“E’ nel buio che devi guardare, con disobbedienza, ottimismo e avventatezza.”

 

M. Yourcenar

 

 


Parete nord di Jackson Reef, isola di Tiran , Mar Rosso , penisola del Sinai Egitto .

Entrati in acqua dopo il briefing in barca , ci guardiamo , facciamo
l' ultima verifica sul nostro stato e sulle attrezzature subacquee e , scambiato l'ok di rito , iniziamo l'immersione .

L'obiettivo è incontrare gli squalo martello che hanno eletto il sito subacqueo ,chiamato in gergo "Jakson out ", come luogo d'incontro e di procreazione .

Lentamente scendiamo a una ventina di metri lungo la parete del reef , poi ci distacchiamo e ci avventuriamo nel blu del mare aperto .

Per 20 minuti nuotiamo nel nulla alla profondità di 30 metri : con le braccia  conserte e pinneggiando ,guardiamo sopra e sotto di noi , e poi a destra e a sinistra.

Non c è corrente , tutto è fluido , si scivola via senza fatica .

Siamo in una situazione agorafobica , solo puro spazio color blu , nessun punto di riferimento , siamo
persi nel nulla , potremmo essere a 80 o 100 metri , non sappiamo quanto ci distanzia dal fondo
o dalla superficie .
Gli unici elementi di realtà sono ,oltre ai suoni , i percetti visivi del monitor del nitrox che ci informa su quant'aria ci resta nelle bombole , e il display verde del computer subacqueo al
polso che c'informa sulla profondità , la temperatura , il tempo trascorso dall'inizio dell' immersione .

Li controlliamo spesso per restare lucidi e orientati, ma anche per spezzare la monotonia di quel metafisico deserto blu.

È un blu profondo che fa paura , un inconscio senza forma da cui , croce o delizia , come nel sogno puó sortire un mostro o una dolcissima sirena .

Un filo d'ansia si mischia alla noia e al suono ipnotico del respiro nell'erogatore e delle bolle .

La mente è sola con sé stessa , libera di far quello che vuole , è tutta lì che si specchia in sé stessa , nulla di esterno la distrae , eppure non immagina nulla , non ricorda nulla , potrebbe andare in panico ma invece non succede nulla Niente.

Non si vede niente .
Blu .

Ossessivamente  solo Blu.

A un certo punto , come decine di altre volte in quei 1200 secondi , guardo nuovamente e stancamente dietro e sotto di me , e non vedo niente .

Il solito bellissimo blu .

Mentre torno col capo in posizione di base , in un lampo una voce misteriosa dentro
mi sussurra  :

"Girati di nuovo ! "

"Ho appena guardato " rispondo io alla voce

" Non c'è niente !"

Ma lei, cocciuta ,insiste

" Girati !" .

Vista la sua ostinazione ubbidisco e mi giro .

Resto di sasso !

Sotto di me , meraviglia delle meraviglie , a due metri c è una femmina di squalo martello che nuota lentamente con la testa rivolta in alto verso le mie pinne gialle .

Sembra una sagoma d 'argento ritagliata nel blu scuro .

I suoi piccoli occhi scuri spiccano sulle estremità del muso a martello , scrutandomi .

E' un incontro tra vedette di due gruppi di viventi , uomini e squali .

Incontrandola da solo ,vis a vis , mi elegge sul campo a vedetta del
mio gruppo di umani .

Lei , lo squalo martello è già invece ,chi sa da quanto tempo, la vedetta del suo branco .

E' un comportamento rinomato dei martello , una o due vedette salgono di consueto dalle profondità , dove staziona il gruppo ,a  vedere chi c'è e se si è fortunati tornano con gli altri squali .

Non ho nessuna paura , sono distaccato come se la stessi guardando in tv o al computer ,
è come se la mia mente avesse già visto un altra volta quell'immagine , come se fosse un deja vu .

I tanti film visti hanno rappresentato per la mia mente  un'esperienza che viene  ora percepita come  già  vissuta ?

Nonostante sia  emotivo , resto lucido e penso solo  al mio dovere verso il gruppo : segnalo subito infatti alla guida ,con grande orgoglio di Vedetta , di aver finalmente avvistato l'oggetto della nostra ricerca !

La guida si agita e fa segnali  rapidi verso gli altri , Alberto , Gabriele , Elio l'enologo , i due alpini di Bolzano  e i due sudanesi   .

Come se fosse stato svegliato da una trance all'improvviso , il gruppo si agita scomposto :
tutti cercano di fotografare ,è una tempesta di flash , colpi di pinna, virate , sprofondate.
Lei , la femmina di martello , di fronte a questo inelegante e rumoroso affannarsi umano , con due colpi di coda , a una  velocità supersonica , si dilegua nel blu profondo da cui è venuta ad annusarci e ci saluta .

Nessuna fotografia riusciamo a scattare , ma in barca ,al ritorno ,l'euforia è palpabile : i racconti si susseguono ed anche gli sfottó all'altro gruppo di sub  che non aveva visto nulla , e infine facciamo
le foto di gruppo con i pugni sui lati delle teste .

Nel linguaggio simbolico dei sub urliamo al mondo :

" Si , noi si ,  abbiamo incontrato il Dio Martello ! "

 

 

6
8
15

Tempo felino

19 September 2018

Tic tac… tac tic Tic tac… tac tic L'orologio va al contrario I minuti e le ore si sgretolano E i pensieri scivolano via. Tic tac… tac tic Tic tac… tac tic Il tempo è un enorme gatto Ed io Sono il gomitolo tra le sue zampe… …mi prende, mi lancia, mi tira, mi tende, mi riprende. Ed io, lentamente, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
6

La promessa

(LUI)

19 September 2018

Dopo un giorno, minuto dopo minuto, di solitudine, piano piano mi spogliai di ogni corazza, erano troppo pesanti, avevo bisogno di guardarmi dentro. Ma anche senza maschere la mia ombra anneriva il biancore dello sfondo, che si faceva sempre più grigio e tetro. Fu in quel momento che vidi una sottile [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
6
13

Inizia la scuola

19 September 2018

In questo periodo, giorno più giorno meno, stanno ricominciando le scuole in tutta Italia e sono giorni questi che mi riportano lontano nel tempo, per più di mezzo secolo. Nonostante ciò ricordo con nitidezza e dovizia di particolari quel meraviglioso periodo che è trascorso troppo in fretta e [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: "Sapor di scuola, il tempo vola..." cantano I Collage, ecco cosa [...]

  • Surya: Bellissimi ricordi...purtroppo quando siamo giovani non ci rendiamo conto di [...]

2
1
12

La cena

18 September 2018

Al residence, dove erano arrivati, un posto silenzioso e frequentato generalmente da turisti in vacanza e da anziani e famiglie, mancavano attività ricreative. Era più un alloggio che un centro per divertirsi, per cui affittato l'appartamentino per una settimana a una cifra astronomica ("che vuole? [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
2
11

L'ANIMA DIMENTICATA

18 September 2018

Frugando noiosamente, tra le passate cose, negli anfratti dei miei ricordi, un flebile chiarore m'ha incuriosito, spostati alcuni cartoni sgangherati e fradici l'ho vista! Rannicchiata, la sottile figura, teneva lo sguardo fisso su una mummia di topo. Ho allungato la mano e con delicatezza l'ho [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Belle e profonde riflessioni che richiamano a mio avviso alla poesia.
    Ti [...]

  • acerbus: sono oberato da un dittatoriale senso di utilità, per cui scrivo per [...]

2
3
19

Il melo e il pero

18 September 2018

Detto brianzolo: "me sunt tacaa a una brôca sgalada", mi sono aggrappato a un ramo spezzato, più o meno. E forse non è solo brianzolo. Io lo conosco dal mio dialetto, presumo sia della mia zona di provenienza... Melo e pero sono alberi abbastanza deboli, i loro rami sono "molli". Non quanto il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Vocestruggente, atipica ma funzionale nonchè simpaticamente istruttiva [...]

  • Bibbi: Almeno
    Un posto dove sei te stessa 💋💋💋

2
2
20

La casa brucia

17 September 2018

Era una sera d’estate, una di quelle sere in cui la brezza fresca si presenta come un’ospite inaspettato che, con il piglio di un lottatore instancabile, si batte contro la terra, la sabbia e l’asfalto per contrastare il calore accumulato da una giornata afosa che chiede a gran voce di uscire, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Bibbi: Molto bello immagino il
    Motivo del dar fuoco alla casa e aver modificato [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao M.F.C. era da tanto tempo che non pubblicavi qualcosa, un ottimo ritorno, [...]

2
5
17

Disperso nel biancore

(Lui)

17 September 2018

Lui (pensiero) -Non so come sono arrivato a questo punto, il paesaggio fino a poco fa sembrava avere una forma, ma più avanzavo, più perdeva d’importanza. Sono nato in un piccolo paesino di campagna, non ho mai amato le grandi città. Ho sempre creduto soffocassero l’arte. Non mi sono mai aspettato [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
15

È ora di dormire (Il rapimento) - 3/3

Le Nuove Storie Americane

17 September 2018

La mafia organizzò la scena del crimine in modo da sembrare un delitto passionale. Misero la pistola del boss nella mano di Frank e da quella dell’agente fecero sparare due colpi. I giornali parlarono della vicenda, per l’appunto, un delitto passionale: “L’agente dell’FBI Patrick O’ Grady è morto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
17

Lo sbarco

16 September 2018

Sembrava un barcone di migranti in cerca di approdo, lá, tra l'orizzonte e la riva; tanto che molti bagnanti, preoccupati, si erano messi a fissare l'imbarcazione che si avvicinava e avevano avvisato i bagnini. Subito gli "angeli della spiaggia" si erano messi in allarme ed avevano cominciato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
13

È ora di dormire (Il rapimento) - 2/3

Le Nuove Storie Americane

16 September 2018

Frank guardò Thomas implorando il suo aiuto, così l’uomo si propose di raccontare tutta la storia partendo dalle origini, Jenny ascoltò tutto dalle braccia di uno dei sicari del Don, doveva capire anche lei in che cosa era capitata. Tutti rimasero in silenzio. Finito il racconto, lo Zio rimase [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
2
17

Domande

16 September 2018

Ascolto e guardo le persone, spesso mio malgrado. Vorrei che qualcosa di esse mi sfuggisse, almeno qualcosa. Invece non mi sfugge una sola parola, non un gesto. Neppure se guardo l'orizzonte mentre gli altri parlano. E la mente non sta ferma, collega, collega, incastra, dipana, scioglie e impasta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Bibbi: Perché passa il tempo è ci rendiamo
    Conto delle nostre qualità [...]

  • Giuseppe Scilipoti: "Domande" introspettive ben formulate, avere domande ed avere già [...]

Torna su