Ho sempre amato la pizza, nello specifico la Margherita, tanto da annoverarla come il mio cibo preferito.                                            

Ora, non so se i gusti delle pizze vanno scritti in maiuscolo, mettiamo non fosse necessario, la cosa mi starebbe bene tranne sulla già citata pizza in quanto per me è la Regina delle pizze.

Sono talmente fissato che se qualche donna si dovesse chiamare in questo modo, non penserei mai e poi mai al fiore ma direttamente la pizza in questione, non ci posso fare niente.

Idem la "Margherita" di Riccardo Cocciante specie la parte finale del brano:

 

Perché Margherita è tutto, ed è lei la mia pazzia (dato il mio elogio ci starebbe la parola "pizza")
Margherita, Margherita
Margherita, adesso è mia
Margherita è mia

 

È cosi semplice, pochi ma appetibili ingredienti ovvero farina, acqua, lievito, mozzarella, pomodoro, olio crudo e come ciliegina sulla torta, pardon, sulla pizza del basilico fresco.

Riguardo l'impasto prediligo il tipo sottile, odio la pizza gomma, a tal proposito non potrò mai dimenticare una Margheritona degna di nota, (giusto per usare un eufemismo) mangiata con autentico sdegno circa 8 anni fa, precisamente durante le vacanze in Grecia, a Rodi, quando in una pizzeria italogreca mi fu servito un autentico copertone col sugo e del formaggiazzo di cattivo gusto.

Senz'altro la Margherita peggiore della mia vita, una pizza da Michelin e non mi riferisco alla famosa Guida francese che tra le tante cose prende in esame pure la gastronomia.

Vi starete chiedendo se a volte mi è capitato di cambiare pizza, vero?

Di norma prendo sempre la stessa però ogni tanto mi concedo qualche diversivo, ad esempio mi capita di scegliere la Biancaneve avente solo mozzarella, olio e origano o la quattro formaggi, oppure la Margherita con würstel, insomma sempre e comunque delle pizze derivate della Regina anche se in verità dopo averle divorate rimango spesso con quel senso di insoddisfazione e, tanto per (non) cambiare, le volte successive tendo sempre e comunque a ritornare al mio vecchio amore.

Probabilmente in termini di gusti posso apparire scontato, me ne rendo conto, ebbene a questo punto, dopo aver fatto 30, faccio 31 e mi sembra doveroso raccontare un aneddoto.

Tanti anni fa, mentre svolgevo il mestiere di soldato, in una trasferta per un campo militare in Campania, precisamente a Battipaglia, una sera, io e miei ex commilitoni, essendo in libera uscita, dopo un certo girovagare su dove andare a mettere qualcosa sotto i denti, decidemmo di mangiare una pizza in uno dei locali migliori della città che ci fu consigliato da un maresciallo originario di quei luoghi.

Appena entrati al BattiPizza ci sedemmo in un lungo tavolo, ci vennero portati dei grossi menù e mi risulta impossibile descrivere lo stupore derivato dalla sterminata tipologia di pizze, ben 500!!!

C'era la pizza con i fagioli, la pizza col radicchio, la pizza con svariati salumi, la pizza al sushi, la pizza ai surimi, la pizza alla brasiliana con palmito ed il catupiry (un formaggio cremoso) per non parlare delle pizze alla frutta (ananas, mela, cocco, avocado, alla macedonia etc.) fino ad arrivare alle pizze dolci tipo quella al cioccolato, alle nocciole, alla marmellata e pizze gelato.

Sotto il menù c'era scritto:

"Guaglione, se non sei contento del menù, dimmi che pizza vuoi e ti di dirò chi sei!"

Ridemmo su queste parole scritte in grassetto poiché nella lunghissima lista, pensammo che ogni fantasia tendeva ad essere già soddisfatta a priori.

Per circa mezz'ora o poco più, restammo a decidere quale pizza ordinare, giustamente leggere tutte le 500 tipologie richiedeva tempo, alla fine ognuno fece la sua scelta e indovinate quale pizza prese il sottoscritto?

Ma è logico la Margherita, pizza che si ama non si cambia!

Non nascondo che questa mia preferenza fece e fa storcere il naso a più di una persona, infatti solo Dio sa quanto mi irrito quando qualcuno fa osservazioni su cosa mangio, inoltre odio da morire la frase: "Sempre la stessa cosa!"

Ad esempio le mie ex due fidanzate, durante le nostre serate in pizzeria tendevano a criticarmi, ogni tanto addirittura gracchiavano più del dovuto riguardo appunto la mia solita ed insindacabile scelta, solo una volta le accontentai entrambe prendendo due pizze diverse, cioè una pizza con le noci e una norma, sebbene in quest'ultimo caso mi fu ordinata a tradimento mentre ero in bagno a lavarmi le mani ma per non creare polemiche, strinsi i denti e la mangiai in maniera inappagata.

"Toglietemi tutto ma non il mio Breil" recitava un famoso spot sugli orologi.

"Toglietemi tutto ma non la mia Margherita" affermo invece io.

Visto che seguo Eros Ramazzotti, adesso faccio una parodia di alcune note de ‘Più bella cosa’, con la speranza che il cantante non la prenda a male, del resto è per una giusta causa.

 

"Ne mangerei di più. Per dirtelo ancora per dirti che, più buona cosa non c'è, più buona cosa di te. Unica come sei. Soffice quando vuoi. Grazie di esistere!"

 

Ok, penso di aver reso perfettamente l'idea, credo di aver detto abbastanza, per evitare che il mio componimento diventi una pizza e siccome tra breve è orario di cena, se stasera deciderete di mangiarvi una rotondaovale oppure una quadrata a teglia non mi resta che dire "buona pizza a tutti!" mentre agli intenditori faccio un augurio speciale:

"Buona Margherita a tutti!"

 

Ah, mi raccomando:

non dimenticate le birre, pazienza se lievita la pancia, si vive una volta sola!

1
1
8

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
6

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
10

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
5
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Camillina: Adesso mancano i murale ecologici come quello dipinto su una facciata di Roma. [...]

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

1
2
8

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
12

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
14

POVERI MA BELLI

Ovvero, dialogo anni ’60 fra due sfigati romani ai tavolini di un bar gelateria di Piazza Navona

14 December 2018

- Ahò! E svejate core!! Che' stai a ffà tutto er giorno ar sole a magnà gelati!!! - Anvedi er Fuffas!!! - Ahò, che ffai? - No’ vedi, pijo er sole, no? E me magno pure er gelato a' Tre scalini, a' faccia loro... - Ma cccambia bare, vattene de fronte e te guardi er Bernini e er Borromini! - Ma che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Enrico Costa: C'erano romani che a RC volevano portare cultura specifica, e romani che [...]

  • Puccia: Bello, poi il dialetto romanesco mi acchiappa sempre anche se sono milanese.

3
1
13

L’ASTICE CUI TENDEVI…

13 December 2018

- Hai messo in freezer il tuo amore! Ti sento lontana! - La solfa si ripeteva da qualche tempo e lei non sapeva come farglielo capire. Eppure quella domenica erano andati a pranzo fuori: finalmente soli! Era una tiepida giornata di metà settembre e avevano deciso per il solito Ristorante sul [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
0
8

Nel museo dell'opera dei pupi

13 December 2018

Il guardiano controllò che tutte le porte e gli infissi del museo fossero chiusi per la nottata. Quel palazzo, che un tempo era stato adibito ad altre mansioni, ora era stato trasformato per accogliere una tradizione siciliana, che era conosciuta e frequentata da tutti ma che, in seguito alle nuove [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
4
12

solo un padre

12 December 2018

I tuoi occhi nei miei Ti stringo amore mio Tu che mi hai donato l’amore Io che ti ho donato la vita Ti cercherò domani e tu mi darai la mano Cammineremo tra strade senza più barriere, tra giochi d’infinito e sguardi di bellezza Accompagnerò i tuoi sorrisi in silenzio e giocherò alla vita regalandoti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Ilaria: Sono una figlia e leggere queste parole mi fa solo venire in mente l'amore [...]

  • tre stagioni: Grazie Ilaria per le tue parole. Sarò forse un padre all'antica [...]

Torna su