Giustina, Giustì, maronna mia, agge sentit’!?

Agge sentit’ ca successo? Maronna mia bella, famme assittà ca me sent’ male, Giustina mia… 
Antonio vamme a pija nu bicchiere d’acqua…bella fresca Antò…
Maronna, agge sentit’!? Nun ce posso credè… 
La 180, la 180, l’ hanno levata la… 180, la legge su li matti! Giustì!
Me sentì Giustì?
Oddio, ma manca l’aria!
Giustì, ma ca c’hai? Nun me fa accussì eh…ma fai praoccupà…
Do sta Natuzza? Antò pija nu bicchiere pure pe tu madre, dai bello… su
Grazie Antò… bravo
Antò va a chiamà Natuzza, valla a cercà, corri, nun c’è tempo da perde… ci restu io accà co tu madre,vai… spariscite!
Lo sapisciu io, lo sapisciu Giustì, te lo dissi quante volte? Eh quante volte te lo dissi?
Accà la tu fija nun poteva da sta, me lo sentivo, te lo dissi quante volte Giustì?
Mo aritorneno… se la rivengono a pija, la riportano dentro! Pora Natuzza…
Mo ca pareva essise ripresa ‘nu poco, vero Giustì?
…Mira Giustì eh… com’è bella in chilla foto! Eh… nun è ‘na bella guajona?
No, nun chiagne Giustì, nun fa così, dai… vedrai… vedrai che mo Antonio la riporta a casa…
Poi ce penso io… ce pensa zi Franca… a nascondela per bene… dai su Giustì, nun chiagne.
A zi Frà, nun ce sta!
Che vol dì nun ce stà Antò! Che vol di? Eh ?
E niente… so stato giù in piazza... e… poi al bar, ma nun c’è... non la vidi.
Maronna Antò, oddio, ma che se la so presa!? Corri Antò rivà a cercà mejo, va a vedè da Don Marietto…
Natuzza mia, dove sei finita? Giustì… te nun te preoccupà… mo, mo la ritrovamo… sa.
Ancora qui Antò? Spariscite, movete!
Eh… s’era ripresa, eh Giustì? Te ricordi de quanno… a li primi tempi, che ce la riportarono, arrimaneva chiusa tutto il giorno nella camerella sua eh, tutto il tempo a pettinasse, ah… me pare ieri.
È sempre restata na bella guajona proprio, puro, si, dopo di li, s’ era sciupata tanto, t’aricordi eh Giustì?
Ma lo sai Giustì che Giovannina me fece na confidenza… insomma… me disse che… vabbè questo nun te lo potesci dicere… m’ha giurato di nun dillo a nisciuno altrimenti… lo sai no?
C’è l’affaturazione… sì… e quelle lì mica che scherzeno sa! te ricordi il poro Santino come fini?
E finiscite quello bicchiere Giustì ca te fa sta mejo!
Ma io so bona de core Giustì, la zi Franca è bona dentro, mica come quelle, io te so sempre stata nd’appresso in ogni momento, come ‘na soreta, questo tu lo poi dì, vero Giustì?
Zi Frà… mà… Don Marietto… lo stanno… si lu prievete lo stanno a torturà!
Ma chi? Ma che stai a dì Antò? Zittete che voi fa morì tu madre de crepacuore? Nun lo vedi come sta?
Ma che t’nventi? Mo ce manca che puro tu dai li numeri…
No è vero! È vero, ve giuro! So arrivati col furgone, l’ho veduti co li mi occhi fuori la chiesa… e se credono che Natuzza sta nascosta lì… lì da Don Marietto.
Ma lui, dice che nun ne sacce nulla de Natuzza… dice lu vero lui, sa.
Ma quelli nun ce credono, lo stanno a… lo vojono crocifigge… si nun parla.
Oddio santissimo…
Poro Don Marietto era tanto na brava persona, che fine! pora Natuzza mia, come dovevino finì tutt’e due… chi l’avrebbe detto…
Antò, bello della zia, stattene acca, sta bono e nun te move più, mo nun se po fa più niente… arriva lu momento in cui t’hai da rassegnà.
Giustì, Giovannina m’ha detto, puro si è nu segreto a te te lo dico uguale, m’ha giurato di nun dillo ma noi se semo sempre confidati tutto, insomma… semo du sorete noi due eheh.
Lo sapisci che tutti quelli che so rimasti dentro, si quelli che nun so tronati mai a casa, no come Natuzza… pora fija… ce farà schittà lu core, eh, tutti quelli matti lì l’hanno venduti all’americani. Si l’americani, quelli del Mec… Donals, Antò lo conosci tu lo Mec Donals?
Si zi Frà, lo conoscio…
Ce fanno li panini! Hai capisciuto Giustì, ce fanno li panini farciti de matti! ehee…
Antò, me raccomando a zia, nun ce andà più dal Mec Donals.

Epilogo

Da un estratto del resoconto dei C.C della Stazione di Molazzano - frazione di Sarzanica-

(…)LA sign.ra Franca Natusciello nata a Molazzano (SZ) il 12 Ottobre 1933, e ivi residente in via dei Cormorani 77, è ritenuta colpevole, nonché, mandante unica dell’omicidio della dott.ssa Natuzza Santinori di anni 42, rinvenuta nell’abitazione della Natusciello murata viva nella parete laterale della camera da letto di questa .

(…)La sig.ra Giustina non è mai anagraficamente esistita se non nella mente disturbata della Natusciello. Secondo approfonditi esami di psicodiagnostica, la sign.ra Giustina rappresentava il transfer remissivo della Natusciello medesima.



(…) Il Don Marietto Attanasi, parroco di Molazzano, è stato altresì colpevole, poiché colto in piena flagranza di reato, di indicibile molestie verso Antonio Maria Cambusiere, giovane di 19 anni, incapace di intendere.

 

1
1
4

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
12

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
9

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

2
3
54

Il figlio

14 October 2019

Si lasciò cadere sul sedile dell'auto e chiuse gli occhi. "Perderà l'anno", pensò, e subito dopo si accorse dell'assurdità di quel pensiero. All'improvviso la scuola non era più importante, era scivolata all'ultimo posto. Magari avessero potuto tornare a preoccuparsi di quale istituto scegliere [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Notevole. Intenso. Vero.Inaspettato "sempre" per un genitore. Brava!

  • Manuela Cagnoni: Vi ringrazio molto!
    L'idea di questo racconto mi è venuta leggendo [...]

5
8
23

Snake

13 October 2019

Chi non conosce il famoso Snake? Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ahahah..molto divertente! Giusto rammentare...Il cobra non è un serpente [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, ormai hai già capito qual'è il mio stile [...]

5
4
15

Alcune volte

13 October 2019

Alcune volte trovo che le cose da dire quando si ama siano così difficili da esprimere che l'altra parte le intende come un disinteresse o disattenzione. Alcune volte al posto delle parole inserisco racconti, poesie o canzoni. Alcune volte invece il mio viso è cosi raggiante che anche i colleghi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Questo bellissimo componimento viene omaggiato da due bellissimi commenti, [...]

  • Patapump: Principe...e che ispirazione sia! Sempre ben accetta. Cmq grazie a te a Giuseppe [...]

3
2
11

Arancia al limone

12 October 2019

Dentro di me campeggia un regista perverso e schizofrenico, e tutto sta diventando verde, nel buio riflette le immagini, e nel cielo vedo dei corni alati bianchi, (de)colorare l'immensità.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
9

Il viaggio e la chitarra - 2/2

12 October 2019

Le campagne intorno erano davvero belle, tutte molto curate, e i cavalli inglesi da traino con le criniere fluenti sembravano anche loro far parte di quella effervescenza giovanile. L’ingresso in città ci sembrò trionfale, come se dovessimo ricevere le chiavi della città da qualsivoglia autorità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Seconda parte che non delude affatto le mie aspettative, sono sempre più [...]

  • Patapump: Ciao Giuseppe, come sempre un grazie. Fa sempre piacere avere uno stimolo letterario. [...]

2
1
20

Castelli di sabbia

11 October 2019

Tu mi stavi guardando dritto negli occhi Ed io bruciavo come legna secca Poi mi hai detto qualcosa che perso com'ero non ho capito Un sorriso sbadato un gesto svogliato e lentamente hai raccolto la fune a cui ero legato. Non ti è servito molto non c'è voluto molto per spiegarmi il destino. Labbra [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
9

Il viaggio e la chitarra - 1/2

11 October 2019

Ero a Londra in quel periodo. La fine degli anni 60. Gli anni della contestazione giovanile. Intorno a me un gran fermento di gente, idee, propositi. Avevo 18 anni allora. Avevo litigato con i miei genitori per poter fare quel viaggio nella città che, in quel momento, veniva considerata la più [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

5
6
21

Corna (non) di cervo

10 October 2019

Mentre stavo cacciando di cinghiali, caprioli, cervi, mufloni e qualsivoglia nel bosco, all'improvviso sentii dei gemiti. Erano un uomo e una donna che stavano facendo l'amore in un prato aperto. Imbarazzato, mi voltai per andarmene, poi, si sa, la curiosità è donna, anzi rettifico: puttana. Ebbene, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: In un certo senso sono d'accordo con te riguardo il fatto che la vendetta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, ti ringrazio per il commento. Guarda, su dove mi sono "inceppato" [...]

Torna su