Non lo so, ma a me il tennis fa venire in mente il caldo e le vacanze, sarà per questo che mi piace. Ho iniziato da autodidatta con gli amici sui campi gratuiti che c’erano al parco. Si giocava più che altro nella bella stagione, perché d’inverno mica li coprivano.

Siccome non si pagava non era facile trovarli liberi, erano sempre occupati da chi abitava lì nei dintorni, o da chi ci si stabiliva di primissima mattina e li occupava per tutto il giorno dandosi il cambio tra amici. Così non ci giocavamo spesso, lo facevamo più che altro d’estate, quando molti erano in vacanza.

Ricordo una volta in cui per trovare il campo libero abbiamo giocato all’una, in agosto, un caldo massacrante su quel campo crepato di cemento.

Sei lì che attendi il servizio dell’avversario. Non sai se la tirerà a destra o a sinistra, forte o piano, e senti il caldo che viene su dal campo infuocato dal sole che ti annebbia le idee, ma devi essere pronto a scattare come una molla per rispondere. Cerchi di mettere a fuoco la pallina, di cui sentirai il suono prima di vederla.

Intanto si sentiva il rumore delle stoviglie del pranzo dai palazzoni di condomini lì a fianco. Qualcuno magari si affacciava a guardarci, incuriosito o infastidito dal rumore della pallina che si differenziava dal silenzio della siesta. Ad un certo punto è piovuto un pomodoro in mezzo al campo, non eravamo tanto bravi in effetti.

Non è stato quel pomodoro a scoraggiarmi, ma a tennis comunque ho continuato a giocarci solamente d’estate, non sempre, quando capitava, soprattutto in vacanza. Così non sono mai diventato bravo.

Ricordo una volta in Tunisia, il campo era di sabbia. Forse non di sabbia soltanto ma il colore era lo stesso ed era pieno di buche, o comunque le si faceva mentre si giocava. Dire che era arso è poco. Su un tiro un po’ forte la pallina è rimasta piantata nel campo, lì incastonata vicino al nastro della riga, altro che il replay computerizzato per verificare se è dentro o fuori. Credo non ci avesse mai giocato nessuno da parecchio tempo lì, ma mi ero portato la racchetta e due tiri bisognava pur farli.

Oppure in un’altra vacanza c’era un campo in mezzo alle coltivazioni, con la rete di recinzione malandata e piena di buchi. Ricordo che cercavamo le nostre palline in mezzo alle pannocchie e alle cicale. Era più facile trovare quelle lasciate lì da altri prima di noi, c’erano più palline che pannocchie. Probabilmente si scoraggiavano tutti e preferivano andare a fare un tuffo in piscina col caldo che faceva.

D’estate poi capita di trovarsi in situazioni inusuali, come ad esempio giocare con qualche straniero, oppure con un qualche personaggio famoso che capita lì in vacanza. Così ti trovi magari in quattro a fare un doppio assieme ad un calciatore in pensione, un giocatore della nazionale di pallavolo alto due metri e il cantante di una famosa hit estiva.

Ricordo una volta che con mio figlio piccolino, aveva un anno, ci siamo seduti sulla tribunetta di fianco al campo a guardare un vip prendere lezioni di tennis. Insieme a noi si erano fermati in tanti venendo su dalla spiaggia, tutti incuriositi. Il maestro gli diceva di fare più così e meno colà, ma erano entrambi bravi allo stesso modo in realtà. Ad un certo punto lui si ferma e con un occhio all’ormai gremito pubblico dice al maestro: “senti, ma a me pare che sei tu che la tiri sempre in rete!”. E tutti giù a ridere. Non ci si stanca mai di dare spettacolo.

Quando mio figlio era piccolino giocavo meno, perché stavo con lui. Però nelle ore calde ne approfittavo, mentre faceva il riposino del pomeriggio. Una volta mi ero un po’ dilungato in una partita e me lo sono visto arrivare al campo accompagnato dalla mamma.

Ho visto lo stupore nei suoi occhi. Era abituato a guardare con me di fianco a lui, non con me dentro al campo. Deve esserglisi acceso qualcosa in quel momento, perché da lì in poi ha voluto sempre tenere una racchetta in mano quando ne vedeva una nei paraggi. Forse aveva capito che le cose si può anche farle oltre che guardarle.

Qualche anno dopo il giorno prima di partire per la vacanza gli ho comprato la sua prima racchettina. Lungo il tragitto tra lavoro e casa aveva appena aperto un negozietto solo di tennis, in un posto improbabile, infatti ha chiuso poco tempo dopo purtroppo. Sembrava fosse sorto dal nulla appositamente per noi, per vendermi la racchettina che mancava perché fosse davvero vacanza.

Con quella tutte le mattine prima di andare in spiaggia ci fermavamo al campo. Ne colpiva davvero poche ma era troppo bello vederlo impegnarsi per farlo. E troppo bello fare poi il bagno dopo aver giocato, giusto il tempo di togliersi le scarpe e correre incontro al mare che era lì ad aspettare noi.

 

- Mamma, oggi ho battuto il papà 7 a 5.

- Ma com’è possibile?

 

I punti erano le volte che la colpiva. Chissà, un giorno forse riusciremo a fare un doppio assieme. Per il momento giochiamo ogni tanto e portiamo con noi la sorellina più piccola, lei con la terra rossa fa i castelli di sabbia.

Quando vado in giro d’estate comunque una racchetta me la porto sempre dietro, non si sa mai. Ma se in campo non fa un caldo infernale non mi diverto. Mi piace sentire il silenzio dato dal caldo, dall’estate e dalle vacanze. Un silenzio infinito, senza pensieri. E poi sentirlo rotto dal suono della pallina, che ne definisce come un eco la vastità. Ad ogni colpo il suono mi ricorda che è estate, ogni colpo evidenzia il silenzio, quell’infinito pacato silenzio dell’aria caldissima quando è estate.

Tutti i racconti

0
0
6

Senza Titolo

16 August 2022

Qui a casa è il caldo torrido che la fa da padrone ed io cerco di sopportarlo stando sdraiato sul letto immobile e ho percepito un attimo, un solo attimo di tranquillità e di pace. La signora anziana che sotto la finestra della mia stanza sta vangando il suo orto, il ventilatore in funzione a [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
1

Parodia di Felicità di Albano

15 August 2022

Felicità /è mangiar gorgonzola usciti da scuola /la felicità / un litrozzo di vino con un tramezzino é la felicità /un prosciutto e melone e lo squaquarone /è così che si fa/ obesità /obesità / Felicità /oramai la mia guancia con tutta la pancia più forma non ha/e c'ho due mongolfiere a mo' di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
4

Il viaggio

Il ritorno di James

15 August 2022

La sveglia iniziò a trillare alle 4.16. Calamaretti sedette sul letto con lo scatto di una molla da vecchio materasso sgangherato. La sua ernia iatale, simultaneamente, si destò, piuttosto contrariata per l’accaduto. Sei ore, solamente sei ore all’imbarco sul Boing 747 che lo avrebbe prelevato [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

0
0
3

Le case

14 August 2022

Camminando nelle zone più residenziali del paese mi capita di gettare uno sguardo incuriosito alle case. Molte, in questo periodo, hanno le persiane serrate. I loro proprietari sono in vacanza e le case sono come orfane di vita. Questo pensiero mi ha fatto riaffiorare alla memoria quell’intenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
3
14

Guardo fuori

13 August 2022

Qui Da sopra questa carrozza DI questo vecchio treno Di questa maledetto paese Sto fuggendo O sto semplicemente salvandomi la vita Ho appena iniziato il viaggio E la distanza che mi separa da quei volti, da quei luoghi, aumenta sempre più Anche le mie narici stanno meglio E mi fanno meno male [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
5
12

L'ironia della bestia

Dove (e quali) sono i veri mostri?

Fil
13 August 2022

Il ragioniere dalla testa di corvo sistemò le filopiume, lisciò il becco per essere sicuro di non averci parte di cibo incastrate e suonò il campanello tre volte. Il receptionist apparve poco dopo con la faccia mezza addormentata e briciole di biscotti sulla giacca. La notte era solo a metà. Sbrigate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: benvenuto. Un testo molto particolare e non mi è dispiaciuto affatto. [...]

  • Walter Fest: Fil, sono contento e ti ringrazio che sei aperto e ragionevole, in verità [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
5
19

Ma ste' scarpe le vuoi o non le vuoi?

Mica è colpa mia se l'amore è cieco

12 August 2022

C'è gente che la scarpa è un cult, altri per i quali è snob, freak, kitsch, sub, york, bon ton, tom tom, insomma c'è gente che tengono le scarpiere piene a dismisura e quando arrivano i saldi pensano di essere in paradiso, io no, io sono out, sono din, don, dan, sono extra strong e ho solo un paio [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Nicola grazie a te per aver aderito, tu mi piaci, anche se riguardo scrittura, [...]

  • Walter Fest: Patapump, me lo ricordavo che stavi in vacanza, tranquillo stà cosa [...]

2
5
17

ANGELI LUCCIOLE AL NOSTRO FUNERALE

11 August 2022

Non sono un credente e non lo sono mai stato, ma se esistesse il paradiso dovrebbe somigliare certamente ai campi dietro la casa dove sono cresciuto. Si sviluppavano lungo la strada che tagliava a metà il paese ed erano divisi da essa da una lunga striscia di case, come un muro, che teneva nascosto [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Andrea B.: cosa ti fa dire questo nicola?

  • Nicola: Era un'impressione. Se non è così vuol dire che mi sono sbagliato. [...]

0
0
2

Poesia Tanka

11 August 2022

Stille di luce su ciglia nel manto blu, gota di speme lene libra stupore una duna d'anima.

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
17

devo comprare un paio di scarpe

10 August 2022

“Un paio di scarpe per il lavoro, uno per le mie serate in qualche pub con gli amici di sempre e le solite ciabatte in plastica che mi accompagnano da anni durante estate e inverno” Pensavo questo, mentre le osservavo, disposte in fila davanti l'armadio all'ingresso. Onestamente non mi importava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • laura: Altrettanto a te

  • Betty: Bel pezzo! Piaciuto molto, brava! Io con le scarpe non ci vado molto d'accordo... [...]

2
5
23

L'uovo di Colombo

Il tema proposto era "devo comprare un paio di scarpe", a me è venuto questo ...

09 August 2022

Anna sta prendendo un caffè con la sua migliore amica. Quanto chiacchierano quelle due! Ma cos'hanno da raccontarsi sempre di nuovo? Quel giorno le sta dicendo della sua nuova passione, da un po' ha infatti scoperto che le piace scrivere. Ma non tenere un diario o articoli per qualche blog in internet [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Betty: Uh, l'uovo di Colombo nato dalle scarpe! Idea geniale... Cosa non facciamo [...]

  • Nicola: Grazie Betty, sei gentile

0
0
9

Oblio

09 August 2022

“Non lo posso lasciare. Ha paura di rimanere solo. Adesso dorme. Prendo una pizza per lui e torno a casa.” Il temporale sta arrivando. E Delia, si chiama così la donna, corre a casa per rientrare nell’inferno di un amore che esiste ancora. Nonostante tutto. Suo marito non la riconosce più. E [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su