Alice lasciò la casa del suo ‘principe oscuro’ nel marzo dell'anno successivo, costretta a tornare dai suoi genitori, perchè se non fosse tornata da loro lui non avrebbe firmato il trasferimento di residenza del bambino.

E lì l'inferno aprì un nuovo girone per Alice.

Tornare da donna e madre in una casa dove era stata figlia fu per Alice un ennesimo massacro emotivo.

Fino a sentirsi dire da suo padre che non si meritava suo figlio.

Il coltello che già apriva il cuore fu spinto in fondo.

A quel punto Alice aveva due possibilità.

Morire, dentro.

O tirare fuori quel maledetto coltello e cominciare a lottare per sè e per il suo bambino.

E così fece.

Alice buttò ansiolitici e antidepressivi nel cesso e si riprese la sua vita.

Il quarto trasloco in quattro anni, finalmente soli lei e il suo cucciolo.

Alice ricominciò a vivere, lentamente, dolorosamente, faticosamente, ma visse, un passo dopo l’altro, un giorno dopo l’altro, un mese dopo l’altro, un anno dopo l’altro.

La solitudine, da mostro feroce, divenne una meravigliosa occasione di crescita, perché imparò che si nasce da soli, si vive in fondo da soli, ognuno chiuso nella propria personale ed ermetica visione del mondo e della vita, ognuno solo nella sua isola.

Si sceglie da soli, si sbaglia da soli.

Ma prima che il fondo del baratro diventi una seduta troppo confortevole e si decida di smettere di lottare, bisogna ritirarsi in piedi e salvarsi.

E lo si fa da soli, come atto estremo di volontà, come ultimo anelito di voglia di sopravvivere prima, di vivere poi, non appena i polmoni saranno tornati a riempirsi dell’aria nuova della rinascita.

Alice aveva amici e sorrisi vicini, mani e parole pronte a sostenerla non appena fosse scivolata di nuovo nell’abisso.

E imparò a vivere di nuovo e a riconoscere la felicità nella risata di suo figlio, in una passeggiata in estate, nel caffè che borbotta dentro la macchina del caffè un attimo prima di condividerlo con le persone che le sono rimaste accanto nella sua discesa e nella sua risalita, o che le sono arrivate vicine, strada facendo, dai loro rispettivi altrove, riconoscendo in lei il loro stesso sguardo ferito, ma fiero, stanco forse da tante battaglie, ma vivo.

1
1
6

Se solo tu tornassi

28 July 2017

Mi sarei immaginato un grande parco, un grande albero di fiori glicine e bianchi... Sai, quei fiori che scendono verso il basso scintillando di brina... Delle semplici panche color bianco, odore di erba umida e una marea di gente in confusione per trovare il proprio posto, la propria panca... [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
3

La trottola di Sasà

28 July 2017

Uno dei regali, che ancora Sasà conserva con nostalgica gioia è una vecchia trottola meccanica. Ammaccando più volte l'impugnatura di plastica, il trabiccolo prendeva velocità ed una vecchia automobilina, in essa racchiusa, percorreva le strade del mondo fra quattro vari paesaggi. Che bella quella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
4

Fermata prenotata

28 July 2017

No, vabbè: mi arrendo. La mia amica Laura è una che in genere non spara balle e che difficilmente litiga con la gente, quindi sentite che roba e rendetevi conto. Sera autunnale romana classica, con pioggerellina, umidità e rodimenti di culo in ordine sparso. Laura se ne sta a Viale Ostiense, in [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • flavia: Bella e simpatica, lo ha mandato con eleganza. Brava Giulia

0
0
6

Maledetto Godot!

27 July 2017

Ho aspettato Godot per due ore al metrò, con su un vecchio palto' preso a nolo a Bordeaux Dopo un ora, però, sono andato a un bistrot; due tartine, un Pernod Camembert , Veuve Cliquot ! Mi son visto uno spot con madame la Bardot che vestiva in guepiere sulla rue de Saint Pierre. Son partito al [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
14
24

Eppur non so

27 July 2017

È sabato sera, ho appena finito di cantare a Molfetta dove mi hanno premiato come uno degli artisti più attuali al momento. Dovrei essere felice invece ho perso anche la voglia di cantare. Sono a casa a mangiare qualcosina visto che sono tre giorni che non tocco cibo. Sento come se anche lo stomaco [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
15
22

Vuoi leggere con me?

Shylock

27 July 2017

Devo portare la mia Lola al parco dove si diverte a correre, ma sono stanca e non ho voglia di correrle dietro. Porto con me il mio amico William (Sachespeare, come diceva il mio papà). Il libro è una raccolta di monologhi famosi in cui si sono cimentati i più grandi attori di teatro e cinema. [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giufo: E aggiungo, nella realta mi sembra molto poco probabile che un adolescente [...]

  • flavia: i libri sulla panchina devono essere quelli che vi interessano meno. A volte [...]

5
4
22

Tipi da spiaggia

Piccole storie tristi (vere)

26 July 2017

CAPITOLO 1 (LO SFIGATO): impiega tre quarti d'ora per piantare l'ombrellone. Dopo cinque minuti l'ombrellone cade. Non c'era vento. CAPITOLO 2 (ASPIRANTI OMICIDI): bagnino salva bambino sui dodici anni tedesco che non riusciva a tornare a riva con la sua tavola da surf; i genitori litigano con [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Osservazioni odierne, che mondo! Preferisco il mondo scomparso che tanto bene [...]

4
8
30

Non sò che scrivere

...Qualche volta

26 July 2017

Non so che scrivere, suona un po’ strano vero? Che sia a causa del caldo, dei pensieri galoppanti nella mia mente, dei troppi ricordi confusi, troppo di tutto e allora la testa fa un po’ tilt. E poi io, che ostinatamente ancora scrivo a mano, prendo una penna, un foglio di carta e vai. Sapete che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
12

Gertrude

26 July 2017

La penombra mi consola e nella stanza c'è profumo di pace. È il mio mondo, la mia vita, il mio essere qui con una vecchia scatola appoggiata sulle ginocchia. Quante cianfrusaglie, lettere ricevute o mai spedite, i nastri che portavo tra i capelli quando ero bambina, il diario chiuso con un piccolo [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Bibbi: Bellissimo con finale che non ti aspetti e riflessioni perfette.

  • Puccia: Non hai tralasciato proprio nulla, bel racconto!

1
0
9

Assoreta!

25 July 2017

In assenza di un'essenza d'assenzio, mi assopii sopra un assolato assito ad Assisi, assaporando un'assiette con un vasto assortimento di Asiago, asparagi, astici di Asuncion e animelle all'asolana. Poi, con l'assistenza di un assessore di Asolo, assolutamente assuefatto alle assenze, mi assentai [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
7
21

...Pensiero fisso...

25 July 2017

Caro blog... Inizio a pensare che tutto quello che è stato non sia stato poi vero... Inizio a pensare che le sue parole erano dette per un dolore di circostanza ma esasperate da ciò... Come può aver insistito così tanto e ora non sono nessuno? Così tanta indifferenza... Io invece sento di marciare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
3
12

Tennis V.M. 18

25 July 2017

Mattina di metà settembre: è il primo giorno di scuola e questo - come ogni provetto viaggiatore dovrebbe sapere - comporterà sicuramente degli imprevisti al mio viaggio di andata verso il lavoro. Sicuro, a palla; è solo questione di minuti prima che un fattaccio si verifichi davanti ai miei occhi. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

Torna su