La parte più estenuante di quelle giornate era la preparazione. Una specie di rito composto da fasi precise, che si ripetevano sempre nello stesso ordine, cadenzato e pesante, come quella goccia che ogni notte, cadendo, puntuale, ti toglie il sonno e ti risucchia le energie nervose.
Tutto aveva inizio con una doccia o un bagno (il secondo più indicato, ma non sempre aveva tempo a sufficienza per farlo) rigorosamente da farsi con guanto di crine e bagnoschiuma profumato. A seguire, un’attenta ispezione allo specchio: nuda, davanti al riflesso del suo intero corpo. La curva dei fianchi era la stessa del giorno prima e di quello prima ancora o si era deformata? Allargata? Ristretta? No, ristretta no, questo era sicuro. L’incavo dell’ombelico, le spalle spigolose, le ginocchia fuori asse a rompere la linea delle gambe. Sembrava tutto come al solito. Forse c’era un lieve gonfiore del ventre ma niente di percettibile da occhio umano che non fosse il suo. Una lozione per il corpo alle erbe e un paio di gocce di profumo sul collo, poi biancheria di pizzo nero e qualche colpo di spazzola prima di procedere con la messa in piega. I capelli venivano temporaneamente raccolti in una coda morbida, per procedere con il trucco. Crema idratante, fondotinta, cipria, tanta cipria trasparente, una linea decisa tracciata con l’eyeliner nero, mascara, un tocco di pesca sulle guance. Alla fine la bocca. In quei giorni bisognava dipingerla di rosso, faceva parte del rituale. E anche se odiava la sensazione appiccicosa del rossetto e aveva l’impressione di andarsene in giro con le labbra tumefatte, non saltava mai quel passaggio, perché era importante quanto gli altri. L’ultima parte era l’unica a subire qualche variazione a seconda delle giornate: la scelta del vestito. Certo, era difficile che non si trattasse di un abito nero, ma poteva cambiare il taglio, la lunghezza, l’altezza delle scarpe, e il mercoledì, solo il mercoledì, un dettaglio: un nastro di velluto tra i capelli, un giro di perle.
Oggi tacco a spillo 12. E un foulard rosso di seta perché è mercoledì. Il rumore dei passi attutito dal tappeto dell’hotel. Un piede davanti all’altro con la falcata veloce di chi sa bene dov’è diretto: stanza 404, sempre la stessa. Si siede sul letto, le mani sulle ginocchia, e nelle orecchie solo il rumore del battito del suo cuore. Sempre più incalzante. Così forte che quasi lo confonde con i colpi alla porta. È arrivato.
È quella volta della settimana in cui non ci sono soldi da contare mentre si riveste. Ma resiste, non si volta a guardarlo andare via. Bussano. Si fionda alla porta. È tornato? No, è solo il primo cliente della giornata. Fanculo, è in anticipo.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

4
4
16

Preferivo allacciarmi le scarpe

21 September 2020

Certo Fra le cose che mi capitano quotidianamente, preferisco allacciarmi le scarpe La sveglia la mattina con urla di metallici dolori mi provoca una forma di repulsione e la mano violentemente sbatte contro quel maledetto tastino che vibra per farlo tacere per sempre Gli scarichi del bagno del [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Simpatico e piacevole da leggere... anche se io come Silvia le scarpe le infilo [...]

  • Walter Fest: Pata con te sono esigente lo sai....mi è piaciuto (molto) il ritmo [...]

4
4
11

Allo Château Mignotteaux

21 September 2020

14 Febbraio, giorno di San Valerio, emh, San Valentino. Da buon innamorato e rispettoso, per non dire obbligato, dalla ricorrenza in questione mi è venuta la brillante idea di portare Francesca, la mia fidanzata, a mangiare fuori nientepopodimeno che allo Château Mignotteaux, presumibilmente il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Silvia: Beh allora andrò a cercare il granchio!

  • Walter Fest: Scilipò bravo a essere tornato al tuo stile spassoso, non ho capito [...]

2
2
14

PER SEMPRE

20 September 2020

Si svegliò verso l'alba. Nelle sue orecchie ancora risuonavano le urla di bambini scalmanati che si rincorrevano per le scale. Porte che sbattevano, tonfi che scuotevano il solaio come bastoni su tamburi africani. Una bolla d'aria si staccò dalla sua bocca, come una parola che volesse uscire da [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Mi é piaciuto davvero molto! Un racconto breve nella quale l’impianto [...]

  • Silvia: Grazie Giuseppe! È un gran piacere leggere questo commento visto che [...]

2
2
14

Choc 1

20 September 2020

Ho avuto uno choc perdendo scioccamente uno cheque e così, inconsciamente, in preda all'angoscia con una sciabola di uno shogun, ho tagliato una sciarpa di uno scienziato di Sciaffusa piuttosto sciatto, vestito con degli shorts in shantung molto chic mentre, su una TV Sharp, guardava il sequel [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Oddio ma non è mica facile scrivere tutti questi scioglilingua :O
    Troppo [...]

  • Rara avis: Grazie A. L per aver gradito.. ti dirò che queste supercazzole mi vengono [...]

3
5
19

Con la scusa del caffè

19 September 2020

"Sei testarda come tua madre", mi hai detto tantissime volte. Sapevi di toccare il mio punto dolente, non per ferirmi, ma per incoraggiarmi a non arrendermi. "Tu sai tenere testa alle cose, e se lo vuoi puoi...", poche parole ma dirette le tue. Mi piace immaginare di averti ora qui da me. Bere [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
6
20

Mio cugino Rodolfo

19 September 2020

Nei miei verdi anni, esattamente nel periodo dell'adolescenza, ricordo che c'era un po’ di pudore nell'esporre certe cose, figuriamoci a farle. Ma intendiamoci, noi ragazzi avevamo comunque una mente curiosa e di certo non eravamo bianchi come meloni (frase idiomatica utilizzata dalle mie parti), [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: Hai capito il cuginetto. Con la bambola ha superato ogni fantasia...Amazon [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, grazie per il commento. Su Amazon le trovi ma rispetto ad altri [...]

2
1
10

P-HEC

Incipit di un romanzo che mai finirò

18 September 2020

Mi svegliai lentamente. Nessun dolore, nessuna emozione, nessun acciacco. Il processo di «oggettizzazione» era iniziato da una settimana e solo ora mi rendevo conto con stupefatta lucidità del peso di ciò che li avevo autorizzati a fare. Ancora 7 giorni nel centro P-HEC e mi avrebbero svuotato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
10

Un calciatore impazzito?

18 September 2020

A volte assistiamo a gesti apparentemente assurdi, privi di senso nel contesto nei quali li vediamo, ma spesso non ne conosciamo il motivo. Probabilmente non tutti si intendono di calcio e non tutti sanno cos’è un calcio di punizione. Quando un calciatore subisce un’azione violenta o si prende [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Justus, un componimento molto interessante, dal valore storico e morale. [...]

  • Patapump: Non conoscevo la storia, ho la pelle d oca. Bella e terribile nello stesso [...]

4
6
22

La tela

17 September 2020

Corro spesso a rivederla Appena ho un attimo mi concedo un’evasione dal mondo intero Mi sottraggo a lui Una fermata lenta, circondato da ritmi frenetici Passo tra sale interamente dipinte e giungo alla mia Esito un istante prima di entrare Prendo posto su quella chaise longue di stoffa marrone [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Walter, sono di provincia di Roma in realtà ma ho viaggiato spesso a [...]

  • Patapump: parliamo di un ricordo al Louvre (30 anni orsono) ...pittore fiammingo Vermeer..titolo [...]

4
12
16

La festa vuota

17 September 2020

Alla vigilia del matrimonio, colei che doveva vestirsi di bianco dopo una lunga notte in bianco fece una scelta. Nella sala ricevimenti Torre Rubino le raffinatissime tovaglie sembravano dei fantasmi stesi e con i tovaglioli avvolti come coni senza gelato. I costosi piatti, con relative posate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò (mò, mi dirai un sacco di parolacce)...lo sai perchè [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, grazie per il quadruplo commento e di indirizzarmi sia sul lato [...]

2
1
12

Episodio 2

banca

16 September 2020

L'altro giorno sono stato in banca per richiedere un documento, dato che ho bisogno di alcune informazioni mi sono avvicinato all'impiegato dietro il bancone incurante delle altre persone che erano in fila, tanto è solo per un'informazione, questa è anche la scusa che ti rifilano quando lo fanno [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
3
12

Darsi coraggio

16 September 2020

Smettila, dolce e piccola creatura di vagare nel bosco, assalita dalla tua stessa paura. Ammira scoiattoli che corrono veloci e da in mezzo al bosco giungono sotto ai balconi. Anima pura, dallo sguardo vero e sincero, corri veloce senza portare nel cuore mille paure. Hai fatto vittoria anche [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • AmorLibre: Credo che avevo proprio bisogno di leggere queste parole :)
    molto bella :)

  • Giuseppe Scilipoti: Un sentito decanto che trova nella chiusa in indelebile avallo. Una risolutezza [...]

Torna su