C’era una volta una colonia di gatti che risiedeva in una piccola città di provincia. Ogni gatto aveva dei padroni e una propria casa. E il tempo sembrava passare sereno per loro. Per lo meno dal nostro punto di vista umano.

Ma vi descriverò la storia dal punto di vista di uno di questi gatti, quello che allora era un giovane micio.

Da quando è venuto al mondo, questo gattino ha sempre nutrito un forte impulso all’indipendenza e una propensione all’avventura.

Si è fatto conoscere nella colonia, prendendosi sempre del tempo per esplorare nuove zone abitative e non.

Dopo svariati anni passati in quel paesino dove conosceva tutti gli altri gatti, egli percepiva i segni di una rivoluzione imminente, tendendo l’orecchio ai discorsi che gli altri gatti miagolavano dai tetti delle case. I loro ritrovi segreti.

 

Una notte un gatto anziano sembrava essere al centro della discussione e aizzava la colonia che seduta stava ad ascoltarlo per ore.

I suoi discorsi erano del tipo: “non vi siete mai chiesti come mai gli unici che possiedono e controllano il cibo che viene dato a noi gatti sono gli esseri umani? Per possederci e di conseguenza controllarci! Hanno costruito tutto quello che ci sta attorno per questo, perché noi dipendessimo da loro. Non ti accorgi che non c’è più in giro nemmeno un topo? Colpa del loro ordine e costruzione edilizia.”

“Persino l’acqua ci hanno tolto. Dove una volta si formavano le pozze di acqua piovana, in cui ci si poteva dissetare senza ricorrere a loro, adesso c’è una strada asfaltata con i tombini che inghiottiscono tutta l’acqua piovana.

E quando hai la fortuna sfacciata di trovarla, una pozzanghera, arrivano gli umani che ti allontanano dicendoti che è inquinata. Ammesso che sia vero, chi la avrebbe inquinata? Di sicuro non noi gatti.”

“In questo modo, ripeto, noi dobbiamo dipendere da loro. Siamo costretti a una vita dettata dalle loro regole senza avere una minima scelta o possibilità di fuga. Per tutte le tigri bianche, cosa avremo mai fatto per ricevere questa punizione?”

Un gatto giovane risponde: “Io ho sentito che non lontano da qui c’è una radura popolata da topolini di campagna e vicino c’è anche uno stagno dove ci si può abbeverare a tutte le ore del giorno.”

E il gatto anziano ribattè: “Ma è lontano e senza trovare altro cibo lungo la strada è impossibile da raggiungere prima di stramazzare a terra esausti e con i crampi per la fame”.

Andarono avanti a miagolare questi discorsi tutta la notte. Fino a che si convinsero che l’unica soluzione possibile, per ottenere l’indipendenza tanto agognata, fosse quella di mettere in scena una rivolta.
 

La notizia della rivolta dei gatti si diffuse rapidamente nella città.

Gli umani, ignari di ciò che stava succedendo, continuavano ad andare avanti con le loro vite, inconsapevoli del pericolo imminente che si avvicinava.

Nel frattempo, i gatti si preparavano con attenzione, studiando le abitudini degli umani e pianificando come avrebbero svolto la loro ribellione.

Il giorno della ribellione arrivò.

I gatti si organizzarono in piccoli gruppi e presero qualche luogo strategico.

Come la piazza e i giardini.

Molti umani furono sorpresi nello scoprire che i loro adorati gatti domestici stavano prendendo parte alla ribellione.

Gli umani, presi alla sprovvista, non sapevano come affrontare questa ribellione inaspettata.


 

Dopo settimane interminabili di occupazioni e ronde feline, gli umani capirono che l’unica direzione possibile sarebbe stata una negoziazione della pace con i gatti.


 

Entrambe le specie comunicarono a gesti i termini della loro resa.


 

I gatti contrattarono di trasportare nella zona pianeggiante del paese, la parte di loro che erano decisi a incominciare una vita da animali selvatici.

I restanti che decisero di rimanere nella zona residenziale ottennero la costruzione di un posto all’aperto in cui si sarebbero potuti radunare. Con acqua e cibo sempre disponibili.


 

A prescindere da come finì la cosa, questa storia di ribellione dei gatti diventò leggendaria nel corso degli anni.

Tutti i racconti

0
0
3

Haiku

25 July 2024

tramonto estivo - garriti di gabbiani sul piatto mare Laura Lapietra ©

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
3

Diciassette anni

25 July 2024

Dal mio letto sento l‘acqua battere sui vetri e i tuoni scoppiare in lontananza. L’aria é ferma e fa caldo quasi da soffocare. Ció nonostante mi rintano sotto le lenzuola, mi copro tutta, pure la testa, e resto lí, immobile, ad aspettare che passi. Fuori un vocío e scalpiccío di passi, sono i miei [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
7

Mini Haibun

Poesia Giapponese

24 July 2024

In controluce dei primi forieri del giorno di un'altra estate, trascritta nelle pagine del passato, affioravano sulla sua fronte le prime gocce di sudore di quella giornata a raccontare il sacrificio nel piacere di creare ancora vestiti, ad ornare le grazie femminili con stoffe e fantasie che [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
3
14

Compromesso

24 July 2024

Ricordo benissimo la sensazione di felicità totalizzante che provavo in questo giorno di otto anni fa. Il sentirmi parte integrante di un progetto di vita e di futuro. Stavamo comprando la casa al mare. Il plurale in questa ultima frase è fondamentale, è un plurale che è molto di più che una [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
11

Cosa cerca un uomo in una donna? ed una donna in un uomo?

Quando la natura inganna

23 July 2024

Io che vivo al centro di Napoli, nel quartiere Sanità, (di fronte al palazzo dello Spagnuolo), un quartiere ricco di storia, con i suoi palazzi architettonici, le sue chiese patrizie. Pochi metri per raggiungere la casa natale di Totò, passando per il palazzo di Sant'Alfonso Maria dei Liguori, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
5
15

Il giorno più felice di sempre

23 July 2024

«Sarà possibile votare dalle 10 alle 13. Potete recarvi presso un terminale di comunicazione, inserire nell'apposita fessura il tesserino di identificazione e poggiare sullo schermo l’indice della mano sinistra. Una volta che sarete autenticati, potrete esprimere la vostra preferenza». L’annuncio [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
7
26

Il ritrovamento

22 July 2024

Erano passate molte ore oramai da quando l’aveva trovato. Aveva girato per tutto il paese in cerca del proprietario, era entrata in diversi negozi, alcuni giá con le saracinesche mezze chiuse, ed aveva chiesto di chi fosse, se qualcuno per caso lo avesse smarrito. Ma niente. Nessuno lo aveva perso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • PRFF: Complimenti!
    Bello, ben scritto, ritmato ,lieve nel tono ma profondo nel [...]

  • Piccola stella: Geniale quel cuore smarrito. complimenti e benvenuta. Alla prossima uscita [...]

4
5
51

Le Avventure di Lone Gun e Milady

Stagione 1 - Parte 2/4

22 July 2024

EPISODIO 4 Il Capitano non sospetta affatto che sulla sua nave ho un alleato. È ora di incassare il credito. “Re Xander non avrà mai il piacere di essere in mia presenza” sussurro per innervosirlo. “Gettatelo in una cella!” urla infatti alla scorta militare. * EPISODIO 5 Inutile tentare qualcosa [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
15

Quando senti di essere innamorato

Emozioni e passione

21 July 2024

Che cosa bella quando senti di essere innamorato! Quando comprendi che la donna incontrata è parte di te. Della tua vita, del tuo corpo, del tuo spirito, dei tuoi desideri, delle tue passioni, dei tuoi pensieri, del tuo voler vivere per lei. Quando avverti che le emozioni che ti suscita il pensarla, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • PRFF: il coraggio di emozionarsi ancora dinanzi al
    Kaos in subbuglio da cui emergono [...]

  • Adribel: Gennarino, grazie per queste pillole di romanticismo.

3
2
15

Smartelling

Definizione

21 July 2024

“forma di scrittura - prosa o poesia - concepita in funzione dello smartphone” (per la serie “Neologismi in pectore”)

Tempo di lettura: 30 secondi

3
2
9

Haiku

20 July 2024

la fresca estate - quei refoli salmastri sollevano onde Laura Lapietra ©

Tempo di lettura: 30 secondi

0
2
18

Petardo

20 July 2024

In questi giorni ricordiamo un amico morto a febbraio 2022. Per noi era Petardo, il più vecchio, all'anagrafe Claudio T. Classe 1956. Non aveva mai lavorato Petardo, si occupava con ingegno di curare i beni, mobili e immobili che la defunta madre, ricchissima, gli aveva lasciato in eredità. Del [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Ti leggo sporadicamente, non sei male, per i mei gusti c'e' della qualita', [...]

  • Ecate: mi é piaciuto! Petardo potrebbe benissimo essere un personaggio pirandelliano. [...]

Torna su