Anche qui me la ritrovo quella?! È un incubo ricorrente!

Mi guardo intorno… un momento, forse ho problemi più urgenti da risolvere, visto che sto qui in una camera mortuaria dentro una bara senza potermi muovere. Ragioniamo, non posso farmi distrarre dall’odio che ho per lei: sono tornato in anticipo dal lavoro, direzione casa sua.

«Amore, perché sei venuto qui? Non avevi quattro turni?»

«No troia, ho fatto un terzo turno di corsa perché mi andava di scopare, ma scopro che è troppo tardi, hai tutti i buchini occupati!»

Ricordo che sono crollato in terra, mentre i tuoi boy-friends, con movimenti goffi, causa rigidità non soddisfatta, cercavano di farmi respirare, l’ultimo ricordo che avevo… fino a cinque minuti fa.

Possibile che nessuno si accorga che ho gli occhi aperti e che riesco anche a rotearli? Amici, guardatemi! Sono paralizzato, ma vivo!!!! Già, ricordo, anch’io non riuscivo a guardare il morto quando andavo alle veglie funebri, specialmente se non me ne fregava un cazzo… chi è causa del suo mal…

Cerco di incrociare qualche sguardo, anche la stronza mi andrebbe bene, però… sarebbe il massimo doverla ringraziare per avermi salvato dopo avermi quasi ucciso.

Tutti sono intorno al proprietario della società per cui lavoro, i leccaculo professionisti sanno che adesso toccherà a lui decidere chi chiamare come protagonista e come direttore della serie dell’anno, faccio già parte del passato.

Intorno a me s’incrociano voci che conosco molto bene, il Gotha del settore: «Chi sarà a sostituirlo? Sarebbe un bell’acchiappo».

«150 puntate a stagione, almeno 200 righe a puntata, più le presenze, più la direzione, solo con questo lavoro oltre 100.000 euro annui, pensione assicurata senza fare altro se ti accontentassi».

«Lui non si accontentava di certo! Faceva quattro turni al giorno, per questo è schiattato, era solo questione di tempo».

«Cavoli suoi, farà felice qualcun altro».

«Pensi a te, vero? Ti piacerebbe! Non hai la sua voce!»

«Nessuno ha la sua voce, sarà uno scontro alla pari tra noi, chi sarà a dover scegliere?»

«Carnelli, la responsabile del canale».

«Una chiavica di donna».

«Ti scoperesti anche il suo barboncino se servisse».

«Se è per questo, si farebbe anche la sua bisnonna putrefatta».

Che merde, d’altronde lo sapevo, non li ho mai considerati veri amici e facevo bene.

La troia è già in pole-position, si è subito messa vicino a Marco, già so dove sta finendo la sua mano e immagino benissimo dove potrebbe essere la sua bocca stasera. Vorrei essere già fantasma quando scoprirà che è gay!

Venitemi a guardare, vi prego, vi scongiuro!

Inutile, stanno tutti cercando di primeggiare, “Amici, Romani, compatrioti, prestatemi orecchio; io vengo a seppellire Cesare, non a lodarlo. Il male che gli uomini fanno, sopravvive loro; il bene è spesso sepolto con le loro ossa; e così sia di Cesare.” Sono tutte primedonne del settore, ho sentito addirittura uno che mi fa letteralmente schifo, con cui non ho assolutamente rapporti, dire: «Era il mio miglior amico, me l’aveva detto domenica in montagna che si sentiva poco bene e che forse il week-end successivo avremmo dovuto rimandare la vacanza insieme; povero caro, la mia vita non sarà più la stessa».

Ma che dici, stronzo! Non ti volevo vicino neanche morto!!!

E invece eccoci qui, vicini vicini.

Tra poco chiuderanno la bara, sarò seppellito vivo, chissà se soffrirò? Non credo, non ho più sensibilità, non respiro, quanto starò in questo stato? Cazzo! “Ascoltate colleghi, io esisto!!!”

Se ne esco vivo faranno solo turni di brusio!!!

I becchini iniziano a sollevare il coperchio, cerco di muovere le dita, non ci riesco, sono paralizzate, è la fine!

«Ma sta piangendo!»

Una voce che fa smettere tutte le altre.

Chi è? La piccola Giulia, la cucciola, quella che doppia la figlia del rettore! Quando viene ai turni la madre ogni volta mi ripete: “Posso esserle molto riconoscente Dottore, qualunque cosa lei desideri… QUALUNQUE… poi per la prossima serie Giulia sarà cresciuta, avrà una voce da ragazza, ha quasi quindici anni, si merita una parte più importante”. Venderebbe lei e la figlia per farla lavorare! Povera cucciola, è bravissima, non ha bisogno di questi laidi aiutini, le voglio bene, spero che non diventi come la madre! Comunque sono salvo, tutti mi stanno guardando!

« È vivo! Dio sia lodato, è un miracolo!»

Coglione, sai benissimo che sono ateo. Non è certo il tuo triangolato ad avermi salvato! Tutti fanno marcia indietro, vorrebbero abbracciarmi, baciarmi, raccomandarsi, si muovono freneticamente, chiamano il 113, i carabinieri, la polizia, la guardia costiera, la forestale, senza ricordare che siamo dentro un ospedale, tutti col cellulare in mano per poter avvertire chi non c’è: «Sono io che l’ho salvato», «nessuno se n’era accorto», «mentre lo salutavo per l’ultima volta ha aperto gli occhi», «mi guardava riconoscente».

Mi sento strattonato, sto recuperando tutti i sensi, morte apparente? Lo scoprirà il dottore, l’importante adesso è che possa aver riflettuto su chi mi circonda, grazie tesorina! La guardo, mi sorride, l’unica che ha un vero affetto per me, un affetto pulito, raro in questo settore!

Il mio cervello è lucido, mi sono riposato, ho delle decisioni da prendere.

Sono pronto!

1
1
3

La valigia

19 October 2017

Devo preparare la valigia. Non so perché né cosa ci metterò. Sicuramente tutti i ricordi che mi terranno compagnia lungo la strada. Li poggero' sul fondo perché sopra stendero' i miei sogni . Senza non saprei vivere . Sogno di giorno per vivere di notte. Con te vicina. E lo spazio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
2

Il Dottor Supposton - 2/2

La giusta medicina

19 October 2017

Il grande Dottore Supposon e il suo fedele servitore, trovarono alloggio in una locanda dove, saputo che praticava l'arte medica, lo accolsero con grande sollecitudine <<Siete il benvenuto, Signore, sarà mia premura avvertire il ciambellano della vostra venuta. Il re accoglie tutti i dottori [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Supponevo che anche questa seconda parte mi sarebbe piaciuta tanto da mettere [...]

  • flavia: Grazie caro Scilyx, se mi riprenderò scriverò ancora di Supposton [...]

0
0
4

L'assassinio di una patatina - 2/2

19 October 2017

'Scusami, per caso hai visto qualcosa?" esordì il commissario. "Forse!" rispose sorridendo la bellissima patatina dalla corporatura longilinea ed appariscente. Si presentò come Dixi Sancarlos, una assidua frequentatrice del locale. "Cosa intedevi dire con quel forse?" "Forse ho visto qualcosa o [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

8
9
23

Le braccia

18 October 2017

Sono un castello di sabbia, che si sgretola al passaggio di un alito di vento. Sono la mano incerta che fa e disfa, in bilico tra l’equilibrio e l’assenza di un centro. Sono gelosa del mio tempo, eppure il tempo scivola via dalla mia mano tremante, ed i giorni scorrono veloci.. .. sono una casa [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Scrittrice imperfetta: Vi ringrazio tutti di cuore.. La vostre parole mi sono di conforto

  • Surya: Bellissima poesia, intensissima. Non aggiungo altro, anzi si, ti abbraccio... [...]

6
8
19

Il Dottor Supposton - 1/2

La giusta medicina

18 October 2017

Il dottor Supposton, grande medico conosciuto in tutto l'universo e dintorni, insieme col suo aiutante Coi Cai Sig Ke mal, camminavano o meglio correvano sulla strada polverosa molto rapidamente per mettere più distanza possibile fra loro e la gente del villaggio lasciato in tutta fretta alle prime [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

9
13
23

L'assassinio di una patatina - 1/2

18 October 2017

C hi non conosce il simpatico spot su una nota marca di patatine interpretato dal grande Rocco Siffredi? Da questo spot, mi è venuta l'ispirazione per scrivere questa sorta di giallino un pò particolare pieno di citazioni 'patatinose'. Buona lettura e buon divertimento. [NdA] All'esterno del [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
9
27

La manovra di Valsalva - 3/3

17 October 2017

Intanto le ore trascorrevano con infinita lentezza e le prime luci dell’alba penetravano tra le feritoie delle persiane. Ero esausto, sull’orlo della follia. La viscida bestia seguitava nervosamente a strisciarmi sulle gambe, forse affamata e, a ogni mio minimo movimento, scuoteva la coda minacciosamente. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
13
25

Notte sul lago

il congresso dei gatti

17 October 2017

La luna piena rifletteva la sua facciona tonda sulle acque placide del lago. La notte era calda senza vento e quaranta quattro gatti in fila per sei col resto di due, passeggiavano sulla riva ghiaiosa. Si guardavano sospettosi, come gatti sospettosi, sotto i baffi dritti dritti. Stavano andando [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • mammola: Io ho due cani,ma sono una gattara in incognito
    Sempre brava Flavia

  • Puccia: Bello anche il ricordo dei "quarantaquattro gatti in fila per sei col [...]

9
15
26

Intervista con l'artista Salvador Dalì

La persistenza della memoria

17 October 2017

Io e Mario stamo seduti ar tavolino der bar mò telefonamo a Dalì sperando che ce risponne! -Pronto maestro? Sono Walter Fest stò quì ar bar e vorremmo parlà cò lei de n'opera sua, ce farebbe er piacere de facce compagnia? -Seguro, dateme er tempo de vestimme, state sempre ar solito bar? Ecchime [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Puccia: Sempre bravo Walter e sempre mi piace tenere svegli i neuroni con il tuo dialetto.

  • Walter Fest: Grazie mille anche a Mammola e a Puccia... a breve un altro incontro speriamo [...]

10
17
36

Autunno

16 October 2017

Passeranno i giorni, gli anni... il tempo in ogni sua forma... ma l'unica cosa che poi ti resterà sempre,comunque e fortemente saranno i tuoi attimi,il tuo credo, quello per cui ti sei battuto, quello per cui non ti sei venduto, quello per cui non ti sei abbassato al livello degli altri... e questo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
10
21

La manovra di Valsalva - 2/3

16 October 2017

Confesso che, in principio, credetti si trattasse di un paio di mutandine puzzolenti o un reggiseno marcito, dimenticati lì sbadatamente. La sera prima, infatti, mi ero portato in casa, per i miei notturni piaceri, il corpo morto e già mezzo putrefatto di un’incantevole ragazza. L’avevo spogliata [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

9
14
23

Quindici uomini...

sulla cassa del morto

16 October 2017

Estate del 1956, un gruppo di ragazzi esce dal bosco cantando con voce cavernosa, o perlomeno facevano di tutto perché risultasse tale. <<Quindici uomini, quindici uomini sulla cassa del morto, yohohoh, yohohoh, e una pinta di rum, e una pinta di rum...>> La vecchia canzone dei pirati [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su