Perché quel giorno cambiai il percorso della mia solita passeggiata non lo so

Con la mia bicicletta rossa passavo di solito davanti ad Ernesto il fiorista, meglio conosciuto come Fred Astaire

Per via della sua passione per il ballo.

Dopo pochi metri arrivai davanti all’edicola del cav.Muzio amante della lirica, personaggio molto estroso

Chi non lo conosceva riceveva dalle sue mani il quotidiano e un attimo dopo un acuto Pucciniano che faceva trasalire anche i morti.

Il fiume correva al mio fianco e i palazzoni popolari dell’Incis ormai abbandonati, erano posti in bella fila.

La gente vociferava che in quei giorni li avrebbero demoliti con delle potentissime cariche di esplosivo e lo spettacolo sarebbe stato garantito.

Come dicevo poco prima, pensando che sarei arrivato in anticipo al mio appuntamento quella mattina mi diressi in direzione contraria, allungando la strada

Presi la direzione delle scuole a nord della città.

Non amavo tanto quella zona perché avevo avuto una fidanzata che abitava da quelle parti

Potete immaginarvi che l’idillio non finì esattamente bene.

Quindi evitavo

Visto che la città era divisa dalla ferrovia da nord a sud, vi erano vari sottopassaggi a disposizione

Io imboccai quello di Via De Nigris

Piccolo, abbastanza angusto, ma almeno solo pedonale

Entrai

Pedalando con vigore

Avvertii subito che quello che mi circondava non era consueto

Mi sembrava ci fosse qualcosa di irreale in quel tunnel.

Vuoi le luci fioche, vuoi la suggestione

Accelerai.

Non vedevo il suo fondo e alcuna luce affiorava

A quel punto un vento mi sopraggiunse alle spalle

Caldo

Molto insistente

Che aumentava di intensità ad ogni pedalata che facevo

Fui sospinto a un certo punto con vigore

Le ruote delle bici non toccarono più terra

Rimasi stupefatto

Quel tunnel mi avvolse

Non sapevo dove fossi

Iniziai a scorgere la luce dopo svariati minuti

Come in una sorta di lancio acrobatico, balzai su di una strada lunghissima

La bicicletta resse l’urto

Frenai con tutte le forze che avevo a disposizione, pur avendo una figura esile e due bicipiti da poppante

La mia testa ruotò intorno a sè stessa

Quello che mi circondava mi era sconosciuto

Ma non avevo paura

Al contrario

La curiosità era dominante

Prati verdi erano tutti intorno a me e cascate di acqua cristallina scorrevano in diversi ruscelli.

I fiori erano principalmente di color rosso, il che mi faceva piacere essendo il mio colore preferito.

Ma la loro particolarità era la dimensione.

Superavano anche me

Alti, fieri e profumatissimi

La loro fragranza era così intensa che stordiva

Anche i loro petali erano enormi

Ero talmente eccitato da tutto quello che non pensai, o almeno non subito, a una cosa evidente

Dove erano gli uomini

Le macchine e lo smog

Dove era il rumore solito della modernità.

Eclissato, sparito, puff

Scesi dalla bicicletta e mi incamminai verso l’unico punto che mi sembrava un punto d’arrivo

Il quel luogo si aveva la sensazione che al momento stesso che pensavi tu fossi arrivato, eri ancora al punto di partenza

Disorientato ma ostinato, intravidi qualcosa

Era esile come me

Non alta ma colorata

Sopraggiunsi alle sue spalle

-Giorno-, dissi

Si girò e, guardandomi con una naturalezza disarmante, mi rispose

-Giorno a te straniero-

Quello che avevo di fronte mi spiazzò

Una matita

Una matita con braccia e gambe

Una matita che stava raccogliendo frutta da un albero di mele verdi

Con la testa appena spuntata e pronta a scrivere

Pensai che forse avevo passato il limite e da quel giorno basta birre.

La matita scorse subito il mio disagio

-Non avere paura di me-

-Raccontami-

-Chi sei e da dove vieni?-

Ripresi fiato e coraggio e raccontai la mia storia

La matita scoppiò in una fragorosa risata quando gli parlai degli eccentrici amici del quartiere

Fu molto gentile con me

Alzando il braccio verso il non so dove, mi indicò la strada non strada per arrivare al castello delle matite colorate

Li avrei trovato il suo re

Il suo nome era “RE MATITONE”

Vi confesso che per un attimo mi venne da sghignazzare

Ma capii che era anche tale il rispetto verso di lui, che non volevo offendere nessuno

Dovevo solo capire il perché

Perché della mia presenza li

Quale sorta di magia o sortilegio mi era stato fatto

Pensavo quasi che Veronica, la mia ex, mi avesse visto passare dal suo balcone e lanciato l’anatema con una bacchetta magica.

Fantasticherie

Dopo circa una buona ora di cammino scorsi il castello

Non era il classico castello di cui si ha memoria

Nè infantile nè austero

Nè con merli e torri imponenti
Nessun ponte levatoio di legno pronto ad alzarsi per difendersi dai nemici

Niente di tutto questo

Le sue forme esagonali erano allungate verso il cielo

Ogni torre aveva colori differenti tra loro.

Le finestre irregolari come fossero disegnate da mani inesperte

Il ponte levatoio in pietra, aggraziato, romantico, come fossimo a Venezia con i suoi canali

E soprattutto aperto a tutti

Una dimostrazione che non si temevano pericoli

Entrai

Nessuna guardia, ma solo matite vassalli che mi portarono al cospetto del Re, senza anticamera alcuna

Quando arrivai di fronte a lui capii subito il perché lo chiamassero in quel modo

Re Matitone

Era gigantesco

Una matita come quelle che compriamo dal cartolaio

Che riusciamo a stento a tenere tra le dita.

Si sarebbe potuto chiamarlo sua Rotondità, ma forse è meglio tacere

Dopo un colloquio molto intenso, capii che la dimensione della sua corporatura era pari alla dimensione del suo cuore

Enorme

Tutti i racconti

0
0
2

Monoku

30 May 2024

quei fiori di carta nel cesto di castagno risaltano Laura Lapietra ©

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
7

La visione (parte seconda)

30 May 2024

Infine la mira infallibile del nostro cecchino, colse il segno. Devo raccontarvi alcuni aspetti salienti di mio fratello G. Quarto di sei figli tutti maschi, i primi tre morirono subito dopo la nascita, ha sempre vissuto al limite del vivibile; in tutte le sue manifestazioni è sempre stato un estremista, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

0
0
9

Un amore strano

30 May 2024

12 Maggio 2024 Tramite la piattaforma Instagram, conobbi una persona.. come succede tutti i giorni d'altronde, a prima vista non ero cosi invogliata a rispondergli ma come non era da me allora gli risposi. Cosa sbagliata? Non lo so... Ma comincio tutto da un semplice ciao.. Iniziò cosi la storia, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
9

Il criceto sulla ruota

30 May 2024

Il criceto sulla ruota sono io. Ho usato questa espressione in un messaggio che ho inviato stamattina alla PsycoBellezza e, caso vuole, che poi leggo su uno dei miei diari che anche qualche anno fa mi dibattevo, proprio in quel preciso giorno, come un criceto sulla ruota. Stessa espressione per [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
4
22

la visione(parte prima).

c'è... dopo la vita.

29 May 2024

Questa che andrete a leggere è la mia vita, la mia ultima. Riassumo, come preambolo, la storia che ho realmente vissuto e che mi ha regalato la “visione” di cui vengo qui a raccontare. Nel mio lavoro, nella mia esperienza di vita comune e professionale, momenti cruciali, ovvero decessi, ne [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Walter Fest: Benvenuto, ciao a domani per la seconda parte.

  • Patapump: interessante!
    in ogni caso benvenuto su Ldm e a rileggerci
    p.s. qui [...]

2
2
9

Vi racconto in breve La Napoli di Marianna Scagliola

Scrittrice ed umorista

29 May 2024

Marianna Scagliola nata a Napoli. Vive e lavora a Pomigliano d'Arco. A Maggio 2022 ha ricevuto il premio: "Per sempre Scugnizzo in rosa" Premio che viene conferito a personaggi i quali con il proprio lavoro hanno dato lustro al loro paese. A luglio 2022 riceve a Ischia, il Premio: "Approdi d'Autori". [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scusa se sono sintetico....bravo come sempre,

  • Patapump: non conosco la Scagliola, ma di certo la Serao
    quindi una curiosità [...]

6
9
19

POVERI NOI

triste realtà

29 May 2024

Veleno d'amore ti sputo nel piatto, un letto disfatto da sordidi amori. Son fatta di carne, che calice amaro.

Tempo di lettura: 30 secondi

3
10
29

Resistenza

29 May 2024

Nella rotonda di fronte alla stazione degli autobus un pandino rosso arresta il fluido scorrere delle auto che conducono – sono le tredici in punto – la popolazione dei fermi-in-pausa-pranzo al luogo destinato alla consumazione del pasto. Il guidatore – anzi, ora che è scesa, è chiaro a tutti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Stap, avverto che sono gg in cui sei presa!
    ma detto questo aspettiamo [...]

  • stapelia: Grazie a tutti! Ho avuto problemi col computer, non ancora risolti, ma mi metto [...]

0
0
8

LA MIA CITTÀ IDEALE

Un'utopia di armonia e benessere

28 May 2024

## La mia città ideale: un'utopia di armonia e benessere (Nostro servizio) Di Giuseppe Beppe Patellaro Sogni ad occhi aperti una città diversa, un luogo dove la vita scorre serena e l'armonia regna sovrana? Allora unisciti a me in un viaggio immaginario verso la mia città ideale, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
15

Melanconia Pioggia

28 May 2024

Nel giorno cupo la pioggia forte scroscia, tra le strade deserte e i vetri oscuri. Un'anima solitaria soffre, nel suo cuore solo ombre! Sotto il cielo grigio, triste patema! Gocce come lacrime dal cielo cadono, come pensieri affranti che nel cuore affondano, e il freddo umido nell'animo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
8
26

Lavoratori a tempo determinato

Aforisma

28 May 2024

Determinte aziende trattano i lavoratori a tempo determinato come se fossero dei limoni. Una volta spremuti, vengono gettati via, passando così dall'organico nell'organico.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: Giuseppe, per la limonata con Walter ci sono anch'io 👍💪

  • Giuseppe Scilipoti: x piccola stella: ti ringrazio, di nuovo. Sappi che ti sei guadagnata... l'indeterminato.😘😉😊Nel [...]

1
3
15

Willy il coyote

Ciclo dei miei ricordi di infanzia - cartoni animati in tv

28 May 2024

Canyon deserti in stile americano. Pernacchie e spostamenti d’aria nonché polveroni impressionanti per una semplice corsa. Tunnel stradali in mezzo alle rocce. A volte questi ultimi rivelatosi addirittura, secondariamente, solo disegni nel cartone animato. Cioè come un disegno nel disegno. Il [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rubrus: Un merito di quel cartone è stato rendere simpatico il predatore - che [...]

  • Patapump: Fumetti. Willy il Coyote si chiamava Kelsey Coyote nel suo debutto nei fumetti, [...]

Torna su