Ci avevano attaccato all’improvviso, è stata una vera e propria guerriglia. Con le armi che avevamo a disposizione non potevamo fare molto.

Avevo appena preso una mia amica per andare a lavoro quando il cielo si oscurò improvvisamente, un grande boato, poi fragore ovunque. Le persone attonite guardavano sopra le loro teste, piccoli velivoli ovoidali sfrecciavano tra i palazzi sputando laser che colpivano i palazzi riducendoli a brandelli. In pochi minuti ci fu il caos più totale.

Nel tentativo di uscire fuori dall’ingorgo stradale, rimasi imbottigliato nel traffico tra i calcinacci dei palazzi che piovevano da tutte le parti, uno di questi colpì la mia auto. Non trovando altra alternativa scesi dalla macchina, presi per mano la mia amica e cercai in tutta fretta un riparo.

Le strade erano piene di polvere, la gente correva da una parte all’altra, come se un enorme piede avesse schiacciato un formicaio, sembrava un nuovo 11 settembre. Arrivarono delle camionette cariche di soldati armati di tutto punto. Le astronavi continuavano senza sosta nella loro battaglia.

La mia amica urlava in preda al panico, mi fermai per tranquillizzarla e in quel momento si sentì una raffica di artiglieria pesante, su di noi un piccolo velivolo alieno sparava con ferocia ovunque, colpendo la vetrina di un negozio di abbigliamento e mandandola in frantumi. Una scheggia di vetro colpì alla gamba la mia amica. Il velivolo stava puntando verso la nostra direzione, feci in tempo a prenderla in braccio e a trovare riparo in un vicolo stretto.

Dopo essermi sincerato delle sue condizioni, cercai di medicarle la ferita alla bene meglio, dovevamo trovare un riparo sicuro e il più lontano possibile dalla città.

Dalla mia sacca presi le mie pietre di luce, i Luzghalàr e dal mio collo presi il ciondolo degli Aztlàn, un talismano antico donatomi da un uomo-medicina del mio popolo. Posizionai le pietre in cerchio e il talismano al centro in modo da formare un piccolo cerchio alchemico, ci imposi sopra le mani e attivai le pietre che subito si illuminarono, una grande luce azzurra si sprigionò da esse avvolgendo me e la mia amica. In un batter d’occhio ci trovammo in un’autostrada a pochi metri da una galleria, dove alcune persone avevano trovato un riparo sicuro dagli attacchi degli alieni.

Grandi colonne di fumo si alzavano dalla città distante. Recuperai le pietre e le rimisi nella mia sacca, la mia amica mi guardava interdetta e stupita.

«Ma come abbiamo fatto a…?» mi chiese incredula.

«Le domande a dopo, ora dobbiamo trovare un riparo sicuro» dissi prendendola per un braccio e aiutandola ad alzarsi. Ci dirigemmo verso la galleria. Delle persone vennero a darci una mano.

C’erano persone di ogni razza e età, alcune erano ferite. Ci raccontarono di un’enorme astronave che aveva partorito degli altri velivoli ovoidali più piccoli che come uno sciame di insetti inferociti avevano iniziato a sparare laser su ogni cosa si muovesse.

Adagiai la mia amica all’interno della struttura dove c’erano altre persone ferite, aveva il viso pallido e si sentiva molto debole.

Presi dalla mia sacca ancora una volta le mie pietre, ne presi due e le sfregai tra le mie mani, iniziarono a sprigionare della luce verde, ci soffiai sopra, poi tenendole ciascuna per mano le imposi sulla gamba ferita della mia amica che mi informò di sentire un gran calore nella zona interessata. Nel frattempo, alcune persone si erano raggruppate intorno a noi osservando la scena a bocca aperta. Sentivo il loro vocio ma non me ne curavo, continuavo nel mio trattamento. Appena finii di curarla chiesi alla mia amica come si sentisse. Si toccò la gamba e con gli occhi sbarrati mi guardò stupita, la ferita era sparita.

«Co-come hai fatto?» chiese.

«È una lunga storia…» risposi asciugandomi il sudore dalla fronte.

«Io so chi sei…» disse una voce da gruppo di spettatori riuniti intorno a noi.

«Sei un Andelión! Non è così!» disse la voce.

«Credevo si fossero estinti» disse un altro.

«Ma chi è?» chiese un altro.

Li guardai tutti, uno per uno: «Si! Sono un Andelión, il mio popolo erano conosciuti nel vecchio mondo come Nazcharim. Il mio vero nome è Saskaqoatl Xamán Rojo… e sono l’ultimo della mia stirpe.»

 

Santiago Montrés

Tutti i racconti

2
3
8

Una trasferta inaspettata - 1/2

Le indagini di James

12 May 2021

Il nome del vice ispettore Giovanni Calamaretti iniziò ad apparire sugli articoli di cronaca nera in alcuni quotidiani, qualcuno osò pubblicare anche una sfocata fotografia dando comunque l’idea di come fosse il volto dell’uomo che aveva fatto arrestare la banda dei maiali. Di conseguenza qualcuno [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Betty: Grazie Walter, ho già messo in lista di attesa la notte d'amore [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Una trasferta inaspettata... un racconto inaspettato. Geniale e divertentissimo, [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
4
10

Coming out nel 2021

12 May 2021

IL COMING OUT DI UNA LESBICA Siccome non esiste un solo modo per farlo, io vi elenco i modi in cui NON FARLO. DON’T TRY THIS AT HOME!!! 1.Miss t-shirt dell’anno: Presentarvi in giro con una maglia con su scritto: I KISSED KATY PERRY AND SHE WROTE A SONG ABOUT IT! 2.La pubblicità è l’anima [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Sabrina Fontanini: Ciao giuseppe, credo di essere un po' una mosca bianca qua con le mie gayate [...]

  • Betty: Letto tutto, cara Sabrina, ti faccio solo un piccolo appunto: la prossima volta [...]

2
3
9

Elisir Di Una Madre

Poesia

11 May 2021

Si addormenta delicatamente il tuo cuore sul mio animo emozionato, e il tuo dolce respiro si confonde col battito del candore della mia sensibilità. Or sogna dolce angelo gentile, affinché tra le mie braccia materne culla sincera puoi trovar per il tuo succedere nell’avvenire, che il destino ti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
7
17

Involuzione

11 May 2021

Una delle difficoltà del nuovo millennio è la vita dei bambini con genitori separati, questo Alessandro lo sa. Vede sempre suo padre sorridere, nonostante tutte le difficoltà della vita, la lontananza dal figlio, o meglio il fatto di non poterlo abbracciare appena sveglio o prima di andare a dormire [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: P. S. a scanso di equivoci per "scrivere " intendo in pubblico poi [...]

  • Sabrina Fontanini: Ciao Davide, come figlia di genitori separati da adulti mi sono sentita chiamata [...]

2
2
9

L'uomo che inventava le favole

11 May 2021

Dal giorno in cui scomparve, dopo molti anni, pian piano se ne era persa la memoria. Si sapeva soltanto che una mattina Lui si alzò dal letto e, come tutte le mattine, si lavò e si vesti accuratamente, poi guardò Lei e con tono di voce tranquillo disse, Ho smarrito la mia strada, vado a cercarla [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Lampuco se puoi leggi il mio commento a U1344, a parte il consiglio per il [...]

  • Adribel: Racconto delicato e malinconico, come una carezza

10
16
55

Babbo Natale e la sua provenienza

Raccontino natalizio

10 May 2021

Babbo Natale non conosceva la sua nazionalità. Una sera decise di scoprirla e chiese aiuto alla moglie e agli assistenti di Santa Claus Town. La Signora Natale ipotizzava che il marito fosse della Groenlandia, abbandonato dalla balene su una banchisa del Polo Nord, mentre Joll, lo gnomo, affermava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
10

colloquio...

10 May 2021

Mi ritrovo a parlare al tramonto col cuore respiro i suoi dolci raggi il vento porta i messaggi dei gabbiani lontani all’orizzonte sono i miei ricordi viandanti cerco tra i fogli sparsi della mia esistenza una parola adatta un collante di immagini sgargianti per la mia indole narrativa dalla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Bellissima sequenza di versi, liberi, freschi, proprio verso Dio.

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
2
14

Articolo 1 "L'Italia è una Repubblica democratica, il FU fondata sul lavoro"

10 May 2021

"Papà ma noi siamo tutti re? Ehi! Papà mi ascolti? Siamo tutti re? Uffa! Papà, non mi senti, papà, papà..." Paolo continuava a svegliarsi agitato, grondante di sudore, tormentato sempre dallo stesso sogno che lo riportava alla sua infanzia, sempre la stessa domanda che da un bel po' non aveva più [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Adribel: Tristemente vero, specchio dellattuale realtà. complimenti

  • Betty: piaciuto molto, brava!

3
4
14

Il padre di Annabelle

09 May 2021

Ricordi Annabelle non ne aveva belli di suo padre poiché non erano mai sulla stessa onda come si suol dire… lui apparteneva a un mondo diverso dal suo. Aveva sempre cercato di avvicinarsi a lui ma la sua testardaggine e il suo orgoglio non le davano la possibilità. Ma ad Annabelle non le importava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Un racconto che trova ma lti tisvontri mella realtà. Al sentimenyo però [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Angy, sto rispondendo a tutti i tuoi gentili commenti che mi hai rilasciato. [...]

4
6
13

Tutti al mare!

09 May 2021

Tutti al mare! Et voilà! Si può cominciare ad organizzarsi per uscir al sole! Certo è domani il via libera, ma sapete com’è, meglio prepararsi per tempo. Comincia il rito della vestizione, non ancora da indossare ma da catalogare. Costume intero ? Bikini?- boh! I chiletti si vedono, va beh ci metto [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
4
33

I am a reader

09 May 2021

Non mi posso lamentare, ora. Lo so, come scrittore ho fallito. Prendere coscienza della mia mediocrità mi ha permesso di capire quanto fosse inutile insistere in quella direzione. Ci sono troppi scrittori e questo lo sanno tutti. Talmente tanti che hanno di gran lunga superato i lettori. Perché [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Sabrina Fontanini: ahahah ma che bello, io sono una lettrice ovviamente a basso riscontro economico, [...]

  • V A N E S S I: Grazie a tutti voi ❤ Sempre bello ricevere annotazioni e pareri vari....👍😘

2
3
14

Un Piatto Gustoso

Mini Racconto

08 May 2021

Una acuta fitta di frenesia le percorse la schiena, inducendola ad inarcarla verso di lui che, dietro alle sue chiare e setose spalle, era pronto ad accoglierla tra le sue braccia, con gli occhi che gli brillavano di malizioso piacere e tanta voglia di scoprirla più a fondo, ma lei non era mai [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su