Erano passati circa sei mesi da quando avevo finito le superiori e finalmente mi lasciavo alle spalle le materie, i professori, i compagni di scuola nonché l'imperante bullismo perpetrato ai miei danni da parte di quest'ultimi.
Avevo 19 anni, nonostante il tedioso periodo scolastico durato cinque anni, mi sentivo come  rinascere.
Ero libero, senza più percosse fisiche e soprattutto psicologiche che tanto avevano reso quel periodo della mia vita un autentico girone dantesco.
Dopo la scuola, lavoravo da circa tre anni, in un negozio di articoli casalinghi, dove parallelamente venivo sfruttato nonché pagato  una miseria e attendevo con trepidazione la chiamata alle armi in quanto desideroso di una carriera nell'esercito, mestiere che sognavo fin da bambino.
Non ho alcuna nostaglia delle superiori, principalmente brutti ricordi che ancora oggi risultano vividi nella mia mente.
Un quintennio che mi apparve per ovvi motivi davvero lunghissimo, difatti i miei compagni di classe e non, me ne fecero di tutti i colori, fin dai primi giorni del primo anno, mi fu affibbiato un brutto epiteto che mi logorava l'anima ogni qualvolta lo udivo.
'PROSCIUTTO'.

L' origine del soprannome? È presto detto.
Mi fu dato da un cafone per via che all'epoca dei fatti, avevo la carnagione rosa pallido.
Loris Calabrese (non dimenticherò mai questo nome), un pessimo elemento senza alcuna voglia di studiare, che frequentó la scuola per circa tre mesi poiché dopo essere stato sospeso a causa di un gravoso comportamento nei confronti del professore di elettronica, decise di non fare più ritorno.
Ancora oggi mi viene una gran rabbia al solo pensarci.
Si iscrisse inutilmente all' I.P.S.I.A., procurò enormi fastidi (e non solo al sottoscritto) per poi infine, come già detto, ritirarsi e grazie a quel maledetto appellativo mi 'condannò' per tutto il periodo scolastico, specie i primi tre anni che si rilevarono senz'altro i più orrendi.
Sono sempre stato del parere che certa gente viene mandata dal diavolo stesso per scombussolare la vita a chi non merita di essere inquietato.
Il soprannome si propagó facilmente come un morbo e in men che non si dica anche nelle altre classi.
'Prosciutto! Prosciutto! Prosciutto!..'
Venivo così insultato, spesso e volentieri (da uno o più ragazzi, con tanto di cori odiosi) in classe, nel cortile, nei bagni, all'uscita della scuola, anche quando venivo 'pescato' per le vie della mia città in cui bulli sfrecciavano con i loro scooter.
In certi contesti, arrivai addirittura alle mani con singoli individui, battendomi come un leone ma le dolorose rappresaglie venivano fin da subito messe in atto.
Reagivo per difendermi ma dinnanzi ai gruppi non avevo scampo.
Erano in troppi e io ero solo.
I professori non mi furono d' aiuto in alcun modo, inoltre a casa non ne parlavo, avevo paura che avrei peggiorato la mia situazione in caso di un intervento dei miei genitori.
A parte Ernesto, il mio compagno di banco di cui più o meno subiva le mie stesse angherie, non legai con nessuno.
Gli insulti tante volte venivano accompagnati da calci, sgambetti e vigorose manate al collo.
Nel peggiore dei casi non mancavano sputi e percosse.
Durante la ricreazione per evitare grane, preferivo starmene rintanato in classe, meglio ancora con l'insegnante presente ed evitavo di affacciarmi alla finestra.
Nel 2003 l' incubo finii, seppur mi diplomai con un punteggio davvero modesto, me ne fregai altamente poiché il mio intento principale era  sbarazzarmi di tutti coloro che mi fecero patire ogni genere di vessazioni, tra cui un certo Gaetano Castello il carnefice dei carnefici.
Era il primo della classe e primeggiava in tutto, anche in educazione fisica (capitanava una agguerrita squadra locale di calcio) ma allo stesso tempo il peggiore caratterialmente, in primis nei miei confronti. 

Arrogante, narcisista, sfacciato, maligno, impietoso, malevole, ostile, perfido...non basterebbero intere pagine per elencare tutti i sinonimi o comunque i suoi lati negativi.
Nonostante ciò, era un leader, uno degli studenti più popolari della scuola, aveva tra l'altro parecchia fortuna anche con le ragazze, complice il fatto che era considerato un bel ragazzo.
Capigliatura bionda a caschetto, occhi azzurri, non molto alto, fisicamente atletico, orecchino ed abbigliamento firmato dalla testa ai piedi.
Era odioso ed insopportabile, mi aveva preso praticamente di mira, una persona praticamente impossibile da gestire.
Una mattina del terzo anno, preso dall'esasperazione nonché accecato dall'odio, dopo gli ultimi due giorni davvero infernali ad opera di Gaetano, decisi di infilare dentro il mio zaino, il mattarello di mia madre, pronto a malmenare a sangue il mio diabolico nemico.
Al suono della campanella che annunciava la prima ora, lo vidi vicino al cancello della scuola, e come da copione cominciò a insultarmi.
'Prosciutto, prosciuttazzo!' accompagnato da risate e dai cori crudeli di altri miei compagni di scuola.
Appena fu di spalle, con le mani un pó tremanti, aprii lo zaino pronto a impugnare la mia 'arma' ma all'atto pratico non feci nulla.
Non so come spiegarmelo... forse la decisione  finale fu scaturita da una questione morale o forse fu l' angelo custode che mi fece 'ragionare' e desistere dal mio violento proposito.
Immaginai un esito disastroso, con il rischio elevato di una bella denuncia per percosse e addio carriera nell'esercito oltre ad una sospensione che mi avrebbe pregiudicato in maniera inesorabile l'anno scolastico.
Dopo la maturità, nonostante la scuola fosse finita come già detto da sei mesi, Gaetano sempre ancorato al suo vecchio retaggio non mancò sempre e comunque di insultarmi mettendomi in berlina durante i suoi passaggi in qualunque posto mi trovavo.
La mia città, non essendo grandissima, incontrarlo non era affatto difficile ed evitarlo non mi era sempre possibile.
Mi rodeva quel suo solito atteggiamento insolente, ma nel contempo essendo finita la scuola e trattandosi di episodi isolati, preferii non dannarmi più di tanto anche per via che presto sarei partito militare con la ferma di almeno di due anni.
Un episodio degno di nota ribaltó inaspettativamente la situazione a mio favore, un episodio che mi accingo per cui a raccontare attraverso queste righe.

6
8
18

Federico e la Sindone - 2/3

The day after war

20 September 2017

Inutile raccontare qui il percorso della Sindone, da tutti ritenuto il lenzuolo funebre di Cristo. Per alcuni secoli fu proprietà dei Savoia, i quali ne erano venuti in possesso con la dote di una delle mogli. Nel 1667 Guarino Guarini, il grande architetto, costruì la meravigliosa cappella dove [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: grassie a tutti quanti,
    Caro Scilyx, spulciando la storia di Augusta Taurinorum [...]

  • Roberta21: Sempre sorprendente 😊

8
10
22

Splatter’s story

stavolta splatto pure io

20 September 2017

La sta penetrando da dietro con rabbia, mi sale il sangue al cervello, c’è riuscito, sono arrivato tardi, ma non per poterti vendicare: «Sei morto, maledetto bastardo!» Nel momento in cui l’accetta entra nella sua faccia vedo gli occhi stupirsi dell’accaduto e la bocca che aveva riso fino a poco [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

6
4
12

Il paladino

20 September 2017

Nato per essere di sostegno a chi soffre per mancanza di mezzi e di strumenti, il paladino è sempre in continua ricerca della propria identità. Un tempo s'era comprata l'armatura per poter essere al pari degli altri suoi compagni di studio ed aveva orientato la sua vita nella difesa della legalità, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

9
10
26

Non ci resta che amare

19 September 2017

N'omo na donna, n'omo n'omo, na donna na donna, quarcuno dirà che mò lì tempi sò cambiati, cor progresso, la modernità, la curtura nova, li punti de vista se sò modificati ma pè disdetta er penziero comune è ancora storto.Eppure la vita da quanno è nato er monno è sempre stata la stessa, tutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Surya: Bellissimo e profondo.
    E sono d'accordissimo con te che l'amore [...]

  • Walter Fest: Ancora grazie di cuore a Rob21, Scritimperf, Surya.... mi state scoprendo poeta [...]

6
10
18

Federico e la Sindone - 1/3

the day after war

19 September 2017

Andrea si sporse oltre il parapetto per guardare verso il fondovalle, dove la luce argentea splendeva inquietante <<Ci deve pur essere un modo per liberarci di quella mostruosità>> disse. <<Non ho la più pallida idea di cosa fare. Non ne avevo mai sentito parlare prima, non ho [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
3
13

Super-emme

19 September 2017

Molleggiando le membra, come un mollusco del Mar di Marmara, mi meravigliai molto quando mi mostrarono le malefatte di un malmostoso mentecatto messicano amante della macarena, che aveva messo in cinta nel mese di maggio una ex monaca di nome Monica che abitava a Monza al numero mille, in un magazzino [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
7
30

Urlo

18 September 2017

Alan fissava la sveglia da circa un'ora. Erano le sei e cinquantacinque. L'ansia non smetteva di tormentarlo, e a niente servivano tutti gli ansiolitici che prendeva. Aveva un colloquio di lavoro giù al porto, nemmeno sapeva di cosa si trattasse. Era da sei mesi che non lavorava. Aveva tirato avanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Ti ho messo mi piace perché sei bravo ad esprimere emozioni non certo [...]

  • Puccia: Il mio commento sopra si riferisce al tuo racconto, crampi allo stomaco, che [...]

7
14
43

MR B 2

COME TI TROMBO ALLA GRANDE MA TU HAI LA TESTA DA UN ALTRA PARTE.

18 September 2017

Ci rivedemmo ancora, per sedute di buon sesso. Mi invitò al suo posto di lavoro dove cosumammo l'aplesso in orariodi chiusura, prima sulla scrivania del capo, poi in guardiola, e per ultimo ma non meno intenso sulla sedia girevole di una che gli stava sul cazzo. Inizio cosi una sana relazione sessuale. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Surya: Wow Bibbi! Sei una forza della natura... senti come avrai capito io sono [...]

  • Bibbi: Contaci!!!👍🏻😂💋

7
8
18

FINE ESTATE...

18 September 2017

Come sono belli questi giorni di settembre, sola con il mare, con il vento, con il sole, con la sabbia, con le parole silenziose di un libro, mentre in fondo, sulla striscia blu, all'orizzonte lontano, dolce come miele scivola lenta una vela...

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Bella e delicata questa poesia e bello il mare in autunno, loadoro!
    Brava [...]

  • Roberta21: Brava davvero

3
4
15

L'ultimo suono

17 September 2017

Thomas si era trovato nell'ennesima stanza di un alberghetto economico appena fuori dal centro di Amsterdam, ma non faceva molta differenza che fosse lì o nella prima periferia di qualche altra città del mondo dove il suo lavoro lo portava a trascorrere la sua vita in viaggio tra un aereo e l'altro. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

7
11
26

Sotto la pelle... tu

17 September 2017

Chiudo gli occhi e risento il tuo sapore. Mi manchi. Piccole fiamme di desiderio mi divorano lentamente. Ti penso Come un blocco di ghiaccio in un giorno torrido d'estate solo un tuo bacio potrebbe placare l'arsura che mi consuma. Ho voglia di te . Il ricordo dei tuoi gesti vive [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
3
15

Di sera, un geranio

17 September 2017

S'è liberato nel sonno, non sa come; forse come quando s'affonda nell'acqua, che si ha la sensazione che poi il corpo riverrà sú da sé, e sú invece riviene solamente la sensazione, ombra galleggiante del corpo rimasto giú. Dormiva, e non è piú nel suo corpo; non può dire che si sia svegliato; [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Yoda: Lo svolgimento, a tratti, ha un ritmo un po' antico ma il finale è [...]

  • Puccia: Stupendo!

Torna su