Amici lettori di letturedametropolitana, siamo a Novembre, nei supermercati sono già in bella mostra torroni e panettoni, luminarie e festoni, la tv come al solito passa tante brutte notizie, di esse qualcuna farlocca e, a quanto pare, finalmente hanno confermato che i cambiamenti climatici non sono più una leggenda metropolitana. Noi per voi eccoci quà a scrivere nella speranza di allietarvi l'attesa del bus o del vagone della vostra subway, ma dovete sapere che per qualcuno il tempo si è fermato, beh sì, mica di tanto, per questi giovanotti si è fermato al 31 Ottobre.

Ora vi spiego.

 

Un tranquillo ma non troppo pomeriggio di Novembre, esterno piazzetta, quattro vecchietti seduti su una panchina guardando sparsi ragazzini a giocare e le mamme a chattare.

Personaggi e interpreti:

I vecchietti:

Mimmo il tranviere, Raimondo l'orefice, Felice il pasticcere, Pasquale il muratore.

Gli altri:

Ve li dico dopo mica posso guastarvi la sorpresa eh!

-Io i bambini non li sopporto più! (Mimmo)

-Questi non sono bambini, sono mostri (Pasquale)

-Mica è colpa loro, ma delle madri (Felice)

-E pure dei padri (Raimondo)

-E di tutta l'anima dell'animaccia loro! (Mimmo)

-L'animaccia di chi? (Felice)

-Di tutti, la colpa è di tutti se questi bambini sono insopportabili (Mimmo)

-E io ci metto pure la troppa tecnologia! (Felice)

-Certo che siete proprio stupidi, ma da bambini voi come eravate? (Pasquale)

-Io? Buonissimo! (Mimmo)

-Io tutto casa e chiesa! (Felice)

Scatta il vaffa ad ola, ola!!

-Dobbiamo fare qualcosa (Mimmo)

-Ma non dire minchiate (Pasquale)

-Ci mascheriamo e andiamo da quelle pesti e ci facciamo dare le merendine, i panini, le crostate, aranciata, coca e succo di frutta.

-Oh, ma guarda che Halloween è ormai passato! (Raimondo)

-Gli facciamo uno scherzetto e a noi il dolcetto! (Mimmo)

-E poi con i dolci che ci facciamo? (Felice)

-Ce li mangiamo! ( Mimmo)

-Ma che sei matto! Abbiamo tutti il diabete! (Raimondo)

-Eeehhhh... per una volta! (Pasquale)

-Ma voi siete amici miei! (Mimmo)

-Ma sì in fondo ci annoiamo, stiamo sempre qui sù questa panchina a guardare gli altri e a criticare tutti, siamo siamo diventati peggio delle commari Karamazov (Felice)

(Lettori è inutile che vogliate sapere chi sono le commari Karamazov, il regolamento fosforico  degli scrittori vieta di spifferare le generalità dei personaggi.)

E fù così che i quattro vecchietti si decisero a mettere in atto il piano "ritorno ad Halloween" e trocadeiro, trocadeiro si recarono da Raffaella la trans per farsi truccare e dopo la mascherata......

-Oh, dico , prima eravate brutti... mo' fate proprio schifo! (Raffaella la trans)

-Embè? Stiamo ad Halloween!

-Seeeeh!... a Natale!! Ma adesso levatevi tutti di torno che devo lavorare, ritornate dopo che vi strucco.

-Dopo con un extra  lo facciamo un cippalippa? (Pasquale)

-Solito sconto comitiva? (Raffaella)

Tutti annuirono sbrodolosi  e mascherati da mostri andarono al parco a fare quello che fanno i più giovani, non era Halloween, ma a loro non importava. Ormai erano partiti per la tangente.

-GRanfff!!...Hargh! HARGH! Gnao maragnaoooo!!... siamo i mostri della Marrana!

-I vampiri Del don!

-Le bertucce del pannolone!

-Ma ghe cazz! dici? Dovevi dire siamo i i figli del conte Ugolino!!!

-Waaaaaoh!!.. siamo le mummie del salone Ugolino!

.........Silenzio nel parco, i ragazzini si erano fermati dal giocare al calcio...

-Dateci tutte merendine altrimenti vi facciamo uno scherzetto!Noi non scherziamo siamo mostri affamati!!

-Nonnoooo!!! dai levatevi dal campo che stiamo giocando, Halloween è finito!

-Jacopo aspetta ci servono due portieri e l'arbitro!

-Sììì... forza nonno mettiti in porta, Nonno di Roberto vai a metterti in quell'altra porta e te nonno di Federico sei capace a fare l'arbitro? Pure voi forza sbrigatevi che dobbiamo ricominciare a giocare!

-E a me che mi fate fare? Voglio giocare pure io! (Pasquale)

-Fai il telecronista, mettiti a bordo campo e commenta a voce alta la partita!

-Ma dopo me la date una merendina?

-Che dite gliela diamo?

Nonno Mimmo senza aspettare la risposta fischiò il proseguimento della partita.

-Scusa  Ameri, scusa Ameri  a S.Siro le squadre sono ritornate in campo a te la linea! ( Pasquale)

 

La partita finì 21 a 30 i ragazzini dopo la sfida finirono tutta la merenda e ai vecchietti manco le briciole perchè  l'arbitro Felice rischiò le botte per un rigore non visto a causa della cataratta, i due portieri perculati essendo stati gran paperoni, Pasquale il telecronista si salvò ma a lui toccò di andare a prendere per tutti anche la pizza e l'aranciata, Raffaella li aspettò invano e i quattro ritornati in panchina si promisero per la prossima volta di andare dal dottore a farsi dare delle vitamine e tornare in campo per la rivincita, e poi in fondo Halloween era già passato.

Senza i nonni che partita sarebbe?

0
0
4

Di neve e di sole

18 November 2019

... e mentre sopra uno spoglio ramo si posa un corvo nel crepuscolo d'autunno la prima neve rabbrividisce i prati e piega piano foglie e fili d'erba e nel silenzio che penetra le rocce il sole sorge dietro la montagna a rischiarare la sfrenata corsa di cavalli bianchi sulla rena ... mentre [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

13
18
78

Il bidone di plastica

Il negozio di casalinghi

18 November 2019

Non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo (cit. di Bud Spencer in "Chi trova un amico trova un tesoro") Nel periodo in cui lavoravo nel negozio dei casalinghi della famiglia Palazzo, una delle “leggi” [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Walter Fest: Non me lo ricordavo ma sapevo della tua esperienza lavorativa nel negozio e [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Walter, ti ringrazio per la rilettura. Ho mandato a LdM molti racconti [...]

1
3
9

Mani

non pulite ma oneste... l'ultimo baluardo dei "tempi moderni"

17 November 2019

Anche se sembrano appartenere al passato, le immagini di mani sporche di lavoro non dovremmo dimenticarle mai. Stampiamole per bene nel nostro cuore e nella nostra mente quelle mani, mani sporche di grasso, sporche di terra, di vernice, sporche di fuliggine, di ruggine, di colla. Manualità scomparsa, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Giuseppe, ci tenevo molto alla tua disamina per i motivi che ti avevo anticipato, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: "Tempi moderni", mi è sfuggito... dalla mani. Mi scusasse [...]

1
1
9

La pallina

17 November 2019

Birichina. Colorata. Salta qua, salta là La si cerca di afferrare. Lei non ne vuole sapere. Mamma perché fa così? Piccola mia, lasciala andare. Lei senza poter saltare non avrebbe senso di esistere. Ma io la voglio per me. Ma lei è già tua. Vedi vuole giocare con te. Corrile dietro. Accompagnala [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
8

LA PAROLA

16 November 2019

L’urlo, il riso, il pianto e il lamento parlavano al cuore degli uomini. La parola inascoltata vagava libera nell’universo infinito e mai nessuno poté udire la sua voce. Poi un giorno un essere, storpio e ribelle, tese una rete a fitte maglie fra il nulla e tutte le cose, imprigionandola per sempre. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

10
9
40

Lo steccato

16 November 2019

Nell'aldilà, il Paradiso e l'Inferno sono due proprietà private separate da una chilometrica staccionata e in ambedue i lati c'è la presenza di una moltitudine di cartelli con su scritto: "Adeguate recinzioni fanno buoni e non dannati vicini." Dio e Satana, nonostante appartengono a due regni [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò, non ho una grande memoria e non ho la tua stessa capacità [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Patapump: lieto che sei passato a leggere e commentare questo racconto. Ti [...]

2
1
9

Il caciucco

15 November 2019

La pulsione semantico ormonale ingravescente che genera l'irrancidimento precoce della polpa della pera passacrassana negli scaffali dei discount di provincia, si approccia a un procedimento anticrittogamico risolutorio, contestualizzato alla crasi policistico insurrezionale tetragona a ogni intervento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
8

UN NOTTURNO SVOGLIATO

15 November 2019

La notte in cui vide dove terminava la città comprese anche che qualcosa poteva avere inizio. Davanti a se si rivelò, come dietro un sipario ignoto, la combustione della nicotina tra le sue dita incastrarsi perfettamente con un notturno volgare e gelido firmamento: pieno di bagliori e spasmi scoppiettanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un notturno svogliato ma dannatamente poetico e amaramente introspettivo. Mi [...]

  • U1004: Gratta gratta sotto la superficie c'è sempre un po' di eaistenzialismo.
    Avrebbe [...]

3
2
13

Tum!

14 November 2019

Tum! Il suono rimbomba ossessivamente nelle orecchie, per non parlare del dolore lancinante che mi sta letteralmente consumando il cranio. Faccio fatica a rimanere cosciente. A un certo punto avverto dei lampeggianti. Li vedo e non li vedo. Mi è impossibile trovare una definizione. A malapena [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Grande Scilipoti in versione giallo drammatico enigmatico incidente stradale [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, hai visto oggi dove sono andato a "sbattere?" :-) Un [...]

2
1
11

Note

13 November 2019

Sono solo stasera Mi accompagna solo la tromba di Baker Il whisky con ghiaccio mi rilassa Magia delle note La voce della cantante è cosi profonda Si viene subito proiettati in locali come il Blue Note Il pianista attacca il brano Le spazzole del percussionista accarezzano i tamburi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
15

Facce sorridenti

Una storia vera a Colorado Winter

13 November 2019

Tutto succede meglio di notte, quando il silenzio cala, le auto non sibilano e brillano le stelle. Arthur scriveva di notte perchè gli piaceva ascoltare Nina Simone che cantava solo per lui, posava ogni tanto la penna e la ascoltava sorridendo, tanto non perdeva la concentrazione per scrivere quella [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

1
0
9

Palingenesi

12 November 2019

La palingenesi demoplutocratica della progressione diaframmatica utilitaristica, si estrapola da un contesto musical-postsessantottino sfociante in una semplificazione anagrammatico sillogistica, assimilabile inequivocabilmente alla stesura cantautorale del "trottolino amoroso" di sanremiana memoria. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su