“Si che si può recuperare, dopo lo faccio!” mi rispose mio padre, mentre era impegnato ad accendere il fuoco del cammino per cucinare. Poi aggiunse: “Smetti di piangere e vai  a fare i compiti di scuola per domani. Quando sarà pronta la cena troverai Palombito aggiustato, ma la prossima volta che un piccione ti fa arrabbiare limitati a sgridarlo”.

All’ora di cena chiesi subito dov’era il mio piccione e se fosse riuscito ad aggiustarlo. Papà mi rispose che ce l’aveva fatta, ma Palombito,  arrabbiato e impaurito  era scappato per evitare che io potessi  fargli nuovamente del male.

Poi mi rassicurò dicendo: “ Vedrai che quando gli passerà lo spavento tornerà, intanto addestrane un altro in attesa del suo ritorno”.

Casualmente diedi un’occhiata al cammino, c’erano tre piccioni che cuocevano, allora non ci feci caso ma, se avessi guardato bene, probabilmente, avrei notato che ad uno dei tre mancava la testa.

La storia che papà avesse aggiustato il piccione riattaccandogli la testa non mi convinceva completamente, ma decisi di crederci per evitare di scoprire verità ancor più dolorose. 

Da quel giorno diventai più tollerante con i miei piccioni, quando mi lasciavano “regalini” continuavo ad arrabbiarmi molto, ma mi limitavo a sgridarli.

Un giorno Palombita, il piccione femmina, ormai anziana, non riuscì a completare il viaggio di ritorno a casa e mia mamma quando mi vide arrivare, senza averla avvisata, mi chiese spiegazioni.  Ipotizzammo che la causa fosse un falco che aveva approfittato della lentezza della mia “postina”, riconoscendola  una facile preda, oppure che avesse avuto un problema ad un’ala che l’aveva fatta precipitare.                        

Decidemmo con papà di non lasciarli in volo durante la “vecchiaia”, ma di sostituirli prima.

Palombita II prese il posto della prima. Continuai cosi finché un giorno, parecchi anni dopo, tornato a casa non vidi i piccioni volarmi incontro come al solito, ma ebbi la terribile sorpresa di trovarli sullo spiedo nel camino. Arrabbiatissimo cercai mio padre e subito gli chiesi spiegazioni. Lui rispose tranquillamente: “ Non hanno superato la revisione e poiché devono volare sopra il paese, non hanno più le garanzie di sicurezza necessarie;  sarebbero potuti cadere addosso a qualcuno, creando danni.” E mentre diceva questo sembrava più interessato alla cottura dei miei fedeli collaboratori, che alla mia preoccupazione. 

Allora gridai con tutto il fiato che avevo: ”No papà Fermati! Non mettere tutto quel sale, altrimenti, dopo, riesci a mangiarli solo tu!”.

………..

Molti anni dopo mi trovavo a Milano, e mentre aspettavo alla fermata del tram, sentii un leggero urto sulla spalla sinistra, guardai e vidi la “patacca” di un piccione. Questo mi riportò alla mente la mia infanzia e gli scherzacci che Palombito mi faceva.

Presi seriamente in considerazione l’ipotesi che fosse lui, che per caso si trovava li e, vedendomi da lontano, mi avesse mandato un segnale inequivocabile della sua presenza. Da quando l’avevo visto l’ultima volta erano passati ormai dieci anni,  Palombito poteva essere ancora vivo, oppure poteva essere stato il figlio a cui aveva raccontato di me e degli scherzi che mi faceva in gioventù. Se quel piccione fosse stato veramente lui, sarebbe stato un incontro meraviglioso. Lo cercai in cielo ma non lo vidi, allora corsi a comprare del mais, dato che era il suo cibo preferito e lo tenni in mano con la speranza di vederlo arrivare.

Purtroppo però si avvicinarono solo alcuni passerotti che, dopo qualche iniziale diffidenza, ne approfittarono per mangiare, ma del mio vecchio amico neanche l’ombra. Aspettai ancora, non volendomi rassegnare, parecchie ore e a notte inoltrata sconsolato mi resi conto che la mia era solo fantasia e, deluso, mi incamminai verso casa.

1
1
6

Se solo tu tornassi

28 July 2017

Mi sarei immaginato un grande parco, un grande albero di fiori glicine e bianchi... Sai, quei fiori che scendono verso il basso scintillando di brina... Delle semplici panche color bianco, odore di erba umida e una marea di gente in confusione per trovare il proprio posto, la propria panca... [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
3

La trottola di Sasà

28 July 2017

Uno dei regali, che ancora Sasà conserva con nostalgica gioia è una vecchia trottola meccanica. Ammaccando più volte l'impugnatura di plastica, il trabiccolo prendeva velocità ed una vecchia automobilina, in essa racchiusa, percorreva le strade del mondo fra quattro vari paesaggi. Che bella quella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
4

Fermata prenotata

28 July 2017

No, vabbè: mi arrendo. La mia amica Laura è una che in genere non spara balle e che difficilmente litiga con la gente, quindi sentite che roba e rendetevi conto. Sera autunnale romana classica, con pioggerellina, umidità e rodimenti di culo in ordine sparso. Laura se ne sta a Viale Ostiense, in [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • flavia: Bella e simpatica, lo ha mandato con eleganza. Brava Giulia

0
0
6

Maledetto Godot!

27 July 2017

Ho aspettato Godot per due ore al metrò, con su un vecchio palto' preso a nolo a Bordeaux Dopo un ora, però, sono andato a un bistrot; due tartine, un Pernod Camembert , Veuve Cliquot ! Mi son visto uno spot con madame la Bardot che vestiva in guepiere sulla rue de Saint Pierre. Son partito al [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
14
24

Eppur non so

27 July 2017

È sabato sera, ho appena finito di cantare a Molfetta dove mi hanno premiato come uno degli artisti più attuali al momento. Dovrei essere felice invece ho perso anche la voglia di cantare. Sono a casa a mangiare qualcosina visto che sono tre giorni che non tocco cibo. Sento come se anche lo stomaco [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
15
22

Vuoi leggere con me?

Shylock

27 July 2017

Devo portare la mia Lola al parco dove si diverte a correre, ma sono stanca e non ho voglia di correrle dietro. Porto con me il mio amico William (Sachespeare, come diceva il mio papà). Il libro è una raccolta di monologhi famosi in cui si sono cimentati i più grandi attori di teatro e cinema. [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giufo: E aggiungo, nella realta mi sembra molto poco probabile che un adolescente [...]

  • flavia: i libri sulla panchina devono essere quelli che vi interessano meno. A volte [...]

5
4
22

Tipi da spiaggia

Piccole storie tristi (vere)

26 July 2017

CAPITOLO 1 (LO SFIGATO): impiega tre quarti d'ora per piantare l'ombrellone. Dopo cinque minuti l'ombrellone cade. Non c'era vento. CAPITOLO 2 (ASPIRANTI OMICIDI): bagnino salva bambino sui dodici anni tedesco che non riusciva a tornare a riva con la sua tavola da surf; i genitori litigano con [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Osservazioni odierne, che mondo! Preferisco il mondo scomparso che tanto bene [...]

4
8
30

Non sò che scrivere

...Qualche volta

26 July 2017

Non so che scrivere, suona un po’ strano vero? Che sia a causa del caldo, dei pensieri galoppanti nella mia mente, dei troppi ricordi confusi, troppo di tutto e allora la testa fa un po’ tilt. E poi io, che ostinatamente ancora scrivo a mano, prendo una penna, un foglio di carta e vai. Sapete che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
12

Gertrude

26 July 2017

La penombra mi consola e nella stanza c'è profumo di pace. È il mio mondo, la mia vita, il mio essere qui con una vecchia scatola appoggiata sulle ginocchia. Quante cianfrusaglie, lettere ricevute o mai spedite, i nastri che portavo tra i capelli quando ero bambina, il diario chiuso con un piccolo [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Bibbi: Bellissimo con finale che non ti aspetti e riflessioni perfette.

  • Puccia: Non hai tralasciato proprio nulla, bel racconto!

1
0
9

Assoreta!

25 July 2017

In assenza di un'essenza d'assenzio, mi assopii sopra un assolato assito ad Assisi, assaporando un'assiette con un vasto assortimento di Asiago, asparagi, astici di Asuncion e animelle all'asolana. Poi, con l'assistenza di un assessore di Asolo, assolutamente assuefatto alle assenze, mi assentai [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
7
21

...Pensiero fisso...

25 July 2017

Caro blog... Inizio a pensare che tutto quello che è stato non sia stato poi vero... Inizio a pensare che le sue parole erano dette per un dolore di circostanza ma esasperate da ciò... Come può aver insistito così tanto e ora non sono nessuno? Così tanta indifferenza... Io invece sento di marciare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
3
12

Tennis V.M. 18

25 July 2017

Mattina di metà settembre: è il primo giorno di scuola e questo - come ogni provetto viaggiatore dovrebbe sapere - comporterà sicuramente degli imprevisti al mio viaggio di andata verso il lavoro. Sicuro, a palla; è solo questione di minuti prima che un fattaccio si verifichi davanti ai miei occhi. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

Torna su