C’era una volta una bambina, viveva su uno scoglio circondato dal mare.
La bambina credeva che il suo scoglio fosse il mondo intero.
Ed evitava di farsi domande, per non pensare, per non doversi confrontare con il Mare.
E se ne stava delle ore intere in riva ad una spiaggia senza tuffarsi aspettando che le Onde la raggiungessero.
Esse arrivavano puntuali e puntuali andavano via.
Lasciandola sola.
Erano fatte così, malandrine si rincorrevano e sparivano, nessuna simile ad un altra, dispettose corrodevano il suo piccolo isolotto.
La bambina si sentiva sola e a volte parlava con le onde, confidava i suoi pensieri, ma le sembrava tutto fiato sprecato: esse evitavano di risponderle e tacite lasciavano parlare il vento.

Le Albe si sostituivano ai tramonti e le stagioni si avvicendavano.
Ad ogni autunno seguiva sempre una primavera e l’estate era l’opposto dell’inverno, ma la bambina non credeva nello scorrere del tempo!
Tutto sembrava sempre uguale sul suo isolotto e quel buffo tiranno passava mentre lei era ferma sul suo scoglio… immobile in cerca di un segnale.
I giorni si alternavano alle notti, la bambina era troppo stanca per guardare il cielo!
Così si addormentava ancor prima che fossero comparse le stelle.
A volte sognava, ma non ricordava la voce dei suoi sogni!
Fin che una notte per colpa della tristezza non riusciva a dormire.
E in quella notte d’inverno la bambina insonne smise di guardare il mare, decise di non ascoltare più la voce del vento e di non fidarsi delle onde bugiarde.
Così alzò gli occhi al cielo.
Fu un incanto vedere quelle miliardi di lucine che illuminavano l’oscurità!
Vide le stelle per la prima volta! Milioni di milioni la sovrastavano, le davano calore.
La bambina non si sentì sola.
Tacque spaventata ed emozionata al contempo poi iniziò a sussurrare al cielo le sue dolci parole, i suoi pensieri e i suoi desideri sperando che le stelle l’ascoltassero.
Ed esse pazienti, brillanti, udirono i suoi sussurri e le raccontarono fiabe, sogni bambini sparsi nel mondo, storie di isolotti e terre lontane.
Arrivò il giorno.
La bambina aspettava la notte impaziente per ascoltare ancora i racconti delle stelle.
Niente aveva più senso, non esisteva solitudine, non esisteva tristezza o malinconia quando avevi le stelle a farti compagnia!
E il tempo cominciò ad avere un valore, viveva nell’attesa della notte, nell’attesa di poterle incontrare.
Scoprì che le stelle segnavano rotte e percorsi, scoprì che i marinai le seguivano raggiungendo mete lontane, che gli innamorati e i sognatori guardavano il cielo continuamente, e i poeti non facevano altro che aspettare la notte per scrivere poesie intessute di luce di stelle.
Quella bambina iniziò a sognare…
Una notte decise di partire seguendo la stella polare.
La bambina voleva vedere il mondo!
Lasciò il suo isolotto, il mondo era diverso dal suo scoglio, a volte era crudele, ma filtrato agli occhi dalla luce stellare appariva meraviglioso!
E fu così che cominciò a Viver di stelle. Il tempo ha ripreso a scorrere e alle albe si sono sostituiti i tramonti e le stagioni hanno continuato il loro ciclo.
La bambina che aveva iniziato a vivere di stelle, adesso è cresciuta, è una donna, ma niente è cambiato da quella notte in cui è partita.
Posso assicurarvi che continua il suo viaggio con gli occhi al cielo.
La bambina sta ancora vivendo le stelle!

© Tutti i diritti riservati Anna Lamonaca

3
3
14

Iniezioni di humour - 1/2

18 December 2017

Cari amici, oggi vi propongo una serie di testi umoristici che scrissi in word in vari file tra il 2004 e il 2009, per la precisione le mie primissime incursioni in ambito scrittura. Queste composizioni narrative di matrice autobiografica, furono salvate su una vecchia chiavetta tenuta conservata [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

4
5
16

Sciaf, sciaf

18 December 2017

Sciaf, sciaf Un rumore acquatico sovrasta quello delle onde che si frangono sulla riva pietrosa della spiaggetta. Mi ero addormentato, guardo il cellulare, ore undici, un’ora di oblio vicino al pontile, lo sciaf sciaf che mi ha svegliato è causato da due piedini indubbiamente e meravigliosamente [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Bibbi: Che fregatura😃 tutta quest apprensione e poi....!!sciaf sciaf😅bravo Dario [...]

  • Dario De Santis: Grazie ragazze!!!!!!!!!!!!!!!!!

3
2
10

La raccolta delle olive

17 December 2017

Uno dei momenti più belli durante l'anno è per le famiglie la raccolta delle olive. Quei frutti di varia grandezza, che sono cresciuti lentamente durante la precedente stagione con l'avvento delle piogge di ottobre/ novembre si caricano d'olio e gonfiano in maniera straordinaria. Sembrano tanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
9
24

Scena di un padre e dei suoi figli

17 December 2017

A volte mi capita di fare la pendolare e prendere l’autobus per recarmi al lavoro. Ieri era un giorno di quelli e mentre tutti avevano le cuffiette e ascoltavano musica, io stavo leggendo i racconti del giorno di Letture da Metropolitana. Seduto di fronte a me c’era un ragazzo con i suoi due figli: [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: Brava Surya, racconto molto delicato che purtroppo tocca tanti in questi ultimi [...]

  • Surya: Grazie a tutti dei vostri commenti! Scusate se non vi ho ringraziato prima [...]

10
13
30

La ragazza dei miei sogni - 2/2

Da ascoltare in sottofondo: Raf - Inevitabile follia (scelta facoltativa)

16 December 2017

Mi giro di scatto e un'incantevole visione mi assale. La Bionda è a pochi metri da me, mi è difficile descrivere l'espressione del suo viso puntato verso la mia direzione accompagnato da un sorriso luminoso, nonché mi è difficilissimo descrivere la sua bellezza, la foto del suo profilo di Letture [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
4
16

La vita, è.

16 December 2017

Zoe aveva conosciuto il suo nuovo vicino di casa una fredda sera di novembre. Convenevoli, strette di mano, sorrisi imbarazzati e frasi di circostanza. "Piacere, Matteo." Poi quattro chiacchiere al bar vicino, e aveva scoperto che stava sistemando la casa vicina alla sua per tornarci presto a [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Ottimo, questa frase "la vita è" da tener presente ogni giorno, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ottimo racconto, hai scritto un qualcosa di importante, ha degli aspetti filosofici [...]

9
13
22

La ragazza dei miei sogni - 1/2

Da ascoltare in sottofondo: Raf - Inevitabile follia (scelta facoltativa)

15 December 2017

«Leggo sempre i tuoi racconti, hai un animo dolcissimo, sei tenerissimo, non posso credere che esistono uomini ancora capaci di emozionare, di trasmettere sentimenti cosi puri come i tuoi, Giu...io desidero incontrarti, desidero specchiarmi nei tuoi occhi color Nutella, desidero dirti tante di [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

12
13
28

Aspetterò la guarigione

che fare?

15 December 2017

Non sono abituata a vederlo soffrire, è sempre stato forte e robusto. In vita sua ha avuto due volte il raffreddore, ed ora non sopporto di vederlo deperire ogni giorno. Cammina curvo, quasi che il peso degli anni sia improvvisamente sulle sue spalle come un macigno. La sua malattia, sconosciuta, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Camillina, Gius, Surya grazie perché sapete sempre trovare le parole [...]

  • Marianna Patti: È toccante quanto hai scritto! Scritto molto bene, con parole giuste [...]

6
5
19

Risponde allora amore

15 December 2017

Maschera di felicità copre mondi di delusione. Poi una voce chiama mamma, risponde allora amore. Ed è nuova gioia.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Crazy, in merito ai molti scritti in precedenza, senza fare accenni o [...]

  • Surya: Solo una cosa ci aiuta a superare le difficoltà: l'amore per i nostri [...]

10
13
24

Alla ricerca di Roberta

Storie pazze a Rivarolo

14 December 2017

Prima di recarsi all’ Hotel Rivarolo, i nostri amici autori provano a telefonare a Roberta, l’unica che non si è presentata all’appuntamento della mattina alla stazione di Torino Porta Nuova. Walter prende il telefono e compone il numero. Squilla, ma Roberta non risponde. “A Robè, mandò sei finita? [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Puccia: Brava, semplicemente bello! Hai dato a me la parte che veramente mi compete [...]

  • Scrittrice imperfetta: Troppo carino.. E noi siamo i più bravi investigautori che si siano [...]

11
10
23

I miei natali in casa Meraviglia

14 December 2017

Ho quarantadue anni, una famiglia, una casa, e un’anima stropicciata.. una vita piena, intensa, incasinata.. A volte mi piace giocare e provo a guardare la mia esistenza dal di fuori.. provo ad essere estranea a me stessa, ed osservare ciò che gira intorno.. la mia vita mi piace. Ne amo le sfumature, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
14

La sveglia

14 December 2017

Ritornò in sè al suono della sirena. Era lì, in attesa del segnale per poter ricominciare a vivere e a respirare, dato che avevano finora trattenuto il respiro senza alcuna lamentela. Quelle note assordanti avevano finalmente prodotto in lui un risveglio da quel torpore che la notte gli aveva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Marianna Patti: Bello e scritto bene! Si potrebbe interpretare in vari modi...un risveglio [...]

Torna su