Anche qui me la ritrovo quella?! È un incubo ricorrente!

Mi guardo intorno… un momento, forse ho problemi più urgenti da risolvere, visto che sto qui in una camera mortuaria dentro una bara senza potermi muovere. Ragioniamo, non posso farmi distrarre dall’odio che ho per lei: sono tornato in anticipo dal lavoro, direzione casa sua.

«Amore, perché sei venuto qui? Non avevi quattro turni?»

«No troia, ho fatto un terzo turno di corsa perché mi andava di scopare, ma scopro che è troppo tardi, hai tutti i buchini occupati!»

Ricordo che sono crollato in terra, mentre i tuoi boy-friends, con movimenti goffi, causa rigidità non soddisfatta, cercavano di farmi respirare, l’ultimo ricordo che avevo… fino a cinque minuti fa.

Possibile che nessuno si accorga che ho gli occhi aperti e che riesco anche a rotearli? Amici, guardatemi! Sono paralizzato, ma vivo!!!! Già, ricordo, anch’io non riuscivo a guardare il morto quando andavo alle veglie funebri, specialmente se non me ne fregava un cazzo… chi è causa del suo mal…

Cerco di incrociare qualche sguardo, anche la stronza mi andrebbe bene, però… sarebbe il massimo doverla ringraziare per avermi salvato dopo avermi quasi ucciso.

Tutti sono intorno al proprietario della società per cui lavoro, i leccaculo professionisti sanno che adesso toccherà a lui decidere chi chiamare come protagonista e come direttore della serie dell’anno, faccio già parte del passato.

Intorno a me s’incrociano voci che conosco molto bene, il Gotha del settore: «Chi sarà a sostituirlo? Sarebbe un bell’acchiappo».

«150 puntate a stagione, almeno 200 righe a puntata, più le presenze, più la direzione, solo con questo lavoro oltre 100.000 euro annui, pensione assicurata senza fare altro se ti accontentassi».

«Lui non si accontentava di certo! Faceva quattro turni al giorno, per questo è schiattato, era solo questione di tempo».

«Cavoli suoi, farà felice qualcun altro».

«Pensi a te, vero? Ti piacerebbe! Non hai la sua voce!»

«Nessuno ha la sua voce, sarà uno scontro alla pari tra noi, chi sarà a dover scegliere?»

«Carnelli, la responsabile del canale».

«Una chiavica di donna».

«Ti scoperesti anche il suo barboncino se servisse».

«Se è per questo, si farebbe anche la sua bisnonna putrefatta».

Che merde, d’altronde lo sapevo, non li ho mai considerati veri amici e facevo bene.

La troia è già in pole-position, si è subito messa vicino a Marco, già so dove sta finendo la sua mano e immagino benissimo dove potrebbe essere la sua bocca stasera. Vorrei essere già fantasma quando scoprirà che è gay!

Venitemi a guardare, vi prego, vi scongiuro!

Inutile, stanno tutti cercando di primeggiare, “Amici, Romani, compatrioti, prestatemi orecchio; io vengo a seppellire Cesare, non a lodarlo. Il male che gli uomini fanno, sopravvive loro; il bene è spesso sepolto con le loro ossa; e così sia di Cesare.” Sono tutte primedonne del settore, ho sentito addirittura uno che mi fa letteralmente schifo, con cui non ho assolutamente rapporti, dire: «Era il mio miglior amico, me l’aveva detto domenica in montagna che si sentiva poco bene e che forse il week-end successivo avremmo dovuto rimandare la vacanza insieme; povero caro, la mia vita non sarà più la stessa».

Ma che dici, stronzo! Non ti volevo vicino neanche morto!!!

E invece eccoci qui, vicini vicini.

Tra poco chiuderanno la bara, sarò seppellito vivo, chissà se soffrirò? Non credo, non ho più sensibilità, non respiro, quanto starò in questo stato? Cazzo! “Ascoltate colleghi, io esisto!!!”

Se ne esco vivo faranno solo turni di brusio!!!

I becchini iniziano a sollevare il coperchio, cerco di muovere le dita, non ci riesco, sono paralizzate, è la fine!

«Ma sta piangendo!»

Una voce che fa smettere tutte le altre.

Chi è? La piccola Giulia, la cucciola, quella che doppia la figlia del rettore! Quando viene ai turni la madre ogni volta mi ripete: “Posso esserle molto riconoscente Dottore, qualunque cosa lei desideri… QUALUNQUE… poi per la prossima serie Giulia sarà cresciuta, avrà una voce da ragazza, ha quasi quindici anni, si merita una parte più importante”. Venderebbe lei e la figlia per farla lavorare! Povera cucciola, è bravissima, non ha bisogno di questi laidi aiutini, le voglio bene, spero che non diventi come la madre! Comunque sono salvo, tutti mi stanno guardando!

« È vivo! Dio sia lodato, è un miracolo!»

Coglione, sai benissimo che sono ateo. Non è certo il tuo triangolato ad avermi salvato! Tutti fanno marcia indietro, vorrebbero abbracciarmi, baciarmi, raccomandarsi, si muovono freneticamente, chiamano il 113, i carabinieri, la polizia, la guardia costiera, la forestale, senza ricordare che siamo dentro un ospedale, tutti col cellulare in mano per poter avvertire chi non c’è: «Sono io che l’ho salvato», «nessuno se n’era accorto», «mentre lo salutavo per l’ultima volta ha aperto gli occhi», «mi guardava riconoscente».

Mi sento strattonato, sto recuperando tutti i sensi, morte apparente? Lo scoprirà il dottore, l’importante adesso è che possa aver riflettuto su chi mi circonda, grazie tesorina! La guardo, mi sorride, l’unica che ha un vero affetto per me, un affetto pulito, raro in questo settore!

Il mio cervello è lucido, mi sono riposato, ho delle decisioni da prendere.

Sono pronto!

6
6
12

5 disavventure sulle scale mobili

24 May 2017

Ovvero: mettere un piede dopo l'altro su dei gradini sembra un'azione elementare, ma spesso non lo è. 1. La bella addormentata Quando è mattina e magari fa anche un freddo cane, c'è solo un'ingenua speranza a cui aggrapparsi: l'utopia di arrivare a lavoro sani e salvi, possibilmente non in [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

9
10
21

Riflessioni sull'arte

Quattro parole improvvisate, anche questa è arte.

24 May 2017

Siete sul bus, sulla metro, il solito tran-tran giornaliero, camminate sul marciapiede annoiati ve la faccio breve, sapete che vi manca? Oh sì penserete a tante cose che mancano a tutti noi, certo non voglio dire di no, eppure se guardaste, se pensaste all'arte intesa in tutte le sue forme espressive, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Roberta21: Ti leggo e la giornata migliora 😊

  • Surya: L'arte è tutto ciò che trasmette un emozione, rispecchiando [...]

1
0
9

Il vassoio-vascello di cannoli

24 May 2017

Una barca avanza tra la pasticceria ed il desco verso la casa che accoglie la famiglia riunita tutta assieme per godere del meritato riposo settimanale ed offrire le preghiere alla divinità nel giorno di domenica dell'anno del Signore 2017. Una barca di cartone reca sopra il suo pontile cannoli [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
4
17

Tra memory, music e speme

23 May 2017

A sentire la musica del nostro passato è inevitabile la commozione. È come una colona sonora che risuona sempre dentro al nostro cuore, con il tocco magico di quel vinile che odora ancora di arte e di epoca e che sebbene graffiato fa gustare un ricordo, fa rivivere un'atmosfera con quel salto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Roberta21: Senza musica non potrei vivere

  • Surya: La musica ti fa provare nostalgia e subito dopo la voglia di andare avanti...

8
8
25

Van, la bambina che viveva sul tetto del mondo

23 May 2017

C'era una volta una bambina di nome Van che viveva sul tetto del mondo. Van abitava con la sua famiglia in un villaggio di montagna nel Nord del Vietnam. I capelli lucenti color ebano, gli occhi a mandorla e la piccola bocca a forma di petalo di rosa, la rendevano una bimba veramente molto graziosa. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Poesia e speranza,brava Dani

  • Surya: Sei tu Danimare vero?
    Bellissimo testo... dolcissimo e colmo di speranza. [...]

9
11
24

Ricordati che ti ho sempre amata

L'amore di una vita

23 May 2017

La camera da letto, trasformata in camera ardente. La bara lucida, ancora aperta e il corpo di Giovanni, coperto da un velo bianco. L'espressione del volto è serena, quasi sorridente. Maria, vestita di nero, col viso rigato di lacrime lo guardava e pensava alle ultime parole che le aveva detto: [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Roberta21: L'amore vero è qualcosa di potente e dura per sempre...fino alla fine

  • flavia: Grazie a tutti, amici miei vi voglio bene

7
16
29

Tempo libero

22 May 2017

Il tempo libero….se ci pensi è una brutta parola, ti fa intendere che sei prigioniero, se non di te stesso dei tuoi bisogni primari o di un sistema che ha smesso di fare il baratto e ti obbliga a produrre per cui se vuoi rimanere al passo, il tuo tempo lo devi impiegare, ecco li che non hai più [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
17

Sette note

22 May 2017

C'è chi vive di realtà e chi insegue i sogni. I primi attori sono sempre nervosi, corrono per le strade del mondo, si annullano nel loro sforzo di primeggiare l'uno sull'altro e si lasciano irretire dagli inganni delle strade, che percorrono in fretta ed ottengono solo di essere impastati di terrestrità; [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
12
46

Basta poco per ridere....molto di più per invecchiare

E nessuno ci fermerà

22 May 2017

Dove eravamo rimasti? Con l'ultimo tuffo provvidenziale fra le gambe e la cosina di lei, la femme fatal ad Oreste propose di partire insieme, destinazione mari del sud per iniziare una nuova avventura, sono appena atterrati all'aeroporto di Mar della Phata e un taxi porterà la coppia allo Ascabarac [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • mammola: Si Walter,continua a raccontarci di Oreste perche ormai gli vogliamo tutti [...]

  • Walter Fest: Grazie anche a Giuseppe e a Mammola, si la storia continuerà, non lo [...]

4
4
15

Sesto senso

21 May 2017

Sibilando come uno scorfano di scoglio con la scoliosi, nei sedimenti sabbiosi del mar dei Sargassi, mi stesi su un soffice sofà in seta color sangue di somaro siamese, sognando serate di sesso sfrenato con una scostumata segretaria slovena dai grossi seni e un sedere da super Guinness! Mi sollevai [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
10
26

Di abissi e luce

21 May 2017

Sono fatta di rabbia e malinconia Di schiuma del mare e rosso tramonto Di notte oscura Eppure limpida di luna e stelle. Sono fatta di abissi E di luce. Non sono adatta al mondo Abito il tempo ma mio non lo sento. Rinuncio a inseguire la sorte Lascio che faccia di me brandelli di cuore e anima [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Poesia meravigliosa!
    Breve ma ricca di significato.
    Bravissima Alice!

  • Federico Negro: Complimenti Alice...per la tua bella poesia. Mi piace il tuo modo di scriverle. [...]

5
6
20

Quando cadono le stelle

21 May 2017

Ma che Paese è questo dove gli unici che hanno qualche speranza vengono chiamati disperati? S. Benni Oh, guarda, una stella cadente! Hai diritto ad un desiderio… Va bene, però è difficile… Vediamo: desidero che la stella non cada su casa mia stanotte, che non sia la mia casa [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su