Marcinelle u me tabbutu!

 

Unnè a me terra? Piddigrinu fui,

unni nascii non potti ristari,

a campagna sicca non mi dava manciari

u travagghiu nun c’era, a miseria cumannava.

Figghiuzzu miu spatriari devi, così mi dicia me nonnu

e appena u guvernu ci dissi che  in Belgio a Marcinelle putia iri,

a valigia di cartuni mi fici e su un trenu scassatu

u viaggiu cuminciai.

U me suli non c’era, u celu sempre niuru era,

a me casa era un letto duru e lordu dintra 

a una catapecchia fridda.

U me cori chianciva ma i me occhi nun lacrimavano.

Cuminciai u travagghiu, commu u griggi di pecuri

ci cuntarunu, ci detturu un piccunu, un cappedu

cunna luci supra e ci muttarunu dintra a una granni

scatula che scinnio to scuro sino a panza du munno.

Manciavu to scuru, cu nantucchia di pani e poi

ripigghiavu a scavari.

Bestia divintai, niuro commu un corvu,

lordo di carbuni e sempre u me cori chianciva.

A me consolazione era quel picca di sordi 

che risparmiavu pi ci mannari a me famigghia,

manco u companatico mi accattavo ma i me figghi

e me mugghieri putivano manciari.

Ni passò di tempo, vecchiu paria pà stanchizza

e du jornu pinsai di sittarmi pi pigghiari sciatu

e all’impruvviso tuttu si scurò e un rumuri all’inferno 

mi pricipitò.

Ristai sittatu, u sapia che a caverna era u me tabbutu

u me unicu pinseri fu: cu ci dunu ora u manciari a me figghi?

 

 

TRADUZIONE

Dov’è la mia terra? Pellegrino fui,

dove sono nato non potei restare,

la campagna secca non mi dava da mangiare

il lavoro non c’era, la miseria comandava.

Figliuccio mio espatriare devi, così mi diceva mio nonno

E appena il governo ci disse che in Belgio a Marcinelle potevo andare,

la valigia di cartone mi feci e su un treno scassato

il viaggio cominciai.

Il mio sole non c’era, il cielo sempre nero era,

la mia casa era un letto duro e sporco dentro

a una catapecchia fredda.

Il mio cuore piangeva ma i miei occhi non lacrimavano.

Cominciai a lavorare, come un gregge di pecore

ci contarono, ci dettero un piccone, un cappello

con sopra una luce e ci spinsero dentro a una grande

scatola che scese nell’oscurità sino alla pancia del mondo.

Mangiavo nel buio, con un pezzettino di pane e poi

riprendevo a scavare.

Bestia diventai, nero come un corvo,

sporco di carbone e sempre il mio cuore piangeva.

La mia consolazione era quel poco di soldi

che risparmiavo per mandarli alla mia famiglia,

neanche il companatico mi compravo ma i miei figli

e mia moglie potevano mangiare.

Ne passò di tempo, vecchio sembravo per la stanchezza

e quel giorno pensai di sedermi per prendere fiato,

e all’improvviso tutto si oscurò e un rumore all’inferno

mi precipitò.

Restai seduto, lo sapevo che la caverna era la mia bara

Il mio unico pensiero fu: chi gli da ora mangiare ai miei figli?

Tutti i racconti

4
5
19

DOVE SEI FORESTA?

Sono in ascolto

23 February 2024

Chissà come mai mi è venuta l’ispirazione di andare a fare un ritiro in una foresta per cercare di captare quel sussurro dell’anima che pareva volesse dirmi qualcosa. Obbligata a uscire dall’India dopo tre mesi di soggiorno, mi sono ritrovata in quella foresta vibrante e accogliente che domina [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Walter Fest: Era da un po' che non ci raccontavi la tua India, questa volta anche con [...]

  • stapelia: Racconto rilassante e rasserenante. Fresco. La leggerezza della scrittura trasmette [...]

2
2
27

Io so tutto, io non so niente

23 February 2024

Di una cosa sola era sicura: che tante cose noi sappiamo. Di tante questioni siamo a conoscenza. "Tu che cosa sai?" domandarono. "Io so tante cose." rispose. E in quel momento si lanciò in una e mille spiegazioni. "So di psicologia, comprendo il linguaggio del corpo. So di astronomia, so di chimica, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • stapelia: Buongiorno1 Non saprei. Il testo non mi ha entusiasmata. La ragione? Personalmente, [...]

  • Sara Passarelli: Ciao Stapelia, grazie per la tua brillante e interessante opinione.
    Io [...]

1
4
15

GIROTONDO DI SOGN

23 February 2024

La bambina correva: inseguiva farfalle. La farfalla ondeggiava: inseguiva il mistero. La bambina correva ondeggiando nel vento: inseguiva il mistero senza neanche saperlo. Il mistero era fermo come sempre i misteri: aspettava qualcuno. Era nato aspettando. Lo chiamavano Amore. La bambina era [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Zio Rubone: Complimednti Loris per questa bella filastrocca così ricca di poesia!

  • stapelia: Un bel testo. Nella trama, elaborata, e nella forma, poetica e con metrica [...]

2
22
54

Riflessioni post chinotto

zumpappappa'

22 February 2024

Amici lettori, amici scrittori, amici della redazione, non abbiate paura per questo inizio che può apparire come una pappardella, tranquilli non voglio pappardellarvi. Ok il chinotto è terminato ed è doveroso ringraziare la redazione tutta, i partecipanti e i lettori che giorno dopo giorno hanno [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
5
16

Un uomo e le due amanti

Teatro

22 February 2024

UN UOMO E DUE AMANTI 2 Adattamento teatrale da Jean de La Fontaine di Beppe patellaro VARIANTE DUE ATTO I SCENA 1 INT. SALOTTO - GIORNO Un uomo maturo, benestante, già brizzolato, è seduto su un divano. È solo, e appare un po' indeciso. UOMO (a se stesso) Che cosa devo fare? Sono pronto a sposarmi, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Zio Rubone: La seconda versione della storia, rispetto alla prima, segue più di [...]

  • Giuseppe Patellaro: gentile interlocutore, nessuna favola della Fontaine è andata a teatro [...]

10
23
65

Pavor Nocturnus

22 February 2024

«Perché glie ne hai parlato?». «Non l'ho fatto». «Il fatto che tra noi non funzioni non ti autorizza ad usare mia figlia…”. «È nostra figlia e io non le ho detto…». «È un atteggiamento meschino, ecco cos’è e…». «Io non lo ho detto nulla!». Valeria si accorse di avere urlato e si affacciò alla porta [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Zio Rubone: Ti ho riletto con piacere, Rubrus. Forse una riedizione ogni tanto va bene, [...]

  • Rubrus: Ogni tanto, ogni tanto, altrimenti si dà una certa impressione di petulanza. [...]

5
8
23

Ricordi in scatola….

22 February 2024

Adoro le scatole di latta. Quelle dei biscotti. Profumate di vaniglia e di canditi. Quelle delle caramelle, decorate con i fiori. Quelle dorate ed anche un po' kitsch. Le vecchie e arrugginite scatole, abbandonate in soffitta, tra bambole di pezza rattoppate, radio senz'antenne, vecchi vinili [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • An Old Luca: Grazie Terry.
    Tutti i tuoi brani mi stimolano durante la lettura e mi [...]

  • Terry: Sempre,grazie a tutti!

3
10
36

Una donna del Sud

21 February 2024

Sono una donna del Sud. Amo le domeniche che profumano di dolci e di caffè. Di pasta fatta in casa e di pane raffermo, inzuppato nel ragù che pippea. Di aria fritta impregnata di canzoni neomelodiche. Sono una donna del Sud. Amo la mia famiglia, abitata solo da donne che crescono senza [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Terry: Ringrazio per i commenti ricevuti e ne faro' tesoro.
    Anche e soprattutto [...]

  • U1586: Terry, ti ammiro quando scrivi: " non mi è consentito non amare [...]

1
7
31

3 Seguimi so dove andare

21 February 2024

Sono sveglia ma non ho il coraggio di aprire gli occhi... Il pensiero va alla sensazione provata sul balconcino, all'odore e al sapore dell'aria. Al pigiamone arancione e al suo proprietario. Al bianco assordante della stanza che mi rende sospesa. Mi scoppia la testa, sento l'ansia salire che mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Lawrence Dryvalley: U1586 non ho capito cosa intendi. ho solo scritto che questi racconti mi sono [...]

  • U1586: Lawrence Dryvalley: quando nel tuo penultimo commento ho letto "(...) [...]

0
4
20

Due viandanti e un'ostrica

Teatro

21 February 2024

DUE VIANDANTI E UN' OSTRICA Le favole di Jean de La Fontaine rivisitate per il teatro da Beppe Patellaro. Scena 1 (Due viandanti camminano lungo la spiaggia, quando notano un'ostrica sulla sabbia.) Viandante 1: L'ho vista per primo io! Viandante 2: Ti sbagli! Appartiene a me, che vedo meglio di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
5
19

SASSO-MARE

21 February 2024

se getti un sasso nel mare cambierà tutto il mare

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: occorre ricordare anche questa metafora:
    👍🤗
    La motivazione porta [...]

  • L’esilioDiRumba: La prendo come una cosa positiva, sicuramente può esserlo.

1
4
25

1 Seguimi so dove andare

20 February 2024

Apro gli occhi e mi guardo intorno. Pochi mobili, la stanza è piccolissima. Sono sdraiata su di un divano trasformato in letto, molto comodo. La coperta è di lana, caldissima e molto colorata. E’ stata fatta a mano con avanzi di gomitoli. Un tavolo con una sedia, una cucina essenziale bianca [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Adribel: Mi sembrano dei flash in sequenza a volte neanche connessi

  • stapelia: Avrei lasciato la prima e la seconda parte, permettendo a chi legge di immaginare! [...]

Torna su