Domenica prossima sarà la più bella di tutti i festivi perché verrà una domestica, intorno alle 19. Gli era rimasto disponibile solo quell’orario. Non male eh?

L’ha chiamata il portiere, da quando mi ha minacciato di chiamare l’ Autorità Sanitaria Locale per il tanfo che proviene da sotto la mia porta impestando tutto l’androne, le scale, ascensore incluso. Il concierge me la fa pesare come fosse una beneficienza etica, in realtà è la cresta sulla quota condominiale. 

L’ho intravista la sguattera mentre lavava le vetrate al portone: E’ una dell’est sui venti anni, una miniatura di barbie che sono certo farà qualche lavoretto extra a quel maiale in doppio mento del portiere.

La Domenica è fatta per starsene a letto, leggere il giornale, farsi la barba col rasoio elettrico, per sentire l’odore di cucinato che sale e scende dall’androne, mimetizzando il fetore di guasto, marcio e scaduto che proviene dal mio corpo-appartamento.

Mi vergogno al pensiero di  aprirle la porta. Per l’occasione ho comprato una cinquantina di arbre magik e li ho sparsi un po’ ovunque nella casa, come gli addobbi di Natale:  Di sicuro quattro ne indosserò su di me, due da posizionare per ognuna delle ascelle e due da infilare nei i boxer appesi alle palle, non si sa mai.

Speriamo venga presto Domenica: fibrillo al solo pensiero di scorgerla furtivamente prona a ramazzare sotto i letti.

 Mettendo in mostra quelle due melette sode e tondeggianti da spaccare per  sniffarne il nettare in mezzo e rubarne il profumo fresco anche se già sento quelle zaffate di di aglio e cipolla, marchio aspro dolce inconfondibile di ogni est-one.

Ed è un attimo che un quadro sulla parete spoglia e sgarrupata mi dispone ancorandosi alla risacca della melancolia: il dipinto di cargo slavi in rada nel Bosforo, pare di annusare quell’acre profumo di hashish ed essenze ignote di narghilè.

Il calendario della farmacia Kashmir segna Domenica.

 Mi sono ingarellato in uno shopping  compulsivo in quei negozi  multicolore, multi luce, multi essenze che alla fine somigliano più a bagni turchi che a grandi magazzini per l’igiene personale e degli ambienti. 

 Ho arraffato bastoncini d’incenso dai  sapori più extraterrestri: uno stick alle pozze blu di Saturno, arbre magik alla manita muscaria che neanche  nel peggior coffee shop di Amsterdam avrei potuto raccattare, tante lavande, compresa quella gastrica.

 Sono scaduto dentro e fuori. Mi sento come una scatoletta per gatti lasciata al sole ed infestata di vermi.  Mi nutro per essere divorato.

Con la speranza di emanare una fragranza finalmente accettabile durante il pomeriggio mi rischio un cinemino d’essay parrocchiale dove avevo visto che in  programmazione davano “La folla” il capolavoro di King Vidor.

In fondo devo ingannare qualche ora prima che timbri la sguattera.

Pago il biglietto, compro una bustina di arachidi e mi immergo come un palombaro nella piccola sala umida ed angusta del cinema. 

Sono l’unico spettatore pagante e non: in effetti, sono le 16.30 di un giorno festivo e a vedere un capolavoro del “muto” non ci vanno più neanche gli ubriachi, gli innamorati infrattoni ed i pazzi, ma solo i resuscitati come me.

Si spengono  le luci in sala, rumore di macchina da presa e fascio di luce. 

"A 21 anni John era uno dei sette milioni di abitanti convinti di essere i pilastri di New York" recita una delle didascalie del film.

Così d’emblee un tanfo pazzesco mi assale da ogni angolo della sala, mi annuso, ma è possibile?

 Non posso esser io…dopo tutti questi risciacqui ed ammorbidenti che neanche un faraone egizio prima della tumulazione. 

Ma cristo…è rivoltante sta, puzza! E’uno schifo del creato!”

“Viene dallo schermo!” urlo nel vuoto, in direzione del bigliettatio/proiezionista.

Sbratto sulla poltrona davanti, mi turo il naso ma niente da fare, lo schifo maleodorante e cadaverico invade tutta  la sala…come il Blob

E proprio in quel momento il fascio del proiettore illumina “la folla”, quell’insieme  brulicante ed indistinto di persone. Anonime ed indaffarate come gli insetti. 

La folla: una covata di pus, una necrosi della  natura, una metastasi suppurativa dell’ordine delle cose che fete  più da viva che da morta.

Allora con i grumi di vomito che mi penzolano dalla bocca, sono sopraffatto e sorpreso da un riso rumoroso ed isterico. 

E quasi a strozzarmi, affogando tra i rimasugli di vomito e saliva prendo a urlare:

 Non sono io a  puzzare di simmenthal  scaduta! Siete voi…

 

Mi chiamo Jesus Salazaar e sono o forse ero, o meglio sarò di nuovo un anatomopatologo dell’Università di Medicina di Smirne.

 

 

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
0

Al di là

07 February 2023

Non abbiamo poteri divini che ci consentano di compiere azioni sovraumane ovvero trascendenti la forza muscolare per arrecare dispetto. Non spostiamo montagne in una sola notte eradicandole dalla loro millenaria collocazione solo perché amiamo il candore della neve e l’acqua cristallina al centro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
1

Distesa sul letto

07 February 2023

Distesa sul letto guardo il soffitto. La mia mente elabora, elabora sempre, non è mai in riposo… i pensieri offuscano la mente, si arrovellano… Sembra come se qualcosa fosse intrappolato dentro la mia testa o magari nel mio petto… Eh già, è proprio così, il mio cuore impazzito che non riesce a [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
11

Somatismi

06 February 2023

Che il cervello litighi con l'intestino non è una novità ma che il pancreas trovi da ridire sul comportamento delle pupille o che i talloni siano in disaccordo con le papille gustative questo è inammissibile. Succede perché ogni parte del corpo ha un'anima. Hai voglia di dire che il cervello è [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Che testo simpatico!

  • Astrid: grazie per questa condivisione, ti ho letto con molto piacere. Sembra quasi [...]

3
3
13

Da buttare

06 February 2023

Posso parlarti? No. Sto male. Non lo vedi che sto lavorando? Posso parlarti? No. Sto male. Non lo vedi che sto ascoltando la radio? Posso parlarti? No. Sto male. Non lo vedi che sto leggendo? Lui finì il capitolo. Lei si buttò dal terrazzo.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Intensa fotografia del malessere di molti rapporti.

  • Astrid: purtroppo, spesso è così che succede

2
4
10

Alla mattina

06 February 2023

Parcheggio la macchina davanti al parco. Vado al bar a bere il mio latte di soia macchiato. Poi mi siedo in macchina. E leggo. Aspetto l’ora X per partire e andare al lavoro. Non ho bisogno di guardare l’orologio. Davanti a me, dall’altra parte della strada, in una finestra al primo piano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Chissà, non voglio pensare cose brutte!

  • Astrid: piccoli attimi, scorci della quotidianità che è tale solo per [...]

1
2
2

Aforisma

05 February 2023

A volte siamo quei gracili fiori in un unico giardino anelanti di gocce d'amore in cui rinvigorirsi, cogliendo ristoro per donare il proprio olezzo nell'impronta della propria bellezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
1
9

IL GRIDO DELLA GUERRA

Poemetto Sulla Guerra Globale

05 February 2023

Il corpo del gelido inverno gela il mio verseggiare Scivolo tra le ombre della sera, scorro insieme a questo divenire Si dirizza in piedi l’esistenza, si dirizza la bellezza, la certezza di essere di nuovo ultimo della fila. Non c’è più spazio per sopravvivere per narrare altre avventure Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Piccola stella: Caro Dino, come siamo messi male!!! Meglio leggerti a stomaco vuoto...
    Qualche [...]

6
18
35

Er triballo der potorno

omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Potorno ogni trecatrezzu Simbatoni ché sembran cenci A' vita nun gnasca sur cialon Sinfason nun par de' no Er triballo pare tronto sur potorno E io che stronfio maneggio zumpappero zumpappero'. Uè Marain dis omage è per tè Amico lettore oggi ti abbiamo coinvolto in una sperimentazione di gruppo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Andrea Occhi: Credo in ciò che hai scritto WF...un punto di incontro, un posto sicuro [...]

  • Piccola stella: E si vede Andrea che a te piacciono entrambi i verbi....scusa ma cosa abbiamo [...]

6
9
19

Nulla è come è

Linguaggio metasemantico: omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Un crutitto drostuario vagava tra pintrucci e torpelle con i tucci ripieni di pedullia. Da strulli non crolgava. La luna cremolava il fucullio, ma il povero crutitto sorcolò contro un pintruccio, zercolandosi un trumello nel sedere. Con i tucci alla luna, zefirò uffulamente, a causa del norocco. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Andrea Occhi: Io ho sempre fame e sete...al beveraggio ci penso io. Siamo stati bravi!

  • Walter Fest: Andrea hai ragione siamo stati bravi e adesso viene il bello, abbiamo visto [...]

8
12
15

Fosco secondo Pata

omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Il troncolo del moncolo Superbo arringhia su fronzoli catartici Che si ergono astrusi su impervi carrabili Non mungono ne stringono alterchi sumancoli Ma credono in fossili di duttili stangoli Pervade il troncolo l’annoso moncolo Che cauto spia longolo un cantolo del portico Stortolo, immondolo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
12
17

CUSPIZZO BALZENCO

Omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Cuspizzo balzenco Guardava Patasselo mannare la suriela quando Calpestro volivolo stangando la mischia D'un botto riprese Patasselo dal trombolo. Ma Santozzo pulvisculo saltò nell'oberzolo Per fare dello spigolo il ventre del rigagnolo Grognarono lo svezzolo facendosi cucuzzolo e felici assistettero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: hanno stimolato fantasia, curiosità e sopratutto voglia di vita un plauso [...]

  • Piccola stella: Grazie Walter. Ho il dubbio che il dio degli artisti sia dentro di noi. Ma [...]

6
13
16

A VELE SPIEGATE

Come vivo

03 February 2023

A vele spiegate navigo senza vento. Ciò che voglio lo prendo. Ciò che dono ha bagliori di fuoco.

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su