Amici lettori il giallo improvvisato stà per giungere la termine, mi sembra giusto che la sperimentazione cessi e vi racconti come è andato il fatto. sono ancora quì di fronte alla tastiera, la testa è vuota, fà caldo e ve lo giuro in questi giorni non ho pensato a nulla, pertanto quello che ora scriverò è tutto scritto sul momento, azz, che momento di mia grande letteratura....nella puntata precedente, droni in città rapivano scene furtive, vista la calura, maggiormente immagini hard, bene ma fin ora nessuno sapeva il perchè, di certo le pose finivano in rete e vai con il tango dei commenti, finche sparsa troppo la voce, la polizia decise di fermare questa iniziativa, l'altra volta non ve l'ho detto ma nelle inquadrature c'erano cadute persone molto influenzose,  e così, venne messa una funzionaria bonazza per risolvere la questione e cogliere il drone sul fatto, peccato che l'immagine che avrebbe provato la prova venne offuscato dal pelo, quale pelo? Andate a ritroso a rileggervi la cosa del 15 agosto.Ok, stabilito che non è stata colpa mia ma della mia fantasia, la polizia brancolava nel buio, finchè  venne trovato in strada stecchito un tizio con un drone in mano, purtroppo non c'erano testimoni e le telecamere di sorveglianza in quel mentre erano spente perchè giocava la nazionale e si erano dimenticati di accenderle.Wow, che storia!Insomma che razza di città era se i droni erano liberi di spaziare e violare la privacy dei cittadini? E del morto? Dopo la rinvenuta iniziarono le indagini, su di lui nessuna cosa contrastante, che caso del caso, sembra che anche questa volta la polizia si attacchi al coso ma a questo punto a qualcuno venne l'idea di sguinzagliare dei droni comunali azionati da mani esperte che andassero in perlustrazione, che bellezza i controllori controllati dai controllori, questo non è più un giallo ma una satira, un pastrocchio, una giullarata, oso dire, una vera misticanza e per ora solo un morto ammazzato con un drone in mano e nulla più, ma scusate dico io, i gialli che di solito leggete mica vi dicono subito la verità e per giunta l'unica bonazza mezza ignuda l'ho vista solo io, vabbè poi successe che ci provò anche il capo della polizia a mascherarsi, in definitiva si mise una parrucca e si finse donna fatale, calze a rete e tacchi a spillo, per fare vedere che lui era un duro anche lui mise la sua telecamerina lì, proprio lì, questa volta no pelo, ma mazza che mazza, anche perchè nell'attesa il capo si documentava sù pleiboy del '63  -"ora ve lo faccio vedere io se li acchiappo" - disse a tutti e sul più bello a pagina 85 della rivista senza veli, arrivò il drone, anzi due, in quel momento il capo si alzò, alzò la gonna e tacchete li beccò, un momento avrebbe voluto beccarli ma in realtà essendo la rivista del'63 il coso alzato, immediatamente si abbassò per la delusione e già, nel '63 mica era come adesso, minchia capo ma dove ha trovato stò pleiboy? Da suo nonno? Così allo scatto , il capo riprese le scarpe in basso, il drone, comandato da un furfante pappone, capito il trucco, girò i tacchi e indovinate che successe? Che al pilota del drone gli prese un infarto ecco vorrei vedere voi al suo posto, vedere in video un tizio travestito da donna con un coso moscio in bella mostra, altra dimenticanza, il capo aveva messo la parrucca e tutto l'altro necessaire ma non si era tolto baffi e barba, azz! L'infarto fù fulminante, logicamente solo io conosco l'infartuato e poveretto per lui nulla potè la donna, sua complice che stava in quel momento con lui ma che in quel momento stava facendo all'amore con lei, lei chi? La terza della banda che vista la mal parata entrambe si diedere alla fuga, che fetènzia di situazione, che figura! Colto da infarto per un coso moscio e pendente!..Vi avverto non guardo punti e virgole e stà storia ve la beccate così com'è...insomma c'era di mezzo un morto, due amanti in fuga, della banda la polizia ignorava la sede operativa e neppure il mandante perchè forse voi non lo avete capito, ma la banda dei droni avevano un mandante, a questo punto con la banda sciolta che importanza avrebbe conoscere chi li ha assoldati?

-Pronto Flavia!...ma dove cavolo stai? E' un pò di giorni che non ti fai sentire, non commenti più, ci hai fatto conoscere un tuo amico, pure Terribile che pare un cugino di chi sò io e poi sei sparita, ma insomma dove sei? Mi sorge un dubbio..dalle tue parti hanno fatto il sei milionario al superenalotto, e vabbè se sei tu la fortunata puoi sempre continuare a scrivere eh!....vabbè lo hai voluto tu, ora spiffero chi è il mandante dei droni.

Amici lettori ad assoldare la banda dei droni alla ricerca di immagini è stata la nostra Flavia, ma era una cosa, ve lo giuro, a fin di bene perchè le immagini dovevano andare a favore dei vecchi degenti dei presidi sanitari dove era stata ricoverata lo scorso anno, tutte immagini con un pò di bella roba per ringalluzzire quegli anziani, poi per la verità che è successo? Che alla banda gli è scappata di mano la mano e le immagini invece che ai vecchietti le hanno messe per divertimento in rete causando un pandemonio social pertanto al'operatore video se ci ha lasciato le penne vedendo l'uccello a bassa quota del capo ben gli stà , a questo punto per non lasciare a bocca asciutta i tuoi amici, dovrò inventarmi qualcos'altro, però avevo anticipato che avrei cessato la sperimentazione, facciamo così, sono arrivato a 4 minuti di narrazione, ho scritto realmente tutto al volo, ora vi lascio è venerdì e auguro a tutti buon fine settimana, ci penso sù e poi vedrò.

P.S.

Il tizio trovato in strada stecchito con il drone in mano non c'entrava nulla con il caso, aveva acquistato per corrispondenza l'aggeggio, aveva provato a farlo volare, ma scoperse che al posto della batteria c'era un mattone, in quel momento aveva una sigaretta in bocca, se la mangiò per la rabbia, poi per smaltire la delusione, si prese a schiaffi, così forte, così forte che svenne, pertanto dopo un ora si svegliò e mandò a fare in culo i venditori di droni per corrispondenza, richiese i soldi indietro ma pare che la società era locata alle isole friggy e nessuno rispose al telefono, così il tizio come Gargiulo se la prese......

In allegato: Ogni riferimento a nomi, cose, luoghi e situazioni varie è frutto della mia fantasia e pertanto tutto è casualmente casuale.....hei..5 minuti tempo di lettura per poco sforavo....

 

1
1
11

Not there

19 February 2020

Avevamo il rum bianco e non sapevamo come mescolarlo. Io e A. Lo bevemmo subito, liscio, senza troppi complimenti. Sapevamo che era una cattiva idea, per questo ci piaceva. Ne bevemmo tre di fila, per scaladarci. Non era male, era invecchiato bene, Dio solo sa come. Avevamo le arance, ogni tanto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
12

La collezionista

18 February 2020

Era una collezionista della qualsiasi, aveva iniziato fin da piccola collezionando tappi. Rammentava sempre che ne conservava a migliaia, pure sotto il letto. Manco a farlo apposta adorava il film "Il collezionista di ossa." Un'autentica mania e a volte la cosa mi irritava non poco. Ma Beatrice, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Hic hic...al sol pensiero di tutto quell alcool. Meglio lattine che animali [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao patapump, è senz'altro come dici tu. :-) Aggiungo anche che [...]

1
1
9

Un mondo al contrario

17 February 2020

Ho ancora gli occhi stropicciati Passo le dita più volte su di loro Non riesco bene a capire Perché ho il tavolo sul soffitto e d il lampadario che parte ritto dal pavimento Mi affaccio al balcone e un automobilista mi guarda dal finestrino con sguardo rapito Le strade sono un misto di azzurro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

12
16
46

Giacomo

16 February 2020

«Sei orrendo, sei grasso, sei una palla di lardo di merda! A nessuno piaci, le ragazze ti schifano. Sai perché? Perché fai schifo al cazzo!» Le parole meschine colpiscono come dolorosi pugni nello stomaco, ma Giacomo non controbatte al suo interlocutore e non abbassa nemmeno gli occhi inumiditi. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

18
37
141

Il sentiero

14 February 2020

Sto percorrendo un sentiero bagnato e disseminato di sassi, ho perso l’orientamento e di conseguenza non so dove andare. Dovrei incontrarmi con un tizio in una baita per un lavoro stagionale, ma il segnale del cellulare non prende affatto. Con la macchina non si poteva proseguire, ragion per cui [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: e qua la butti sulla cinematografia..certo un ingaggio non sarebbe stato male [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Kebab? Ma quando mai! In vita mia l'ho mangiato solo due volte. :-)
    Carissimo [...]

2
2
10

Due minuti

13 February 2020

Due minuti Due minuti era il tempo che lo separava da lei Pochi secondi dove dirsi tutto quello accaduto in un giorno Attimi dove concentrare sensazioni, pulsazioni, sentimenti Battiti del cuore che scandiscono parole, molte non dette Fremiti del corpo che volgono al pensiero del [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: "Un'ora sola ti vorrei" recita una canzone, ma all'io lirico [...]

  • Patapump: Una vera - pura - gioiosa - esaltante - infatuazione - di un uomo verso [...]

16
20
99

Solitario

Mutande calate

12 February 2020

Durante il periodo delle superiori la stagione che attendevo con trepidazione era senz'altro l’estate per potermi finalmente rilassare e dedicare ai miei hobby, principalmente giocare ai videogames, ascoltare musica, andare al mare e soprattutto a guardare la TV, anche fino a tarda notte. Insomma, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: I tappeti persiani solo deleteri...ahah. io mio figlio mai beccato. Ma avrei [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, mi ha fatto sorridere il tuo intervento e grazie per aver [...]

2
1
10

Pensieri

11 February 2020

Stasera ci sono pensieri nella mia testa Girano vorticosamente Mi chiedo se non si stancano di farlo Di sicuro mi spossano Ma come faranno mai a entrare da un condotto auricolare all'altro Girano la stanza piroettando Facendo quasi sberleffi e poi rientrando Devo pensare di non pensare Mi concentro [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
10

Intimi e Insieme

11 February 2020

Come descrivere l'emozione di averti tra le braccia? Con la stessa boria di chi esibisce un orologio di lusso, con la stessa gioia di chi tiene un bambino in braccio, con la stessa emozione di chi ti vede sorridere, con la stessa estasi nei tuoi occhi quando mi baci, col tuffo al cuore che sento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Nicola, un piccolo testo simil poetico amorevolmente esplicito, un fluttuare [...]

  • ducapaso: Grazie Giuseppe, sono contento che queste parole rappresentino un valore comune [...]

12
16
69

Libertà

10 February 2020

27 ottobre 2017, una data da ricordare. Oggi è l'ultimo giorno di prigionia, sono già fuori e in questo preciso istante mi appresto a caricare i bagagli sulla mia automobile parcheggiata all'esterno del penitenziario. Dopo mesi finalmente torno a casa. È stata veramente dura. Provare per credere. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
3
9

Qualcosa in cui credere

09 February 2020

Quel giorno, me lo dissero. Ero sola. La saletta bianca, asettica, non rendeva le cose facili. Il sole filtrava tra tende. E gli odori erano acri e fastidiosi. Suoni di sirene assordavano le orecchie. Nelle corsie volti rivolti in basso, come dovessero vergognarsi di chissà cosa. E quella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Fare il tempo

Nostalgia e rottami

09 February 2020

Di mestiere raccoglieva ferro e altri metalli. Soldi in cambio non ne dava, ma potevi scegliere un oggetto tra gli scarti che prendeva da altri “clienti”. Aveva un piccolo trabiccolo a tre ruote che riusciva a caricare come un Tir. Nessuno si chiese mai dove fosse il deposito di tanta ricchezza [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su