Un accorto osservatore, soltanto nel scorgerla di sfuggita, poteva percepire un'idea pressoché fedele del suo Io interiore. Evelina era di una bellezza diafana, gli occhi cerulei, una scintillante chioma rossa di rubino; e negli affilati tratti ben disegnati del viso portava tenui efelidi della simpatia. Le spalle esili facevano pendant col rigonfiamento anteriore dei minuti seni; dalla punta dei piedi a quella del naso, una felice simmetria offriva armoniosa piacevolezza ogni qualvolta la si guardasse.

Secondo Evelina, le persone erano fatte di vetro. Più precisamente, all'interno di ognuno il sangue dei globuli bianchi, rossi e piastrine, con il suo apparato di vene e arterie collegato alla pompa-motore chiamato cuore, era tutto una bugia. Dentro, seguendo il suo personalissimo parere, l'anatomia umana custodiva il fragile tempio dell'anima, composto di vetro e cristalli, niente più.

Ecco cosa percepiva l'accorto osservatore chiamato in causa poc'anzi, se osservava Evelina.

La sua sensibilità non era proprio un segreto. Appena ventitreenne aveva coraggiosamente optato per il volontariato in Kenya. Aiutare i meno abbienti le dava un senso di completezza, nonché un notevole sprint per proseguire nei misteri del mondo; fiato di vita nei polmoni di un naufrago.

Purtroppo, il caso seppe essere molto avaro con Evelina. Come per ripicca, vedendola ostinata a dare in dono tutta se stessa, la medesima provvidenza che le aveva offerto tempi buoni e occasioni polpose volle che il demone della fibromialgia s'insinuasse nel suo tessuto muscolare già in giovanissima età, appena ventiquattrenne. Così, il mondo circostante abitato da corridori arrivisti, opportunisti bendati di apparenze e anime sorde, non le lasciava adito di progressione, etichettandola come una povera lunatica in cerca di compatimento.

Il peggio che poteva capitare al suo minuscolo ego le piombò addosso di colpo. Inesorabile come la presa di un rapace, la morte, in questo caso del suo gatto Renoir, la spinse in uno stato mentale instabile, distorto, come una sorta di depressione consenziente, a cui ci si sottomette per credere di stare meglio. Renoir era l'unico suo amico, undici anni che condividevano lo stesso appartamento, il solo psicologo che la capiva. Nessuno sapeva darle conforto quanto quel vecchio gatto persiano. Lo trovò ridotto a una fetta di pancarré, spiaccicato sul selciato con i segni dei pneumatici sul dorso.

Quando un colpo troppo duro incrina il cristallo dell'anima bisogna essere machiavellicamente obiettivi e razionali per non infrangersi del tutto; e lasciare che il tempo agisca da collante dentro le spaccature, l'arte del kintsugi che fugge dalla metafora per compiersi nella realtà. Evelina lo sapeva, doveva trovare il ramo buono su cui aggrapparsi per non cadere. Il baratro sarebbe stato fondo. Molto fondo.

Qualsiasi pretesto per distrarsi poteva aiutare, seppur fittizio, come un complimento sontuoso, un commento digitale, magari anche un semplice “mi piaci” propinato a titolo gratuito. Decise di postare sul proprio profilo social una sua foto in Africa, con in braccio un bimbo keniota dal sorriso privo di incisivi. Ai tempi in cui avevano scattato la foto, la fibromialgia era ai primi esordi. Evelina aveva un'espressione incerta, quasi obbligata, l'aspetto fortemente smagrito e la camicia di lino con i pantaloncini madidi di sudori presentavano aloni sparsi qua e là. Quel giorno imperavano quarantacinque gradi al villaggio, un caldo che spaccava le pietre.

Nonostante tutto, per la bella rossa la foto era un caro ricordo, il piccolo Baba aveva appena ricevuto i soldi della retta scolastica. Immortalare il momento era un vincolo doveroso, bisognava suggellare il lieto evento e successe pressapoco come quando si lancia una bottiglia di Champagne su d'un transatlantico per inaugurarlo, ma quella non si rompe.

La foto approdò nel mondo virtuale. Un nanosecondo per finire alla mercé di tutti. Miracoli tecnologici. Venne intercettata da un gruppo costituito da perdigiorno, analfabeti funzionali, uomini e donne di età diverse con in comune la straziante condizione d'esser annoiati. La apparecchiarono sulla loro pagina, e presero a opinare. Incominciò un primo utente, un giovane con i brufoli e la peluria puerile sopra le labbra, commentò:

A questa le hanno spruzzato merda in faccia, cagata dalle mosche lol” alludendo alle lentiggini. Seguì il commento di un altro utente, un uomo di circa quarant'anni, pochi capelli solo ai lati, occhialini, leggermente sovrappeso, tra le foto personali una teglia di lasagne con didascalia “le ha fatte mia mami”,. Scriveva:

Vanno in afrika coi nostri soldi per cercare il negro e farsi trombare, poi si lamentano se le violentano”. 

Un altro rispose: “se questa zoccola me la scopo si spezza, altro che negri, se la metti incinta abortisce a piscio.”

Una donna attempata con il Cristo crocifisso alle spalle, diceva:

Anoressica, si vede che sta male, vanno a prendersi le malattie e ce le portano qua.”

Ancora a seguire un altro utente: “Con i stracci ke ai adosso non cè riskio ke ti sequestrano, anke se sembri un bel po buttana se muori non frega niente a ness1”.

Sembravano i bambini soldato dei ribelli. Le loro micidiali parole come i mitra in braccio a degli imberbi sprovveduti.

Le persone sono fatte di vetro.

Dal momento che Evelina non proseguì oltre la sfilza di commenti d'odio, quarantasette per l'esattezza, verrà interamente risparmiata al lettore che si intrattiene con questo breve scritto. È sufficiente partecipare lo stimato suddetto lettore che, una volta toccato il fondo, la perseveranza con cui proseguirono a grattare fino a strapparsi le unghie sorprese persino il diavolo, che da dietro la spalla di Evelina leggeva eccitato e ogni tanto segnava appunti.

Le persone sono fatte di vetro.

Evelina aprì l'armadietto sopra al lavandino del bagno, provava ribrezzo nel vedersi allo specchio, il proprio riflesso che la spiava la faceva sentire miserabile.

La scatola di valium è lì, dove l'hai lasciata.

Una pillola, grosso sorso d'acqua e giù, seconda pillola, stesso rito, terza, quarta e via un blister; secondo blister; all'undicesima ebbe un rigetto. Un timido conato le diede il campanello d'allarme, poteva rimanerci sul serio con tutto quel diazepam. Ma la tenacia dell'essere umano, quando veramente si fissa su qualcosa, è una forza sorprendentemente formidabile. Quando si parla di buona volontà alla stregua di petrolio e energia solare.

Evelina si adagiò in vasca e prese a tracciarsi i polsi con una lametta.

Quando il freddo cominciò ad accarezzarle i sensi, udì in lontananza il suono delle campane. Constatò che il suo ultimo giorno di vita l'aveva presa in giro; prima provandole che le persone fossero fatte di vetro, poi sbugiardandosi dalla pozza vermiglia di sangue in cui riversava.

 

 

Note: Il nome Evelina ha origine germanica e indica “ragione, diritto, legge”. Il significato si può tradurre in: persona che ringrazia col sorriso.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
6

Disastro aereo

09 August 2020

La sera andavamo in quei quattro cinque posti a bere birra scura e se il barista era volenteroso potevi farti preparare un gin and tonic con Hendrix e qualche goccia di angostura; sempre che non fosse finito il gin, altrimenti dovevi spostarti altrove, ma sempre sul finire della serata; poi accorgerti [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

4
2
12

La pizza surgelata

09 August 2020

Desidero comprare una pizza Margherita al supermercato, ma tutto ciò che è rimasto nel reparto surgelati è una pizza con salame e peperoni chiamata Mexican Red Baron. Manfred von Richthofen era un asso dell'aviazione tedesca, dunque mi chiedo: perché sullo scatolo è disegnato con dei baffoni fuori [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Pizza con salame e peperoni + birra gelata + gelatino = serata con sorriso [...]

  • Patapump: Quando volo al di sopra delle trincee fortificate e i soldati gridano di gioia [...]

4
4
27

Dream Machine

Incipit di un romanzo appena iniziato e che mai finirò

08 August 2020

- Pronto... ci sei? Pronto? - - Ohi ma... che fai, mi chiami alle 3 di notte? Cosa succede? - - Oh ciao scusa l’ora, non ti avrei disturbato se non fosse stato urgente... - - Oddio, che è successo? - - Ma no niente, ti ricordi quella diavoleria acquistata online? - - Embè? - - Mi è arrivata con [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
7

The New Priest

Le nuove storie americane

08 August 2020

A seguito della prematura dipartita di Padre Vincent e al successivo scandalo che venne fuori, il Vaticano oltre che prendere le distanze, cercò come si conviene a un’istituzione di questo genere di fare ammenda. A Roma nel frattempo era stato eletto come Papa Clemente Pontini, dopo l’improvvisa [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
12

Un viaggio nel bosco delle creature magiche

07 August 2020

C’era una volta una bambina di nome Rosa che possedeva una fervida immaginazione e aveva molti sogni nel cassetto, vedeva il mondo a colori ed era innocente come qualsiasi bambino di questo mondo. Rosa era una grande sognatrice e credeva che tutti fossero buoni e innocenti come lei, anche se i [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: Come sempre un racconto che sente di freschezza giovanile, di menta profumata. [...]

  • AmorLibre: Grazie Ricky ❤️
    Un saluto 😊

5
4
22

Trincee

07 August 2020

Il lungo combattimento volgeva al termine assieme alla cacofonia di spari e grida. Il campo di battaglia era disseminato di corpi, molti dei quali aggrappati al filo spinato, gocciolando sudore e sangue tanto da macchiare l'erba di rosso. A un certo punto lo sparo di una pistola di un agonizzante [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: La vicenda la legò alla prima guerra..cosi a pelle. Ho visto le loro [...]

  • Littlepapes: Immediato e diretto. Mi piace. Unica cosa che un po' mi stona: quel "A [...]

2
4
18

La ballata del soldo

06 August 2020

I soldi. Dio, carta e filigrana. Non c'è trinità che tenga, acqua per dissetarsi o valori morali nelle fondamenta dell'umanità, quando si tratta di denaro. Barbie Cat aveva i capelli fatti di raggi di sole e le labbra morbide di mollica, il visotto pieno come pane appena sfornato. Bella e umana, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
6
14

MEMORIE

06 August 2020

Ho pezzi di cuore In memorie lontane... Ho costeggiato a volte per sentirmi sicura... Ma poi ho subito remato avanti Portandomi dietro queste memorie Per poi viverne di nuove Il cuore, la vita è questa... Battiti di emozioni e respiri Dove ogni giorno prende un senso E da queste profonde memorie [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Vicky: VANESSI ti ringrazio e mi fanno piacere le tue parole😊

  • Vicky: Giuseppe Scillipoti mi fa piacere che il tuo mi piace sia doppio
    😊

3
4
19

MONTAGNA NOTTURNA

05 August 2020

Mi sveglio di notte, l'insonnia anche in vacanza è mia compagna fedele. Una sigaretta mi tiene compagnia, mentre sono in vacanza e ogni pensiero é spazzato assai via. In uno splendido villaggio dove emergono odori di tigli e profumi di arbusti da me poco conosciuti ma con amore vissuti grazie agli [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: Qua Ilaria mi hai fatto rivedere la mia Val Gardena. Buon tutto. RICKY

  • Ilaria: Grazie a tutti per capire i miei stati d'animo più interni

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
7
22

L'archeologo

05 August 2020

Non riesco ancora a crederci. Che scoperta sensazionale! Provo un piacere indescrivibile. Piango, piango e più piango, più accresce la soddisfazione riguardo il ritrovamento archeologico. Ma piango anche per i miei colleghi che non ce l'hanno fatta, vittime delle diaboliche trappole collocate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
15

la notte...

04 August 2020

la notte mi cala sugli occhi le palpabre calano sul sipario del mondo per aprirsi nell'universo stellato dell'inconscio rilasso il mio corpo divento scrigno di pensieri raccolti di grano gemme di foglie pietra di fiume e corro per le galassie a parlare con le stelle di giorni lontani per svegliarmi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
19

Terra e anime

Dedicato al Giardino Lorenzo Giusti (L’orto dei Giusti) - Via Ilio Barontini 13 40138 Bologna BO

04 August 2020

"L’orto dei Giusti è ciò che le persone dovrebbero calpestare almeno una volta. Una Porziuncola, un piccolo terreno recintato, incastonato come un diamante nero di terra resa fertile dall’estro e dalle appartenenze degli uomini. Adorno di invasi colmi di terra grassa, coltivata perché potesse esprimere [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su