare un immaginario [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
1

La maschera

28 October 2020

Per un attimo levai la maschera e nessuno mi riconobbe. Chi era quell'uomo che lo specchio rifletteva? Ma certo, sono io, così come sono in realtà, con tutte le mie fragilità, le mie emozioni, le speranze, i sogni. Sì, io bambino, che giocava con l'aquilone sulla spiaggia e si sedeva a contemplare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
3
20

Strani incontri

27 October 2020

Ho incontrato un dentista sdentato insieme a un arrivista mai arrivato che venivano portati da un autista autistico a trovare un caratterista senza carattere che aveva sposato una ballerina sballata che aveva una sorella suora e un fratello molto fraterno che aveva un cane carnivoro e un gatto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rara avis: Grazie come sempre caro"Scilipotter" un vero maghetto del commento!
    In [...]

  • Aldo Viano: Dopo Giuseppe, impossibile commentare, lui è il giudice Masterchef dei [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
3
9

Nuoce gravemente alla salute

27 October 2020

Quando la botta è arrivata non ho sentito male. Un colpo secco, come quando sbatti la capoccia contro una trave in soffitta cercando un attrezzo che sai essere proprio lì ad aspettarti, in agguato con la sua complice messa di traverso, per ricordarti di chinare la testa nella vita. Oppure quando [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

3
3
32

Il falegname con il mazzo di chiavi - 2/2

27 October 2020

"È sicuro la chiave del baule!", disse il fruttivendolo. "Ne ero sicuro fosse un furfante", esclamò il calzolaio. "Che ti dicevo?" continuò la sarta rivolgendosi alla perpetua. "Dobbiamo fare tante buche nel bosco, recuperare la refurtiva e metterlo alle sbarre", si convinse alla fine anche il [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Aldo Viano: Gran bel pezzo scritto con lo stile di una favola alla "c'era una [...]

  • Bernardo Panzeca: Per Giuseppe
    Sarò ripetitivo ma leggerti è come a volte leggere [...]

2
2
16

Il principio d’invecchiamento

26 October 2020

“Non sono certo che ci sia una stretta correlazione tra il tempo misurato dell'età in comunione o la mia percezione dei valori dimenticati; alcuni disattesi anche da me, in verità. Il peso eccessivo di molte e assurde condizioni umane stringono, con sempre maggiore intenzione, i miei pensieri, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
25

Il taglialegna con il mazzo di chiavi - 1/2

26 October 2020

C'era sempre del fumo che si alzava in aria da quella parte del bosco; proveniva dal comignolo della casa del taglialegna col grosso mazzo di chiavi. In paese tutti lo conoscevano a quel modo; non sapevano niente di lui, neanche il nome, tranne che abitava da sempre in quella casa dentro il bosco [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

12
12
56

Trincee

26 October 2020

Il lungo combattimento volgeva al termine assieme alla cacofonia di spari e grida. Il campo di battaglia era disseminato di corpi, molti dei quali aggrappati al filo spinato, gocciolando sudore e sangue tanto da macchiare l'erba di rosso. Si udì un ultimo sparo causato da una pistola di un agonizzante [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
16

Il mio sole

25 October 2020

È inutile che ti nascondi Continui a splendere comunque Ti ammiro da lontano ogni volta sorpreso dalla luce che fai piovere intorno a te Troppo in fretta o troppo tardi Con te è così il tempo non ha confini ma sembra durare poco Sempre un passo avanti A volte mi succede di pensarti a bocca aperta [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
9
29

Solitudine

25 October 2020

Ecco questa è Simona del primo piano che scende a buttare l'immondizia sperando di incrociare il marito della signora della scala A, tra poco sono le 9 scende anche Piero che va a fare la spesa per la mamma, qualche volta è passato anche da me chiedendo se volessi qualcosa... mi sono vergognata. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Ciao Bibbi super felice del tuo ritorno, tranquilla ricomincia a scrive e vedrai [...]

  • Bibbi: vero mr b .....faceva ridere

3
6
15

UN PENSIERO PER ME

24 October 2020

Inizia con un sorriso in un giorno disperato. Sola nel mio letto, respiro come distesa fra bianche betulle. Sento assottigliarsi la linea di confine fra la mia pelle e il mondo che racchiude. Così trasparente da vederci dentro come in una boccia di vetro per pesci. Ci ritrovo tempeste di paura [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su