“E’ nel buio che devi guardare, con disobbedienza, ottimismo e avventatezza.”

 

M. Yourcenar

 

 


Parete nord di Jackson Reef, isola di Tiran , Mar Rosso , penisola del Sinai Egitto .

Entrati in acqua dopo il briefing in barca , ci guardiamo , facciamo
l' ultima verifica sul nostro stato e sulle attrezzature subacquee e , scambiato l'ok di rito , iniziamo l'immersione .

L'obiettivo è incontrare gli squalo martello che hanno eletto il sito subacqueo ,chiamato in gergo "Jakson out ", come luogo d'incontro e di procreazione .

Lentamente scendiamo a una ventina di metri lungo la parete del reef , poi ci distacchiamo e ci avventuriamo nel blu del mare aperto .

Per 20 minuti nuotiamo nel nulla alla profondità di 30 metri : con le braccia  conserte e pinneggiando ,guardiamo sopra e sotto di noi , e poi a destra e a sinistra.

Non c è corrente , tutto è fluido , si scivola via senza fatica .

Siamo in una situazione agorafobica , solo puro spazio color blu , nessun punto di riferimento , siamo
persi nel nulla , potremmo essere a 80 o 100 metri , non sappiamo quanto ci distanzia dal fondo
o dalla superficie .
Gli unici elementi di realtà sono ,oltre ai suoni , i percetti visivi del monitor del nitrox che ci informa su quant'aria ci resta nelle bombole , e il display verde del computer subacqueo al
polso che c'informa sulla profondità , la temperatura , il tempo trascorso dall'inizio dell' immersione .

Li controlliamo spesso per restare lucidi e orientati, ma anche per spezzare la monotonia di quel metafisico deserto blu.

È un blu profondo che fa paura , un inconscio senza forma da cui , croce o delizia , come nel sogno puó sortire un mostro o una dolcissima sirena .

Un filo d'ansia si mischia alla noia e al suono ipnotico del respiro nell'erogatore e delle bolle .

La mente è sola con sé stessa , libera di far quello che vuole , è tutta lì che si specchia in sé stessa , nulla di esterno la distrae , eppure non immagina nulla , non ricorda nulla , potrebbe andare in panico ma invece non succede nulla Niente.

Non si vede niente .
Blu .

Ossessivamente  solo Blu.

A un certo punto , come decine di altre volte in quei 1200 secondi , guardo nuovamente e stancamente dietro e sotto di me , e non vedo niente .

Il solito bellissimo blu .

Mentre torno col capo in posizione di base , in un lampo una voce misteriosa dentro
mi sussurra  :

"Girati di nuovo ! "

"Ho appena guardato " rispondo io alla voce

" Non c'è niente !"

Ma lei, cocciuta ,insiste

" Girati !" .

Vista la sua ostinazione ubbidisco e mi giro .

Resto di sasso !

Sotto di me , meraviglia delle meraviglie , a due metri c è una femmina di squalo martello che nuota lentamente con la testa rivolta in alto verso le mie pinne gialle .

Sembra una sagoma d 'argento ritagliata nel blu scuro .

I suoi piccoli occhi scuri spiccano sulle estremità del muso a martello , scrutandomi .

E' un incontro tra vedette di due gruppi di viventi , uomini e squali .

Incontrandola da solo ,vis a vis , mi elegge sul campo a vedetta del
mio gruppo di umani .

Lei , lo squalo martello è già invece ,chi sa da quanto tempo, la vedetta del suo branco .

E' un comportamento rinomato dei martello , una o due vedette salgono di consueto dalle profondità , dove staziona il gruppo ,a  vedere chi c'è e se si è fortunati tornano con gli altri squali .

Non ho nessuna paura , sono distaccato come se la stessi guardando in tv o al computer ,
è come se la mia mente avesse già visto un altra volta quell'immagine , come se fosse un deja vu .

I tanti film visti hanno rappresentato per la mia mente  un'esperienza che viene  ora percepita come  già  vissuta ?

Nonostante sia  emotivo , resto lucido e penso solo  al mio dovere verso il gruppo : segnalo subito infatti alla guida ,con grande orgoglio di Vedetta , di aver finalmente avvistato l'oggetto della nostra ricerca !

La guida si agita e fa segnali  rapidi verso gli altri , Alberto , Gabriele , Elio l'enologo , i due alpini di Bolzano  e i due sudanesi   .

Come se fosse stato svegliato da una trance all'improvviso , il gruppo si agita scomposto :
tutti cercano di fotografare ,è una tempesta di flash , colpi di pinna, virate , sprofondate.
Lei , la femmina di martello , di fronte a questo inelegante e rumoroso affannarsi umano , con due colpi di coda , a una  velocità supersonica , si dilegua nel blu profondo da cui è venuta ad annusarci e ci saluta .

Nessuna fotografia riusciamo a scattare , ma in barca ,al ritorno ,l'euforia è palpabile : i racconti si susseguono ed anche gli sfottó all'altro gruppo di sub  che non aveva visto nulla , e infine facciamo
le foto di gruppo con i pugni sui lati delle teste .

Nel linguaggio simbolico dei sub urliamo al mondo :

" Si , noi si ,  abbiamo incontrato il Dio Martello ! "

 

 

2
2
5

Miserie e nobiltà di Palazzo Sammartino

24 June 2018

Che vergogna! Sono un edificio storico, palazzo Sammartino, un monumentale caseggiato sito in piazza Marina, all'inizio di via Lungarini, oggi di proprietà del Comune di Palermo, di quella Palermo ricca di monumenti, costruiti da ogni popolo che nel tempo l'ha conquista e sottomessa. Le mie stanze, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • flavia: Un atto di accusa verso l'incuria cittadina e tanto affetto per una città [...]

  • Scrittrice imperfetta: Bella l'idea di far parlare in prima persona il palazzo e credo sia verissimo [...]

2
2
5

Dolce notte d'estate

24 June 2018

Dolce è il calar del sole, che silenzioso si ritira, mentre appaiono giocose luna e le fedeli amiche stelle. Milano d'estate fino a tardi è illuminata: c'è chi danza, chi fa festa, chi con un gelato si rinfresca. Buonanotte a chi sorride, come anche a chi mai ride. Notte al pittore e a colui [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
4
9

Mutande al vento, il bucato raccolto

seconda parte

24 June 2018

Da quando aveva comprato tutte quelle mutande Carmelo non trovava pace. Le guardava, le accarezzava, passava ore a pensare come utilizzare il prezioso carico. Non ne fece parola con nessuno, nascose il pacchetto sotto il letto e di tanto in tanto si permetteva il lusso di toccare, annusare quegli [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Scrittrice imperfetta: Bellissimo Flavia, io l'ho trovato molto delicato, e mentre leggevo mi [...]

  • flavia: Grazie Lory, sono felice che ti sia piaciuto, è piaciuto anche a me [...]

6
6
19

Amore eterno

due cuori e una capanna

23 June 2018

Vedere New York coperta di neve non era certo uno spettacolo inusuale, ogni anno la città viene sepolta da coltri di neve più o meno abbondanti. Anche quest’anno come al solito la città era impegnata in una lotta impari fra lei e le condizioni meteo, erano giorni difficili, camminare o procedere [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
4
18

Chicco

23 June 2018

Correva, anzi, zoppicava l'anno 1983, un anno speciale per me perché il Padreterno, contrariamente a quanto fa di solito, esaudì un mio desiderio. In quel tempo facevo il meccanico d'auto nell'officina di mio padre; era quello un mestiere di casta che non mi dispiaceva affatto, se si vuole ignorare [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • mammola: Bellissimo e scritto in modo inappuntabile

  • Puccia: In questo racconto si intravede ancora viva la compassione e l'amicizia. [...]

6
8
32

La storia di una formica

23 June 2018

Non trovo più un punto dove attraccare. Lei se ne sta andando. Lei era la mia gioia, anche se in realtà non era gioia. Tutto mi scivola tra le mani e io senza più un sogno. Un sogno per cui valga la pena lottare. Lei era il mio sogno. Il sogno di una famiglia con dei figli. Il sogno di una stabilità [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Puccia: Scrivi e leggi, scrivi e leggi, ed ancora scrivi e leggi qualsiasi cosa, daranno [...]

  • In prova: Grazie a tutti. È uno sfogo momentaneo. In realtà sono giornalista [...]

9
12
64

Quei due

22 June 2018

Quei due nella foto siamo noi, circa quindici anni fa, a Lerici. Tu avevi ancora i capelli ed eri più magro, io avevo una borsa sbagliata ed ero troppo truccata. Eravamo noi, ma quanto mi sembrano lontani quei due, adesso. Non era uno dei nostri periodi migliori, qualcosa si era incrinato nel nostro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patrizia Poli: Somiglia al mio "Nessun dolore". Noi donne uccidiamo molto con la [...]

  • Manuela Cagnoni: Grazie a tutti! Ieri non avevo guardato la posta e non mi ero accorta che il [...]

5
7
18

La Sicilia che cambia

22 June 2018

Un fazzoletto di terra, un triangolo adagiato sul mar mediterraneo, quasi posto sulle onde azzurre per assorbire i venti della storia, la Sicilia ne ha visto di cotte e di crude.. Ha subito invasioni, dominazioni, ha conosciuto le prepotenze, le privazioni delle libertà e dei diritti, le sopraffazioni [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
16
25

L'urlo del vento

L'importanza di essere se stessi

22 June 2018

Trascinando i suoi passi stanchi sulla sabbia aveva percorso sentieri di ogni dove, sentendo sempre dentro di sé il peso dell’assenza di senso. E andava avanti, continuando a procedere a tentoni e osservando attonita i suoi piedi. Ancora e ancora, nei punti dove il suo andare si srotolava dietro [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

10
12
27

1980, fonogramma carabinieri

21 June 2018

Fonogramma Da Ministero Interno Protezione Civile al Comando Stazione Carabinieri di Salsano 1) Urgono notizie presunto sisma, sospetto epicentro vostra zona 2) Calcolare danni provocati movimento tellurico e controllare Scala Mercalli 3) Infine rispondere stesso mezzo riportando gradi esatti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
18

La guerra e la pace - 2/2

21 June 2018

— Si riferisce all'ipocrisia capace di definire una qualsiasi pace come fosse il frutto di scelte individuali?— sibilò il fricchettone dell'ultimo banco vicino alla finestra, quello col mozzicone di canna spento in mano e che lo riaccendeva ogni volta che la prof. si girava a scrivere sulla lavagna [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
2
11

La sauna

Frammento da un viaggio in Finlandia

Cat
21 June 2018

Ero in Finlandia per uno strano viaggio misto di lavoro e vacanza in compagnia di un amico del posto, ero partito senza un euro in tasca. Dopo aver girato in lungo e in largo la Svezia eravamo arrivati finalmente a Vaala, un piccolo villaggio nel centro dello stato scandinavo dove avremmo trascorso [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su