Che ricordo avete dell’esame di maturità? Nel mio caso un vero e proprio particolare momento.

Frequentavo l’ I.P.S.I.A (Istituto professionale per l'industria e artigianato) ed ero stato presentato con dei voti abbastanza buoni, tranne nelle cosiddette materie di punta: matematica e elettronica

In cinque anni a parte il mio scarso rendimento (nonostante tutto il mio impegno possibile), i professori si dimostrarono nei miei confronti per nulla propensi ad aiutarmi, specie Marco Aquilino che insegnava la seconda materia citata.

A tal proposito i due o i tre mi venivano assestati senza pietà e il peggio di me lo davo sulle interrogazioni orali. Ma non ero il solo, persino alcuni miei compagni di scuola avevano il mio stesso e identico problema.

All’epoca, sulle note di “Azzurro” di Adriano Celentano, al professore poco prima che entrasse in classe, gli cantavamo una parodia e di cui ne riporto uno stralcio:

“Aquilino che quando vieni il cielo è sempre grigio per me, mi accorgo di non avere più risorse per colpa dei tre… e allora io quasi quasi faccio campagnola e fuggo, fuggo da te…”

                   

In verità non volevo assolutamente iscrivermi in quella scuola ma fui obbligato dai miei genitori che secondo una loro convinzione ne avrei ricavato in futuro un diploma utile da sfruttare.

Essendo che ero (e sono tutt’oggi) un patito della letteratura, a mio avviso sarebbe stato meglio iscriversi ad un liceo classico, ma non ci fu nulla da fare.

Durante l’iscrizione mi venne fatta scegliere la sezione:

“Elettronica” oppure “Meccanica”.

Scelsi la seconda opzione anche per via del fatto che sapevo usare sufficientemente bene il computer ma mi pentii amaramente già dai primi mesi di frequenza.

Fu una scelta sbagliata, l’elettronica era infarcita di moltissima ed odiosissima matematica (oltre quella studiata separatamente con un’altra insegnante) e che si basava principalmente su una logica spesso incomprensibile per il sottoscritto. Per ovvi motivi, come già detto i brutti voti fioccarono come la neve.

Arrivò finalmente il famoso Giugno 2003 e dopo cinque tediosi anni scolastici non vedevo l’ora di diplomarmi.

A parte che non ne potevo proprio più, altre problematiche appesantivano quel periodo della mia vita, tra cui il bullismo causato dai miei compagni di scuola (anche se affievolito rispetto ai primi anni) e la condizione lavorativa in quanto nei pomeriggi lavoravo duramente in un negozio di casalinghi.

Mi era diventato difficile conciliare lo studio con il lavoro, tutto ciò contribuii moltissimo a farmi stare poco bene, (fisicamente ero dimagrito di molti chili e a livello mentale ero troppo stressato) e diplomarmi avrebbe risolto il 50 % dei miei problemi.

Durante gli esami, sostenemmo in primis le tre prove scritte:

Il tema d’italiano che per mia fortuna lo realizzai con dovizia, parlando in maniera esaustiva della guerra in Iraq, il compito di elettronica al contrario andò in malora e infine dei quiz generici di tutte le materie con dei risultati poco più che modesti.

Venne il fatidico giorno degli orali, nei giorni precedenti mi ero dato da fare anche se a causa del lavoro non cosi bene come avrei voluto poichè i miei ex datori furono poco comprensivi e mi permisero una sola settimana per restare a casa a studiare. Non volevo perdere il lavoro, nonostante la paga piuttosto bassa, non mi andava di privarmi di quella miseria che mi davano.

Ci chiamarono singolarmente per ordine alfabetico e appena fu il mio turno, mi fecero entrare in un classe istituita apposta per l'esame conclusivo. Il mio cuore cominciò a battere forte per l’emozione.

“Un ultimo step e addio scuola!!!”, pensai tra me e me .

I docenti erano disposti in linea orizzontale tramite dei banchi uniti tra di loro e tentarono di farmi sentire subito a mio agio con dei sorrisi oppure con degli occhiolini complici, compreso l’ispettore scolastico Marelli, un autentico pezzo di pane. Tutti tranne uno: Il professore Aquilino.

I professori stavano seduti, l’interrogazione avveniva in piedi e per determinati esercizi mirati a verificare la preparazione del candidato ci si serviva di una lavagna compresa di gesso.

“Oh, Dottor Scilipoti! Anzi, leviamo il dottore dai… giacché non sei manco infermiere!”, esordii con un sorriso malizioso il temuto insegnante di elettronica.

A parte la rigorosità durante le interrogazioni o i compiti scritti, la caratteristica principale di quell’uomo era il suo umorismo molto spesso insolente ed impertinente.

Rappresentai oralmente la mia tesina ai professori cercando di attenermi il più possibile con il programma.

Me la cavai bene con l’italiano (La biografia in breve di Eugenio Montale e le sue opere principali), con la storia (La prima guerra mondiale), con il francese (Le fabbriche in Francia agli inizi del novecento spiegate in lingua originale), con sistemi informatici (Lo schema a blocchi), e con l’educazione fisica (Il calcio).

Con la matematica invece le cose andarono piuttosto male. Nonostante avessi frequentato assiduamente i corsi di recupero pomeridiani, la maledetta materia non ci fu proprio verso per farmela entrare in testa e difatti sbagliai l’intera espressione rappresentata sulla lavagna.

Non volli abbattermi più di tanto, per ultimo mi restò da affrontare lo scoglio più difficile e in cuor mio sapevo che non sarebbe stata facile spuntarla.

Concentrai tutte le mie forze e mi affidai a Dio.

3
5
22

Il truffatore

Incipit

21 April 2019

Sono un bugiardo, uno di quelli senza scrupoli, lo ammetto. Non parlo di piccole bugie, quelle che comunemente si chiamano " bianche ", ma di menzogne serie, in grado di causare danni e dolore alle persone. Perché lo faccio? Ho iniziato per gioco ed ero molto bravo, poi però ho esagerato... mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao a tutti e grazie per aver letto nonostante la giornata festiva e auguri [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Dalle mia parti, nel messinese, fanno le cosiddette pizze bianche, ovvero pizze [...]

1
2
9

Parodia di "La canzone del sole" di Lucio Battisti

21 April 2019

Le bianche tette/ gli occhi azzurri e poi/ le tue chiappette sode/ e la peluria tra le gambe tue/ la prugna ancor più rossa/ E la brandina rotta dove noi/ già scopavamo piano/ e le tue cosce e l'eco dei tuoi dai,/ si dai/... mi stai facendo venire/ Dove sei andata, cosa hai fatto mai/ Brutta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
12

Civico 21 - 1/4

Prima parte

21 April 2019

Scriveva, scriveva, scriveva… lavorava ininterrottamente. Una confusione tremenda quella mattina. Aveva tantissime nuove pratiche da gestire che, sommate a quelle che non era riuscita a smaltire nei giorni precedenti, facevano aumentare vertiginosamente la mole di lavoro. Intanto, in basso a destra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
2
11

La prima volta al mare - 2/2

20 April 2019

In testa voleva mettersi un cappellino, ma non l’aveva trovato. Aveva i cappelli lunghi sciolti e con quelli si copriva il viso. Era tempo di rientrare, il sole scottava nonostante fosse presto. Il riverbero del mare aumentava il potere riscaldante, forse poteva arrischiare di bagnarsi i piedi, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
23

Come respirare

20 April 2019

Se il tempo non si fosse fermato a raccontarmi i tuoi occhi il vento gelido mi avrebbe portato via come terra. Ma le tue dita come radici intrecciate alle mie mi hanno aiutato a resistere alle tempeste. Ora ti guardo come non ho fatto mai perché tu mi sommergi con il tuo amore e poi mi lasci sulla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
19

THE KILLERS

20 April 2019

Erano giorni che non usciva da quella stanza, quella squallida stanza in quella squallida pensione in quella squallida cittadina poco distante da Chicago, triste e dimenticata da tutti. E l'aveva scelta proprio per questo. Così sperava di farla franca. La Pensione della signora Hirsch, a Summit, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
5
22

La prima volta al mare - 1/2

19 April 2019

Claudia non aveva dormito per tutta la notte, tanta era l’emozione di trovarsi in riva al mare. Era la sua prima volta. Lei aveva sedici anni e non aveva mai visto il mare così da vicino. I genitori erano rimasti a dormire nella camera che era stata prenotata per loro. Lei, invece, approfittando [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
17

Il quadro perfetto

19 April 2019

Nel momento dell'aurora il pittore arrivò sulla spiaggia. Il suo scopo era dipingere il momento migliore, quindi si era ben organizzato, con una macchina fotografica per provare l'effetto di ciò che vedeva una volta messo su carta, quindi aveva tutto il necessario per stampare in macchina. Il momento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: ducapaso, hai scritto un componimento a regola d'"arte", non [...]

  • ducapaso: Grazie Giuseppe, sempre troppo buono :-)
    Mi sono ricordato che bisogna [...]

3
2
15

Acquisti

19 April 2019

1) Il robot umanoide di produzione tedesca del film "Grandi magazzini" 2) L'Amiga 500 3) Soldatini di plastica, compresi gli indiani e i cowboy 4) Un tubetto di bolle di sapone 5) Tutte le sigle dei cartoon cantante da Enzo Draghi e Marco Destro 6) Un lecca lecca gigante di Arale dell'Autogrill [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Resta sempre frivolo così e fanciullesc vivrai a lungo felice

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Flavia, senz'altro farò come tu dici. Posso anche superare [...]

4
4
15

Scalata

18 April 2019

Un tonante appello o cosa? Non si tratta dell'eco, ne sono sicuro. Le alture sono rivolte verso di me e hanno chiamato il mio nome. Mi sfidano a salire e a confrontarmi. Non sono un alpino e non dispongo della tenuta giusta. Che fare? Dai, posso farcela, stare fermo equivale a morire e io voglio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Minchia che roba!!!... A parte il parallellismo con fatti intrinsechi e personali, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, sono contento e soddisfatto del commento che mi hai lasciato. [...]

3
3
11

Regalami una storia

18 April 2019

II vecchio si alzò a fatica, le ginocchia dolenti, un pacco di libri tra le mani. Come gli era venuto in mente di mettere ordine? Erano anni che le cose andavano avanti così, alla rinfusa. Per modo di dire, andavano avanti. Si guardò intorno. Un tempo era stata una bella libreria, non tanto grande, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: Si. Confermo il commento di Francesca, ti prende e si fa leggere!

  • Giuseppe Scilipoti: Wow, un "Mi piace! convinto!
    Araba Fenice ci regala una storia, degna [...]

2
6
20

Un'altra occasione - 3/3

18 April 2019

Si fermò a comprare un mazzo di rose, si sentiva di aver avuto una seconda occasione che voleva sfruttare al massimo. L'aver organizzato un fine settimana al mare, poi, sembrava cadere a pennello con i suoi propositi: si sarebbero rilassati lontani dalla routine quotidiana, lì ricominciare sarebbe [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: Mi sono sentito nei panni del fedifrago, non so se era più stretto il [...]

  • Francesca: Grazie cercherò di farlo!

Torna su