James, al secolo Giovanni Calamaretti, guardò nello specchio quasi senza vedersi realmente. I problemi che lo assillavano erano numerosi, troppi anche per uno come lui. Il telefono cordless, ancora in mano, continuava ad avvisare con un fastidioso biiip, che dall'altro capo avevano riattaccato. James quasi non si accorse, tanto era sconvolto dalla notizia ricevuta: la giovane Carla Poretti Maltolti era scomparsa. James pensò fosse uno scherzo del destino, una assurdità, un'altra indagine che avrebbe dovuto, a malincuore, risolvere. C'era, per di più, il fastidioso ed oneroso incarico di dover rivelare all'Ispettore Busti Corsetti che lui la Poretti Maltolti la conosceva, anzi l'aveva vista la sera precedente. L'ultima persona ad averla vista e, si sa, l'ultimo che incontra la vittima è sempre il principale sospettato. Deglutì un boccone acido, gli capitava sempre quando era agitato, ed era sempre agitato, la sua ernia iatale ballava il can can. Accompagnò il boccone acido con una bustina di Gaviscon alla fragola e finì di radersi. Quando raggiunse il commissariato erano già le 9,30 e l'Ispettore Busti Corsetti aveva già le palle girate da circa un'ora.

“Le sembra l'ora di arrivare?” Chiese stizzito.

“Mi scusi Ispettore, è successo un fatto.” Rispose.

“Non mi importa un accidente di cosa le è successo, Calamaretti!”

“James, signore, solo James.”

L'Ispettore lo guardò con sospetto: “Una ragazza, certa Carla Poretti Maltolti, sembra svanita nel nulla.”

James sospirò: “Purtroppo, che disgrazia!”

“Come fa a sapere la notizia?”

“Ho ricevuto una telefonata questa mattina alle 8. Un amico comune mi ha avvisato.”

“Amico comune? Noi non abbiamo amici in comune, Calamaretti!” Disse l'Ispettore quasi scandalizzato e con il massimo disprezzo possibile.

“Amico comune mio e della Poretti Maltolti, signore.” Si affrettò ad aggiungere James. L'ispettore sembrò rasserenarsi, l'idea di avere amici in comune con quell'individuo di dubbia estrazione gli faceva accapponare la pelle. Realizzò all'istante invece quello che il Calamaretti aveva appena asserito: lui aveva un amico in comune con la ragazza scomparsa.

“Quando l'ha visto per l'ultima volta?”

“Chi?” Chiese James.

“Il suo amico comune?"

“Oh! Il mese scorso.”

“E il suo amico quando ha visto per l'ultima volta la ragazza scomparsa?”

“Non ne ho idea.”

“Allora come fa a sapere che è scomparsa?”

“Glielo ha comunicato la sorella.”

“La sorella di chi?”

“Della scomparsa.”

“E come si chiama?”

“Chi?”

“La sorella della scomparsa.”

“Oh! Poretti Maltolti.”

“Pure lei.”

“Eh, si. Son sorelle. Sorelle gemelle.”

“Sorelle gemelle.” Ripeté l'Ispettore. James cominciò a guardarsi le scarpe, cosa che gli veniva naturale e che gli evitava di essere viso a viso con la persona che lo metteva in imbarazzo. Sentì che la sua ernia iniziava a ballare il twist e sentì inoltre l'ispettore ripetere: “Sorella gemella, tu hai una sorella gemella…” L'ispettore citava Star Wars! 

“Appassionato anche lei signore?”

“Di che?”

“Star Wars. Tu hai una sorella gemella!! La notizia che viene data a Luke Skywalker di avere una sor…”

“Che cosa sta farneticando! Calamaretti!!! Non dica fesserie! Piuttosto, stili una lista delle ultime persone che hanno visto la donna scomparsa." Ecco, era arrivato al dunque. James iniziò ad avere le mani sudate e fredde come due trote sul banco del pesce in pieno inverno. Doveva dirlo? Doveva omettere? Carla Poretti Maltolti aveva trascorso la serata con lui, fino alle ore 23.30 erano stati al cinema parrocchiale a rivedere Star Wars, dei tanti non ricordava neppure più quale ma lei era una appassionata, sfegatata della Saga in questione e James non si sarebbe mai tirato indietro, ci sarebbe morto trafitto da una spada laser impugnata da Darth Vater, per fare contenta la sua amata Carla. Solo che lei non lo sapeva. Carla Poretti Maltolti non aveva nessuna idea che James fosse innamorato di lei e, a dirla tutta, non che gliene importasse un granché; lei lo frequentava solamente perché lui era l'unico amico che resisteva alle saghe di Guerre Stellari, altrimenti avrebbe dovuto andare sola e si sarebbe annoiata. Per farla breve: alle 23.30 era terminato il film, lui l'aveva accompagnata a casa, alle 00,00 le aveva stampato un delicato, innocente e castissimo bacio sulla guancia e lei era entrata nel portone. James, a quel punto era salito in auto e partito direzione casa. alle 00.30 era già sotto alle coperte. Fine della storia. Quello che era accaduto dopo non era più stato in alcun modo sotto alla sua giurisdizione. Dirlo? Non dirlo? Chi lo aveva visto al cinema? Fece mente locale: nessuno di rilevanza nazionale era presente in quel cinema parrocchiale, almeno nessuno che lui conoscesse e viceversa. La sorella gemella di Carla era a conoscenza della serata fantascientifica organizzata o era stata tenuta all'oscuro? Doveva informarsi.

“Ispettore” Disse con il fervore di un atleta che vuole provare a raggiungere il record mondiale in allenamento “Vado subito a casa Poretti Maltolti a chiedere ai famigliari.”

“Ottima idea!” Esordì l'Ispettore facendo finta di riordinare le scartoffie sulla scrivania.

James uscì dal Commissariato e, in circa 3 minuti, si ritrovò davanti alla casa dove, appena qualche ora prima, aveva lasciato la ragazza che ora era scomparsa. L'ernia iatale iniziò un valzer. Gli venne ad aprire la sorella gemella che, guarda il caso, vedi le affinità, si chiamava Leila! Oh, cribbio! Esclamò nella sua testa James. Era praticamente la fotocopia di Carla. Distinguerle sarebbe stato impossibile, solo l'esame del DNA avrebbe potuto rivelare chi era una e chi era l'altra. 

“Buongiorno, sono James, vice Ispettore del Commissariato.”

“Oh!” Esclamò Leila “James Bond?” 

Lui sorrise, eh, avrebbe voluto in cuor suo, altroché se avrebbe voluto. Sempre sorridendo proseguì: “Sono qui per stilare una lista delle ultime persone che ha incontrato sua sorella scomparsa.”

“Non che ne sappia granché ma… si accomodi.”

James entrò. L'ernia iniziò una mazurka.

Tutti i racconti

0
0
2

Io sono la mamma

04 December 2022

Io sono la mamma. Mi alzo alle 6 del mattino, per svegliare tutti gli altri e preparare la colazione, altrimenti qui non si alza nessuno. Io sono la mamma, lavo il bagno e preparo la doccia tutti i giorni, altrimenti qui nessuno si lava. Io sono la mamma, pianifico la spesa, altrimenti qui altro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
0

Solo 15 secondi

04 December 2022

Quindici secondi, era il tempo massimo che l’Empire State System d’occidente aveva messo a disposizione, e concesso a ogni cittadino, per essere libero di dire la sua, indiretta tv - qualsiasi cosa gli passasse per la testa, aveva la possibilità, unica e sola, di farlo davanti allo sguardo del [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

12
14
62

Il Biscotto della Fortuna

03 December 2022

Pino il falegname va in un ristorante giapponese, desideroso di mangiare nipponerie. Tutti i tavoli risultano occupati o prenotati, tranne un kotatsu, un tavolino in legno sopra il quale è posto un futon. «Dice il faggio: persona “levigata”, persona rispettata. Benvenuto» lo saluta Ginkgo, il proprietario, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Avevo pensato al bacio perugina. Bravo, sei un artista della parola!

  • Mariluna: Ciao Giuseppe!!! Sei una matrice di racconti inesauribile!!! ❤ Buona serata!!!

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
11
17

Una storia americana

7 parole per una storia storta

03 December 2022

La porta del retrobottega era sempre aperta. Avevo deciso di fermarmi a 3 e invece in omaggio e con dedica per il bravo autore Scilipoti continuo e vado avanti, se piaccio anche ad altri son felice se invece a qualcuno antipiaccio pazienza ignoratemi. Bene qui l'ambientazione e in un negozio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Mariluna: Grazie Piccola stella. Mi sono accorta adesso di alcuni errori... L'ho [...]

  • Patapump: che meraviglia di pensieri....:)😘

3
5
13

La morte....

03 December 2022

Non saprei come definirla la morte… un vuoto immenso , devastante, incolmabile…. Quella improvvisa ti fa restare senza fiato, a bocca aperta, col cuore in gola…. È davvero indefinibile , Ci arreca molto dolore, per me è incurabile questo dolore…. È impressionante lasciare andare una persona davvero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Piccola stella: Petali Blu, essere testimoni impotenti del trapasso di una persona amata è [...]

  • Piccola stella: Petali blu, quello che sei riuscita a descrivere è in sè già [...]

1
4
4

Senryu

02 December 2022

Risciò nel vento - scorre sulle due ruote la melanconia ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

3
5
19

La cacciatrice di anime

02 December 2022

Era la notte di Halloween. John era stato invitato con i suoi amici alla villa d'epoca che si scorgeva tra i boschi sulla collina. La vide alla festa mascherata. Era scalza. Indossava una lunga camicia da notte bianca. I capelli lunghi erano sciolti. Camminando, i movimenti del suo corpo snello [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

10
16
59

Il desiderio di Geppetto

01 December 2022

Le Marionette odiano i Burattini e viceversa. I Peluche odiano le Paperelle di Gomma, tale sentimento è reciproco. I Manichini odiano gli Spaventapasseri, un odio vicendevole. Le Bambole odiano le Bambole Gonfiabili, un'accanita ostilità decisamente ricambiata. Io, invece, strano ma vero, non [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: x piccola stella: eh si, SCRIVERE ci accomuna eccome. Amo scrivere che siano [...]

  • Walter Fest: A Scilipo' a proposito di lista della spesa, non mi ricordo,ma la mia [...]

6
13
29

RICETTA DI PIADINA CAPRICCIOSA

01 December 2022

Sciogliere un cubetto d’amore ghiacciato in tre lacrime di cipolla. Aggiungere il profumo di una buona pasta d’uomo E scaldare dolcemente nel bagno di Maria. Preparare nel frattempo una pastella di latte di mamma Con farina di riso sgranato E far riposare un paio d’ore al sonno di neonato. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
3
12

Coraggio

01 December 2022

25 Novembre 2022 Giornata contro la violenza sulle donne. Tutte le donne vanno rispettate, dagli uomini, dalle donne. Sono troppo preziose per essere maltrattate, eppure vengono date per scontato. Abbiate cura e rispetto di loro, hanno già pagato. Proteggeteci, preservateci, ne abbiamo bisogno.♥️🌈

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Le donne... i bambini... i sensibili... i fragili, quanta tenerezza violentata!

  • LiandWally: Le donne, anime forti e fragili♥♥

1
0
6

Aforisma

30 November 2022

Si vestiva di pseudologia fantastica ogni singolo momento poiché non riusciva a farne a meno scartando la verità che non riusciva a manipolare per il suo spiccato narcisismo di essere ciò che in realtà non era! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

7
21
33

UNA COMPAGNA FEDELE

30 November 2022

Da adolescente mi chiedevo perplessa: “Ma cosa ci faccio io su questa terra? Perchè vivere?” Crescendo, in verità, non ci ho più pensato, ma il seme era stato gettato. Nel disordine misterioso e vivace di un terreno incolto, odore di terra, profumo di vento e lacrime di pioggia hanno nutrito, cullato, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Mariluna: Ciao! È bellissimo leggerti! Ho la sensazione di ascoltarti...

  • Piccola stella: Mariluna, grazie. Spero di incontrarti presto su un'altra tua "pagina [...]

Torna su