Che ricordo avete dell’esame di maturità? Nel mio caso un vero e proprio particolare momento.

Frequentavo l’ I.P.S.I.A (Istituto professionale per l'industria e artigianato) ed ero stato presentato con dei voti abbastanza buoni, tranne nelle cosiddette materie di punta: matematica e elettronica

In cinque anni a parte il mio scarso rendimento (nonostante tutto il mio impegno possibile), i professori si dimostrarono nei miei confronti per nulla propensi ad aiutarmi, specie Marco Aquilino che insegnava la seconda materia citata.

A tal proposito i due o i tre mi venivano assestati senza pietà e il peggio di me lo davo sulle interrogazioni orali. Ma non ero il solo, persino alcuni miei compagni di scuola avevano il mio stesso e identico problema.

All’epoca, sulle note di “Azzurro” di Adriano Celentano, al professore poco prima che entrasse in classe, gli cantavamo una parodia e di cui ne riporto uno stralcio:

“Aquilino che quando vieni il cielo è sempre grigio per me, mi accorgo di non avere più risorse per colpa dei tre… e allora io quasi quasi faccio campagnola e fuggo, fuggo da te…”

                   

In verità non volevo assolutamente iscrivermi in quella scuola ma fui obbligato dai miei genitori che secondo una loro convinzione ne avrei ricavato in futuro un diploma utile da sfruttare.

Essendo che ero (e sono tutt’oggi) un patito della letteratura, a mio avviso sarebbe stato meglio iscriversi ad un liceo classico, ma non ci fu nulla da fare.

Durante l’iscrizione mi venne fatta scegliere la sezione:

“Elettronica” oppure “Meccanica”.

Scelsi la seconda opzione anche per via del fatto che sapevo usare sufficientemente bene il computer ma mi pentii amaramente già dai primi mesi di frequenza.

Fu una scelta sbagliata, l’elettronica era infarcita di moltissima ed odiosissima matematica (oltre quella studiata separatamente con un’altra insegnante) e che si basava principalmente su una logica spesso incomprensibile per il sottoscritto. Per ovvi motivi, come già detto i brutti voti fioccarono come la neve.

Arrivò finalmente il famoso Giugno 2003 e dopo cinque tediosi anni scolastici non vedevo l’ora di diplomarmi.

A parte che non ne potevo proprio più, altre problematiche appesantivano quel periodo della mia vita, tra cui il bullismo causato dai miei compagni di scuola (anche se affievolito rispetto ai primi anni) e la condizione lavorativa in quanto nei pomeriggi lavoravo duramente in un negozio di casalinghi.

Mi era diventato difficile conciliare lo studio con il lavoro, tutto ciò contribuii moltissimo a farmi stare poco bene, (fisicamente ero dimagrito di molti chili e a livello mentale ero troppo stressato) e diplomarmi avrebbe risolto il 50 % dei miei problemi.

Durante gli esami, sostenemmo in primis le tre prove scritte:

Il tema d’italiano che per mia fortuna lo realizzai con dovizia, parlando in maniera esaustiva della guerra in Iraq, il compito di elettronica al contrario andò in malora e infine dei quiz generici di tutte le materie con dei risultati poco più che modesti.

Venne il fatidico giorno degli orali, nei giorni precedenti mi ero dato da fare anche se a causa del lavoro non cosi bene come avrei voluto poichè i miei ex datori furono poco comprensivi e mi permisero una sola settimana per restare a casa a studiare. Non volevo perdere il lavoro, nonostante la paga piuttosto bassa, non mi andava di privarmi di quella miseria che mi davano.

Ci chiamarono singolarmente per ordine alfabetico e appena fu il mio turno, mi fecero entrare in un classe istituita apposta per l'esame conclusivo. Il mio cuore cominciò a battere forte per l’emozione.

“Un ultimo step e addio scuola!!!”, pensai tra me e me .

I docenti erano disposti in linea orizzontale tramite dei banchi uniti tra di loro e tentarono di farmi sentire subito a mio agio con dei sorrisi oppure con degli occhiolini complici, compreso l’ispettore scolastico Marelli, un autentico pezzo di pane. Tutti tranne uno: Il professore Aquilino.

I professori stavano seduti, l’interrogazione avveniva in piedi e per determinati esercizi mirati a verificare la preparazione del candidato ci si serviva di una lavagna compresa di gesso.

“Oh, Dottor Scilipoti! Anzi, leviamo il dottore dai… giacché non sei manco infermiere!”, esordii con un sorriso malizioso il temuto insegnante di elettronica.

A parte la rigorosità durante le interrogazioni o i compiti scritti, la caratteristica principale di quell’uomo era il suo umorismo molto spesso insolente ed impertinente.

Rappresentai oralmente la mia tesina ai professori cercando di attenermi il più possibile con il programma.

Me la cavai bene con l’italiano (La biografia in breve di Eugenio Montale e le sue opere principali), con la storia (La prima guerra mondiale), con il francese (Le fabbriche in Francia agli inizi del novecento spiegate in lingua originale), con sistemi informatici (Lo schema a blocchi), e con l’educazione fisica (Il calcio).

Con la matematica invece le cose andarono piuttosto male. Nonostante avessi frequentato assiduamente i corsi di recupero pomeridiani, la maledetta materia non ci fu proprio verso per farmela entrare in testa e difatti sbagliai l’intera espressione rappresentata sulla lavagna.

Non volli abbattermi più di tanto, per ultimo mi restò da affrontare lo scoglio più difficile e in cuor mio sapevo che non sarebbe stata facile spuntarla.

Concentrai tutte le mie forze e mi affidai a Dio.

3
5
10

Il viaggio a Londra

speranza e disperzione

25 June 2019

Una giornata piovigginosa del mese di dicembre dell'anno 1976, un gruppetto di ventiquattro donne è in attesa della carta d'imbarco all'aeroporto di Torino Caselle. Le donne non si conoscono fra di loro e si guardano smarrite e un tantino spaventate, per alcune è la prima volta in aereo e Londra [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

3
3
7

Una sera, in viaggio

25 June 2019

Vespero fa da valletto a Selene quando Indaco prende cielo al Pavone. Mi congedo con un sorriso dal mio passato e volgo lo sguardo al domani

Tempo di lettura: 30 secondi

4
9
28

Ultimo pensiero

24 June 2019

Stringi forte la mia mano e mi torna alla mente il giorno in cui sei nata e rimasi a contare una ad una le tue piccole dita per assicurarmi che ci fossero tutte. Non essere triste bambina mia, non piangere, sono stata fortunata: ti ho vista crescere, gioire e piangere, anche se solo per sei anni, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: Il racconto mi piace e evoca in me quella fredda amarezza che ho cercato per [...]

  • Francesca: Grazie Ducapaso.. contenta ti sia piaciuto😊

5
5
22

FINO ALLE STELLE

24 June 2019

La cella sa di muffa. Fuori il cielo di Saint Louis vibra come lenzuola stese. Sulle pareti, nomi e oscenità. "Johnny was here" la scritta più calcata, come se l’autore avesse avuto troppe ore a disposizione per incidere, temperino sulla pietra, la sua vita là dentro. Ogni giorno un solco. Che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Molto bello forse un tantino lontano dal mio pensare ma mi è piaciuto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Vito, la musica, una sfrenata voglia di musica e voglia arrivare non semplicemente [...]

5
9
24

Mar D’Amore

23 June 2019

Non siamo che navi sul mare color zaffiro che fluttuano lungo il battito del cuore delle onde. Per troppo tempo, abbiano navigato su un difficile corso seguendo due oceani separati. Ma ora è il momento di cambiare le nostre vele e di incrociare i nostri flussi, navigando dolcemente insieme. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Francesca: Intanto.. ufficialmente AUGURI per il traguardo raggiunto.. un bel peso in [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter: All right!!!

    x Francesca: un "mare" di grazie, [...]

4
5
26

La valigia sul letto

23 June 2019

C'era un gran bisogno d'insegnanti, in Italia, tra la metà degli anni '60 e quasi tutti i '70, specialmente nelle regioni del Nord dove, in caso di necessità, le cattedre erano affidate anche ai non laureati. L'introduzione dell'obbligo scolastico fino a quattordici anni aveva previsto anche una [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
13

Rumore

22 June 2019

Vivo sospeso in questo tempo incerto come foglia d'autunno violentata dal vento Ho l'anima levigata come sasso di fiume nel lento scorrere dei passati anni e rimango con la mia inquietudine con il cuore sgualcito in questa strana liturgia del dispiacere ascoltando in silenzio ...tutto il [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
17
35

Il Commiato

22 June 2019

Il commiato è veloce, spietato, agghiacciante. Il commiato non si serve di mezze parole, di aggiustamenti di tiro, di giravolte verbali. Il commiato è tutto in dieci parole messe in fila e studiate una ad una. Le hanno messe giù fior fiori di “giuslavoristi”, imprenditori, managers… sssssssss… [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Francesca: Sandro mi trovo d'accordo con Walter, bello il tema e scritto benissimo, [...]

  • Sandro Amici: Buonasera Francesca. Devo dissentire, o dobbiamo dare ragione alle statistiche [...]

3
2
14

LA FIAMMELLA DI CARBURO

21 June 2019

Sappiate che il buio copula con la luce, vibra, dardeggia, ansima come il mio esausto coraggio. In questo intestino nella terra del deserto d'Australia, una miniera per sogni miserabili, il miraggio dell'opale mi ha catturato come una ragnatela, io che soffro di claustrofobia sono stato attirato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
5
19

JCS - 4/4

21 June 2019

Martedì 11 maggio ero a casa di Gianni a studiare. Accendiamo la radio per ascoltare PER VOI GIOVANI, programma che seguivamo spesso, e, alle 17.15, trasmettono il servizio e l'intervista sulla Prima del nostro JCS. Che emozione sentir parlare di noi e risentire le nostre voci in onda in tutta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Adalberto: Salve, lettrici e lettori. Mi fa piacere abbiate condiviso queste mie "parole". [...]

  • flavia: ti aspettiamo sotto alla Madonnina

4
12
24

La dieta

tutta ciccia e brufoli

20 June 2019

Una coppa di gelato una fetta di torta al cioccolato un cantuccino immerso nel vin santo i confetti sparsi sul sagrato dagli sposi e ho mangiato. Oggi digiuno, frigo vuoto solo una fetta di arrosto raffreddato poco appetitoso se riscaldato, cucinerò stasera un timballo di maccheroni o un pasticcio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
18

JCS - 3/4

20 June 2019

Radunai amici e amiche ed esposi il mio progetto, proponendo a molti di loro di esserne gli interpreti. Mi ero già fatto un'idea sui personaggi principali: Renato sarebbe stato un Gesù un po’ smunto e sofferente, la sua morte in croce sarebbe stata molto sentita; a Rino toccava l'ingrato ruolo [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ho dovuto riscrivere la disamina sia perchè mi ero accorto che c'erano [...]

  • Francesca: Che bella esperienza.. certo che ne hai di storie da raccontare!

Torna su