Ho sempre amato la pizza, nello specifico la Margherita, tanto da annoverarla come il mio cibo preferito.                                            

Ora, non so se i gusti delle pizze vanno scritti in maiuscolo, mettiamo non fosse necessario, la cosa mi starebbe bene tranne sulla già citata pizza in quanto per me è la Regina delle pizze.

Sono talmente fissato che se qualche donna si dovesse chiamare in questo modo, non penserei mai e poi mai al fiore ma direttamente la pizza in questione, non ci posso fare niente.

Idem la "Margherita" di Riccardo Cocciante specie la parte finale del brano:

 

Perché Margherita è tutto, ed è lei la mia pazzia (dato il mio elogio ci starebbe la parola "pizza")
Margherita, Margherita
Margherita, adesso è mia
Margherita è mia

 

È cosi semplice, pochi ma appetibili ingredienti ovvero farina, acqua, lievito, mozzarella, pomodoro, olio crudo e come ciliegina sulla torta, pardon, sulla pizza del basilico fresco.

Riguardo l'impasto prediligo il tipo sottile, odio la pizza gomma, a tal proposito non potrò mai dimenticare una Margheritona degna di nota, (giusto per usare un eufemismo) mangiata con autentico sdegno circa 8 anni fa, precisamente durante le vacanze in Grecia, a Rodi, quando in una pizzeria italogreca mi fu servito un autentico copertone col sugo e del formaggiazzo di cattivo gusto.

Senz'altro la Margherita peggiore della mia vita, una pizza da Michelin e non mi riferisco alla famosa Guida francese che tra le tante cose prende in esame pure la gastronomia.

Vi starete chiedendo se a volte mi è capitato di cambiare pizza, vero?

Di norma prendo sempre la stessa però ogni tanto mi concedo qualche diversivo, ad esempio mi capita di scegliere la Biancaneve avente solo mozzarella, olio e origano o la quattro formaggi, oppure la Margherita con würstel, insomma sempre e comunque delle pizze derivate della Regina anche se in verità dopo averle divorate rimango spesso con quel senso di insoddisfazione e, tanto per (non) cambiare, le volte successive tendo sempre e comunque a ritornare al mio vecchio amore.

Probabilmente in termini di gusti posso apparire scontato, me ne rendo conto, ebbene a questo punto, dopo aver fatto 30, faccio 31 e mi sembra doveroso raccontare un aneddoto.

Tanti anni fa, mentre svolgevo il mestiere di soldato, in una trasferta per un campo militare in Campania, precisamente a Battipaglia, una sera, io e miei ex commilitoni, essendo in libera uscita, dopo un certo girovagare su dove andare a mettere qualcosa sotto i denti, decidemmo di mangiare una pizza in uno dei locali migliori della città che ci fu consigliato da un maresciallo originario di quei luoghi.

Appena entrati al BattiPizza ci sedemmo in un lungo tavolo, ci vennero portati dei grossi menù e mi risulta impossibile descrivere lo stupore derivato dalla sterminata tipologia di pizze, ben 500!!!

C'era la pizza con i fagioli, la pizza col radicchio, la pizza con svariati salumi, la pizza al sushi, la pizza ai surimi, la pizza alla brasiliana con palmito ed il catupiry (un formaggio cremoso) per non parlare delle pizze alla frutta (ananas, mela, cocco, avocado, alla macedonia etc.) fino ad arrivare alle pizze dolci tipo quella al cioccolato, alle nocciole, alla marmellata e pizze gelato.

Sotto il menù c'era scritto:

"Guaglione, se non sei contento del menù, dimmi che pizza vuoi e ti di dirò chi sei!"

Ridemmo su queste parole scritte in grassetto poiché nella lunghissima lista, pensammo che ogni fantasia tendeva ad essere già soddisfatta a priori.

Per circa mezz'ora o poco più, restammo a decidere quale pizza ordinare, giustamente leggere tutte le 500 tipologie richiedeva tempo, alla fine ognuno fece la sua scelta e indovinate quale pizza prese il sottoscritto?

Ma è logico la Margherita, pizza che si ama non si cambia!

Non nascondo che questa mia preferenza fece e fa storcere il naso a più di una persona, infatti solo Dio sa quanto mi irrito quando qualcuno fa osservazioni su cosa mangio, inoltre odio da morire la frase: "Sempre la stessa cosa!"

Ad esempio le mie ex due fidanzate, durante le nostre serate in pizzeria tendevano a criticarmi, ogni tanto addirittura gracchiavano più del dovuto riguardo appunto la mia solita ed insindacabile scelta, solo una volta le accontentai entrambe prendendo due pizze diverse, cioè una pizza con le noci e una norma, sebbene in quest'ultimo caso mi fu ordinata a tradimento mentre ero in bagno a lavarmi le mani ma per non creare polemiche, strinsi i denti e la mangiai in maniera inappagata.

"Toglietemi tutto ma non il mio Breil" recitava un famoso spot sugli orologi.

"Toglietemi tutto ma non la mia Margherita" affermo invece io.

Visto che seguo Eros Ramazzotti, adesso faccio una parodia di alcune note de ‘Più bella cosa’, con la speranza che il cantante non la prenda a male, del resto è per una giusta causa.

 

"Ne mangerei di più. Per dirtelo ancora per dirti che, più buona cosa non c'è, più buona cosa di te. Unica come sei. Soffice quando vuoi. Grazie di esistere!"

 

Ok, penso di aver reso perfettamente l'idea, credo di aver detto abbastanza, per evitare che il mio componimento diventi una pizza e siccome tra breve è orario di cena, se stasera deciderete di mangiarvi una rotondaovale oppure una quadrata a teglia non mi resta che dire "buona pizza a tutti!" mentre agli intenditori faccio un augurio speciale:

"Buona Margherita a tutti!"

 

Ah, mi raccomando:

non dimenticate le birre, pazienza se lievita la pancia, si vive una volta sola!

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

0
0
2

Vivi e lascia vivere

09 April 2020

L’eccessivo prodigarsi fa rima con dannarsi. Sono del parere che ogni singolo individuo abbia bisogno di vivere senza stare troppo a preoccuparsi di cosa accade attorno o chi ci sta attorno. La nostra vita dispone di un meccanismo perfetto, sta a noi capirne il complicato funzionamento dal momento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
2

L'evasione

09 April 2020

Uscendo dalla doppia curva dopo i caselli, il conducente schiacciò il freno istintivamente: il furgone cellulare derapò paurosamente a sinistra, poi a destra; percorse ancora alcuni metri, quindi inchiodò con un violento colpo di coda, rilasciando nell’aria fumo nero e un odoraccio di gomme surriscaldate. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
2
12

Da tanto tempo

08 April 2020

Vorrei incontrarti per scambiare con te le parole della pelle i tremori della carne le incertezze delle labbra l'innocenza degli sguardi l'insolenza delle mani E poi con un abbraccio raccontarti che voglio solo te. Ciò che non vedi dentro me è già tuo Assolutamente tuo Da tanto tempo Maurizio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
11

Monologo di un uomo nel tempo della peste

08 April 2020

Un giorno ci alzammo assieme al sole. Credevamo di aver sconfitto il buio della notte con la luce del suo raggio sempre più potente, man mano i minuti si avvicendavano a rincorrersi come fanciulli sulla spiaggia dorata, spensierati cuccioli d'uomo, intenti a inseguire un aquilone. Ognuno di noi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
6
14

Incroci

07 April 2020

Le campagne sono immense Io sono al centro degli incroci Il mio sguardo ruota e non fissa qualcosa di definito C’è tanto da vedere Il movimento della terra è regolare Brevi picchi di colline alberate si ergono a sud Il fiume che mi corre affianco povero di acqua Non impedisce a due cigni di percorrere [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
10
17

Come se fossi qui

07 April 2020

“Non ti arrabbiare però!”, mi disse con la voce supplichevole. Io la guardai con la coda dell’occhio. Teneva le labbra imbronciate, come una bambina che ha patito un dispetto. Il labbro inferiore sporto in avanti si accavallava su quello superiore. Ma il disegno delicato della bocca non subiva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
8
17

L'ultimo elfo

06 April 2020

Un elfo di nome Ohtar stava morendo. Uscì dal suo rifugio, ovvero un grandissimo albero, in seguito a un lunghissimo letargo. Si sentì improvvisamente invecchiato sia dentro che fuori e non ci volle molto per capire il perché di quella sgradevole condizione. Vagò barcollando per quel che restava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Be’, se avessi approfondito il commento ti avrei senz'altro tolto [...]

  • Manuela Cagnoni: Uno dei tuoi racconti che sorprendono il lettore nel finale!

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
2
16

MEGLIO RIDERE PER NON PIANGERE

06 April 2020

Smette di andare il telefono fisso di casa. Prendiamo il cellulare e chiamiamo il “Cento-eccetera” del nostro operatore: non è che non risponde o ti mette in attesa, proprio termina la chiamata istantaneamente con un peto sommesso ma minaccioso. Riproviamo enne volte e sempre il peto si ripete, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • callettino: E alcuni hanno il coraggio di chiamarlo progresso. Non puoi scansare certe [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Kanozza, il titolo è tutto dire visto che è perfetto per [...]

4
1
17

Marzo 2020 - Regole

05 April 2020

Ciao umani. Sono la Logica. Parlavo in questi giorni con una scienza mia cugina, la Matematica. Mi raccontava di come in questi giorni stesse cercando di guidarvi nella lettura dei Numeri, in modo da evitare effetti distorti e indesiderati. Beh, ci ho pensato su e ho deciso che anch’io dal [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

12
14
53

Il piccolo aereo rosso

Racconto di Natale

04 April 2020

Per un bambino la realtà non importa, perché sarà sempre accompagnato durante i suoi giorni dalla sua immaginazione. Piccolo racconto natalizio. Mancano pochi giorni a Natale e, una volta giunti al parcheggio del centro commerciale dopo l’acquisto dei regali, io, mia moglie Francesca e il nostro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Un punto di vista da bambino colto però dagli adulti, questo è, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie callettino. Al di là del pensiero adulto/fanciullo direi che [...]

3
3
16

Lontano dal mondo

04 April 2020

Cediamo il passo al silenzio e alla notte. Cediamo il passo alla solitudine ed all'immutabile bellezza. Restiamo sulla soglia della vita come spettatori malinconici innanzi a orizzonti impossibili.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: ....ma non cediamo il passo alla meraviglia della vita..sai ieri ne ho avuto [...]

  • Arielseasoon: Grazie Giuseppe per le belle parole. La tristezza di un mondo 'costretto' [...]

4
1
16

Marzo 2020 - Numeri

03 April 2020

Ciao umani. Sono la Matematica. Sono la scienza che più di ogni altra definite “arida”. Beh, non mi offendo. In fondo è vero: i miei ubbidienti soldatini, i Numeri, in effetti non hanno cuore, né anima. Malgrado questo, voi umani non riuscite a fare a meno di noi, della Matematica e dei suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su