Non sempre la spinta a possedere l’altro, a controllarlo, a pretenderne spiegazioni dettagliate, è sinonimo di caratteristiche riconducibili ad una patologia narcisista. A volte è una reazione innescata da alcuni comportamenti del partner che per la loro ambiguità, riteniamo contraddittori e poco chiari, fino ad instillare in noi, dubbi, interrogativi e paure.

Ed è fin troppo facile assolvere in toto quella che, nell’immaginario collettivo riteniamo la vittima (solitamente di sesso femminile), quando la stessa non da garanzie della sua integrità e fermezza morale – almeno all’apparenza.

Nessun individuo al mondo può accettare supinamente e con rassegnazione, di vivere un rapporto a due, quando il dubbio sulla lealtà dell’altro si insinua a tarlo nella mente.

Confondere questo con una recrudescenza narcisista, è poco onesto - non onora la verità, fino a confonderne i ruoli e le responsabilità personali.

Immaginatevi di avere al vostro fianco una donna con una spiccata esuberanza sessuale, che non perde occasione per buttare gli occhi sul tipo seduto al tavolo di fronte, sempre in attesa di essere ammirata, desiderata e pronta a rispondere a sorrisi compiacenti. Come potreste non preoccuparvi, incazzarvi, addolorarvi e, per contro, subissarla di domande e spiegazioni? Lei ve le darà, conosce bene il copione… vi colpevolizzerà, accusandovi di non avere alcuna fiducia in lei e, per tanto, di non essere in grado di amarla profondamente e per quella che è.

Vi dirà che le vostre sono fisime, paranoie, atteggiamenti maschilisti, che non siete mai cresciuti, maturati, e che tutto questo è causa di un’infanzia difficile e forse di un retaggio cattolico.

Mentre Lei, diversamente, non ha nulla di cui rimproverarsi, essendo naturale, spontanea, libera, non avendo fini di alcun genere, accusandovi in seguito di averle rovinato la serata.

Così voi, dando fondo alla vostra ingenuità di sempre, ascoltate la sua arringa considerando ogni sua parola, gesto e dettaglio. Il suo tono di voce è pervaso di indignazione, di stupore, fino a venarsi di rammarico e delusione. A quel punto ogni vostro dubbio si frantuma difronte a quell’accorata delucidazione, fino a farvi pendere in adorazione dalle sue labbra.

Si… vi ha convinto, vi rasserenate, vi sentite piccoli, piccoli, e pensate a quale fortuna vi sia capitata, ad avere incontrato quella donna meravigliosa.

Ma l’incantesimo dura poco!

La sera, prima di addormentarvi, rielaborerete le sue parole, fino ad evidenziare alcune incongruenze, incoerenze e piccole bugie, che al momento del confronto non avevate colto, perché travolti dal bisogno estremo di essere rassicurati, a costo di accettare per vero ciò che non lo è - una sorta di istinto di sopravvivenza, che per un po’ pacifichi il vostro tormento.

Lei, del resto, non modifica il suo atteggiamento, non ci pensa neppure, ritenendolo fonte inesauribile di gratificazione e motivo di orgoglio.

A quel punto, la vostra possessività raggiunge forme maniacali, e l’azione di controllo sui suoi spostamenti e movimenti, si fa più serrata.

Le cose si ripetono, e le sue giustificazioni non saranno per voi, più di nessun conforto. 

Siete arrivati alla conclusione, che quella donna vi tradirà, e forse già lo ha fatto – e niente vi farà recedere da una tale convinzione.

Così la subissate di domande, di continue spiegazioni, fra continui litigi e minacce di separazione.

“Mi sento chiusa in una gabbia - dice Lei - non respirò più, stai distruggendo la mia vita, la mia serenità… sei un narcisista patologico, mi stai togliendo tutto, non so più chi sono… né tu chi sei”.

Esasperato da quella convivenza, e ferito da quella sua pesante affermazione sul tuo conto, decidi di abdicare, di recedere da ogni altra indagine, fino a ritenere i tuoi dubbi, le perversioni di una mente bacata. 

Poi quel giorno, per un puro caso del destino, la vedi baciarsi in pieno centro città, con quel finocchio del tavolo difronte che lei sosteneva di non avere neppure osservato.

Ma nessuna emozione, sconcerto, né scatto di rabbia e delusione, riescono a penetrare il tuo cuore.

Ti senti sollevato, appagato, quasi felice, e ti allontani per sempre abbozzando un amaro sorriso di compassione.

Lei ti verrà a cercare, per molto tempo ancora, implorandoti di ritornare e giurandoti promesse di eterna fedeltà.

Ma tu, ingenuo apprendista narcisista, oggi ti sei fatto una famiglia – ogni dubbio e paura si è dissolto. Lei ti guarda amorevolmente dritto negli occhi, e non vede altro che te, mentre il tipo del tavolo difronte, chiede il conto e scompare per sempre… come se non fosse mai esistito.

 

Gianni Tirelli

 

 

0
0
2

OMERO

19 December 2018

Omero, a former teacher who has just retired, decides to leave Rome, where he taught for 30 years and to get back to Sicily, the place where he was born. Alice, his eight year old grand-daughter, goes with him: she wants to visit her parents' homeland. The pair get to Naples by train and visit [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
7

Er menestrello e l'artigiano

19 December 2018

«’A Riché, ma ‘a finisci de strimpellà inutilmente ‘a chitara? Tanto idee nove nun te vengheno» «Ma smettila Giù, se te da fastidio me ne vado ar mare, pijo er trenino e sparisco, sto’ co’ la panza ar sole tutto er giorno, poi vojo vedè chi te fa svagà mentre metti a posto le sedie che nazzicheno» [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
1
13

Un sorriso

18 December 2018

Lì lontano la sera sta arrivando in questa uggiosa giornata di autunno. Ma io mi sento primavera da quando mi hai sorriso in quell'attimo di infinito Maurizio Gimigliano © Copyright 2018

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
33

La lettera

18 December 2018

Da qualche parte, nel Sud, viveva un giovane lavoratore precario della Pubblica Amministrazione. Avete presente il tipo? Uno di quelli da primo della classe, scrupoloso, mai sopra le righe o fuori dagli schemi?...Ecco, sì. Proprio uno così. Ebbene, a dispetto delle apparenze e della sua condizione, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
1
13

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
0
10

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
11

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
6
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

  • Puccia: Bravo Walter, ed il giallo continua! Aspettando ti abbraccio per tenerci in [...]

2
4
9

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Bel racconto, corto ma molto rievocativo in più il ruolo delle "donne" [...]

  • Giampiero: Caro Puccia sono contento ti sia piaciuto

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
13

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

Torna su