Anche qui me la ritrovo quella?! È un incubo ricorrente!

Mi guardo intorno… un momento, forse ho problemi più urgenti da risolvere, visto che sto qui in una camera mortuaria dentro una bara senza potermi muovere. Ragioniamo, non posso farmi distrarre dall’odio che ho per lei: sono tornato in anticipo dal lavoro, direzione casa sua.

«Amore, perché sei venuto qui? Non avevi quattro turni?»

«No troia, ho fatto un terzo turno di corsa perché mi andava di scopare, ma scopro che è troppo tardi, hai tutti i buchini occupati!»

Ricordo che sono crollato in terra, mentre i tuoi boy-friends, con movimenti goffi, causa rigidità non soddisfatta, cercavano di farmi respirare, l’ultimo ricordo che avevo… fino a cinque minuti fa.

Possibile che nessuno si accorga che ho gli occhi aperti e che riesco anche a rotearli? Amici, guardatemi! Sono paralizzato, ma vivo!!!! Già, ricordo, anch’io non riuscivo a guardare il morto quando andavo alle veglie funebri, specialmente se non me ne fregava un cazzo… chi è causa del suo mal…

Cerco di incrociare qualche sguardo, anche la stronza mi andrebbe bene, però… sarebbe il massimo doverla ringraziare per avermi salvato dopo avermi quasi ucciso.

Tutti sono intorno al proprietario della società per cui lavoro, i leccaculo professionisti sanno che adesso toccherà a lui decidere chi chiamare come protagonista e come direttore della serie dell’anno, faccio già parte del passato.

Intorno a me s’incrociano voci che conosco molto bene, il Gotha del settore: «Chi sarà a sostituirlo? Sarebbe un bell’acchiappo».

«150 puntate a stagione, almeno 200 righe a puntata, più le presenze, più la direzione, solo con questo lavoro oltre 100.000 euro annui, pensione assicurata senza fare altro se ti accontentassi».

«Lui non si accontentava di certo! Faceva quattro turni al giorno, per questo è schiattato, era solo questione di tempo».

«Cavoli suoi, farà felice qualcun altro».

«Pensi a te, vero? Ti piacerebbe! Non hai la sua voce!»

«Nessuno ha la sua voce, sarà uno scontro alla pari tra noi, chi sarà a dover scegliere?»

«Carnelli, la responsabile del canale».

«Una chiavica di donna».

«Ti scoperesti anche il suo barboncino se servisse».

«Se è per questo, si farebbe anche la sua bisnonna putrefatta».

Che merde, d’altronde lo sapevo, non li ho mai considerati veri amici e facevo bene.

La troia è già in pole-position, si è subito messa vicino a Marco, già so dove sta finendo la sua mano e immagino benissimo dove potrebbe essere la sua bocca stasera. Vorrei essere già fantasma quando scoprirà che è gay!

Venitemi a guardare, vi prego, vi scongiuro!

Inutile, stanno tutti cercando di primeggiare, “Amici, Romani, compatrioti, prestatemi orecchio; io vengo a seppellire Cesare, non a lodarlo. Il male che gli uomini fanno, sopravvive loro; il bene è spesso sepolto con le loro ossa; e così sia di Cesare.” Sono tutte primedonne del settore, ho sentito addirittura uno che mi fa letteralmente schifo, con cui non ho assolutamente rapporti, dire: «Era il mio miglior amico, me l’aveva detto domenica in montagna che si sentiva poco bene e che forse il week-end successivo avremmo dovuto rimandare la vacanza insieme; povero caro, la mia vita non sarà più la stessa».

Ma che dici, stronzo! Non ti volevo vicino neanche morto!!!

E invece eccoci qui, vicini vicini.

Tra poco chiuderanno la bara, sarò seppellito vivo, chissà se soffrirò? Non credo, non ho più sensibilità, non respiro, quanto starò in questo stato? Cazzo! “Ascoltate colleghi, io esisto!!!”

Se ne esco vivo faranno solo turni di brusio!!!

I becchini iniziano a sollevare il coperchio, cerco di muovere le dita, non ci riesco, sono paralizzate, è la fine!

«Ma sta piangendo!»

Una voce che fa smettere tutte le altre.

Chi è? La piccola Giulia, la cucciola, quella che doppia la figlia del rettore! Quando viene ai turni la madre ogni volta mi ripete: “Posso esserle molto riconoscente Dottore, qualunque cosa lei desideri… QUALUNQUE… poi per la prossima serie Giulia sarà cresciuta, avrà una voce da ragazza, ha quasi quindici anni, si merita una parte più importante”. Venderebbe lei e la figlia per farla lavorare! Povera cucciola, è bravissima, non ha bisogno di questi laidi aiutini, le voglio bene, spero che non diventi come la madre! Comunque sono salvo, tutti mi stanno guardando!

« È vivo! Dio sia lodato, è un miracolo!»

Coglione, sai benissimo che sono ateo. Non è certo il tuo triangolato ad avermi salvato! Tutti fanno marcia indietro, vorrebbero abbracciarmi, baciarmi, raccomandarsi, si muovono freneticamente, chiamano il 113, i carabinieri, la polizia, la guardia costiera, la forestale, senza ricordare che siamo dentro un ospedale, tutti col cellulare in mano per poter avvertire chi non c’è: «Sono io che l’ho salvato», «nessuno se n’era accorto», «mentre lo salutavo per l’ultima volta ha aperto gli occhi», «mi guardava riconoscente».

Mi sento strattonato, sto recuperando tutti i sensi, morte apparente? Lo scoprirà il dottore, l’importante adesso è che possa aver riflettuto su chi mi circonda, grazie tesorina! La guardo, mi sorride, l’unica che ha un vero affetto per me, un affetto pulito, raro in questo settore!

Il mio cervello è lucido, mi sono riposato, ho delle decisioni da prendere.

Sono pronto!

0
0
2

Arrivano i guai - 2/3

The day after the war

20 August 2017

I turni stabiliti e i volontari, entusiasti, furono più del previsto, e la vita proseguì come di consueto tra difesa e attacco. I vampiri erano spariti e gli zombie li avevano sterminati tutti quelli in fondo alla valle. Anche le lucertole volanti parevano diminuite. Secondo Micaela ciò era dovuto [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
2

Er professore m'ha bocciato

Scene di ordinaria quotidianità

20 August 2017

Sò oramai passate le sei der pomeriggio fà n'callo da paura, li cambiamenti climatici sò diventati na realtà, io mò dovrei portà a spasso er cane e semo onesti nun me và e nimmanco a lui poveraccio, ma faccio no sforzo, me metto le ciavatte, pjo na boccia d'acqua metto er guinzajo a Pippo e se [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

6
14
18

Arrivano i guai - 1/3

The day after the war

19 August 2017

Andrea chiamò a raccolta i suoi aiutanti per fare il punto della situazione. Federico e Luisanna erano già sul posto, Patrick, al lavoro sui campi e Annalisa a scuola, arrivarono dopo qualche minuto. La sala riunioni si trovava al primo piano di una delle casette appartenute agli scienziati e chiamato [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Flavia, ma certo che non cadi nel banale! Il paragone è solo un vago [...]

  • flavia: Bibbi prova ad indovinare o leggi domani quel che succede.
    Caro Scilyx [...]

4
5
19

Non capita mai

19 August 2017

Portiere di notte, vuoi vedere che si rimedia? Da due mesi lavoro qui e non si rimedia un bel niente. Gli ospiti arrivano, un paio di saluti, gli consegni la chiave, gli prepari qualcosa al bar, due parole e non li rivedi più. Ieri sera, arrivo in hotel e il mio capo sta servendo da bere allo spagnolo. [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Bibbi: Bellissimo!! Ti prende questo racconto fichissimo !! Brava super 😎🔝🔝💋

  • Vocestruggente: Siete troppo buoni. Questo lavoro è meraviglioso.

3
1
10

Il pescatore di Mazara del Vallo

18 August 2017

Raffaele era partito con il suo motopeschereccio il venerdì notte. Lui ed i suoi marinari avevano preparato per tutta la giornata le reti, rammendandole e riparando ogni strappo, verificatosi nella battuta di pesca precedente. C'era freddo anche se la notte era stellata. Pertanto indossò il suo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Questo piccolo raccontino mi ha stretto il cuore in una morsa. E poi ben scritto...la [...]

9
11
36

Call center - 2/2

Al pub

18 August 2017

Entriamo nel pub poco affollato, i nottambuli per fortuna stanno ancora decidendo il da farsi «Ecco, lui è Ivan, colui che ti ha incantata per la pulizia di casa nostra» Lo guarda interessata, lui ancora non ci ha visti, sta preparando un qualcosa di alcolico, si volta «Marietto, sono contento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
3
23

Sarà perfetto

17 August 2017

Chissà come sarebbe stato Ma oggi è Domenica E tu non ci sei Entro nella doccia E afferro il ricordo Di te Nudo sempre Di fronte al mio volto. E la notte dormire Dopo aver fatto l’amore Sentirti russare E non smettere mai Mi hai detto: “Amore, potrà sembrarti strano Ma sopportare A volte È il [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
12
32

Call center - 1/2

Milano, vicino l’Europa

17 August 2017

«Prego, siete i benvenuti in casa mia» I tre colleghi di Mario, Pino, Barbara e Marzia, cercano un piano d’appoggio ed entrano con pizza e bibite varie nell’ appartamentino a via del Caravaggio, sopra al Ruby’s bar Barbara, quella delle ragazze che sembra la più estroversa, è la prima che si [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

0
0
7

Oh, poffarbacco!

16 August 2017

Pimpante come un pupazzo di pezza , vestito di pizzo, che va pazzo per la pizza a pezzi, mi presentai ad un provino per la parte di Ponzio Pilato, in un film girato a Pompei tra piantagioni di poponi, papaya del Parana' e peperoni del Perù. Purtroppo persi il portafoglio dove tenevo gli autografi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
11

La ricotta

Delizie della pasticceria siciliana

16 August 2017

Uno degli ingredienti della cucina agro-pastorale siciliana è la ricotta, il prodotto della lavorazione del latte caprino, ovino e bovino. Un pentolone che bolle ed una manciata di caglio, prelevato dalle budella degli animali scannati, produce l’agglomerazione e la formazione di ricotta e mozzarelle, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
10
28

Viaggio Fantasy P 2/2

Molto diverso!

15 August 2017

Mentre i miei compagni di viaggio se ne vanno prendendo due direzioni diverse, mi rendo conto di due cose, nel posto convivono molteplici razze che hanno scritture differenti, ma mentre le insegne dei negozi sono e rimangono incomprensibili, la lingua sembra essere una sola, forse diventata comune [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
10
16

La notte dei desideri

stelle cadenti

15 August 2017

Notte di stelle cadenti notte dei desideri, e lacrime filanti. Corriamo nel buio della notte su prati verdi sconosciuti di montagne alte fino al cielo. Corriamo su spiagge calde, deserte. Corriamo incontro all'amore. Ogni stella caduta un desiderio espresso mai avverato. Se tu sei con me ogni [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Penso che tu sia una persona sensibile e romantica al contrario di quanto dici, [...]

  • flavia: Grazie Surya tengo sempRe ben nascosto il lato romantico
    lasciarsi andare [...]

Torna su