Il primo ad accorgersene era stato Giuseppe.. aveva riflettuto molto, prima di mettere sul tavolo la questione con gli altri autori, ma alla fine era giunto alla conclusione che non si poteva continuare a far finta di niente; il tempo passava, e probabilmente loro erano gli unici che avrebbero potuto venirne a capo. O almeno era quello che Giuseppe sperava..

D’altra parte, si diceva, lei era una di loro, ed era quindi giusto e doveroso accertarsi che tutto fosse a posto.

Ma per ben comprendere la storia che sto per raccontarvi è necessario fare un passo indietro.. vi starete infatti chiedendo.. (ed è lecito).. Lei chi? Loro chi?

Ed eccovi accontentati.

I protagonisti della nostra storia sono uno scalcinato e un po’ matto gruppo di autori: gente distribuita un po’ in tutta Italia il cui solo comune denominatore è quello di condividere una grande, smisurata passione, quella per la scrittura.

Pubblicano i frutti delle loro fatiche su un sito, “Letture da metropolitana”.. con il tempo questo quotidiano scambio reciproco di commenti, opinioni, idee, frammenti di sogni, ha fatto si che si creasse tra loro una astratta quanto bizzarra amicizia.

Ma torniamo a quel giorno.. Giuseppe decise quindi di porre il problema: “Ragazzi”, digitò veloce sul suo smartphone, “Ma qualcuno sa che fine ha fatto Scrittrice imperfetta? È da un bel po’ che non leggo qualcosa di suo, e non ha nemmeno più commentato”..

“Già”, scrisse Flavia.. “ed anche sulla chat è assente”..

“Aò che ci volete fa ragà.. quella sta sempre piena di casini.. magari non  c’ha voglia..” scrisse Walter.. poi però ci ripensò.. “in effetti però è strano”..

A questo punto intervennero Dario e Bibbi: “Dobbiamo scoprire cosa sta succedendo”, scrisse il primo.. “si infatti, l’importante è che sia tutto a posto”..

A questo punto prese la parola (scritta) Surya: “Flavia.. tu sei l’unica di Torino e sai pure dove lavora.. magari fai un salto per vedere se è tutto a posto”.

E così Flavia il mattino dopo si recò dai nonnini di San maurizio.. Ma loro non la vedevano da un po’ ed erano molto preoccupati.. Chiesero a Flavia di tenersi in contatto con loro, se avesse scoperto che fine aveva fatto quella matta della loro educatrice.

Alla fine i nostri autori decisero di trasformarsi in investigautori e partirono alla ricerca dell’autrice perduta.. arrivarono tutti a Torino in una mattina di Dicembre..

Era strano essere realmente tutti insieme.. e dopo un iniziale momento di imbarazzo, tanto per rompere il ghiaccio Walter esclamò “Ammazzate che freddo.. l’amica nostra poteva pure sparire in un altro periodo dell’anno, li mortacci sua!!”  

E dopo questa provvidenziale iniezione di fiducia e positività i nostri prodi eroi partirono alla volta di Rivarolo, il paesello dove Scrittrice imperfetta viveva.

Arrivati a casa di Scritty (affettuoso nomignolo dato alla scomparsa dal buon Dario), i nostri trovarono Rosario, il marito, che in preda alla disperazione li ringraziò vivamente per essere accorsi in su aiuto e disse: “’azz.. mia moglie sicuramente è scappata per via dei tre piccoli terremoti”.. 

I tre bambini, mostrando tutta la loro vibrante preoccupazione, continuavano a spintonarsi e urlare lanciandosi giochi e tutto quello che trovavano.. dopo cinque minuti di quella baraonda i nostri investigautori iniziavano ad avere un vago sospetto del perché Scrittrice imperfetta avesse preso il largo, ma non dissero niente.

“Questo è il pc di Lorena”, disse Ros.. “il giorno in cui è scomparsa l’avevo lasciata che scriveva un racconto.. se volete date un’occhiata, magari trovate qualche indizio”.

Accesero il pc.. L’ultimo file era datato 28 novembre. Iniziarono a leggerlo con curiosità:

“Il primo ad accorgersene era stato Giuseppe.. aveva riflettuto molto, prima di mettere sul tavolo la questione con gli altri autori, ma alla fine era giunto alla conclusione che non si poteva continuare a far finta di niente; il tempo passava, e probabilmente loro erano gli unici che avrebbero potuto venirne a capo. O almeno era quello che Giuseppe sperava..

D’altra parte, si diceva, lei era una di loro, ed era quindi giusto e doveroso accertarsi che tutto fosse a posto”..

Gli investigautori non ci si raccapezzavano più.. in quel file c’era descritto per filo e per segno tutto quello che era capitato negli ultimi giorni.. come era possibile?

“Ci dev’essere una spiegazione”, disse Puccia..

Continuarono a leggere stupiti e confusi.. il testo descriveva per filo e per segno ogni cosa, con tanto di commenti e dialoghi avvenuti quella mattina..

Al punto in cui i protagonisti del testo (loro), erano tutti di fronte al pc che leggevano con stupore, il testo si interrompeva.. il cursore lampeggiava sul monitor come un invito..

Improvvisamente e simultaneamente, gli investigautori seppero cosa dovevano fare.

“Dai Giuseppe, inizia tu”, disse Dario.

Giuseppe sedette di fronte al Pc e iniziò a digitare:

“Gli investigautori avevano finalmente compreso cosa fosse successo. Scrittrice imperfetta era rimasta intrappolata in uno dei suoi racconti, e l’unico modo per farla uscire era.. concludere il racconto”.

Uno alla volta sedettero di fronte al Pc.. le parole uscivano dal cursore e man mano che il racconto volgeva al termine erano sempre più sicuri che la soluzione fosse quella giusta..

Continuavano ad alternarsi, le parole uscivano dalle loro dita quasi da sole.. Dario, Camillina, Surya, e tutti gli altri.. ognuno scrisse il suo pezzo

Ed ecco che infine Flavia iniziò a scrivere il finale:

“Flavia digitava veloce il finale.. ad un certo punto tutti si accorsero che lo schermo del pc stava cambiando.. era come se perdesse consistenza.. sembrava quasi liquido ormai. Ed improvvisamente, una mano spuntò dal monitor.. la afferrarono ed iniziarono a tirare.. ed ecco Scrittrice imperfetta, che tutta scarmigliata spuntava dallo schermo.. dandosi una spinta ne uscì del tutto..

“Grazie ragazzi.. Sapevo che mi avreste saputo tirare fuori”.

.. questo è quello che accadde. Non ci credete? No?

Eppure è una storia vera!! Vera come tutte le storie di fantasia che continuerete a leggere, se ne avrete voglia, dalle penna variegate di quella scalcinata combriccola.

 

3
3
14

Iniezioni di humour - 1/2

18 December 2017

Cari amici, oggi vi propongo una serie di testi umoristici che scrissi in word in vari file tra il 2004 e il 2009, per la precisione le mie primissime incursioni in ambito scrittura. Queste composizioni narrative di matrice autobiografica, furono salvate su una vecchia chiavetta tenuta conservata [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

4
5
16

Sciaf, sciaf

18 December 2017

Sciaf, sciaf Un rumore acquatico sovrasta quello delle onde che si frangono sulla riva pietrosa della spiaggetta. Mi ero addormentato, guardo il cellulare, ore undici, un’ora di oblio vicino al pontile, lo sciaf sciaf che mi ha svegliato è causato da due piedini indubbiamente e meravigliosamente [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Bibbi: Che fregatura😃 tutta quest apprensione e poi....!!sciaf sciaf😅bravo Dario [...]

  • Dario De Santis: Grazie ragazze!!!!!!!!!!!!!!!!!

3
2
10

La raccolta delle olive

17 December 2017

Uno dei momenti più belli durante l'anno è per le famiglie la raccolta delle olive. Quei frutti di varia grandezza, che sono cresciuti lentamente durante la precedente stagione con l'avvento delle piogge di ottobre/ novembre si caricano d'olio e gonfiano in maniera straordinaria. Sembrano tanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
9
24

Scena di un padre e dei suoi figli

17 December 2017

A volte mi capita di fare la pendolare e prendere l’autobus per recarmi al lavoro. Ieri era un giorno di quelli e mentre tutti avevano le cuffiette e ascoltavano musica, io stavo leggendo i racconti del giorno di Letture da Metropolitana. Seduto di fronte a me c’era un ragazzo con i suoi due figli: [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: Brava Surya, racconto molto delicato che purtroppo tocca tanti in questi ultimi [...]

  • Surya: Grazie a tutti dei vostri commenti! Scusate se non vi ho ringraziato prima [...]

10
13
30

La ragazza dei miei sogni - 2/2

Da ascoltare in sottofondo: Raf - Inevitabile follia (scelta facoltativa)

16 December 2017

Mi giro di scatto e un'incantevole visione mi assale. La Bionda è a pochi metri da me, mi è difficile descrivere l'espressione del suo viso puntato verso la mia direzione accompagnato da un sorriso luminoso, nonché mi è difficilissimo descrivere la sua bellezza, la foto del suo profilo di Letture [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
4
16

La vita, è.

16 December 2017

Zoe aveva conosciuto il suo nuovo vicino di casa una fredda sera di novembre. Convenevoli, strette di mano, sorrisi imbarazzati e frasi di circostanza. "Piacere, Matteo." Poi quattro chiacchiere al bar vicino, e aveva scoperto che stava sistemando la casa vicina alla sua per tornarci presto a [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Ottimo, questa frase "la vita è" da tener presente ogni giorno, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ottimo racconto, hai scritto un qualcosa di importante, ha degli aspetti filosofici [...]

9
13
22

La ragazza dei miei sogni - 1/2

Da ascoltare in sottofondo: Raf - Inevitabile follia (scelta facoltativa)

15 December 2017

«Leggo sempre i tuoi racconti, hai un animo dolcissimo, sei tenerissimo, non posso credere che esistono uomini ancora capaci di emozionare, di trasmettere sentimenti cosi puri come i tuoi, Giu...io desidero incontrarti, desidero specchiarmi nei tuoi occhi color Nutella, desidero dirti tante di [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

12
13
28

Aspetterò la guarigione

che fare?

15 December 2017

Non sono abituata a vederlo soffrire, è sempre stato forte e robusto. In vita sua ha avuto due volte il raffreddore, ed ora non sopporto di vederlo deperire ogni giorno. Cammina curvo, quasi che il peso degli anni sia improvvisamente sulle sue spalle come un macigno. La sua malattia, sconosciuta, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Camillina, Gius, Surya grazie perché sapete sempre trovare le parole [...]

  • Marianna Patti: È toccante quanto hai scritto! Scritto molto bene, con parole giuste [...]

6
5
19

Risponde allora amore

15 December 2017

Maschera di felicità copre mondi di delusione. Poi una voce chiama mamma, risponde allora amore. Ed è nuova gioia.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Crazy, in merito ai molti scritti in precedenza, senza fare accenni o [...]

  • Surya: Solo una cosa ci aiuta a superare le difficoltà: l'amore per i nostri [...]

10
13
24

Alla ricerca di Roberta

Storie pazze a Rivarolo

14 December 2017

Prima di recarsi all’ Hotel Rivarolo, i nostri amici autori provano a telefonare a Roberta, l’unica che non si è presentata all’appuntamento della mattina alla stazione di Torino Porta Nuova. Walter prende il telefono e compone il numero. Squilla, ma Roberta non risponde. “A Robè, mandò sei finita? [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Puccia: Brava, semplicemente bello! Hai dato a me la parte che veramente mi compete [...]

  • Scrittrice imperfetta: Troppo carino.. E noi siamo i più bravi investigautori che si siano [...]

11
10
23

I miei natali in casa Meraviglia

14 December 2017

Ho quarantadue anni, una famiglia, una casa, e un’anima stropicciata.. una vita piena, intensa, incasinata.. A volte mi piace giocare e provo a guardare la mia esistenza dal di fuori.. provo ad essere estranea a me stessa, ed osservare ciò che gira intorno.. la mia vita mi piace. Ne amo le sfumature, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
14

La sveglia

14 December 2017

Ritornò in sè al suono della sirena. Era lì, in attesa del segnale per poter ricominciare a vivere e a respirare, dato che avevano finora trattenuto il respiro senza alcuna lamentela. Quelle note assordanti avevano finalmente prodotto in lui un risveglio da quel torpore che la notte gli aveva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Marianna Patti: Bello e scritto bene! Si potrebbe interpretare in vari modi...un risveglio [...]

Torna su