Cinque mesi, ben cinque mesi erano passati dall'ultima volta che io e Riccardo, il mio collega, fummo pagati dal titolare del negozio di moto ricambi per il quale lavoravamo. Eppure gli affari non sembravano andare male. Mario, il boss, si giustificava "addebitando" la causa ai costi di gestione, al pagamento delle Ri.Ba, (ricevute bancarie) alle tasse etc. e dicendo che quindi dovevamo pazientare, o comunque aspettare tempi migliori.
Io e il mio compagno di lavoro non credemmo a tale versione dei fatti, sembrava nasconderci qualcosa, tant'è che inizialmente ipotizzammo la problematica del racket, del resto dalle mia parti non è affatto inusuale.

I giorni passavano, il tedio cresceva. Riccardo rispetto al sottoscritto manifestava segni di squilibrio, un nervosismo accentuato e se vogliamo giustificato visto che aveva problemi a casa, a cominciare dalla madre vedova che percepiva la poco sostanziosa pensione di reversibilità del marito e Federica, la sorella, che aveva lasciato un modesto impiego per seguire un corso, ragion per cui i soldi gli servivano urgentemente. Io al contrario pur vivevo con i miei non avevo chissà quali responsabilità, potevo avvalermi di un certo autocontrollo, sebbene il comportamento del capo lo ritenessi scorretto.

Fondamentalmente affrontavo la situazione cinicamente e al contempo per una sorta di ripicca non di rado eludevo con nonchalance le mansioni, ovvero evitavo di servire i clienti adocchiando la classica modalità “scaricabarile” e mi prodigavo col minimo e necessario nella sistemazione degli articoli, cercando piuttosto di imboscarmi nel magazzino. A Mario spiegavo che andavo nel deposito a sistemare il materiale mentre in realtà smanettavo con lo smartphone seduto sopra una pila di cartoni di olio. Sicuramente immaginava che cazzeggiavo ma, consapevole di essere in torto, si sforzava a chiudere un occhio e mi chiamava solo per delle necessità, ad esempio per provvedere al banco oppure per effettuare versamenti alla sua banca. A tal proposito spesso non risparmiavo allusioni su quel denaro, tra cui scimmiottare o parodiare famosi spot, del tipo:  La tua banca è differente, la mia è indifferente - “Banca xxxxxxxxxx costruita intorno a te e… non a me". Inutile dire che le frecciatine non sortivano effetto.

Nei primi di giugno le vendite andavano a incrementarsi, tuttavia noi poveri commessi non avevamo ancora ricevuto il becco di un quattrino. Riccardo si incazzava sempre di più, tanto è vero che in determinate occasioni arrivò quasi a sfanculare il datore di lavoro. Urgeva una soluzione, altrimenti conveniva cercarsi un’altra occupazione.

E finalmente una mattina Mario involontariamente si tradì. In buona sostanza si trovava in magazzino e con il cellulare stava conversando con la moglie. Mentre io e Riccardo sorseggiavamo un caffè entrarono due persone: un rappresentante che chiedeva di Mario e un abituale cliente rompicoglioni che voleva ordinare un ricambio. E io, non sapendo usare A.R.C.O. (acronimo di Applicativo per Ricambisti, Concessionarie ed Officine) col PC avevo bisogno di manforte. Mi incamminai nel corridoio assieme al collega al fine di disturbare il principale per due questioni diverse. Al momento di interrompere The Principal, (soprannome che gli venne affibbiato da un meccanico) la discussione con la moglie ci apparve interessante e quindi ci mettemmo in disparte ad origliare. Non dimenticherò mai le parole incriminate che confermarono quanto Mario effettivamente si stesse comportando male.

«Lavinia, ieri sera a Matteo gli ho mollato 100 €, ecco, pensavo di aumentargli la paghetta portandola a 150 € a settimana. Se le merita… sì, sì. Ho l’importo necessario per comprargli il desiderato Honda SH 125. Nuovo ovviamente. Martedì andrò con lui al concessionario.»

Dinanzi a quei discorsi è facile immaginare lo stato d’animo di noi addetti. Praticamente il capo accontentava vizi e sfizi a quello stronzo del figlio, un pelandrone di diciotto anni che l’anno prima aveva insolentemente rifiutato un lavoro in un lido per la stagione estiva poiché preferiva spassarsela e bisbocciare con i suoi amici. Naturalmente a spese di mamma e papà.

«Che c’è, ragazzi?», ci chiese il Giuda sobbalzando accorgendosi della nostra presenza.

«Passa di là che c’è il signor Giacomelli che ti cerca.», disse Riccardo rabbuiato.

«Passa di là che c’è un pezzo da novanta che vuole ordinato un pezzo.», comunicai scazzato.

Mario terminò frettolosamente la telefonata e a passo svelto andò dagli interessati. L’avevamo sgamato!

All'orario di chiusura io e il mio collega gli dicemmo in faccia che avevamo ascoltato la conversazione telefonica avvenuta nella tarda mattinata. All'inizio il titolare provò ad arrampicarsi sugli specchi affermando che avevamo sentito male, tra l’altro con evidente espressione intrisa di disagio dipinta sul volto.  

«Guarda caso abbiamo sentito male in due!», esposi con sarcasmo.

Il grande capo Sioux (dato che da tempo, come si suol dire, faceva l’indiano) essendo alla strette dapprima fece il suo famoso sorrisino del cazzo finché non gli rimase che vuotare il sacco con una lapidaria frase altrettanto del cazzo.

«Un giorno, quando avrete figli, capirete.»

Riccardo diventò tutto rosso in viso, sganciando la tanto trattenuta bomba al napalm. Si mise a urlare, a bestemmiare e per giunta diede un poderoso calcio in uno scaffale pieno di ganasce, facendone cadere parecchie. Un'autentica scheggia impazzita, ci mancò poco che alzasse le mani a “qualcuno” e per placarlo lo spinsi, come si usa fare con i facinorosi.

La mia reazione, invece? Mi arrabbiai anche se in maniera contenuta, limitandomi a punzecchiare chi di dovere con una serie di frasi sprezzanti. Dopo quel confronto nel pomeriggio il capo ci pagò un mese di arretrato. A fine estate The Principal ci licenziò, però gli arretrati ci vennero correttamente canalizzati sui nostri rispettivi conti correnti, compresa la liquidazione attraverso la rateizzazione.

Essendo un appassionato di cinema, l’ultimo giorno di lavoro con una decisa bezzicata rivolta a Mario ironizzai su quale film avesse rappresentato tutti noi durante i periodi di magra, pardon, nel periodo che ci fece rimanere a bocca asciutta. E gli menzionai un poliziottesco intitolato Il cinico, l'infame, il violento.

Perché proprio questo lungometraggio? Il motivo è semplice:

Il cinico (Io), l'infame (Mario), il violento (Riccardo).

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

1
0
20

Occhi distanti

21 October 2020

"Il cielo è greve, la pioggia cade con insistenza accompagnando il primo buio della sera. La finestra serrata e immobile gioca con l’alito velato del mio respiro; l’accoglie e lo dissolve per poi accoglierlo per attimi ancora. Non ho misura certa di questa malinconia, che a volta viene a cercarmi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
5
10

La cassaforte - 3/3

Terza parte

21 October 2020

Gli occhi di Rocciu ebbero un guizzo malizioso, ma il commissario lo attribuì alla stravaganza di un vecchio che viveva da solo lontano dal mondo. Pensò che, nonostante la riservatezza dell’uomo, qualcuno doveva aver avuto sentore di quella cassaforte. Forse Rocciu ne aveva parlato al bar e la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Aldo Viano: Lo farò senz'altro. Abbi un po'di pazienza. Sono in quarantena [...]

  • AmorLibre: Non preoccuparti, non ho fretta :)
    Mi dispiace, purtroppo è una [...]

2
4
14

PANIC

21 October 2020

E poi la gente smise di cantare sui balconi, le radio smisero di trasmettere canzoni, la televisione cominciò a passare solo programmi di repertorio. La protezione civile smise di aggiornare il popolo, medici e infermieri tornarono dalle loro famiglie. Nessuno dette più ascolto a virologi ed epidemiologi. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • AmorLibre: Direi che Giuseppe ha detto tutto quello che penso dopo aver letto questo componimento... [...]

  • U1096: Grazie

3
1
9

La cassaforte - 2/3

Seconda parte

20 October 2020

Pur comprendendo la necessità del dottore di mantenere un distacco emotivo dall’efferatezza della scena, Rolando trovò quasi irrispettoso il suo identificare le vittime con dei numeri. Fece qualche passo per dare un’occhiata ai corpi. – Stia attento a dove mette i piedi! –, l’ammonì Milani. Il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • AmorLibre: Interessante come la prima parte!
    Aspetto il finale che m'incuriosisce [...]

4
5
25

L'Aquila e i 6 Avvoltoi

20 October 2020

Non passò molto che i 6 apparentemente candidi Culbianchi si mostrarono per quello che realmente erano: 6 tetri e infingardi Avvoltoi. A tradimento fecero capitolare l'Aquila, volteggiando beffardi sopra gli austeri monti. Il più perfido del gruppo, un mefistofelico Rosarias Cannizzus, si innalzò [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: x Sara: ti ringrazio un milione! Tosto il periodo e... tosto non poteva che [...]

  • Patapump: e come sempre tanto di cappello..nel parlare di te e delle tue vicende (a volte [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
2
17

Vivere

20 October 2020

Bisogna succhiare e mordere la vita fino all'ultimo respiro. Stringere le mani a coppa per non far disperdere le emozioni. Spalancare gli occhi per riempirli di colori. Trasformare il cuore in una spugna e ritrovarsi in un abbraccio in cui disperdere tutto l'amore che è in noi Maurizio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Poesia molto, molto significativa, da mettere letteralmente in pratica. Già, [...]

  • AmorLibre: Poesia breve, ma bella, e come dice Giuseppe molto significativa.
    In quelle [...]

3
7
27

Sponsoredby

Incipit di un romanzo che mai finirò

19 October 2020

“Cominciò tutto nel lontano 1974, all’epoca di Nixon, l’epoca in cui l’America sembrava poter diventare la grande nazione che poi, di fatto, divenne... Ordina il set di pentole Magic Food, con i primi sei pezzi in omaggio e la teglia in ghisa direttamente a casa tua. Chiama lo 02.5151088. L’Italia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • V A N E S S I: Gouseppe, se mi conosci bene sai che sarcasmo ed ironia sono il mio pane quotidiano, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Vanessi, allora siamo in due, ma questo già lo sai visto che hai avuto [...]

3
3
17

La cassaforte - 1/3

Prima parte

19 October 2020

Il commissario Rolando parcheggiò su uno spiazzo a lato della strada sterrata. Poco più avanti c’erano le volanti della scientifica e il carro mortuario. Un cofano di plastica era stato appoggiato sull’erba secca. Rolando, dopo una rapida occhiata, pensò che i becchini avrebbero dovuto fare altri [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
4
18

Ti cercavo

19 October 2020

Tra mille rigoli dell’acqua Tra il calar del sole e il comparir della luna In pagine di giornali che sapevano d’inchiostro Lungo viali alberati in compagnia di un cane Seduta ad un caffè mentre ti riscaldavi davanti ad una tazza fumante Ti ho cercato fra molte gambe e occhi che guardavano un orologio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: E vabbè ma poi l'hai trovata? e che profumo aveva? E oltre le gambe?..hahahahah....tutto [...]

  • Patapump: Grazie a tutti..... eh già senza amor proprio non si può stare. [...]

3
9
28

Er tabbaccaro

omaggio ad un poeta sconosciuto

18 October 2020

Fra tanti negozzi che fanno n'bòn servìzzio prìncìpàrmènte cè nè stà uno che nun tè fà perde er vizzio, stò negozzio dè merce cè n'ha tanta trovi pèrfino la carta pè n'pacchettà regali vari sìcùràmènte avète càpito bene dèntro stà bòttèga trovèrète àr primo pòsto dietro er banco sali e tabbacchi. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Giuseppe, adesso capisco tutto, capisco perché fai delle recensioni [...]

  • Walter Fest: Aldo Viano, grazie di cuore per l'apprezzascion, per ora altro non ho, [...]

4
2
15

Senza Titolo

18 October 2020

Faccio sempre lo stesso incubo da sette anni. Le mie gambe sono ricoperte da squame e non ho voce per urlare. Nuoto in fondo a una metafora e solo le parole sono la mia ancora di salvezza. Lobha White è morto, Jude. L'ho visto ieri mentre lo trasportavano su un pezzo di legno avvolto in una coperta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un racconto o comunque un resoconto in formato narrativo da incubo. Il sussegursi [...]

  • Aldo Viano: Mi è piaciuto. Il racconto ti "immerge", nel senso che vorresti [...]

4
2
14

La mascherina

18 October 2020

Nessuna mascherina, nessun ingresso, nessuna uscita, così brillava l'insegna al neon sopra l'hotel a cinque stelle. A rendere più tediosa la situazione, un drone di nome Nikita dalla robotica voce che ripeteva, o meglio rimproverava, gli ospiti con le stesse identiche parole qualora fossero esenti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Azz!Mi sei piaciuto un sacco è così che ti voglio!Non aggiungo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Walter, grazie per il commento. L' argomento Covid-19 ha "contagiato" [...]

Torna su