Arrivata alla chiesa vide sugli scalini una cosa che le fece fare un tuffo al cuore: il cappello di paglia di Carlo, quello che aveva usato come cestino per riporre i fichi che colse dall’albero. Si avvicinò e il cappello era pieno di grossi fichi maturi.

Era sicura di non aver sognato e in cuor suo ci sperava. Si mise a sedere sugli scalini e posò il cappello sulle cosce, aspettando con impazienza il suo arrivo. Aveva una gran voglia di vederlo, ma anche di chiedergli il motivo per il quale il frate gli aveva detto quelle cose.

Carlo non arrivava, allora nell’attesa cominciò a mangiare un fico dietro l’altro fino a che non vide spuntare un biglietto bianco sul fondo del cappello. Vi era scritto: “ Perchè non sei venuta Silvia? Ti ho aspettato ore qui, seduto su questo scalino. Impazzivo dalla voglia di rivederti, probabilmente tu no...Questi li avevo colti per noi, il vino e il pecorino li ho riportati in cucina”.

Silvia non capiva; anche lei era stata ore ad aspettarlo, non era possibile che non si fossero incontrati. Decise di andare a vedere se Carlo fosse sul retro. Si alzò per dirigersi verso la porta di legno alle sue spalle dalla quale Carlo uscì per andare a raccogliere i fichi dall’albero. La porta non c’era più. Al suo posto un arco in pietra, aperto, dava direttamente su di un cortile, e di campi e alberi da frutto nemmeno l’ombra.

Improvvisamente le gambe non la reggevano più, la confusione di quello che le stava succedendo le aveva fatto venire un gran mal di testa e non vedeva l’ora di ritirarsi nella quiete del suo appartamento.

Si era forse inventata tutto? Stava forse proiettando un proprio desiderio su un’entità inesistente?

Tornò quasi di corsa al lago, entrò frettolosamente in casa e si gettò sul letto delusa e incredula.

La mattina seguente Silvia fu svegliata da una chiamata sul cellulare. Rispose senza neanche guardare chi la stesse cercando.

“ Ciao Silvia sono Elena. Come va la vacanza?”

Silvia si mise di scatto a sedere sul letto.Elena era il suo avvocato.

“ Ti ho chiamata per avvertirti che mi ha contattato il legale di tuo marito. Ha deciso di firmare Silvia, è fatta! “

Silvia non era solo contenta perchè finalmente suo marito aveva firmato il divorzio, ma perchè, se quello al telefono era il suo avvocato e lei stava divorziando, allora si trovava in vacanza da sola e soprattutto aveva veramente conosciuto Carlo.

Sentì dei rumori provenire dalla cucina. Sul tavolino in fondo al letto notò un cappello di paglia da uomo. Era pieno di grossi fichi maturi. Sulla sedia accanto, una camicia a quadri.

“ Ok Elena, ora ti devo lasciare, ti richiamo stasera.Grazie per avermi avvisata della magnifica notizia.”

In quel momento la porta di camera si aprì e un uomo seminudo entrò con un vassoio in mano con la colazione. Era Carlo.

“ Sei sveglia?” disse appoggiando il vassoio sul comodino e chinandosi sul letto a baciarla. “ Dormito bene?”

“ Divinamente” rispose felice.

Fecero colazione in silenzio, guardandosi, quasi come se l’uno avesse paura che l’altro se ne andasse, poi si alzarono per andare a sedersi in terrazza. La vista sul lago era magnifica.

“ Non potevamo conoscersi in un posto più bello Silvia”.

“ Si, è davvero tutto così perfetto che non sembra vero”.

“E invece lo è amore mio” replicò lui girandola versò di sé per baciarla. “ Ti desidero ancora Silvia…”

“ Anch’io “ sussurrò lei.

Carlo la sollevò e la portò a letto. Si sdraiarono l’uno sopra l’altra e si amarono di nuovo raggiungendo un piacere che lei non aveva mai provato prima.

A volte succedono cose che non ti aspetti, tanto che non ti sembrano vere. E quando accadono non ci credi, pensi addirittura che non te le meriti da quanto sono belle. Poi ti accorgi che sono il cambiamento che ti aspettavi dalla vita.

 

 

Tutti i racconti

0
1
9

Finale...

05 December 2020

La riunione tra la signora e l’inquilino si conclude con lo sfratto: «entro un mese il signor Pastori dovrà lasciare la casa, se non lo farà verranno chiamate le forze dell’ordine per effettuare lo sfratto forzato», conclude il giudice di pace. Nel pomeriggio, nell’ufficio di Bosco, Salvatore e [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • U1096: confermo il mio giudizio anche se ieri, erroneamente, credevo fosse un racconto [...]

0
0
6

AI TEMPI DEL COVID - TESTIMONIANZA

05 December 2020

In quei tempi, ai tempi del Covid, tutti eravamo chiusi in casa oramai da anni - fuori regnava un silenzio tombale, interrotto a tratti da una voce metallica che dagli altoparlanti intimava alla popolazione di attenersi scrupolosamente alle restrizioni imposte da lockdown. Le camionette dell’esercito [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
2
6

Videochiamata

05 December 2020

Dentro l'area rossa, gli anziani hanno nome e cognome. Anche un vezzeggiativo per qualcuno, ma dall'area rossa non esce niente, neppure i nomi, quindi vi parlerò di Utenti in ordine alfabetico. C'è A, Spiazzato perché un mese fa era autosufficiente, poi si è ammalato ed è stato contagiato dal virus, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: grazie Ducapasp, giusto ricordare. Una professione difficile, dove spesso si [...]

  • ducapaso: Patapum, grazie per l'abbraccio. Questi frammenti li ho vissuti nel breve [...]

1
3
20

Truffato...

04 December 2020

In banca Salvatore fa la sua transizione senza alcun problema. Gli rimangono pochi soldi in tasca, decide di andare al bar a prendersi un caffè e telefonare ad Helga per informarla che il bonifico è andato a buon fine. Arriva il giorno della partenza, il falegname non sta più nella pelle, è felice. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

0
4
26

Chilometro della conoscenza

Dedicato a... noi

04 December 2020

"Eccoci, Tesoro mio. Siamo qui, dopo un anno trascorso, colmo di traversie indotte da alcuni eventi della vita che non potevamo immaginare prima né contrastare, ma soltanto riconoscere e attraversare insieme nel momento in cui ci avrebbero raggiunto senza nessun invito. Così è stato, anche se, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Oh che meraviglia Roby, bravo. Intenso, vero, reale, senza tanto girarci intorno. [...]

  • Roberto Anzaldi: Ciao, Ricky. Grazie mille. Sai una cosa, mi fa specie con non ci sia almeno [...]

7
7
42

Io, papà e il lago

03 December 2020

Per un istante indefinito restammo lì, entrambi, a fissare la grande massa d'acqua trasparente. C'era una quiete rilassante tanto da essere assorti in contemplazione, accompagnati dal dolce movimento ondeggiante della nostra barca che procreava minuscole increspature lungo la superficie. – È profondo, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
1
10

L'infermiera...

03 December 2020

Salvatore rimane interdetto a questa richiesta di soldi, chiede a Helga perché non l’avesse informato prima. Lei risponde con un semplice “Me ne sarò dimenticata”. Helga aggiunge anche di versare la somma richiesta entro domani al numero di conto corrente del museo così da regolarizzare il tutto. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

5
6
35

Nessuno è veramente solo

(Yo estoy con vos)

02 December 2020

Che cos'è la solitudine? Cosa significa questa parola? Cosa significa veramente stare da soli? La solitudine è forse il male dell'epoca? In solitudine si può vivere solo se si è animali o dei come diceva Nietzsche? Si dice che la solitudine sia una brutta compagnia, come questo gioco di parole. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • mysterywhiteboy: Si è soli in molti modi e in diversi momenti, anche quelli belli. Ma [...]

  • AmorLibre: Ciao :) grazie per il commento :)
    La notte credo sia diversa sempre per [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
5
18

CRYING AT THE DISCOTEQUE

02 December 2020

La discoteca è piena di giovani colorati, belli e allegri. La musica sincopata sovrasta tutto. Il fumo di borotalco camuffa quello di fumo che c’è, anche se non dovrebbe. Nella penombra generale intervallata da flash colorati risate, bicchieri, selfie, sudore e caldo la fanno da padrone. Un po’ [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • D. B.: Piú che gradite analisi cosí dettagliate. ☺ Grazie

  • Patapump: cara D.B mi hai fatto commuovere. Hai trattato con ludicidità l'argomento [...]

2
1
13

Helga...

01 December 2020

Il giorno dopo Salvatore rientra a casa, è stanco, Helga lo ha letteralmente rivoltato. “Quella non era una donna, era una tigre”, pensava l’uomo mentre rientrava a casa. Desiderava solo farsi una doccia, mangiare qualcosa e magari dormire un po’. In cucina trova sua moglie che lo guarda indispettita. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
2
19

Piove

01 December 2020

Quando fuori piove esco fuori a cercarti Quando fuori smette rientro senza incontrarti Tra le mani bagnate solo lacrime di addio di un amore eterno che conosce solo Dio

Tempo di lettura: 30 secondi

4
7
28

Amore liquido

30 November 2020

Come liquido in un barattolo Protetto da un vetro che lo contiene Fluttua al tocco Ondeggia su sponde vitree Ma non può uscire Intorno, altri come lui Racchiusi anche loro Ma di diversi colori Quel gesto che li rovescia in un liquido trasparente Cade prima il viola di lei Subito dopo il giallo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su