C'era una volta o forse due, una bella principessa. Bella che più bella non si può. Aveva due occhi color della muffa delle arance, e due marroni come la crema di nocciole al cioccolato. Qualcuno si chiederà:- Quattro occhi?- Boh e perché no! e che ne so.

Di scarpe portava il quarantacinque, e per guanti due sacchi neri della spazzatura Se girava la testa, il naso produceva uno spostamento d'aria tipo ciclone caraibico. Ovvio che era sotto incantesimo di una specie di strega.

Il Re Paciocco, suo padre, era disperato perché non sarebbe mai riuscito a trovare un marito per quello sgorbio di figlia, ma lui l'amava lo stesso perché aveva solo lei, il suo tesoro. Pensa che ti ripensa, gli venne un'idea luminosissima. Avrebbe bandito un concorso fra tutti i giovanotti del regno e il più 'fortunato' avrebbe avuto in premio la mano della bella Pieralisa. Ordinò al tipografo di corte di stampare migliaia di manifesti con il regolamento del bando di concorso a cui tutti avrebbero dovuto partecipare. In men che non si dica tutto il regno fu tappezzato di fogli colorati.

In un angolo remoto ai confini del reame, in una piccola casa nascosta da una collina dove il sole non arrivava mai, nemmeno la domenica, viveva un ragazzo tanto bello quanto sfortunato. La Jella, che lo vide appena nato si innamorò di lui e decise di non lasciarlo mai. Si sedette sulla sua spalla. Così fornito il povero Pirlotto, così si chiamava, non ne azzeccava una: perdeva tutti i lavori, non riusciva in nulla e le donne travolte dall'emozione per la sua bellezza, svenivano davanti ai suoi piedi. Dopo tante sventure, il giovane decise di non uscire più di casa. Si barricò in camera sua e non parlò più con nessuno. La madre, disperata non sapeva più cosa fare, le aveva tentate tutte, persino una fattucchiera che le disse: <<Cara mia, fintanto che tuo figlio avrà la sfiga seduta sulla spalla non si potrà cambiare il suo destino>>

La buona mamma non aveva nessuna voglia di cedere per cui quando vide il bando del re decise di iscrivere il ragazzo.

Pirlotto non voleva assolutamente partecipare al concorso e ci volle del bello e del buono finche, rassegnato si avviò verso la capitale del regno insieme a tutti gli altri. Inutile dire quanto fosse preoccupato, quanto si sentisse in inferiorità verso gli altri e inadeguato.

Pieralisa appena lo vide disse al babbo <<Spero non sia lui il vincitore, Non mi piace per niente>>

<<Come sarebbe a dire, figlia mia? Un così bel giovane !>>

Cominciarono le gare e una alla volta Pirlotto le vinse tutte. Alla fine quando anche l'ultimo avversario fu sconfitto, Pirlotto fu accompagnato dal gran ciambellano, fin davanti al re e a Pieralisa, più brutta che mai. La Sfiga nel vederla si spaventò al punto che abbandonò definitivamente la spalla del ragazzo. Il re si sentì in dovere di leggere il suo discorso ufficiale, lungo e noioso come tutti i discorsi ufficiali, che nessuno ascolta e tutti sperano che finiscano presto. Pirlotto guardava Pieralisa e la fanciulla pareva farsi più bella, sparivano dal suo viso i bubboni pelosi e i piedi e le mani si ridussero a dimensioni normali, e gli occhi restarono del bellissimo colore delle arance ammuffite. L'incantesimo che la teneva prigioniera spariva a vista d'occhio ed era bellissima. Pirlotto la guardava ed era felice perché era l'unica donna a non cadere svenuta ai suoi piedi. Non si sposarono. la scintilla dell'amore non era scoppiata. Ebbene si, con i soldi del premio (visto che non sposava la principessa gli spettava un grosso premio in fiorini) Pirlotto decise di fare il giro del mondo mentre Pieralisa si dedicò allo studio della parapsicologia, materia che da sempre le piaceva. Vissero tutti felici e contenti anche senza tante storie di nozze e fiori d'arancio.

1
1
5

La banda di mastro Leonardo e il mistero di Ronaldo in campo

Natale in giallo

11 December 2018

Ore 15, l'arbitro sta per fischiare l'inizio dell'incontro di calcio fra Juve e Napoli. L'allenatore dei bianconeri guarda concentrato i suoi ragazzi schierati in campo ma c'è qualcosa che non lo convince. Si gira verso il suo vice, lo scambio di sguardi fra i due è un grande punto interrogativo, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

1
1
2

ESSERCI

11 December 2018

Strapazzi la mia meraviglia col tuo sorriso. Poi attraversiamo la pioggia e dall'altra parte ci sorprende il sole nonostante lo abbiamo visto tante volte. Le tue mani sulle mie spalle come a dire sono qui. Ma io lo so che ci sei. Che il tuo abbraccio è il mio rifugio sicuro. In fondo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

7
7
22

Semper fortis

10 December 2018

La verità è che questa è una frase che tatuerò presto sulla mia pelle. Devi mandare un segnale, devi lottare e passare attraverso tutte le sfumature della solitudine per capire appieno queste parole. C'è stato un periodo in cui avevo bisogno dell'approvazione e del sostegno. Ma la verità è che [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
9

VIAGGIO A BREMA

10 December 2018

Tirolo settentrionale, 1957. "È un po'di tempo che non ci vediamo e mi farebbe piacere rivederti. E farebbe piacere anche a Peter e ai ragazzi". Questo il tono della lettera che Freda aveva scritto a Monika, la sua amica d'infanzia. Così, dopo qualche tentennamento e considerando che era estate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
4
12

Una storia

09 December 2018

Ero poco più che una bambina, quando l'alito appannava i vetri della stanza e stavo ore ad osservare la neve cadere, fantasticando di giocare a palle di neve affondando i piedi nel ghiaccio o soltanto immergervi le mani per formare un gran bel pupazzo tutto da ammirare. Già, perché le mie fragili [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Bello e bella l'idea di fotografie letterarie, similmente racconti che [...]

  • Giofilo: Grazie Puccia...mi fa piacere che approvi l'idea di fotografare la realtà [...]

2
2
15

Vivere

09 December 2018

La dottoressa Knopfer preparava la lezione di biologia. Aveva studiato alla Queen Mary of London e ne divenne docente col tempo ottenendo una cattedra in molecolare. Si laureò in anticipo coi tempi; con l'intuito di un facchino sapeva rendersi utile ancor prima che servisse. Aveva appreso il seme [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
1
8

TERROR  EN  LA  CAPILLA  MORTUARIA

09 December 2018

Carmen si reca al cimitero per far visita ai propri defunti e portare dei fiori. Dopo aver allestito fiori e piante, sta per andar via, quando ricorda di dover portar fuori un secchio con dell'acqua. Scende nella cappella, ma un colpo di vento improvviso fa chiudere il cancelletto della stessa, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
6
17

L'ALTRO NATALE

08 December 2018

E puntuale come ogni anno sta arrivando il Natale, neanche tanto in punta di piedi poi. Lui arriva e basta. Anche se nessuno, me compreso, lo ha invitato. Anche se sinceramente potrei farne a meno. Arriva come ogni anno in uno sfavillio di luci stroboscopiche visibili dalla Luna e odore di caldarroste [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Già potrei darti anche ragione, ciò non toglie che il Natale [...]

  • Fabrizio Arnò: Carissimi Giuseppe, Scrittrice, Walter e Puccia... ognuno di noi vive di emozioni, [...]

8
15
22

Rose blu - Gemelli - 3/3

Natale in giallo (P 3 di 3 Lorena)

08 December 2018

Tre mesi dopo Manuela esce di casa per andare all’università; stamattina esame di sociologia. Sale sul suo scooter, indossa il casco e mentre lo fa con la coda dell’occhio vede una figura che ha un che di conosciuto. L’uomo indossa un paio di Lewis sdruciti, un giubbotto di pelle scuro e occhiali [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Puccia: Bravi tutti, mi unisco a tutti i commenti e bravo anche Walter, bel discorso!

  • Surya: Bravi,bravi, bravi! Siete il top del top entrambi, messi insieme siete stratosferici, [...]

6
6
13

La banda di mastro Leonardo e il mistero degli amici

Natale in giallo

08 December 2018

Il commissario Trabalza stava impazzendo perché da un po di tempo era subissato di denuncie di furti e strani comportamenti ambientali da parte degli amici, erano stati chiamati così i robot di ultima generazione utilizzati per pubblica utilità. Negli uffici postali dietro gli sportelli c'erano [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Walter Fest: Giuseppe voglio essere ripetitivo, i tuoi commenti sono bellissimi, corretti, [...]

  • Puccia: Divertente, sei uno spasso!

4
2
22

Insegnami l'amore

07 December 2018

Amami come io non so fare insegnami l'infinito. raccontami l'amore con le tue mani. Fammi viaggiare nei deserti della passione. Prestami i tuoi occhi per scoprire le sfumature dell'alba. Allenami il cuore. Accarezza le mie paure fino a farle svanire come rugiada in un giorno di sole. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

VITE  VAGANTI 

07 December 2018

Quattro amici si rivedono dopo un anno e decidono di trascorrere insieme un giorno al mare. Partono in auto da Milano e nelle due ore che li separano dalla costiera ligure, decidono di raccontarsi l'ultimo anno vissuto da ognuno di loro. Andrea è tornato da poco dalla Francia, dove si era rifugiato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su